Fiori nel fango

Abbiamo perduto anche l’abitudine ad indignarci. Queste notizie non fanno rumore. Bisogna uccidere perché qualcosa si smuova nelle coscienze degli italiani. E non c’importa perché le vittime, i cosiddetti "fiori nel fango", sono "solo" ragazzini extracomunitari. Questi fatti non intaccano la nostra presunta superiore "civiltà". Cosa sarebbe successo se tutto fosse stato capovolto? Pedofilia … se sei ricco puoi … Puoi qui, e puoi nel turismo sessuale … Io m’indigno. E non mi rassegno. Non voglio credere che un essere umano possa avere meno diritti di un altro solo per nascita.

«Molte delle 36 persone indagate tra Pescara, Pordenone, Milano e Napoli, che hanno in media sui 40 anni, si incontravano di persone per scambiarsi informazioni o addirittura le vittime». Tutto Qui

10 commenti su “Fiori nel fango

  1. daciavalent

    a volte scrivi delle cose così struggenti, così annichilenti nella loro semplicità, che vorrei averle scritte io.

    un abbraccio, Tisbe, da un'altra che non si rassegna.

    dacia valent

  2. carloxdaniele

    disgustato quanto te, non credo di avere idee su come eliminare un fenomeno che sembra sempre più diffuso, nonostante tutto. non saprei che dire.
    mi associo, anche stavolta, a eduardo: "l'umanità mi fa schifo"

  3. ManueleRomano

    Fai bene a segnalarlo. Ma non ne farei una questione di insensibilità verso gli extracomunitari. No, non è questo. E' successo anche a Latina, i ragazzi erano italiani e l'indagato un prete. Chi lo ricorda? Forse siamo continuamente esposti alle notizie del peggio del genere umano (forse anche "stategicamente" esposti) che la reazione è l'assuefazione o la richiesta, infantile, di qualcuno che metta ordine per noi. Per quanto mi riguarda ho un limite. Lo confesso. Posso commentare Calderoli, sbeffeggiare il nano di Arcore, sputtanare i nuovi manager. Ma di fronte a bambino strangolato o "venduto in cambio di regali" che dico? Che cazzo (scusa) dico? C'è un limite nella logica oltre la quale la mia coscienza critica non arriva. Allora spengo tutto. E spero solo nel Diluvio Universale.

  4. utente anonimo

    queste cose schifose meriterebbero prime pagine ed inchieste! altro che le cazzate su governo e opposizione. purtroppo l'informazione e` troppo assente….g.r.

  5. raffaelegreco

    guarda è su due temi in particolare che miinfervoro, ed il primo di questi lo hai toccato con questo post: la pedofilia, l'altro è la violenza sulle donne.

    Notizie del genere lasciano sempre uno strascico di indignazione, sempre, anche se lo si lambisce appena. Purtroppo, passando alle idee rivolte al superamento di certe situazioni, non si può che fare appello alle amministrazioni locali ed ai nostri governi.

    Le politiche di pari opportunità nel nostro Paese sono soltanto un cartello di facciata, e la vicenda delle fallite quote rosa nella legislatura appena conclusa ne è prova.
    Tornando alla pedofilia la mia idea è quella della fermezza, della linea dura anche con azioni inibitorie che possano scongiurare prima ancora del reato certe azioni: manette, maggiore controllo sui traffici di dati pedopornografici in rete e maggiore coordinamento a livello internazionale fra le forze di polizia.

  6. TYTTY_

    ovvio che è comodo spostare l'occhi di bue sui 2 genitori Rom che hanno venduto i figli…meglio che tenerlo sui papà buoni che se li portavano in spogliatoio..

  7. Tisbe

    @daciavalent, grazie 🙂
    @carloxdaniele, è troppo diffuso, ma lo è perché pochi lo condannano veramente…per questo tipo di reati (a meno che non ci scappi il morto) si tende ad essere indulgenti
    @ManueleRomano, la cosa grave è che spesso le piccole vittime si fidano degli adulti e non hanno uno spirito critico che possa aiutarli a discernere ciò che sarebbe più giusto per loro. Questi episodi, creano nuovi mostri, in una spirale senza fine…
    @gennaroromei, hai perfettamente ragione!
    @vistodalsud, eppure capitano, e sempre negli ambienti degradati, e sempre nei confronti dei più indifesi…
    @ raffaelegreco, c'è ancora molto da fare in questa società sedicente superiore!
    @Crescenzo, non è che la punta dell'iceberg
    @Zagazig, mah, credo che la soluzione da te proposta non risolva granché: dove ci sono mostri ci sono vittime e solitamente il mostro è stato già vittima. Bisogna analizzare e capire perché accadano certe cose. Intervenire quando il soggetto a bisogno di aiuto, non quando è troppo tardi per punire. Adesso il problema è: che fine faranno i 200 ragazzini?
    @TYTTY_, vogliamo vedere sempre ciò che ci fa più comodo, o se vuoi, ciò che ci fa meno male

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *