Tommy questo è per te!

Per il piccolo Tommy, ucciso a colpi di badile perché piangeva. Com’è possibile che accadano queste cose? Come? Ho appreso la notizia stanotte ma non ho avuto la forza di fare nulla. Cos’è l’umanità? Posso ancora crederci? Ciao Tommy…

Sono skifata!

Speravo che i politici se ne stessero zitti per rispetto verso un’anima innocente, invece niente…continuano a starnazzare, non hanno rispetto di nulla! Basta! Un po’ di silenzio prego. Ho schifo dei politici che stanno utilizzando la tragedia di un bambino e di una famiglia per portare acqua al proprio mulino, sapendo anche che la vicenda non è ancora del tutto chiara e che gli inquirenti ci stanno ancora lavorando. Questi politici sono SCIACALLI!

18 commenti su “Tommy questo è per te!

  1. utente anonimo

    …ieri sera, tornata a casa per cena, ho trovato mia madre in lacrime… dai tg aveva appreso della morte di Tommy… subito ho acceso una candela per lui e da ieri sera piango anch'io…
    Carmen

  2. utente anonimo

    mah no, mah no…
    è stata la società a uccidere tommy…
    non quello che gli ha tagliato la testa con una badilata…

    è quello che dite voi , mica io.
    il tizio, io , lo brucerei su un rogo…

  3. Tisbe

    Se invece di fare l'anonimo faresti qualcosa nella vita, forse forse saresti un essere umano. Ti rispondo con le parole di Michele Serra, le uniche che si possono usare verso gentaglia come te: "Ora sarebbe davvero triste se un lutto profondamente collettivo, un vero lutto nazionale, dovesse diventare pretesto di una ennesima polemica politica. … Bisognerebbe che la pietà fosse almeno all'altezza della rabbia. Per una volta. ".

  4. alexperry

    è indecente quello che è avvenuto nel mondo della politica. calderoli, la mussolini, casini…tutti in prima fila a chiedere pene più severe e pena di morte….hanno preso questo bambino e l'hanno praticamente utilizzato per prendere voti in più…questa gente fa venire il vomito

    è ovvio che i suoi assassini devono marcire in galera, ma dico io: si può cavalcare così indegnamente il dolore dei suoi genitori?

    ripeto: fanno venire il vomito

    Alex

  5. Tisbe

    ANCONA – Un poliziotto in servizio presso la Questura di Ancona ha ucciso stamattina con due colpi di pistola alla testa la sua convivente nella loro abitazione di via Monte Pennino, nel capoluogo marchigiano. Tiziano Gentile, 44 anni, e' stato arrestato e interrogato. Ancora non si conoscono i motivi del gesto. La donna uccisa si chiamava Anna Maria Fracasa, 39 anni, ed era infermiera. (Agr)
    Questa notizia è passata sotto silenzio, ma voi credete che il poliziotto in questione si farà la galera? Sarà espulso dalla Polizia? Non c'è bisogno della pena di morte, e sufficiente che le eprsone paghino per i loro crimini, non è che se rubi ti fai 10 anni, e se uccidi il giorno dopo sei libero di circolare. Purtroppo il sistema difende molto di più la proprietà che la vita umana Questa è la mia opinione

  6. utente anonimo

    E' vero: sarebbe stato meglio che la politica fosse rimasta fuori da questa vicenda.
    Crescenzo

  7. desiderio947

    Si ho appreso la notizia ieri notte tornando dal lavoro. Ciò mi fatto venire il voltastomaco è stata l'immediata campagna orchestrata x chiedere un referendum sulla pena di morte. E la decenza della pietà dov'è finita?
    L'orrore x questo crimine, unito al cordoglio x i genitori del piccolo Tommaso, credo non debbano consentire agli sciacalli della politica di speculare su questa tragedia x tentare di guadagnare qualche voto.
    Ciao, Beppe

  8. d4rkcloud

    Oggi è difficile parlare di politica.
    Però oggi nel mio blog mi chiedo:
    basta un ergastolo ad assicurare giustizia di fronte a situazioni del genere?
    Per me sì.
    O almeno lo spero…

  9. Tisbe

    Chi siamo noi per poter decidere a chi togliere la vita. Chi siamo noi per decidere chi non merita più di vivere? No, io non sarò mai favorevole alla pena di morte ed ho un terribile sospetto verso chi la invoca. Chi vuole la morte è un omicida comunque. La morte di un altro essere umano dovrebbe essere impensabile, proprio in virtù di quella "banalità del male" di cui parla la Arendt. Chiedere la pena di morte significa abbassarsi al livello dell'assassino. Significa anche "essere" un assassino perché si proverebbe piacere sadico ad uccidere un altro essere umano qualunque sia l'infamia di cui si sia macchiato. No, io sarò sempre contro al pena di morte. Una persona ragionevole, sensibile e colta non può cedere all'onda dell'emotività.

  10. itoutsider

    Tisbe, d'accordissimo con te sul valore della vita (anche se la vicenda di Tommy mi sdubbia, non mi convince…) e ancora d'accordo con te quando da moltitudini scrivi "perché gli essere umani si vergognano dei loro sentimenti come se fossero delle forme di debolezza". mi sembra di capire che agli animali, non solo ai gatti, questo non succede. ed è il loro punto di forza 😉
    ho una gatta, siamo sorelle
    buona giornata

  11. moltitudini

    Francamente mi lascia assai perplesso che a questa drammatica vicenda un TG dedichi ben 20 minuti di servizio, su 30 minuti di durata totale del tg.
    Basterebbe dare la notizia nei suoi dati fondamentali, evidtando di appagare le morbosità popolari con servizi su tutto il parentado di ogni persona coinvolta nel fatto, le interviste alla gente, le sfilate e le fiaccolate inutili ed ipocrite, che servono solo a far sentire tanto buono chi vi partecipa.

  12. moltitudini

    Addirittura lo speciale TG1, ieri sera. A me pare inutile, e ben oltre il giusto diritto/dovere di cronaca. Cosa aggiunge alla vicenda ed alla sua drammaticità dedicargvi uno spazio di approfondimento che va oltre la cronaca, come uno speciale del tg1??Che aggiunge alla memoria di tommaso??
    Nulla..rassicura solo i cuori di chi si sente integerrimo, e appaga le morbosità di noi tutti.

  13. utente anonimo

    Troppo pochi i politici, in Italia! Speriamo che non siano troppo pochi pure i "cittadini"!
    Ricordare Tommy da parte d'un Castelli e primo fra tutti … che dire!
    gauche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *