Omissioni e menzogne

Avrei voluto parlare dell’esportazione della democrazia ma le recenti notizie mi hanno fatto cambiare idea, così vi parlerò di altro, in particolare di una storia che mi ha lasciata di stucco.

Due ragazzi poco più che adolescenti si conoscono e s’innamorano. La storia sentimentale, però, assume valore di amore perché è destinata a durare molti anni durante i quali i due si realizzano, chi nel lavoro, chi nello studio, e progettano di mettere su famiglia. Ma qualcosa va storto ed un evento in particolare apre a scenari impensati ed imprevedibili. Lui si sottopone ad un delicato intervento chirurgico, e lascio alla vostra fervida immaginazione di lettori di comprendere dove. Dopo questo evento, Lui diventa sempre più strano. Comincia a trovare scuse su scuse per defilarsi, le sue visite e le sue telefonate diventano sempre più sporadiche. In contemporanea, però, ha contribuito a fissare la data delle nozze, e fa qualcosa di più: le regala un diamante, ciò che nella tradizione è per sempre, o comunque indica una decisione in tal senso. La confusione della ragazza assume toni grotteschi. Non riesce a decodificare il comportamento di Lui. Comincia ad avere sensi di colpa; erroneamente crede di non essere stata sufficientemente presente durante l’intervento. Comincia a colpevolizzarsi ed a mettersi in discussione, ma le cose vanno sempre peggio, fino a quando…Lui le dice che non se la sente di rovinarle la vita. Il ragazzo confida le sue preoccupazioni riguardo l’eventualità di essere diventato sterile e la sua volontà ferma di non coinvolgerla in questo destino. Lo shock di lei è grande, ma lo supplica, calpesta la sua dignità, dice di amarlo e che a lei non importa se può o non può avere bambini, nel caso è disposta ad adottarli. Ma lui è irremovibile: lo fa per il suo bene, perché le vuole troppo bene e non se la sente di distruggerle la vita. Ora, la mia osservazione: personalmente mi fido poco di chi mi costringe a qualcosa dicendo di farlo per il mio bene. Il “bene” è un concetto personale, e non credo che qualcuno dall’esterno può indicarci cosa è veramente bene per noi. Comincia il calvario della ragazza: salta il matrimonio, lui sparisce (questo accade nell’arco di molti mesi). Lei non riesce a darsi pace, non capisce dove ha sbagliato. Non capisce come un fatto superabilissimo sia diventato una parete invalicabile e si colpevolizza fino quasi ad ammalarsi. Passano i mesi e si viene a sapere che lui si fa vedere in giro con un’altra. Passa ancora del tempo e si scopre che lui si è ri/fidanzato. Ora io mi chiedo: ma a questa nuova ragazza lui non ha paura di rovinarle la vita? Bah, può essere che sia un’avventura… giusto per non stare solo. Passa il tempo e si viene a sapere che il ragazzo convola a nozze con la nuova fidanzata. Ohoh, e la sua preoccupazione per la sterilità? Dov’è finita? Questa nuova ragazza non merita di essere felice? Non merita di più? (Giusto per usare le sue locuzioni). Passa ancora del tempo e ohoh, la coppia aspetta un bebè… Allora io mi chiedo, perché mentire. Perché fare del male gratuito. Perché devastare la mente dell’altro insinuandogli dubbi inesistenti? Non sarebbe stato più semplice dire la verità: ho conosciuto un’altra; non provo più le stesse cose per te; non me la sento di dividere il mio futuro con te. Non sarebbe stato più corretto? Non sarebbe stato meno doloroso? Non sarebbe stato più giusto dare all’altro l’opportunità di vivere altri amori senza creargli interiormente un senso di inadeguatezza? Le menzogne e le omissioni danneggiano gli altri. Tanto più che il signorino in questione aveva una relazione con al nuova ragazza mesi e mesi prima, se non addirittura anni. Ha giocato con due donne contemporaneamente devastando la vita dell’una a vantaggio dell’altra solo e solo per caso. Perciò ricordate: quando qualcuno asserisce di fare qualcosa per il vostro bene, sappiate che non è vero, lo fa solo ed esclusivamente per se stesso e per pararsi il fondoschiena. Rispetto, rispetto per gli altri e per il dolore degli altri!

21 commenti su “Omissioni e menzogne

  1. d4rkcloud

    Quando si attraversa una fase di crisi così profonda, è quasi egoista defilarsi a quel modo.
    In questo le donne sono nettamente superiori agli uomini.
    Non ho dubbi sul fatto che lei avrebbe davvero rinunciato a tutto per lui.
    Il contrario, probabilmente, non sarebbe successo.

  2. stefanone

    direi che era proprio uno senza palle! 😉

    battute a parte, mi sembra palese che un siffatto quaqquaraquà abbia bisogno di costruirsi una facciata socialmente accettabile per nascondere le bruttezze reali del suo animo.

    amaramente, è andata meglio così alla ragazza… pensa a condividere una vita o quasi con un essere del genere.

  3. marysamba

    a me sembra sempre lo stesso piccione che cova…sai non lo perdo di vista…ormai e' diventata una piacevole abitudine svegliarsi e guardare fuori dalla finestra se tutto va bene 😉

  4. Tisbe

    @shemale, uau, sei mitico!
    @CB, non ci pensare 😉
    @Elitre, figurati, l'ho fatto con piacere, sapevo che a Gennaro sarebbe piaciuto il tuo blog, anche se io sono un'animalista convinta 😉
    @marysamba, hai visto cosa c'è in giro? Ma io conosco storie peggiori. Non so perché ma raccolgo le confidenze di un sacco di gente
    @stefanone, è vero, molti uomini non hanno gli attributi; sono amschi solo all'anagrafe…
    @d4rkcloud, hai detto una cosa giusta. Con tutti i difetti del mondo, noi donne in questo siamo nettamente migliori!
    @ ThePacky, lo spero per i maschietti

  5. myrrdin

    ciao
    mi dispiace, ma x 1 volta non condivido il tuo commento. Non credo le femmine siano migliori dei maschi ( non lo dico x difesa della categoria), ci sono occasioni e momenti x entrambi, indipendentemente sal sesso, ci sono momenti di crescita e atti "bastardi" per tutti. Ormai non vedo grosse differenze

  6. Tisbe

    @myrrdin, non devi dispiacerti, mica possiamo pensarla tutti alla stessa maniera! Tuttavia ho tanti e tanti esemnpi, in cui, di fronte ad una difficoltà i maschi se al squagliano ( non li giudico per questo) e le donne, invece, restano con coraggio…Ripeto, troppi, troppi esempi…

  7. giampiero49

    la persona in questione sicuramente e` un immaturo!e anche un po vigliacco!ma quello che non riesco a capire,anche leggendo i commenti ,questa disquisizione su chi e` superiore o inferiore!non e` neanche un problema !!!siamo esseri umani con i nostri difetti e i nostri pregi,impariamo a correggere i primi senza generalizzare,semplicemente accquisendo esperienze anche negative!!tutto aiuta meno il risentimento e per di piu` se di parte.
    un saluto dalla grecia
    Giampiero

  8. brugue

    Anch'io, purtroppo, conosco storie anche peggiori di quella che hai raccontato. Purtroppo è un problema culturale… E la mancanza di rispetto è solo uno degli aspetti… Nella stragrande maggioranza dei casi le donne sono vittime di comportamenti infami.

  9. utente anonimo

    Seppi di un ragazzo che si finse bulimico. Innescando nella sua ragazza chissà quante paura. Che roba.

    Ma non posso starmene fermo a generalizzazioni come "Gli/Le Uomini/Donne sono Meglio di Le/gli Donne/uomini".

    E se dovessimo parlare di esempi io ne avrei a sufficienza per bilanciar la questione, senza ma e senza se. E poi portare avanti il bilanciamento in numeri. Ma a che scopo? Solo a dire che è l'animo umano che sa mostrarsi vigliacco. Non il genere maschile o femminile.

    Della stessa carne siamo fatti, con la stessa mente pensiamo, con lo stesso cuore amiamo.
    Forse in modi diversi però, semplicemente diversi.

    ps : non male il blog.

    Andrea (sdl)

  10. Tisbe

    @ i miei ultimi commentatori, Ok, non generalizziamo, anche se dalle mie parti credo che i maschietti statisticamente risulterebbero più vigliacchi. Concentriamoci sui fatti. Il ragazzo in questione si è comportato lealmente? Ha fatto bene a mentire sulla sua salute? Ha fatto bene a nascondere di stare con un'altra? Lo ha fatto davvero per non ferire la sua ragazza, o l'ha fatto semplicemente per evitare litigi, discussioni e quant'altro, e quindi esclusivamente per una forma di egoismo e di vigliaccheria?

  11. xOfheliax

    Sono d'accordo con Andrea, non è una questione di maschio o femmina. E' una questione di idiozia, unita ad una grandissima dose di vigliaccheria. Io l'avrei riempito di calci nelle palle, poi parliamo di sterilità…

  12. utente anonimo

    Dato che a volte mi piace fare l'avvocato del diavolo mi permetto anche una considerazione :
    Solo perchè consideriamo una cosa giusta, non significa che per qualcun'altro sia sbagliata.
    Intendo dire che, contemporaneamente ai nostri concordanti giudizi sul comportamento di questo ragazzo ci si potrebbe fare un pò di degna autocritica pensando forse che, probabilmente, anche noi trattiamo male alcune persone magari con azioni che riteniamo innocenti.

    Certo, ciò non diminuisce la colpevolezza del ragazzo, nè il dolore dell'altra. Ma stiamo attenti a non tirar su guerre di religione basate su ideali relativi. Perchè si rischia di finire tra le streghe.

    Andrea (sdl)

  13. Tisbe

    credo che in questo caso il comportamento sleale sia evidente, e credo che il soggetto ne fosse ben consapevole, altrimenti non avrebbe fatto ricorso alla menzogna. quando si crede di avere ragione non si mente ma si argomenta a favore della propria posizione… e non si fugge…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *