LucidaMente

Il battesimo sulla bara del padre? Non lo condivido. Trovo che sia un tantino lugubre e di cattivo gusto.

Le risate di Pecoraro Scanio ai funerali? Anche a quello di mio padre tutti ridevano ma nessuno è finito sui giornali!

Un bagno personale per Luxuria? Certo, questi sono i gravi problemi da risolvere che attanagliano il Paese!

I dottori iracheni e gli abitanti della città sunnita di Ramadi hanno accusato le truppe Usa di avere ucciso dei bambini durante l’attacco missilistico di martedì? Sarà la solita bufala, gli ameriCani portano caramelle, cioccolate, sigarette … e …a volte anche la demoCrazia!

E…facciamoci due risate…

E per finire: Condannati a D’Alema? Perché no!

54 commenti su “LucidaMente

  1. cretaefaci

    1) si, è lugubre, ma è stata la loro volontà.
    2)idem, i funerali poi sono l'occasione di rivedere tanta gente…
    3) ribadisco, nessuna distinzione per le toilette per uomini, donne e trasgender.
    4) gli americani sono "portatori sani" di tanti guasti.
    5) Massimo D'Alema è un'ottima persona, meriterebbe la carica. Ma è meglio cercare un nuovo ulteriore compromesso, per il bene di tutti.

  2. d4rkcloud

    D'Alema presidente farà anche meno danni, ma…
    diamine, il comunista con lo yacht, quello che il centrodestra considera il miglior esponente della sinistra italiana, quello della bicamerale…
    Carlo, perchè lo hai fatto???

  3. giamo

    Ai funerali si ride. Capita. Che da questo ci sia chi dice che chi ride non è degno di fare il ministro, dopo che abbiamo subito per anni ministri razzisti con e senza magliette, spioni, collusi con mafie e malaffari, ignoranti, scaramantici, offensivi ecc. è veramente insopportabile.
    Quanto a D'Alema: meglio lui che Amato.
    Ciao

  4. desiderio947

    D'Alema: promoveatur ut amoveatur; ci sto ad accettare questa interpretazione, così la smetterà con la legge elettorale a doppio turno, con mediaset come risorsa nazionale -mentre invece questa situazione di Duopolio Rai – Mediaset, è il cancro dell'informazione italiana; cosicchè mercoledì sera avremo D'Alema Presidente Della Repubblica: voglio sperare che ciò contribuisca a far emergere nuovi dirigenti più disponibili ad ascoltare la base. Tutto sommato Prodi potrà avere più mano libera nell'organizzare un lavoro di lungo respiro.
    Ciao, buona giornata, Beppe

  5. utente anonimo

    Visto dall'esterno un battesimo accanto alla bara del padre deceduto può certamente sembrare poco opportuno. Ma in questo caso diventa un gesto simbolico, un avvicinare in qualche modo (contrapporre quasi) alla tragedia di una perdita così improvvisa, la felicità per l'arrivo di un nuovo nato. E poi il padre aveva promesso che sarebbe tornato in Italia per assistere al battesimo del figlio… E, in qualche modo, al battesimo c'era.

    Per quanto riguarda le risate di Pecoraro, certo in quell'occasione così particolare poteva evitarsele (rimane pur sempre un rappresentante dello Stato), ma non credo certo che fosse legato al triste evento. Io per mia fortuna (scusa, pessima espressione, in questo caso) ho assistito a pochi funerali, un po' anche per scelta. Mi piace ricordare le persone care quando erano in vita – con il loro sorriso e il loro sguardo felice magari – e non chiuse dentro una bara. Spesso per questo motivo evito anche di andare a trovare in ospedale familiari o amici gravemente malati, ricevendo anche feroci critiche per il mio comportamento (certamente comprensibili). A quei pochi funerali a cui ho partecipato però, non ricordo mi sia capitato di vedere qualcuno che ridesse.

    D'Alema al Quirinale? Il problema è che in giro non c'è di meglio. Certo non Gianni Letta. Anche se, a parer mio, si rischia in questo modo di egemonizzare eccessivamente le alte cariche dello Stato, non garantendo quella contrapposizione politica (nelle alte cariche, sia ben inteso) che in un certo modo potrebbe essere una garanzia contro eventuali incontrollati "eccessi" politici. Senza contare che la sinistra diventerebbe antipatica e "oligarchica". E lo dico da persona di sinistra.

    PS: non capisco Tisbe, perché tutti ridevano al funerale di tuo padre? (non devi rispondermi)

    Dibbi Emmer

  6. SuaSquisitezza

    Condannati a D'Alema
    sì purtroppo..
    ormai i giochi appaiono fatti!
    il centrosinistra unito su questo nome perche' (come dice lava).. farebbe meno danni al colle che fuori
    ma anche alla destra va bene questa possibilita'..
    che tristezza

  7. utente anonimo

    Forza Massimo.
    salutos er Mahico.
    PS ma la pace quella reale in iraq ci sara' dopo la guerra atomica in Iran che portera' radiazione e pestilenza? cosi gli USA avranno la scusa buona per togliersi dai coglioni?

  8. utente anonimo

    Per chi crede la morte non è la fine , ma l’inizio.
    Il battesimo è la vita che trionfa, è il bene che vince sul male.
    Le risate, il circuito mediatico ci fa vedere questo e altre cose, la realtà è un'altra soprattutto per chi muore 3000 C° poveraccio, io che tu ci creda o no ho pianto per lui, ognuno ha una coscienza.
    Chi ha riso al tragico evento che ti ha colpito prima o poi, perché tocca a tutti forse vedrà ridere gli altri e saprà che la sua coscienza era sporca.
    Su Luxuria non mi pronuncio perchè ci sono cose più serie di cui occuparsi, in un paese dove calcio o meno siamo tutti tifosi e anche quando nei partiti va tutto male a destra e sinistra, ma più a sinistra strumentalizziamo tutto.
    Sulla guerra mi chiedo: quanti bambini e famiglie curde ha trucidato Saddam Hussein e i suoi fidi paladini.
    Sul barcaiolo non mi esprimo io l'avrei mandato alla america cup

    Ciao Tisbe ti auguro un buon week end.
    Pasquale

  9. Tisbe

    @ebola, che facce…
    @desiderio947, non decidiamo noi…
    @lavalanga, un bolscevico camuffato da pseudo-borghese 😉
    @cretaefaci, volonta?…preferisco non ri/vedere nessuno…(come sei irpino!)
    @d4rkcloud, D'Alema…ecco la spartizione dei poteri…ma forse abbiamo preso un abbaglio
    @mianonnaincarriola, un bel premio, non c'è che dire!
    @giamo, bah, a me è sembrato un eccesso di attenzione mediatica. E' risaputo che ai funerali si ride mentre ai matrimoni si piange.
    @Dibbi Emmer, al tuo Ps, perché a nessuno importa nulla della disgrazia o della morte, o della sofferenza o del dolore. Si va al funerale per una sorta di dovere oppure per ricambiare una cortesia. D apiccola mia nonna mi costringeva ad accompagnarla: non se ne perdeva uno. Nei paesi dell'irpinia un funerale è un evento da non perdere. Adesso che posso decidere autonomamente evito di andarci. Ci vado solo quando ho un legame strettissimo con il morto o con la famiglia. Mia madre mi dice che al mio funerale non ci sarà nessuno, ed io rispondo: meglio, non sarò in compagnia di ipocriti. Anzi, io non voglio nessuno al mio funerale!
    @Lancillotta, 🙂
    @Beppe, può essere!
    @SuaSquisitezza, che tristezza comunque. In ogni caso ho capito che è difficile accontentare e mettere d'accordo gli italiani
    @ManueleRomano, mmm devo rispondere? Il voto è segreto!

  10. Tisbe

    @Pasquale, nonostante tu sia di destra, e questo si percepisce, sono d'accordo su molte cose che dici. Però non entriamo nel merito dei curdi, perché è un argomento che mi fa arrabbiare e non poco. Detesto la gente che ha la memoria corta o peggio SELETTIVA. Quando i curdi vengono MASSACRATI in Turchia – tutti zitti, soprattutto i media, gli States e la gente di destra – addirittura l'Italia fu costretta a consegnare Ocalan che aveva chiesto asilo politico…una vergogna! Su Ocalan pendeva da parte del governo turco una condanna a morte…

  11. Tisbe

    @Pasquale, Il 27 novembre 1978 anno Ocalan fondò il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK). Il "Manifesto" fu proposto alla discussione e adottato come base programmatica nel 1. Congresso del nuovo partito. Il Programma del PKK rivendica per il Kurdistan "libertà, democrazia e unità". I suoi fini e metodi sono così riassunti: "La rivoluzione ha due aspetti, è nazionale e democratica. La rivoluzione nazionale insedierà un nuovo potere politico, militare e culturale. A questo succederà la seconda fase: la rivoluzione democratica, che punterà a superare le contraddizioni derivanti dal passato feudale". Queste contraddizioni sono così individuate: "Sfruttamento feudale, struttura per clan, settarismo religioso, dipendenza semischiavistica della donna". E' compito della rivoluzione "mettere fine a tutte le forme di dominio del colonialismo turco, avviare un'economia nazionale e puntare all'unità del Kurdistan". Il PKK si guadagnò rapidamente un ampio sostegno fra i lavoratori, i contadini, gli studenti e le diverse classi e ceti sociali. Organizzò scioperi operai, dimostrazioni studentesche e vertenze contadine contro i latifondisti. Lo Stato turco fece ricorso ad arresti, massacri, infiltrazioni e torture, senza riuscire a fermare lo sviluppo del movimento. Il 24 dicembre '78 uno scontro sanguinoso fra turchi e kurdi a Marash, originato dall'uccisione di due militanti di estrema destra, diede il pretesto allo Stato per sottoporre a legge marziale la maggior parte delle province kurde.

  12. utente anonimo

    Ti preferisco così Tisbe, aggressiva, dura, radicale, estremista se vogliamo, piuttosto che pensarti bambina in coda ad un funerale di cui non capivi il significato…
    Buon fine settimana, e apresto.

    Marco DB

  13. utente anonimo

    Sia il battesimo accanto alla salma del padre che le risate di Errani e Pecoraro mi sono sembrate di cattivo gusto.

    Quanto a D'Alema al Quirinale…per diverse ragioni non sostengo la sua candidatura (anche se sarebbe un Presidente sopra le parti, a prescindere dal passato politico) e credo che finirà bruciato. L'alternativa è D'Amato… non so quale dei due sia peggiore.
    Grazie per la visita, tornerò a rileggerti, ti ho aggiunta al blogroll.

    Undine

  14. Jinzo

    "Sarà la solita bufala, gli ameriCani portano caramelle, cioccolate, sigarette … e …a volte anche la demoCrazia!"

    Quanto astio!
    Leggendo quello che lei scrive, sembra quasi che lei difenda i terroristi. Ma forse è solo un'impressione. Noto una certa vena polemica nei confronti dell'esportazione della democrazia. Anche lei aderisce all'appello "Aridatece Saddham"?
    Saluti…
    J

  15. Tisbe

    @Jinzo, mi trovo qua per caso e ti rispondo subito. Io non difendo nessuno. Penso che chi uccide, UCCIDE, con o senza divisa. Non credo che indossare una divisa possa essere un passaporto per l'omicidio, o un passaporto per i funerali di stato o per le medaglie. Per me chi versa sangue umano è sempre comunque, qualsiasi cosa indossi, UN OMICIDA:

  16. Jinzo

    Se ho ben capito, dunque, lei prima della guerra attaccava Saddham Hussein definendolo, giustamente, un cane sul suo blog… Quindi.

    Potrebbe segnalarmi un post in cui attacca parimenti Cuba, Corea e Cina?
    La ringrazio e scusi il disturbo.
    A presto.

  17. Tisbe

    Che cosa vuoi Jinzo? Cerchi lo scontro? Hai sbagliato indirizzo! Vuoi ragione? Ok, hai ragione. Tu sei il portatore della verità. Tu esporti la democrazia, invece io, misera tapina, esporto la rivoluzione. I tuoi morti sono di serie A: bianchi aglosassoni e protestanti; i miei morti, invece, sono di serie B, non sono bianchi, non sono anglosassoni e meno che mai protestanti. I tuoi morti sono VERI MORTI perché indossano la divisa, i miei no, quindi non sono VERI MORTI. Tu conosci la verità! Sai chi DEVE morire e chi ha il diritto di vivere. La tua morale sovrasta quella degli altri, soprattutto al mia. Io sono una sporca comunista, tu, invece, sei un luminoso guerriero … combatti per la verità … io invece per satana e la menzogna. Hai ragione: tu sei un cittadino di serie A, io di serie B. Io sono omologata massificata presuntuosa moralista, invece tu sei UNICO ORIGINALE ED IRREPETIBILE. Tu uccidi perché hai ragione, io perché ho torto: ma il sangue versato è sempre rosso… Torna a Tocqueville…cosa vuoi, un trofeo? Vuoi il mio scalpo? Tieni ti dò la vittoria: hai schiacciato il nemico con la tua morale superiore. E…ricordati di salutarmi Camelot

  18. moltitudini

    dal punto di vista meramente (ma tanto mero non è ) tecnico, D'Alema, mandando i bombardieri in Kossovo, ha violato l'art. 11 della Costituzione assai più di quanto non abbia fatto Berlusconi in Iraq.
    Già questo per me è un buon motivo.
    Solo che delle cose fatte da Berlusconi ci ricordiamo, ece le raccontiamo, tutti.
    Quelle che fa la cd. "sinistra", se vien bene, ce le dimentichiamo in fretta.

  19. utente anonimo

    non mi meraviglio per le risate di pecoraro e c. non li ho mai visti fare altro!!! e non hanno neanche una risata diversa! mi vergogno per loro. per il resto….amen. g.r.

  20. moltitudini

    Che poi…a me personalmente poco importa dire chi preferirei a veder gestire le trame di palazzo e chi preferirei che i partiti e la loro burocrazia parassitaria elegessero per il quirinale..però..che avrà fatto mai D'Alema -ragionando in generale, con le regole "istituzionali " non mie che valgono in questi casi – per meritare di esser eletto ?
    è a capo di un partito al 17%.
    La suca carriera istituzionale , in termini di curriculum, vede due grandi incarichi entrambi miseramente falliti: la commissione bicamerale (a cui è stato messo a capo in clima di inciucio che dovrebbe bastare agli "antiberlusconiani" per inorridire) e il governo, durato un anno..e finito miseramente perchè -con miopia e superficialità- D'Alema puntò sulle regionali del 2000 (scelta che fu assai curiosa).
    Mi pare un po' poco…ma abbastanza per giudicarlo tutto sommato una figura di poco prestigio…anche per chi credesse nel prestigio della partitocrazia.

  21. Loreanne

    la prima, quella del battesimo: mah…che dire? scelta opinabile e, forse, qualche persona cara avrebbe dovuto far desistere questa donna da una simile, lugubre, cerimonia..
    le risate di Pecoraro Scanio…forse inopportune, rispetto al ruolo istituzionale, ma scagli la prima pietra chi non ha assistito freddamente, magari sorridendo e chiacchierando con qualche amico, partecipando a un corteo funebre di una persona sconosciuta o quasi..
    Berlusconi, poi, in cerimonie pubbliche e in rappresentanze di stato, ne ha combinato di tutti i colori…
    Il bagno personale per Luxuria, rimanda alla mente le stronzate dei leghisti…e quindi si commenta da solo!!!
    Gli americani esportatori di democrazia, pace e caramelle…è una storia che forse sta stufando anche chi ha voluto tenere i paraocchi fino a poco tempo fa…

  22. Tisbe

    @moltitudini, giusto per essere chiara a me D'Alema non mi piace neanche un po'. Però vorrei capire una cosa. C'è un solo uomo politico che tu stimi davvero? Mi piacerebbe sapere come faresti il governo 😉
    @Marco DB, Buon fien settimana anche a te
    @Undine, grazie! 🙂
    @Loreanne, Ok, condivido tutto quello che avete scritto (a quattro mani?)
    @g.r., effettivamente la sinistra è poco seria. Basta e avanza la serietà della Moratti: lei non ride. 😉

  23. kiino

    …ai funerali c'è gente che ride ma è
    dispiaciuta dell'accaduto,mentre altre che hanno causato simile tragedia(mandandoli la) versano,come da copione
    solo lacrime da coccodrillo.

  24. Jinzo

    @Tisbe:
    Veramente io ero venuto per ragionare, ma vedo che l'unica arma di ragionamento che lei possiede è la violenza. Ne prendo atto, ma non ne sono stupito.
    Anche moltitudini è di sinistra, ma non mi è mai successo di essere trattato con violenza, come al contrario ha fatto lei, sebbene io lo abbia persino provocato appositamente. Le rispondo per le righe in due parole: siccome tutti i morti sono uguali, attendo che lei mi mostri il post in cui si denunciano i massacri dei regimi nazicomunisti. Perchè i morti che gli USA fanno in una guerra di liberazione hanno la stessa dignità di quelli che il comunismo o l'islamismo fanno ogni anno. O no?
    Comunque io sono sempre stato contrario alla guerra: ho appoggiato Iraq libero, il progetto radicale che prevedeva la risoluzione diplomatica. Così come oggi marcio contro il nazista Ahmadinejad per la soluzione diplomatica. Il 3 novembre c'ero anche io a manifestare per Israele. Lei c'era? O non manifesta per chi fomenta l'odiao e la violenza, come sostiene Diliberto?
    Bacini.

  25. Tisbe

    Anch'io rimango in attesa. Aspetto un tuo post nel quale denunci i massacri fatti dagli americani nell'ennesima (e non ultima purtroppo) guerra di colonizzazione. Fino ad allora la bilancia deve rimanere in equilibrio e non pendere dalla parte degli oppressori…
    io non sono moltitudini

  26. moltitudini

    Tisbe, tu chiedi "condannati a D'Alema…perchè no?" ed io ho tentato di argomentare qualche possibile motivo per dire no.

    Uomo (o donna) politic@ che stimo davvero…
    Domanda complessa…perchè dipende che vuol dire "stimare".
    Di qualcuno si possono apprezzare le doti senza per questo condividerne la linea politica.
    In questo senso, di sicuro non stimo D'Alema, perchè non mi pare abbia alle spalle un curriculum granchè stimabile:oggettivamente, non ne ha mai azzeccata una.
    Se la domanda è finalizzata al discorso Quirinale..beh, come ho detto, è roba loro, non mi pongo il problema di chi preferirei sul colle perchè quanto è in gioco non mi riguarda, riguarda solo il futuro degli assetti partitocratici.
    Non essendo nè patriottico nè nazionalista, poi…di certo non mi interessa dire chi meglio rappresenterebbe "la patria", perchè tanto non rappresenterebbe me.

  27. Tisbe

    @moltitudini, il problema di D'Alema è che su Kilombo sta succedendo un caos Io non volevo prendere una posizione netta 😉 A me "a pelle" non piace, non so spiegarti il perché, ma non condivido nemmeno le scelte politiche, ma se andrà…tant'è, meglio del Cav.
    "Condannati a D'Alema" è il titolo del TgCom

  28. Jinzo

    Tisbe, non faccia la bambina: seguendo il suo ragionamento dovremmo fare un post per i nazisti morti durante la guerra di liberazione italiana… I morti nazisti e fascisti sono sempre morti, o no?
    Ora, le sue opportunità di risposta sono due:
    1) I morti fascisti sono sempre morti, ergo: aboliamo il 25 aprile, giorno in cui si festeggia per la morte di migliaia di concittadini italiani che hanno creduto in Mussolini.
    2) I morti fascisti sono morti di serie B. Ecco che lei diventa soggetto della critica che aveva a me rivolto precedentemente.

    Opportunità tre, quella che scelgo io: chi muore in una guerra di liberazione muore per la libertà del suo paese e per me è un eroe.
    La fine di una dittatura va festeggiata, non va condannata, come impudentemente fa lei.
    Se poi lei contesta il mezzo, ossia la guerra, allora siamo sulle stesse posizioni. Quindi mi permetto di immaginare che lei pur essendo schierata contro l'intervento militare, avesse gridato, prima della guerra, fuori il nazicomunista Saddham dall'Iraq. Vero? Oppure era sepolta nell'omertà del massacro e ha pensato di aprire bocca solo quando l'odiato zio Sam ha deciso di intervenire militarmente.
    Ma poi, fondamentalmente, colonizzazione de che?
    Saluti.

  29. moltitudini

    lo so che era un titolo…ma il "perchè NO" era una tua domanda, ed a quella ho risposto, elencando i..NO.
    Che vuol dire "il problema di D'alema è che su kilombo etc ect"? Mica ho capito…non ci passo da due giorni.
    Io credo che di questa vicenda, il quirinale, abbia senso discuterne per puro gusto..accademico/descrittivo analitico.
    Se è per render parte, diventa davvero discussione noiosa.
    Quelli che esultano all'idea di d'alema al quirinale, mi mettono tristezza.
    Chissà che ne pensa Consorte, però.

  30. Tisbe

    @moltitudini, quel "perché no!" era riferito a "condannati"…a volte bisogna interpretare 😉
    @Jinzo, non era necessario massacrare il popolo compreso i bambini, bastava eliminare Saddam, ma non si è voluto farlo (non c'è stata la volontà politica) La verità è che alcuni aconomisti hanno visto giusto: quando c'è recessione economica bisogna inventarsi una guerra…

  31. kiino

    … a volte anche la democraZia,ma
    solo nei territori dove c'è il petrolio!!!
    Domandiamoci il perchè!
    …Jinzo.. non mi pare che difenda i terroristi forse tu non lo sai ma i veri terroristi sono gli USA.

  32. Jinzo

    Noto che i suoi argomenti, Tisbe, si fanno progressivamente più deboli.
    Sono d'accordo anche io con quello che dice. Non era necessario bombardare Roma durante la seconda guerra mondiale. Era necessario eliminare Mussolini ed Hitler. Il come mi sfugge.
    Non so di quali economisti lei parli. Temo si tratti di qualche propagandista liberal, sul genere di quelli che sostengono che se in USA non hai la assicurazione sanitaria muori….
    In realtà tutti i più grandi economisti libertarian, contrari ovviamente alla guerra, pur essendo il loro partito vicino al partito repubblicano, sostengono che la guerra sia responsabile della crisi economica, poichè, appunto, l'instabilità economica del medio oriente, collegata al nervosismo dei petrolieri di fronte alla presenza di truppe armate straniere, contribuisca ad innalzare i prezzi del greggio alle stelle, con conseguenze disastrose sul piano economico. Come vede, Tisbe, è esattamente il contrario di quello che dice lei. Il Mises Institute, ad esempio, spiega a più riprese come l'intervento armato in Iraq sia assolutamente un grave danno per l'economia statunitense. La storia della guerra coloniale è un bidone inventato dai liberal. E come vede, molti pesci hanno abboccato alla loro grassa esca….

    @Kiino:
    I veri terroristi sono gli USA. Lei ha ragione. Sarebbe il caso di restituire il maltolto: Saddham.
    Quando c'era lui… Lui sì che era democratico…. Ah la Libertà…

  33. Tisbe

    @ Jinzo, se sai già tutto, perché chiedi? Se sei convinto delle tue verità perché fai domande alle quali hai già dato una irrevocabile risposta? Se non cerchi risposte perché chiedi?
    @kiino, boicottiamo il petrolio 😉

  34. utente anonimo

    Il nostro errore è che guardiamo sempre al passato non per migliorare il presente, ma per sbattercelo in faccia nel tentativo di trovare una ed una sola ragione.
    Mi chiedo tisbe costruiremo mai un futuro senza essere tifosi dell'una o dell'altra parte, ma critici quando lo si deve essere e non agendo unidirezioanalmente solo per le nostre idee politiche?.

    PASQUALE

  35. Tisbe

    @Jinzo, beh, il dialogo non è unilaterale. Scendi dal piedistallo della presunta verità e vedrai che io dialogo e volentieri…
    @Pasquale, l'ho detto in un mio post precedente che giudico di scarso spessore politico coloro che rinfacciano i crimini della'ltra parte…

  36. Tisbe

    Da poche battute mi accorgo dello spessore dell'avversario politico, e se comincia a tirare fuori argomenti come l'ex Unione Sovietica, la Cina, Cuba, capisco che mi trovo di fronte ad un emerito ignorante. […] Toglietevi dalla testa di tacciare il comunismo di male supremo. Molti omicidi di massa sono stati compiuti sotto il sacro segno della Croce, sotto il simbolo di falce e martello, sotto il segno della croce uncinata e sotto l'impronunciabile parola "democrazia liberale". Qualcuno disse: «Chi è senza peccato scagli la prima pietra», beh, quel qualcuno aveva ragione: non riducete la politica a stupide accuse reciproche. Se volete fare vera politica partite da voi stessi. Fate pulizia dentro di voi, e cercate di mettervi al servizio degli altri, se vi aspettate gloria ed onori, allora non siete dei veri politici, ma solo dei bottegai della politica.

  37. utente anonimo

    Ammazzala e quanto è tosta.
    E' roscia roscia roscia proprio.
    Uhum….
    Fammi lavorare che ho un progetto da controllare e vedo sempre te e i tuoi pensieri davanti.
    Mi fai perdere la misura.

    Hasta la vista

    Pasqui

  38. Jinzo

    @Tisbe:
    Quindi lei definisce un ignorante chiunque si rifiuti di far passare sotto silenzio gli orrori comunisti che tutt'ora lordano il mondo, così come vuole la sinistra massimalista che vota contro l'istituzione della giornata nazionale delle foibe.
    Vede Tisbe, la tesi che lei porta risibilmente avanti in questo frangente, è esattamente sovrapponibile a quella di un certo Luca Romagnoli, che, non a caso fa politica sotto una bandiera simile alla sua. Il fatto che anche la democrazia liberale (?) abbia sganciato la bomba atomica facendo migliaia di vittime, non può mettere la democrazia sullo stesso piano del nazismo o del comunismo. La democrazia, infatti, è soggetta ad errori. Il fascismo ed il comunismo, invece, sono costruiti sulla violenza e quindi sull'errore. Quindi, la prego, si risparmi simili dichiarazioni, perchè sarebbe come mettere sullo stesso piano un ragazzo che ha investito un passante ed un serial killer.

  39. Jinzo

    P.S.: in tutti i casi vedo che continua a non rispondere alle mie argomentazioni trincerandosi dietro ad un'accusa di narcisismo: suppongo che quella di buttarla in caciara sia ora divenuta una tattica…
    Ne prendo atto.

  40. Tisbe

    @Jinzo, la tua morale mi fa sorridere … è viziata alla radice. La violenza è violenza, ed io non sono Machiavellica: per me il FINE non giustifica i mezzi. Ergo non reputo lecito uccidere per portare la democrazia, come non reputo lecito uccidere per diffondere l'ideologia del comunismo e/o del nazifascismo. Per me l'OMICIDIO è un MALE a priori. Tu non sei nessuno per stabilire chi è lecito uccidere e chi no, e nemmeno io. Tu sei un essere umano, ed in quanto FALLIBILE, ed in quanto nonDio non puoi sapere quale formula politica sia degna di essere imposta con il sacrificio di vite umane. Tu non sei dio

  41. utente anonimo

    Ribadisco è tosta.
    Certo che il pensiero di Jinzo.
    Mannaggia maggio distratto nata vota.

    Ciao ti
    Pasquale

  42. Jinzo

    Le ripeto Tisbe, lei sfugge al punto. In virtù del suo pensiero sarebbe stato ingiusto combattere contro il nazismo, perchè anche i fascisti ed i nazisti erano persone… Quindi, se gli USA avessero interpretato la realtà come lei vuole, come tante persone non-interventiste, all'epoca sostenevano negli States, oggi parleremmo tedesco…
    Quindi torniamo al punto: perchè contro i nazisti sì e contro i nazislamisti no?
    La sua versione, cordialmente, fa acqua da tutte le parti.
    Un'altra falla è questa: tollerare un regime sanguinario significa essere complici dell'omicidio di migliaia di persone. Quindi, lei che mai ha protestato contro Saddham, ma solo contro gli USA, ha deciso che è lecito uccidere in nome del nazicomunismo. Quindi, lei è Dio, come lo sono io.
    Altra falla colossale: e chi l'ha detto che non esistono principi etici assoluti sulla base dei quali l'uomo prenda delle decisioni anche sofferte? Come diceva Marsilio Ficino: il potere della conoscenza rende l'uomo simile a Dio. Negare l'esistenza di principi assoluti di giustizia e morale può essere descritto con un termine in voga in questo periodo. Il termine è relativismo. Le ricorda qualcosa?

  43. Tisbe

    @Pasquale, non ti distrarre
    @Jinzo, non ho tempo adesso, mi riservo di risponderti con un post … Non mi appello al relativismo, ma c'è un punto sul quale poggia tutto il tuo ragionamento che non mi convince, e sul quale ti chiederò delucidazioni!

  44. kiino

    …Lei che conosce così bene la storia dei mangia bambini ah ah..
    saprà allora che Saddaham è stato
    SCELTO dal suo amico bush.
    E mentre Saddham ha sterminato
    migliaia di Curdi e non solo(sempre con il benestare del democratico bush)
    bush ha fatto milioni di vittime innocenti,solo ed esclusivamente x i suoi sporchi interessi.
    …@ Jinzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *