Fantapolitica – Sulla guerra preventiva e i suoi fantasmi

Riciclo un vecchio post, sempre attuale per il suo contenuto provocatorio…

Anno 1899, siamo nella piccola cittadina austriaca di Braunau. La pace del piccolo centro viene interrotta da un macabro ritrovamento. Nel vicino bosco di abeti, un cittadino rinviene il corpo orrendamente mutilato di un ragazzino locale. Comincia subito la caccia al mostro. Qualche giorno dopo, un personaggio noto a tutti per le sue stravaganze, si fa sorprendere in uno stato confusionale. Sui suoi abiti ci sono inequivocabili tracce di sangue. Le forze dell’ordine devono proteggere il presunto assassino dalla folla inferocita che vuole linciarlo. Lo strano signore comincia a farfugliare frasi sconnesse. Ammette l’infanticidio, ma afferma che un angelo del Signore gli ha ordinato di farlo. Continua a urlare: «E’ un demone, è un demone…io ho dovuto ucciderlo. Stava per ammazzare milioni e milioni di persone! Dio mi ha ordinato di fermarlo! Io ho fatto solo quello che mi ha ordinato Dio». L’uomo continua a raccontare di avere avuto delle visioni. C’erano corpi di uomini nudi, ridotti alle ossa, e tutto ciò era opera del ragazzino. Fu considerato un pazzo. Non si sa ancora se sia stato condannato a morte o se sia rimasto in carcere a vita. Il nome del ragazzino ucciso nel bosco era Adolf Hitler.

Riflessioni: sappiamo davvero cosa è il bene e cosa è il male? siamo capaci di poterlo decidere? Il nostro sistema cognitivo ci permette di discriminare efficacemente senza "se" e senza "ma" questa dicotomia? E’ possibile prevedere il futuro ed addebitare delle colpe non ancora commesse? Nello specifico è possibile la guerra preventiva? E’ possibile l’omicidio preventivo? Il Vangelo ci riporta l’esempio di una guerra preventiva: La strage degli Innocenti. A voi la parola.

8 commenti su “Fantapolitica – Sulla guerra preventiva e i suoi fantasmi

  1. tuttominuscolo

    troppe alte per me le tue domande. io non conosco risposte e non so dare opinioni. so solo che dovunque io vada il bene e il male e tutto ciò che comprendono, o meglio, la Vita e la Morte, che li comprendono, hanno vestiti diversi su un corpo uguale.

    ciao T… e grazie della tua cortesia.

  2. lucecomespari

    mmh.

    beh. la guerra/l'omicidio preventivo è possibile eccome. visto che viene continuamente attuato.

    il che porta al primo corollario: se ci sono dei 'capi', delle intensioni d'autorità, c'è anche chi quei capi li vuole.

    quindi il più alto grado gerarchico è anche il più debole. poiché è quello che può essere rimpiazzato, paradossalmente, ad ogni momento.

    non ci vuol molto a capire che non si andrà avanti a lungo, così.

    che facciamo?

    dalla tendenza, la guerra s'orienterà sempre di più sui civili. un caso è il libano.

    e contrariamente a quanto si pensa, NON sono i militari a volere la guerra. dato che sono loro a combattere [e morire].

    la cosa è nota. o si assume un impegno orizzontale, del civile, e CAMBIA [dato che sono i suoi bisogni a chiedere, in ultima istanza, soddisfazione e, per motivi più o meno vari, guerra.], o ci sarà sempre più rischio per via degli indiretti al potere.

    vale a dire proprio i civili.

    altrimenti aver presente la cosa, e comportarsi di conseguenza. conoscere il rischio. il civile tende a non essere più bulletproof.

    una minoranza di 'nond'accordo' non giustifica più.

    en passant: una domanda simile mi pare che venga fatta anche nello zadig di voltaire.

  3. Tisbe

    @tuttominuscolo, non ci crederai ma mi pongo domande simili fin da quando ero piccina… e nessuno riusciva a rispondermi 😉

    @dittaturacleric, non ci crede nemmeno chi è credente!

    @bhikkhu, che la sinsitra possa essere bacchettona mi spaventa a morte: in cosa mi identifico poi? Mi rimane solo me stessa 😉

    @macca, eppure i più viaggiano lungo la vita credendo di esservi immersi dentro e di sapere la verità Eh Sì

    @ pieroC, passerò per il tuo salotto virtuale Promesso 🙂 grazie per la visita

    @lucecomespari, è possibile perché c’è, ma è possibile come pensiero? Davvero possiamo fare il processo alle intenzioni? Ciao

  4. lucecomespari

    "@lucecomespari, è possibile perché c'è, ma è possibile come pensiero? Davvero possiamo fare il processo alle intenzioni? Ciao "

    in questo senso, non è possibile.

    definiamo il 'bene' [il movente del processo] come 'conservazione della specie'.

    nel lunghissimo periodo, ogni cosa che faremo sarà male. poiché contribuirà alla morte entropica dell'universo.

    è una sorta di destino, quindi di non-possibilità. 😉

    a parte gli scherzi, personalmente ti rispondo di no.

    "tutte le disgrazie dell'uomo derivano da un 'pressapoco' inciso su una bandiera" [cioran]

    quel 'pressapoco' sono gli eventuali 'preventivi', appunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *