Riflessione sulla pena di morte, la storia di Sacco e Vanzetti

Nicola Sacco (18911927) e Bartolomeo Vanzetti (18881927) furono due anarchici italiani che vennero arrestati, processati e giustiziati negli Stati Uniti negli anni '20, con l'accusa di omicidio di un contabile e di una guardia di una fabbrica di scarpe. Sulla loro colpevolezza vi furono molti dubbi già all'epoca del loro processo; vennero successivamente assolti dopo che un altro uomo ammise, nel 1925, la responsabilità di quei crimini. Sacco, di origine pugliese, di professione faceva il ciabattino mentre Vanzetti – che gli amici chiamavano Tumlin, ed era originario di Villafalletto, Cuneo – gestiva una rivendita di pesci. Furono giustiziati sulla sedia elettrica a Dedham, Massachusetts, il 23 agosto 1927.

Alla base del verdetto di condanna – a parere di molti – vi furono da parte di polizia, procuratori distrettuali, giudice e giuria pregiudizi e una forte volontà di perseguire una politica del terrore suggerita dal ministro della giustizia Palmer e culminata nella vicenda delle deportazioni.

Sotto questo aspetto, Sacco e Vanzetti venivano considerati due "agnelli sacrificali" utili per testare la nuova linea di condotta contro gli avversari del governo. Erano infatti immigrati italiani con una comprensione imperfetta della lingua inglese (migliore in Vanzetti, che terrà un famoso discorso, in occasione della lettura del verdetto di condanna a morte); erano inoltre note le loro idee politiche radicali. Il giudice Webster Thayer li definì senza mezze parole due anarchici bastardi. Si trattava di un periodo della storia americana caratterizzato da una intensa paura dei comunisti, la paura rossa del 19171920. Né Sacco né Vanzetti avevano avuto precedenti con la giustizia, ne si consideravano comunisti, ma erano conosciuti dalle autorità locali come militanti radicali che erano stati coinvolti in scioperi, agitazioni politiche e propaganda contro la guerra.

Sacco e Vanzetti si ritenevano vittime del pregiudizio sociale e politico. Vanzetti, in particolare, ebbe a dire rivolgendosi per l'ultima volta al giudice Thayer:

Io non augurerei a un cane o a un serpente, alla più bassa e disgraziata creatura della terra — Io non augurerei a nessuna di queste ciò che Io ho dovuto soffrire per cose di cui Io non sono colpevole. Ma la mia convinzione è che ho sofferto per cose di cui Io sono colpevole. Io sto soffrendo perché Io sono un radicale, e davvero Io sono un radicale; Io ho sofferto perché ero un Italiano, e davvero Io sono un Italiano …. – (Discorso di Vanzetti del 19 aprile 1927, a Dedham, Massachusetts)

Molti famosi intellettuali, compresi Dorothy Parker, Edna St. Vincent Millay, Bertrand Russell, John Dos Passos, Upton Sinclair, George Bernard Shaw e H. G. Wells, sostennero a favore di Nick e Bart (come venivano chiamati) una campagna per giungere ad un nuovo processo; l'iniziativa, tuttavia, non approdò ad alcun risultato. Il 23 agosto 1927, dopo sette anni di udienze, i due uomini vennero giustiziati sulla sedia elettrica e la loro esecuzione innescò rivolte popolari a Londra, Parigi e in diverse città della Germania.

Il 23 agosto 1977, esattamente 50 anni dopo, il governatore del Massachusetts Michael Dukakis emanò un proclama che assolveva i due uomini dal crimine, dicendo: "Io dichiaro che ogni stigma ed ogni onta vengano per sempre cancellati dai nomi di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti".

 

5 commenti su “Riflessione sulla pena di morte, la storia di Sacco e Vanzetti

  1. MindPrison

    MERCOLEDI', 19 OTTOBRE 2005
    Influenza aviaria e profitti alla Roche

    ~

    Ricordate la paura dell'antrace? E del vaiolo? E della SARS?

    L'influenza aviaria colpisce il mondo da molti anni.

    Le influenze aviarie sono fastidiose per l'agricoltura almeno dal 1878, quando il pollame italiano fu colpito da una malattia etichettata peste dei polli. http://www.sfgate.com/cgi-bin/article.cgi f=/c/a/2005/10/17/MNGRHF9FID1.DTL

    Ogni anno, da molti decenni, un numero relativamente piccolo di persone ha preso l'influenza aviaria dagli uccelli.

    Nel 1195 il Messico bloccò lo scoppio di una seria influenza H5N2. Nel 2002 l'Italia divenne il primo paese ad eliminare l'influenza aviaria utilizzando un vaccino marcatore ed esami regolari. http://www.newscientist.com/article.ns?id=dn4810
    Ogni anno 2.000.000 di persone muoiono di tubercolosi.

    Perché improvvisamente l'influenza aviaria riceve tanta pubblicità nei media?

    http://business.timesonline.co.uk/article/0,,9068-1833185,00.html

    Le assai diffuse paure di una pandemia di influenza aviaria ha aiutato a causare un improvviso aumento nelle vendite del gruppo farmaceutico svizzero Roche, che fabbrica il Tamiflu.

    La Roche, che è l'unico produttore mondiale di Tamiflu, questa mattina ha rivelato che le vendite del gruppo erano aumentate di più di 11.1 miliardi di sterline nel terzo quadrimestre dell'anno, spinte dalla "significativa crescita" delle vendite del farmaco.

    ~~

    Il governo britannico ha speso 32 milioni di sterline per comprare il vaccino del vaiolo da una ditta il cui capo è Paul Drayson.

    Paul Drayson aveva donato al Partito Laburista 50.000 sterline appena poche settimane prima che il contratto venisse concluso.

  2. carlo2222

    ho visto il film parecchio tempo fa. Non furono nemmeno gli unici anarchici giustiziati, comunque si tratto' di un processo vergognosamente poltico. Fa venire i brividi 'sta storia, per fortuna sono esistiti personaggi come loro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *