Oggi è partita una mia carissima amica. L’evento mi ha messo un pò di tristezza, perciò ho deciso di togliere la "Tristezza" di Lady Oscar. Non avrei smesso di piangere. Lei va via per lavoro. Il destino e la maledizione di queste terre: andremo via tutti perché qui non c’è futuro e non c’è speranza, se non per i soliti raccomandati figli di un dio maggiore. Maledetta Irpinia, terra avara di tutto ma non di braccia da lavoro e di menti da mandare in diaspora per tutto il resto del mondo. Chi non ha patito lo sradicamento degli affetti in prima persona non può capire; non potrà mai essere indulgente con qui poveri disperati che assaltano le nostre coste alla ricerca di una possibilità di sopravvivenza. Chi non conosce il dolore non può comprenderlo.

3 commenti su “

  1. utente anonimo

    Dolce Tina, grazie per il bel post… colei che stamattina all'alba è partita con due trolley (ex valigie di cartone) stracolmi di maglioni e tanta tristezza, oltre ad essere una tua carissima amica, è mia sorella… che altro aggiungere? Dopo anni di sacrifici per la mia famiglia – da dieci siamo orfane di padre e "campiamo" con una pensione di reversibilità – lei, laureata, è costretta a separarsi dai pochi affetti che le sono rimasti qui… Insegnerà in una scuola elementare: la sua vocazione… un sogno che si realizza lontano dal letto in cui lo ha sognato. Aveva cercato e trovato lavoro (???)ad AV… in nero e con una retribuzione mensile pari a 300 euro.
    Hai ragione, Tina: andremo tutti via da questa terra.
    Il nostro biglietto di treno è già prenotato.
    Ti abbraccio.
    Carmen

  2. Tisbe

    Già, Carmen è a questo che dovrebbero pensare i nostri politicanti invece di farsi la guerra tra dx e sx, oramai che dell'ideologia non è rimasto altro che cenere dovremmo trovare conforto nella concretezza. Non dovrebbero lasciare che queste terre muoiano, perché ad andare sono sempre i "migliori", i "giusti" quelli che non abbassano le mutande di fronte al potente di turno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *