Perché a questo mondo ci vuole fortuna

Ci sono notizie che quando arrivano invitano alla riflessione anche se non riguardano direttamente noi stessi. Ed è quello che è accaduto a me. Della questione ne parlavo già con gli amici e con chi mi circonda ed i fatti hanno confermato i miei sospetti: a questo mondo non bisogna avere meriti; bisogna avere fortuna. Ci sono persone che fin da quando vengono al mondo sono accolte con amore, e, qualsiasi cosa viene porto loro su un vassoio d’argento; queste persone non devono occuparsi di nulla se non di vivere spensierati. E ci sono persone, invece, che nascono sfortunate, e per quanto si sforzino e si diano da fare, il destino si accanisce con inaudita violenza nei loro confronti. I primi dileggiano i secondi perché li accusano di essere degli inetti e degli incapaci. Tengono a far credere che quello che si ha è solo per merito, ma non è così. C’è chi ottiene tutto senza sforzi, e quel che è peggio, senza merito alcuno, e chi invece, pur avendo molti meriti, fatica ad ottenere un minimo di riconoscimento. Questo mondo non tiene mai conto dei meriti delle persone e colpisce sempre i più fragili. Solo per questo motivo dovrei credere per forza nel Karma, altrimenti dovrei riconoscere che non esiste GIUSTIZIA. Dedico queste parole ad una persona che è stata perseguitata dal destino, perché non ha avuto affetti, è stata più volte sfruttata sul lavoro e adesso il fato ha trovato un altro modo per colpirla. Anche se non credo molto nell’afficacia delle preghiere, mi affido al mio Dio e chiedo a voce bassa, per non ferire nessuno, che faccia giustizia!

10 commenti su “Perché a questo mondo ci vuole fortuna

  1. utente anonimo

    hai visto il film Match Point?..
    " la vita è come una partita di teennis… la pallina può colpire la rete..e i casi sono due…o va dall 'altra parte…E VINCI…o torna indietro..e PERDI.."…

  2. utente anonimo

    …sono passata di qui xchè sapevo che avresti scritto un post in merito… Da quando ho coscienza di me, posso dire di aver SEMPRE creduto fortemente:
    1) nell'imprescindibilità del fattore K per un'esistenza quanto meno serena;
    2) nell'INgiustizia terrena;
    3) nella tracotanza (hybris greca) di chi è stato baciato dalla dea (manco a dirlo…) bendata.
    Un pensiero anche da parte da mia a…
    TVB!!! CB

  3. Giuvale

    Da quando l'Uomo ha messo piede sulla faccia della terra, ha anche messo i piedi in faccia ai suoi simili.
    Che ci vuoi fà è legge di Natura: la legge del più forte…
    Comunque complimenti per le tue riflessioni!
    Un saluto
    Giu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *