Analisi spietata del filoamericanismo nostrano

Analisi spietata del filoamericanismo nostrano

Girare per i blog dell’area di destra, non riserva delle sorprese ma serve a comprendere in che modo sono attivate le sinapsi degli elementi umani di dx.

Come vedono il mondo costoro? La loro visione è molto elementare, si limita a dividere il mondo in blocchi contrapposti: bene/male – buono/cattivi. Ovviamente il Bene e il Buono sono Loro e i Loro Amici, il male, invece i Loro Nemici … salvo cambiare obiettivo di tanto in tanto!

Secondo la loro visione elementare della vita esiste un MondoA e un MondoB. Al primo appartengono gli Usa e alleati (possibilmente occidentali e bianchi,  ma meglio anglosassoni e protestanti in pieno stile KKK); al secondo appargono l’est asiatico, il medio oriente e l’africaNera.  Il mondoA ha solo diritti. Ha il diritto di vivere a casa propria senza essere disturbato (no immigrazione, no terrorismo); ha il diritto di colonizzare, esportare il proprio sistema di vita, l’ordine politico, la Kultura, attraverso razzie di beni altrui, genocidi, esecuzioni feroci. Il mondoB, di contro, non ha diritti. Non può andare da nessuna parte (no immigrazione) deve rimanere confinato nei propri territori così è più facile da controllare, distruggere, annientare, e derubare. Il sistema di vita del mondoB è male, l’ordine politico è male e non ha una Kultura degna di questo nome. Il mondoB non ha diritto all’esistenza!

Come giustificano questa ingiustizia di fondo? I personaggi di dx non ammetteranno mai di avere torto, loro, i portatori della verità, i portatori della democrazia, i portatori della VERA CULTURA! Loro hanno ragione! Hanno sempre ragione, anche quando ammazzano, quando derubano … Loro dicono che il sistema del mondoA è migliore! Già, ma chi lo dice? Una buona fetta del mondo non condivide questa affermazione. Con quale criterio si arrogano questo diritto? Messi alle strette, i destroidi nostrani, non sapendo che pesci prendere, possono fare ricorso ad un solo principio per giustificare la loro arroganza e la loro prepotenza: la Forza. In definitiva loro sostengono che Chi è più forte ha ragione! Ma dimenticano un dettaglio significativo: il diritto sacrosanto a difendersi e ad agire sencondo l’invocato principio di FORZA. Allora, questi pseudo portatori di democrazia, se credono nel principio di forza devono accettare il terrorismo, anche questo è manifestazione di forza. E devono smetterla di tirare fuori l’etica e l’umanità solo quando gli fa comodo. Perché non sono affatto più intelligenti, né più preparati degli altri, anzi…

E per finire una chicca: le vittime degli attentati terroristici sono morti di serieA, le vittime degli ameriCani sono morti di serieB. La giustizia a $telle&$trisce

12 commenti su “Analisi spietata del filoamericanismo nostrano

  1. Edmund

    Tisbe.
    Guarda che se gratti con l'unghia del mignolo, appena appena, sotto cotanta sicurezza e certezza di possedere la verità assoluta, trovi tanta insicurezza, paura, frustrazione.
    Ho molti amici/conoscenti di destra, devo dire che quasi nessuno di loro, almeno con me, usa le tematiche, le argomentazioni che si trovano sui blog da te citati, magari le pensano, ma hanno pudore, il razzismo ad esempio, resta anche per loro, almeno formalmente un valore negativo.
    Comunque che dire, la rete è un grande mezzo, meglio sfogare le proprie frustrazioni, metabolizzare le paure davanti a un video, che in un altro modo.
    E poi il confronto alla fine non è mai sterile, magari ti insultano, ma poi se il cervello è ancora disponibile, qualche dubbio, magari si insinua.
    Questo "ovviamente" vale anche per noi.
    Quindi non demordere.
    Ciao

  2. squitto

    Le vittime degli attentati terroristici SONO vittime di serie A e su questo NON si discute (mi auguro, ma non ci spero, nevvero?); invece i morti di stato e i perseguitati cubani e cinesi (tanto per fare un esempio) sono di serie B (per voi); così come le donne decapitate (vedi Indonesia, altre tre ragazzine), bruciate, lapidate, eccetera eccetera, ma quelle forse sono di serie C e basta.
    Alla luce di questo mio brevissimo e totalmente inesauriente excursus sulle "Altre" culture, ora prendi il tuo testo, sostituisci alla parola dx la parola sx e vedi se non quadra lo stesso.
    Per quanto riguarda la mia posizione politica, se ti dicessi cosa voto potrei stupirti con i miei effetti speciali.

  3. Tisbe

    @macca, grazie, io mi sento molto socratica, mi piace provocare e sono consapevole di non essere portatrice di alcuna verità.
    @Edmund, il dubbio è l'unica certezza che ho! Ho amici di dx, ed è vero a volte si vergognano di apparire razzisti!
    @Squitto, intanto grazie di essere passata. Cmq non è mio compito giudicare, se vi stanno a cuore le vite di tutti, intervenite con i vostri eserciti GIUSTI, in Indonesia, in Cina, a Cuba … ma togliete la pena di morte in un paese che si autodefinisce esportatore di democrazia. Azzardo, secondo me voti Radicale

  4. bhikkhu

    Bah, squitto, l'ultimo commento mi lascia basito.

    Ma in effetti ci sono quelli che non stanno nè a destra nè a sinistra, e anche loro pensano di aver ragione e tutti gli altri hanno torto… 😛 😉

    Chi pensa di esportare la democrazia con le bombe, quello sì è un coglione, e non mi frega un cazzo di quale parte politica o partito sia…

  5. Tisbe

    @bhikkhu, d'altra parte nessuno di noi si sognerebbe di dire che il sitema cinese, cubano o indonesiano è da esportare, è una bella differenza no?!

  6. Leslie

    "ma togliete la pena di morte in un paese che si autodefinisce esportatore di democrazia"
    Le campagne contro la pena di morte sono a livello globale, quindi comprensive anche degli Usa e anzi si è sempre insistito sul fatto che sempre più paesi firmino per la moratoria e decidano di non eseguire condanne, denunciando i ritardi e i tentennamenti, quindi mi sfugge questo riferimento.

  7. Leslie

    "Questo "ovviamente" vale anche per noi."

    Dici Edmund? Beato te che sei ottimista, io credo in vita mia di non esser mai riuscita a spostare di un millimetro le certezze granitiche di nessuno, altro che dubbio…
    Poi, anche se il post era "in generale" (quindi non a quali persone/blog si riferisse nello specifico) per quanto riguarda l'immigrazione, personalmente sono favorevole alla libera circolazione delle persone, delle idee e delle merci, vorrei il voto per gli immigrati e più politiche di integrazione (urgenti, più che necessarie), quindi ci andrei cauta con le generalizzazioni, che lasciano il tempo che trovano, anche perchè categorie come "destra" e "sinistra", per quel che mi riguarda sono superate da un pezzo (e c'è sempre quella mia teoria della convergenza degli opposti che da sassolino qual'era mi sta diventando una montagna). ;)))

  8. Tisbe

    @Leslie, intanto la pena di morte c'è ancora, o mi sono persa qualcosa? e come può uno stato che approva la pena capitale farsi portatore ed esportatore di principi superiori? io vorrei capirlo! In fondo tuto il mio parlare ruota intorno al dubbio che secondo me il sistema politico americano non è degno di essere esportato, e se pure lo fosse non credo che il sistemza "FORZATO" sia quello giusto. Ma a questo mio dilemma nessuno ha saputo dare una risposta sensata … Nessuno è stato capace di rispondermi in maniera soddisfacente!

  9. Edmund

    @leslie
    Scalfire certezze granitiche è stato per molto tempo quasi un secondo lavoro. Ora mi dedico prevalentemente a scalfire le mie di certezze, le poche rimaste. Gli altri tendo a prenderli così come sono, cambiare il mondo non è più fra le mie priorità. Preferisco lavorare su me stesso, e con le persone che amo. Certo quando mi capita un soggetto interessante……non posso resistere.
    ………
    @ Tisbe, per esportare la democrazia, prima di tutto bisognerebbe sapere che cosa è, e verificare se la possediamo.
    Gli USA sono un paese democratico? forse si, più di altri. Ma più che altro è un paese libero, molto libero, ma con delle grosse contraddizioni, pensa solo al problema della criminalità. Ma onestamente non credo che nessuna beva la storia della esportazione della democrazia. E' solo una faccenda di potere, controllo delle risorse, denaro, dominio del mondo. Le solite cose, non è cambiato nulla dai tempi dell'Impero Romano, è la solita storia i più forti tendono a sottomettere i più deboli. Alla faccia della democrazia.
    Fine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *