…ma che bel titolo…

«Coop fa il pieno coi farmaci: una manna il decreto Bersani »

Indovina indovinello, su quale quotidiano italiano è comparso questo titolo? Sì, sì, proprio su Il Giornale! Non c’è da sbagliarsi. Per la verità il contenuto non è male, perché si limita a raccontare il boom delle vendite dei farmaci da banco, ma il titolo… Il titolo muove un preciso sospetto, e cioè che Bersani con il suo decreto abbia favorito le Coop rosse. Ebbene, finché il farmaco ha pasciuto la potente e borghese lobby dei farmacisti tutto era legittimo! Non sia mai che sia qualcun altro a guadagnare, non sia mai. I conservatori siamo noi: i ricchi devono rimanere ricchi, i figli degli avvocati devono fare gli avvocati, e i figli degli operai continuino a fare gli operai. E questo lo chiamano liberalismo? E questo lo chiamano regno della meritocrazia? Non prendiamoci in giro, su!

Poveri farmacisti, sfido io che alle prossime elezioni voteranno Forza Italia. Però c’è da dire che i consumatori sono molti di più  

13 commenti su “…ma che bel titolo…

  1. Loreanne

    Da quando c’è il nuovo governo, non finisco di stupirmi di come l’opposizione cerchi di rigirarsi ogni “frittata” come meglio conviene loro.

    E questa notizia, fa parte di quella lunga serie…

  2. bhikkhu

    Poteva benissimo essere Libero…

    Ora i casi sono 2: o Bersani ha favorito appositamente le Coop, oppure ha semplicemente ascoltato le suppliche di chi ha messo la firma per avere i farmaci da banco al supermercato…

    Il titolo non lo fa chi scrive l’articolo, credo. E spesso ci sono titoli di merda per articoli più che dignitosi…

    P.S. Stasera al Tg5 hanno detto che le politiche del governo hanno fatto alzare i prezzi. Ci sono arrivati con qualche anno di ritardo, ma ci sono arrivati…

  3. lameduck

    Comunque è idiota che il governo Tafazzi continui a lasciare tutti i mezzi di informazione che contano, i TG vari, nelle mani di Berluscone. Qualunque cosa faccia Prodi ha il coro di prefiche che piange dalla mattina alla sera. Ma si può tenere ancora Mimum e Mazza a TG1 e TG2? Ma li sentite i servizi di “coda di Pagliara” dal Libano?

    A proposito, e Santoro, Biagi, Luttazzi, Travaglio, Guzzanti (nel senso dei fratelli)????

    Perchè non sono ancora tornati in tv? Perchè in tv non è cambiato NULLA?

  4. fraba

    @lameduk

    Travaglio, se ti sei perso la cosa, è stato finanche sconfessato dalla sinistra. Ormai viene definito un “giustizialista con pericolose tendenze destroidi”.

    @tisbe:

    siamo certi che i “consumatori” rammenteranno quanto accaduto in merito alla faccenda delle liberalizazioni? Ho qualche dubbio.

    Il gregge, soffre sempre di amnesi totale quando si tratta di deporre la scheda nell’urna.

  5. Tisbe

    @Loreanne, per non parlare della campagna diffatoria riguardo la missione di pace in Libano! Come al solito il bue dice cornuto all’asino. Il loro governo ha affiancato la missione predatoria degli stati uniti a danno dell’Iraq, e adesso non va bene se il governo Prodi manda l’esercito sotto l’egida dell’Onu (che è altra cosa) per tentare di mettere pace tra Israele e Libano. Mah, sono proprio ridicoli!

    @bhikkhu, Certo, anche Libero in quanto a mancata obiettività non scherza! Poi quelli che commentano hanno un livello culturale davvero inqualificabile

    @lameduck, In questo anche il governo Prodi ha le sue colpe. Io aspetto ancora che varino una legge sul conflitto d’interessi. Auspico che Berlusconi non possa mai più candidarsi, oppure che rinunci al suo potere mediatico! Perché non lo stanno facendo? E chissà perché penso che questo sia dovuto alla volontà d’alemiana.

    @Darrosquall, Sono d’accordo. Che lo facciano per altri 10 anni…minimo! Ciao 🙂

    @fraba, Eh sì, certo che il popolo dimentica e segue sempre la corrente … Vedremo

    @arpia, i farmacisti sono sempre stati schierati a destra perché l’ideologia di destra si fonda sul principio di diseguaglianza sociale e fomenta le gerarchie. I farmacisti credono di essere superiori e quindi di appartenere ad una classe sociale protetta, ma le cose devono cambiare

  6. d4rkcloud

    Hai ragione quando dici che il popolo dimentica facilmente.

    Non riesco ad essere d’accordo con tutto ciò che fà il governo, ma il decreto Bersani va benone.

    E poi come ha scritto qualcuno, le coop rosse rappresentano il 20% della grande distribuzione.

    Il resto di rosso non ha proprio un bel niente.

  7. moltitudini

    ok..però pensare che Bersani nel predisporre questo dispositivo due calcoli sugli incrementi dei fatturati della COOP non li abbia fatti….visto che la coop stessa da anni chiede questo provvedimento..

  8. onavi

    hahaha io ne conosco un in paese che era di sinistra "verde" ora è passato all'altra sponda,ma chi se ne frega!
    comunque nn credere che tutti i consumatori abbiano cervello per pensare.
    un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *