Ferite

Ci sono ferite visibili che si rimarginano con il passare del tempo e non lasciano traccia.

Ci sono altre ferite meno visibili che non guariranno mai, e non basterà l’eternità per cancellarle.

Ci sono offese verbali che fanno male più delle offese fisiche, e ci sono le cosiddette «persone perbene» che sono più pericolose di un serial killer.

Vorrei avere sempre la lucidità per non lasciarmi ferire dalle brave persone.

«Ti lascio un sorriso, grande e forte Tisbe. Io non credo che mai nessuno riuscirà a spegnere la tua luce, finchè tu avrai la capacità di amare, anche se tenterà in tanti modi. Le cicatrici lasciate dalle parole fanno male. Tanto. Ma si può pensare che erano solo parole… Come i sepolcri imbiancati che le hanno pronunciate» tuttominuscolo

«La memoria ferisce, sempre. Ferisce nei “ricordi belli”, perché sai benissimo che non potranno più reiterarsi. Ma ferisce anche e soprattutto nei “ricordi non belli”, perché sono quelli che imprimono nella tua anima una sorta d’invisibile faglia. La memoria ed il tempo, allargano ogni giorno di più questa frattura».Fraba

18 commenti su “Ferite

  1. TYTTY_

    sarebbe bello avere la possibilità di scansare "quel troppo" ma mi chiedo come potrebbe essere chi non si fà ferire.
    Forse non lo voglio sapere 🙂
    Ti abbraccio…
    Ty

  2. cretaefaci

    Le ferite si rimarginano.
    E le cicatrici rimangono lì a consigliarti di non ricadere nell'errore.
    p.s.: aspetto ancora la tua controreplica a quel discorso… non ci sarà mai, lo so, mai lasciare scorrere troppa acqua sotto il ponte!
    🙂

  3. Tisbe

    x marcobroc@tele2.it
    il brano che si ascolta in sottofondo è de The Black Heart Procession – It's A Crime I Never Told You About The Diamonds In Your Eyes Se ripassi potrai saperlo…
    @cretaefaci, francamente ho dimenticato tutto. Quale controreplica? Ricordamelo perché non voglio essere tacciata di non saper controreplicare 😉
    @TYTTY_, mmm… potrebbe essere "poco umano"? Eppur …ci sono
    @Darrosquall, davvero? E come mai?
    @bragiu, dopo un po' si diventa più cauti, ma si mimetizzano bene… troppo bene!

  4. fraba

    mi hai dato lo spunto per un post sulla "MEMORIA". Spero tu non ti offenda se utilizzerò queste tue parole per "aprire" la mia riflessione.

  5. utente anonimo

    … Ferite e cicatrici nell'anima???
    Male ricevuto gratuitamente???
    Offese ingiuste???
    Cattiveria travestita da ipocrito perbenismo???
    Tì, lasciamo perdere, va'…
    Semplicemente un saluto…
    TVB!!!
    Carmen

  6. Filemazio

    Ciao tisbe,…
    ..
    ma che caso,..proprio stamane stavo pensando di scrivere qualcsoa sulle brave persone e . . . . su quelle meno brave…

    quasi telepatia..

    ma non so se lo farò!!!!!

    ciao

  7. tuttominuscolo

    ti lascio un sorriso, grande e forte Tisbe. io non credo che mai nessuno riuscirà a spegnere la tua luce, finchè tu avrai la capacità di amare, anche se tenterà in tanti modi. le cicatrici lasciate dalle parole fanno male. tanto. ma si può pensare che erano solo parole… come i sepolcri imbiancati che le hanno pronunciate.

  8. marissamora

    prima domanda da farsi quando si viene feriti dalle parole:
    ma questa persona "mi vede? mi coglie? mi ri-conosce?!"
    Solo le parole di chi hai lasciato entrare nel tuo microcosmo meritano di essere considerate importanti; a volte, possono ferire ma più spesso aiutano a crescere.
    bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *