Nulla da salvare

L’avevo dimenticato. Poi nel corso della giornata mi è tornato in mente. L’altra notte ho fatto un sogno terribile. Ho sognato il terremoto, ed anche di una violenza inaudita. Non ricordo i dettagli, ma ricordo con chiarezza la mia sensazione di angoscia profonda, la mia ricerca di D. che era sparita…non l’ho trovata…poi mi sono svegliata. Non so cosa stia ad indicare questo sogno. Non so se sia preveggente, ma spero di no, perché l’Irpinia di tutto ha bisogno tranne che di un nuovo disastro. Anzi, mi correggo, dovrebbe essere un disastro selettivo: far fuori i vecchi dinosauri della politica e del giornalismo, che rendono, in questa terra, uno stato di degrado e di persistente immobilismo. Risultato: fuga dei giovani e vita impossibile per chi resta convinto di poter cambiare lo status quo. Un pò è come combattere contro i Mulini A Vento. Tornando al sogno, potrebbe essere che la mia vita (sia esteriore, sia psichica) subisca uno sconvolgimento totale, la qual cosa non mi dispiacerebbe affatto: non ho nulla da salvare, tranne la mia cultura acquisita con anni di sacrifici e studio ai limiti del possibile (considerando le precarie condizioni economiche di provenienza). Spero che il cambiamento mi porti a "volermi più bene".

4 commenti su “Nulla da salvare

  1. utente anonimo

    Ho appena visitato il tuo sito… beh, per essere tu un’autodidatta e per averlo realizzato in pochissimo tempo, sei stata brava… i web master o i web designer ci mettono una vita a costruire un sito… (Sai a chi mi riferisco!!!Haaa!!!). Un bacio e a presto. Crmen

  2. campiworld

    bel blog, e soprattuto profondo, ce ne sono parecchi che nn meritano di essere visitati. anch’io ho iniziato da solo e come te ho un mucchio di cose da raccontare. vienimi a trovare! ciao

  3. Landofnowhere

    beh… ogni rivoluzione comincia dal rivoluzionare se stessi, no?
    per quel po' che ti conosco.. credo che tu abbia motivo di volerti bene…(ma non vado oltre, ceh non sono in vena di sviolinate….). Per ora sono sotto stress per la tesi.. perdonami se non mi faccio molto vivo.
    bye

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *