SONDAGGI, il vero e il falso

Il risultato elettorale in Germania, pare abbia dato un paio di lezioni/indicazioni sull’andamento della politica europea. La prima lezione riguarda il mito dell’infallibilità del modello elettorale tedesco. Questa tornata elettorale ha fatto crollare il suddetto mito, trascinando la Germania nel caos. La seconda lezione riguarda, invece, la presunta inattendibilità dei sondaggi. Soprattutto i giornalisti di mediaset hanno puntato l’indice su questo aspetto, tralasciando di analizzare bene la situazione concreta ed effettiva che ha vissuto il popolo tedesco durante la campagna elettorale. Posso dimostrare come, in realtà, i sondaggi siano stati sempre all’altezza del loro compito. E questo senza ricorrere a nessun mediatore del giornalismo. La mia fonte proviene dalla Germania, si tratta di mia cognata che è una tedesca doc, e conosce la verità dei fatti. In realtà, Schröder era dato per spacciato dai sondaggi risalenti al lontano mese di maggio. Successivamente, il leader dell’Spd ha lavorato cercando di conquistare l’alta fetta di elettorato indeciso, pari al 20%. Schröder giocando sul suo indiscusso carisma ha trascinato l’avversaria, Angela Merkel, in uno scontro diretto. Il popolo tedesco ha potuto valutare le due personalità politiche. Dall’incontro vis-à-vis la Merkel è uscita visibilmente sconfitta: la sua freddezza non è piaciuta ai tedeschi. In questa occasione Schröder ha tirato fuori la sua capacità di relazionarsi al pubblico, di saper entrare nel cuore del suo popolo. La quasi coalizione Cdu/Csu +Fdp è scesa in caduta libera, crollando al di sotto del 40%, dal 48/50% dei consensi espressi dal popolo germanico solo qualche mese prima. Questa è la verità dei fatti: in realtà la rimonta del cancelliere in carica era prevedibile, grazie proprio ai sondaggi che davano il consenso del suo partito in continua ascesa.

8 commenti su “

  1. Landofnowhere

    a me fa piacere il risultato dei dissidenti a sinistra….
    sono loro i veri vincitori… hanno mostrato che se i socialdemocratici vorranno vincere la prossima volta, dovranno inseguire consensi anche a sinistra.. non solo, come si fa di solito, a centro…..
    e bravi sti tedeschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *