Solipsismo

Rispondo a Land. Grazie per la "Tisbuccia", ogni tanto fa piacere sentirsi vezzeggiate. In questi giorni (ma mi è capitato altre volte nella vita) sto sperimentando ciò che Gadamer ha definito "indigenza linguistica". Non ci sono parole in grado di esprimere il tumulto di sentimenti e di sensazioni che coinvolgono il mio essere. Non riesco a dirlo a me stessa e non riesco a comunicare con gli altri. A volte credo che abbia avuto ragione Leibniz quando parlava di monadi senza porte e finestre: ognuno di noi è rinchiuso nel proprio mondo, incapace di esprimere se stesso all’esterno. Più ci penso e più credo che la vita è un solipsismo esasperato, anche se questa ipotesi mi spaventa e mi getta in una solitudine senza ritorno. Forse ho sbagliato a studiare, se avessi mantenuto la semplicità di una mente primitiva non soffrirei così tanto di fronte ad una realtà che mi piace sempre meno e che non trovo la forza di cambiare, perchè sono solo un essere umano…e sono un essere umano solo.

2 commenti su “Solipsismo

  1. Landofnowhere

    cara solipsista.. io ti leggo e capisco, addirittura a volte mi rispecchio…. quindi perché saresti sola?
    siamo sì sempre soli in un certo qual modo… ma c'è pur sempre qualcun altro che rompe le scatole, ad un altro livello…
    siamo condannati tutti a farci compagni nella solitudine…

    Mi fa piacere che "tisbuccia" non ti abbia portato fastidio…..
    un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *