Frings squalificato, l’alibi è servito

Atmosfera bollente fra Italia e Germania. Dopo l’editoriale del Der Spiegel, considerato pessimo giornalismo da più parti, l’intervista rilasciata da Gattuso riaccende i dissapori. La federazione Italiana è accusata dai tedeschi di aver fortemente voluto la squalificazione di Frings, ma ai più, tutto questo livore sembra l’alibi che la Germania andava cercando in uno scontro che da sempre rappresenta il suo spauracchio. Vedremo: vinca il migliore. La mia anima è ancora divisa, nonostante il forte tifo italiano della mia famiglia… A domani

8 commenti su “Frings squalificato, l’alibi è servito

  1. utente anonimo

    Ti senti così tedesca ?

    Brunius Pensatoio

    p.s. l'ultimo commento sulla foto balneare era il mio…

  2. brugue

    Credo di comprendere il tuo disagio manifestato in più occasioni (almeno leggendo i tuoi pensieri e le riflessioni). E non è corretta la solita battuta "in qualunque caso vinci…". Non è così. Per fortuna è solo un gioco. E non una scelta di vita. Ma queste sono cose più serie. Domani divertiamoci solo… almeno si spera (eh io resto fedele al tricolore… un po' brasiliao…)
    ciao Bruno

  3. Tisbe

    Se mi sento tedesca? Per certi aspetti sì. Più che altro stimo molto il popolo tedesco, in particolare ne amo l'alta cultura: la filosofia, la letteratura, la sacralità del tempo libero e il senso della responsabilità… ma tiferò Italia: sono italiana al 100% (e si vede!!!!!)

  4. brugue

    Allora ho compreso bene il tuo pensiero… Ed era naturalmente una questione culturale. Anch'io stimo per molti aspetti il popolo tedesco. Ma sul calcio non capiscono niente… (ehm scusate mi sono fatto prendere la mano dal mio animo meno nobile…)

  5. SuaSquisitezza

    CHE PALLE STA PARTITA!!!!!!
    Ma possibile che da qualche giorno, esista solo questo problema?!?
    M'hanno cancellato.. pure il concerto degli afterhours
    uffffffiiiiiiiiiiiiiiii

  6. Tisbe

    @brugue, ho letto un articolo che plaude entrambe le scuole calcistiche perché sarebbero "puriste", a differenza di quelle francese e inglese, con forti contaminazioni di gioco africano e/o coloniale
    @alexis62, non conosco Brescia 🙁
    @SuaSquisitezza, deve passare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *