Credo

…Credo nelle rovesciate di Bonimba e nei ritmi di Kait Richard.
Credo al doppio suono del campanello del padrone di casa
che vuole l’affitto ogni primo del mese.
Credo che ognuno di noi si meriterebbe un padre e una madre
che siano decenti con lui almeno finché non si sta in piedi.
Credo che un Inter come quella di Corso Mazzola e Suarez
non ci sarà mai più,
ma non è detto che non ce ne saranno belle in maniera diversa.
Credo che non sia tutto qua.
Però prima di credere in qualcos’altro bisogna fare i conti con quello che c’è qua,
e allora mi sa che crederò prima o poi in qualche Dio.
Credo che se mai avrò una famiglia sarà difficile tirare avanti con trecentomila al mese,
però credo anche che se non leccherò culi come fa il mio capo reparto
difficilmente cambieranno le cose.
Credo che c’è un buco grosso dentro,
ma che il rock’and roll… , … qualche amichetta…,
…il calcio, … qualche soddisfazione sul lavoro, le stronzate con gli amici
beh… ogni tanto questo buco me lo riempiono.
Credo che la voglia di scappare da un paesino con ventimila abitanti,
vuol dire che hai voglia di scappare da te stesso…
…e credo che da te stesso non ci scappi neanche se sei Eddy Mercks.
Credo che non è giusto giudicare la vita degl’altri,
perché comunque non puoi sapere proprio un cazzo
della vita degl’altri…

tratto dal film "Radiofreccia"

2 commenti su “Credo

  1. utente anonimo

    Ciao bella Tisbe,

    molto bello quel film ed anche la citazione , intensa, forte.

    ma lo hai notato che in questo film c'è anche il mio idolo!!!???????

    ciao

    filemazio

  2. utente anonimo

    Ola!!! Grazie x l'invito al mare di domani… ma ho le terapie x la schiena, lo sai! Spero che tu stia bene (sai a cosa – o meglio chi – mi riferisco)! Un saluto caldo caldo… con queste temperature e… a presto! Buon giornata al sole! Baci.
    Carmen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *