Un consiglio al predatore

Dopo aver esportato civiltà e democrazia in Iraq ed Afghanistan, mi chiedevo, se il predatore (vero nome di Bush) sarebbe disposto ad intervenire per  portare la civiltà in India. Dopo questo episodio sconcertante mi sembra il minimo: Bombardiamo l’India, così imparano a fare gli incivili.

E’ un momento d’oro per l’uomo più potente del pianeta. Buone notizie arrivano anche dal Messico. «La vittoria di Calderon e’ una buona notizia per gli Stati Uniti che in lui vedono un alleato affidabile in un’America Latina che negli ultimi anni ha visto l’affermazione di leader di sinistra fortemente critici, se non addirittura ostili, verso la politica statunitense».

8 commenti su “Un consiglio al predatore

  1. fatanuda

    dopo aver fatto gridare tanti cittadini nelle piazze quel resistere resistere resistere ora ascoltiamo un pacato desistere assistere!
    esportiamo democrazia in rai?

  2. utente anonimo

    …dovrebbe esportare la democrazia anche nei vari paesi africani…ops forse l'ha già fatto!
    laura

  3. filomenoviscido

    tanto felice non è Bush: la GB dovrebbe dimettere Blair tra non molto, il piano di conquista delle risorse mediorientali è fallito (vedesi voltaggani di Stati exsovietici avvicinatesi alla Cina) ed indovinate un po' con chi hanno fatto i debiti gli USA per pagarsi le guerre? proprio con la Cina!!

    ma se Bush dovrebbe piangere (e lo farebbe se avesse cervello e cuore) , noi non dobbiamo ridere: i Cinesi sono PEGGIO !!!

  4. Tisbe

    @fatanuda, il tuo commento da me è un evento eccezionale! Devo subito correre a stappare il migliore spumante … La comunicazione? E' tutta una farsa, ma non solo per questioni politiche ed ideologiche, anche per le aride leggi di mercato: si parla di ciò che potenzialmente può fare più audience, e siccome il target di riferimento è quello che è…
    @draculia, Hai ragione! Nel fondo di me, però, rimane sempre un po' di rabbia, anche quando sono depressa
    @laura, Lo hanno già fatto e lo stanno facendo, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. I risultati di questa geopolitica scellerata sono qui, sulle nostre coste!
    @Eliantotisaluta, Mi dispiace, dovrai aspettare ancora molto, forse per sempre.
    @Myrrdin, No, non ci provo nemmeno: mi arrendo subito 😉
    @filomenoviscido, Hai ragione. Io sono per l'integrazione totale, per un mondo senza dogane, senza mappe e senza confini, ma se l'Occidente ha proprio bisogno di crearsi un nemico, allora ha sbagliato decisamente indirizzo… Il vero problema è che i politici che arrivano a prendere in mano le sorti del mondo non sono mai dei grandi storici, e di conseguenza non sanno fare la storia. Spero che questa volta venga a salvarci quel miracolo collettivo noto come "eterogenesi dei fini". 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *