Valori e modelli

Buona parte delle persone crede erroneamente di avere dei valori, e crede di vivere seguendo i propri valori. Spesso utilizza queste credenze per giudicare, pregiudicare e condannare gli altri, oppure per considerare culture ‘altre’ prive di valori. In realtà la maggioranza delle persone non ha affatto valori e non vive affatto seguendoli coerentemente; molto semplicemente scambia per valori ciò che sono "solo" modelli di vita.

La metafora del barattolo

Un esperto in time management, tenendo un seminario a un gruppo di studenti, per colpire nel segno il suo uditorio di menti eccellenti propose un quiz, poggiando sulla cattedra di fronte a sè un barattolo di vetro, di quelli solitamente usati per la conserva di pomodoro. Chinatosi sotto la cattedra, tirò fuori una decina di pietre, di forma irregolare, grandi circa un pugno, e con attenzione, una alla volta, le infilò nel barattolo.
Quando il barattolo fu riempito completamente e nessun’altra pietra poteva essere aggiunta, chiese alla classe: "Il barattolo è pieno?". Tutti risposero di sì. "Davvero?".
Si chinò di nuovo sotto il tavolo e tirò fuori un secchiello di ghiaia. Versò la ghiaia agitando leggermente il barattolo, di modo che i sassolini scivolassero negli spazi tra le pietre. Chiese di nuovo: "Adesso il barattolo è pieno?". A questo punto la classe aveva capito.
"Probabilmente no", rispose uno. 
"Bene", replicò l’insegnante. Si chinò sotto il tavolo e prese un secchiello di sabbia, la versò nel barattolo, riempiendo tutto lo spazio rimasto libero. Di nuovo: "Il barattolo è pieno?". 
"No!", rispose in coro la classe. 
"Bene!", riprese l’insegnante. Tirata fuori una brocca d’acqua, la versò nel barattolo riempiendolo fino all’orlo. 
"Qual è la morale della storia?", chiese a questo punto. Una mano si levò all’istante: "La morale è: non importa quanto fitta di impegni sia la tua agenda, se lavori sodo ci sarà sempre un buco per aggiungere qualcosa d’altro".
"No, il punto non è questo", riprese l’insegnante. "La verità di questa illustrazione è che se non metti dentro prima le pietre, non ce le metterai mai più".

12 commenti su “Valori e modelli

  1. Fiodor

    Conoscevo un finale leggermente differente.
    L'insegnante non tira fuori una caraffa d'acqua ma un boccale di birra e la versa.
    La conclusione era "per quanti impegni tu possa avere c'e' sempre spazio per una birra…"

  2. moltitudini

    Se cercassimo di adattare la metafora del barattolo all'agenda politica del nuovo governo, dovremmo dire che le grandi riforme o si fanno subito o non si fanno più. Il rischio è che i micro-provvedimenti, quelli più facili da prendere senza "spaccare" l'esigua maggioranza, diventino la ghiaia, la sabbia e l'acqua che riempiono il barattolo di vetro, togliendo definitivamente e irreversibilmente spazio (o tempo?) alle "pietre".

  3. Tisbe

    scusa…..spiega meglio, mi fai l'esempio di un valore e di un, come lo chiami tu, "modello di vita" erroneamente scambiato per valore?

    domanda poi un po' provocatoria…tu stessa, nel dire che in realtà la maggior parte della gente crede di avere dei valori ma non ne ha, non fai lo stesso errore dei primi di cui parli all'inizio, quelli che credono che gli altri siano privi di valori?

  4. moltitudini

    @moltitudini, perché ho detto di avere dei valori? Non sto, forse, mettendo in dubbio il mondo stesso nella quale la mia mente è stata forgiata ed abbeverata alle credenze?

  5. utente anonimo

    Quindi?
    Non ritieni di avere dei valori?
    O ancora..mi spieghi la differenza tra "valori" e "modelli di vita"?
    Tutta la cultura ed il pensiero, in quanto tali, sono artificiali e non naturali.
    Detto ciò…le credenze sono una cosa, i valori altro.
    Vediamo, immagino tu tenga al concetto di "solidarietà".
    E' un valore?

  6. Tisbe

    Ma quindi, scusa, perchè a meno che non si scenda nella sterile sofistica, una parola è ciò su cui conveniamo in termini di contenuto…cosa è un valore? mi spieghi la differenza tra "valore" e ciò che tu chiami "modelli"(parola che per altro aborro)?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *