Una serata Irpinia Wine

Beh, adesso vi racconto cosa è successo ieri sera! Sono andata con un’amica a Irpinia Wine, nel Carcere Borbonico. Ci tenevo ad andarci! Cisono andata altre volte e mi sono sempre divertita… Poiché avevo mangiato solo un gelato ho preferito andare al banco dei prodotti tipici per rifocillarmi un po’. E così mi hanno preparato un piatto con salami e formaggi tipici.  Il formaggio, per la verità era di un solo tipo. Mancava all’appello la nostra "sopersata". La mia amica non voleva aspettare pensando che fosse come gli altri insaccati. Così le ho spiegato che la selezione di carni è totalmente diversa. Finalmente, dopo infinite chiacchiere con il signore al banco, ci hanno consegnato l’agognato assaggio con pochissimo pane (a quel punto io mi sono impadronita di quello della mia amica). Fuori c’erano dei tavolini e così abbiamo cercato il primo vino. La scelta è caduta sul corposo aglianico. Non l’ho toccato fin tanto che non ho cominciato a mangiare. Dopo questo rito iniziale abbiamo cominciato il giro delle aziende in esposizione armate del bicchiere che ci avevano consegnato all’ingresso. (la mia amica ha pagato 8 euro – francamente troppo – io da privilegiata, non ho pagato) Dopo un po’ la mia amica ha cominciato a stressarmi: perché a te riempiono sempre il bicchiere e a me mettono solo l’assaggio? – Scusa, ma io che ne so? Forso vogliono vedermi ubriaca. – Abbiamo chiacchierato con tutti mentre assaggiavamo rigorosamente gli aglianico presenti. Ho fatto da paciera ad una zuffa tra artisti, ma devo dire che si sono capiti, hanno superato le loro incomprensioni (come sempre mi trovo tra artisti più fuori di testa di me) e speriamo bene per il futuro… Ho assaggiato un prosciutto prodotto nel paese originario di mio padre: era buonissimo, dolce e morbido ma non ho capito quanto sia durato il periodo di stagionatura. E anche qua la mia amica ha cominciato a dire che a me danno le porzioni migliori! Bah, io non me ne rendo conto: mangio tutto e basta! Dopo aver assaggiato i rossi sono passata ai vini bianchi, sorvolando astutamente la coda di volpe per che, insieme alla falanghina di Benevento, non mi piace. E così ho cominciato con il Fiano, ma la mia cantina preferita non ha partecipato alla manifestazione e non ho potuto assaggiare proprio "quel vino". Ad un certo punto mi sono ritrovata al ristoro ed ho notato che avevano finalmente scartato il pan-brioche, così ho chiesto al tizio di prima se me ne dava una porzione, ma lui non riusciva a trovare un piattino di plastica pulito. Mentre aspettavo ho (ed ero oramai già ubriaca) ho sentito una voce che diceva: e domani una bella recensione sul blog! Io sono trasalita ed ho pensato, ohibò mi hanno riconosciuta. La voce ha continuato: – il Vaso di Pandora! – Ed è stato così che ho conosciuto un altro blogger di Avellino, mentre la mia amica continuava a dire del perché a me avessero dato il panbrioche senza fare storie… Scusa ma io che ne so! Ancora gironzolando ho assaggiato un’ottimo greco di Tufo molto fruttato e dei pezzetti di pane con un olio pregiatissimo e profumatissimo. Oramai non connettevo più, perché io ho uno strano modo di ubricarmi: mi viene un’euforia sconsiderata e poi mi addormento; in pratica non mi sono mai ubriacata seriamente te e rimango sempre vigile e consapevole di ciò che mi accade intorno. I miei amici hanno insistito per andare a prendere un cornetto caldo e così mi sono ritrovata in mezzo a dei ragazzini che mi guardavano come fossi un marziano. E tutti mi parlavano … con una serie infinita di complimenti sul mio aspetto ed io stupidamente sorridevo. Finalmente è arrivato il mio cornetto e la mia amica ha comincaito a lamentarsi della nutella!!!!!!! Secondo lei era un succedaneo perché troppo dolce e chiara di colore…mah…io tante storie non me la faccio, se voglio strafogarmi di nutella mi compro il barattolo e me la mangio accompagnata con il burro. E così altra storia sulla nutella che oramai non si fa più con le niocciole piemontesi, ma con quelle irpine e quelle turche che sono meno dolci… Boh E così è finita. Sono tornata a casa ed ho scritto un post in stato confusionale . Mi sono addormentata subito non prima di aver bevuto molta acqua e mi sono svegliata all’alba per farmi una tisana disintossicante. Adesso sono sobria ed anche il mio fegato sembra stare discretamente. La manifestazione c’è anche stasera, ma non posso ripetermi…

13 commenti su “Una serata Irpinia Wine

  1. desiderio947

    Una serata tra assaggi di vini pregiati, salumi, formaggi…?
    Alla fine ci sta una bella ubriacata. Peccato che non posso più concedermi simili trasgressioni. Anche questa è vita, una bella dormita e via sulle polverose strade della quotidianità.
    Ciao, buon fine settimana. Beppe

  2. pazyryk

    A costo di ripetermi, cara Tisbe, in compagnia prese moglie un frate (volendo si può anche ribaltare considerando le monache…). Poi, quando il vino è buono, sarebbe un peccato mortale non assaggiarlo. La nutella col vino, proprio no. Lasciamolo fare agli anglosassoni che sono veramente fuori… Buon fine settimana!

  3. tuttominuscolo

    wow! alcune volte mi saresti utile…

    mi fai venire in mente Sarajevo. è triste essere piccola, esile, quasi "minuscola" tra gente alta come un grattacielo luminoso e bellissimo. un giorno in un bar del centro mi hanno dato una porzione iperidotta di insalata e niente pane. speravo di rifarmi poi con una porzione abbondante di baklava e per non correre rischi, visto che ormai "conosco" il mondo, ho mandato la mia bellissima, dolcissima, appariscente amica Francesca a chiederne una porzione. lei si domandava "davvero" perchè io ridessi e approfittassi di lei. io no e neanche il cameriere che le ha dato una porzione da esercito!

    missione compiuta: ho mangiato con gusto e piacere. il cameriere si è rifatto gli occhi e con la Francy sono in debito…

    evviva le amiche belle e intelligenti e che non hanno tempo per accorgersi di esserlo.

    😉

  4. marysamba

    insomma …ti sei proprio divertitaaaaaaaa!!!ps io sono completamente astemia….ma adoro tutti gli assaggini di salumi,formaggi,pizzettine,bruschettine…..che bontaaaaaaaa:):);:)

  5. utente anonimo

    Caspita, mi hai fatto venir fame!! Mi piace questo tuo lato godereccio, in questo sono d'accordo con te alla grande… Bisogna godersela ogni tanto (anzi, più spesso possibile!…)e lasciarsi andare ai piaceri della vita!… mmm…mi sa che dalle tue parti si deve mangiar bene… 🙂
    Mikereporter

  6. Tisbe

    @desiderio947, già, la quotidianità: quanto è faticosa!
    @pazyryk, spero che anche l'aver chiuso il tuo blog ti porti sempre dalle mie parti 😉 Almeno ci spero … e se vieni ad esibirti dalle mie parti fammelo sapere…
    @giampiero49, infatti! Il mio è un vaso molto delicato: contiene tutti i mali :-O
    @Esimio.Dott.Bugher, sai quand'ero bambina non giocavo mai a nascondino, ma adesso è il gioco preferito di Stella (la mia gattina)
    @tuttominuscolo, che storia simpatica. Anche io ho un'amica molto più appariscente di me e spesso la mando in avanscoperta (a lei piace farlo) così riusciamo ad avere tutti i privilegi: posto al ristorante affollatissimo anche se non abbiamo prenotato; ombrelloni in spiaggia nelle prime file (anche se arriviamo a mezzogiorno); tavoli nei locali precedentemente riservati ai vips … ci è successo di tutto e quando ce lo raccontiamo ci facciamo immense risate. E la mia amica spesso mi dice: non, no , vado io! Voglio vedere se funziono ancora…
    @marysamba, beh, a me l'alcool non fa proprio bene, però ogni tanto… e che cavolo… 🙂
    @Unpercento, beh, di solito io assaggio solo quelle che produce mia madre: so come seleziona le carni – è una vera arte –
    @nimesse, buona, ma non si può mangiare tutti i giorni…
    @filomenoviscido, mai ripetersi…
    @ meleangelo, ci credo!
    @Mikereporter, ma io sono tutto e il contrario di tutto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *