Omologazione al modello americano

Si è acceso un dibattito sul blog il Castello, provo a rispondere dal mio, perché voglio rendere partecipi le persone che mi conoscono.

La mia risposta  A freedomland. 1)La guerra ai curdi la fa anche la Turchia , peccato che è un alleato…non è necessario usare i curdi per poter fare i propri porci comodi!2) Io nn sono in Iraq non lo so se si sta meglio, e non lo sapete neanche voi, ma a giudicare dalle foto spedite dai marines americani direi che non si sta proprio bene. 3) Se catto-fascisti è una cazzata, allora lo è pure cattocomunisti! 4) La tua religione (se è la cattolica) ha fatto i conti solo con la secolarizzazione alla quale non ha potuto sottrarsi. 5) La scuse ci sono state, solo che alcune orecchie non vogliono sentirle. Ciò che è diverso va eliminato, no?

A Bebe. Posto che da sempre non credo nella democrazia… tanto meno nel suo import/esport. E non credo, come ho avuto modo tante volte di esprimere, nella democrazia in quanto credo che si tratti di una dittatura della maggioranza, nella quale chi non è d’accordo con il governo deve subirne lo stesso gli effetti. Certo, al momento alternative credibili non ce ne sono. Dovremmo essere tutti consapevoli e capaci di autoregolamentarci, ma sappiamo bene che il mondo degli uomini ha bisogno di regole, e a volte bisogna anche combattere per far rispettare i diritti inalienabili che ogni individuo conquista con l’atto stesso della nascita. Ti chiedo Bebe, dopo quello che hai posto, che differenza c’è tra te e il catino infernale? Tu vuoi eliminare ciò che è DIVERSO da te, esattamente come fanno loro. Dov’è la differenza? Tu forse ti senti superiore? E in base a quale principio? Sei forse dio? Sei forse il portatore della verità assoluta? Perché loro dovrebbero scomparire e tu no? E l’america no? In base a quale principio? L’unico principio che tu predichi e che si evince dal tuo modo di esprimerti è quello della FORZA. L’america ha il diritto di esistere (ed anche tu) perché è più forte, e non perché sia portatrice di una cultura superiore. Non esiste una cultura superiore, esiste solo una cultura DIVERSA. Il tuo metro di misura è il tuo, ed è socialmente, e storicamente condizionato. Se tu fossi nato nelle terre dell’Islam saresti il più fanatico sostenitore della tua cultura, come sei fanatico adesso della TUA cultura, nella quale volente o nolente sei stato gettato dal fato. I fondamentalisti islamici sanno che gli Usa sono più forti, ecco perché ricorrono al terrorismo, è la loro estrema e disperata difesa della propria cultura contro l’omologazione forzata al modello americano. Io non sono antiamericana per partito preso, ma non credo che il loro modello di vita sia il migliore e non credo che la loro cultura sia la migliore. Non voglio aderire a questa follia dell’omologazione a tutti i costi. Ed un’altra cosa. E’ molto più pericoloso l’integralismo americano di quello islamico. L’Islam dice ciò che è, non è ipocrita. Il controllo americano degli individui è molto più subdolo perché fa credere di vivere nella libertà. Niente di più falso, è una libertà fasulla a cui solo gli sciocchi possono credere. Che libertà è quella di possedere delle cose? L’ UNICA VERA LIBERTà è DI POSSEDERE SE STESSI. Io posso scrivere ciò che penso… perché mi è permesso? Sono libera allora? No, non sono libera… mi viene permesso di esprimermi perché il mio pensiero è depotenziato, non può scardinare il sistema… sarò lasciata libera di esprimermi fino a quando non diventerò pericolosa… e io so qual è il confine… 

 

 

8 commenti su “Omologazione al modello americano

  1. utente anonimo

    innanzitutto:bel blog,complimenti!

    cattofascisti è una cazzata non perchè non possano esserci dei fascisti cattolici o viceversa ma perchè non c'entra con il discorso sull'iraq,così come non c'entrano i cattocomunisti.

    Ciò che io ti volevo dire è che possiamo avere idee anche opposte ma credo converremo sul fatto che è meglio che quel regime non ci sia più.
    E purtroppo è servita una guerra,così come servì una guerra per liberare l'italia, così come servì una guerra per liberare l'afghanistan dai talebani filo-al qaeda.

    Purtroppo,e ribadisco purtroppo, la guerra in moltissime occasioni è l'unica soluzioni. Sopratutto se organismi deputati alla mediazione come l'onu si dimostrano interlocutori deboli per i dittatori.
    ciao

    p.s: sui curdi-turchi concordo. ci vorrebbe un pò di decisionismo anche verso Erdogan.

  2. utente anonimo

    Coloro i quali sostengono che:
    "..E purtroppo è servita una guerra,così come servì una guerra per liberare l'italia…"
    sono gli stessi (quantomeno, portatori delle stesse idee) che furono neutralizzati perchè nazisti, fascisti e ammazzapopolo.
    Non è forse paradossale assumersi oggi il ruolo di benefattori dell'umanità ed esportatori di "democrazia" quando la pratica implica assolutismo e razzismo?

    L'autore del blog citato, nonchè tutti i suoi sostenitori, sono persone pericolose per la società a cui stiamo più a stretto contatto e all'umanità intera.
    Sono pericolosi non per il loro Q.I. (assolutamente assente), ormai "geneticamente modificato", ma perchè creano presupposti di servilismo nei più sprovveduti culturalmente.
    Si vantasse pure di essere "anticomunista" (bell'esempio di pluralismo democratico) e antimussulmano…
    Io sono comunista e lui mi dà la ragione perchè io possa difendere le mie idee.
    Devo salvaguardare la mia persona e la mia soggettività.
    Il resto è deducibile.

  3. Tisbe

    Si passa alle offese gratuite. e dove avrei detto che sono comunista? Cmq sono gli assassini che dovrebbero vergognarsi, ed anche chi viaggia in anonimo in internet

  4. utente anonimo

    non so chi sia l'anonimo che mi ha datodel fascista,nazista e ammnazzapopolo.

    tisbe, mi spiace. non ho voglia di infangarti il blog con litigi da osteria però certa gente (compreso l'anonimo dopo) dovrebbe vergognarsi.
    Come vedi nel mio commento non credo di aver usato toni provocatori o altro, ho portato la mia opinione civilmente. ma con alcune persone usare l'educazione è una colpa.

    ciao

  5. Monsoreau

    Ciao Tisbe.
    Una visita doverosa, ma credo ci sia poco da dire, solo un paio di precisazioni.
    Il Castello è un blog espressione di più persone che, per parlare il corrente linguaggio politico Italiano, vanno dalla Destra Sociale ai radicali assennati (anche se non mi risulta ci siano udicini tra noi 🙂
    Nel mio personale linguaggio, rappresentiamo tutte le Destre: Cattolica, Sociale, Federalista, Liberale, Nazionalista, Atlantica.
    Tu non credi alla democrazia.
    Magari potrebbe essere un tema da sviluppare.
    Io credo nella democrazia, non come totem immodificabile, ma come costante ricerca di un sistema di governo che rappresenti al meglio la sintesi tra decisioni condivise e capacità di operare.
    Per ilmomento, però, sto con Churchill che definì la democrazia il peggior sistema di governo, ad eccezione di tutti gli altri conosciuti….

    Sull'Iraq … basta andare sul Castello e la mia posizione è più che chiara 🙂
    Buona serata.

  6. Tisbe

    Monsoreau Grazie del tono pacato e grazie per aver risposto. Cmq io credo che in guerra come in amore non ci siano vincitori: si perde sempre. Inoltre trovo poco piacevole che si auguri a Joan Baez (solo perché pacifista) che qualcuno le sputi addosso. Solo questo

  7. utente anonimo

    Per "freedomland": non intendevo essere "anonimo", questo inconveniente è dovuto al fatto che in precedenza, in questo blog, la mia "identità" usciva in automatico…comunque eccomi e mi assumo la responsabilità di quanto scritto.
    Nel tuo/vostro blog domina il tuo/vostro razzismo e l'anticomunismo.
    Come lo configuri con tutto ciò che hai scritto in seguito?
    Certo il discorso merita articolazioni e lunghe discussioni approfondite, ma porre barriere alle espressioni ed ipotesi politiche diverse dalle tue/vostre significa essere dogmatici ed assolutisti.
    Quale potrebbe essere la conseguenza confronto o scontro?
    Intendo rispettare l'ospitalità che mi viene concessa da questo blog…
    Sefossistato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *