Seconda dichiarazione d’amore

Nonostante oggi non abbia particolarmente tempo, ho sentito il dovere morale di ringraziare una persona. Mi è stato lasciato questo commento: «Molto bello il tuo blog. Rispecchia una grande sensibilita’, verso le donne e le ragazze che hanno avuto la sfortuna di innamorarsi di un mostro che le ha poi uccise,come mia cugina Ermira, per noi Rossella, che hai citato. Una persona viva e allegra, munita di una forza di vivere immensa. Ha superato tante disavventure, fino a otto anni, quando l’abbiamo accolta nella nostra famiglia, dopo l’adozione. Non penso che avrebbe voluto lasciare orfani i suoi piccolissimi figli, pero’ e’ successo. Nn credo che cio’ nn accada piu’ ma spero che blog come questo aiutino a sensibilizzare la gente. Grazie!».

Sono io che ringrazio te per questo grande riconoscimento. E’ solo grazie ai miei lettori che continuo a scrivere. La mia forza risiede tutta in chi mi legge e mi sostiene. Grazie ad attestazioni di stima come queste, io continuo a scrivere, a denunciare, con la forza di chi crede che questo è ancora un mondo dove la convivenza civile è possibile. La mia penna è al servizio dei deboli, degli oppressi, delle vittime, degli ultimi. Sono blogger per questo … scrivo per questo e lo farò fino alla fine dei miei giorni. Oggi sono contenta, perché qualcuno mi ha scritto, perché mi ha chiesto di continuare … Tutto questo dà un senso alla mia vita… GRAZIE Grazie infinite

4 commenti su “Seconda dichiarazione d’amore

  1. alexperry

    ho apprezzato molto l'espressione "sono blogger per questo". chi apre un blog può farlo per un sacco di motivi, ma c'è chi lo fa solo ed esclusivamente per parlare di cose di cui in giro non si parla, per omertà, difficoltà o solo pigrizia. trovo che sia provvidenziale.

    ciao!

    Alex

  2. Tisbe

    @Landofnowhere, Cattivone! Sei o non sei il mio primo link in? Comunque grazie
    @vistodalsud, Che si dice? Beh, sulla notte bianca potrei scrivere un libro bianco 😉 Allora ci sentiamo e ci incontriamo? Ho voglia di conoscerti 🙂
    @alexperry, E' vero, ci tocca fare il lavoro che i giornalisti non vogliono più fare. Oramai si scrive solo per guadagnare 😉 E in fondo bisogna pur sopravvivere e se non trovi un imprenditore con le idee aperte è dura… veramente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *