La “famiglia” è di destra o di sinistra?

La destra tuona contro i Pacs, si fa portatrice dei valori cristiani e difende strenuamente la sacralità del matrimonio cattolico, ma quanto è credibile tutto questo? Poco se prendiamo in considerazione l’esempio che danno gli esponenti maggiori della Cdl. Il caso più eclatante è quello di PierFerdinando Casini divorziato e "concubino" che dal rapporto "peccaminoso" ha avuto anche una figlia (giusto per usare la fraseologia cattolica). Segue a ruota il leader maximo Silvio Berlusconi, anch’egli divorziato. Ma la lista dei grandi propagandisti dei "valori" cattolici è lunga: da Bossi a Castelli, a Daniela Santaché. E’ legittima una riflessione: ma in mano a chi stanno i grandi "valori" cristiani? Non è questo il segno di una grande ipocrisia diffusa in maniera capillare? E’ facile predicare bene e razzolare male. E’ evidente la tipica strategia della destra. Le proibizioni sono solo per il popolo perché, è risaputo che, il potere e/o chi lo detiene sfonda la rete delle leggi.

Paradossalmente la parte politica che si è sempre battuta per il divorzio, per l’aborto e che attualmente si batte per i Pacs, è l’unica vera rappresentanza positiva dell’istituzione "famiglia". Famiglie monolitiche, ironiche e stabili sono quelle di Bertinotti, Prodi e D’Alema. Come dire che, chi sa di poter "divorziare" mette in conto questa possibilità e fa una scelta matrimoniale più saggia ed oculata. Morale: la destra predica bene e razzola male, la sinistra fa il pieno dei risultati.

Ps: Una volta qualcuno mi disse che i divorziati sono "difettati". Beh, io lo sono, ma fortunatamente non sono di destra e ringrazio apertamente tutti coloro che con le loro battaglie e il loro sacrificio hanno reso possibile che io potessi riappropriarmi della mia individualità e della mia dignità di persona. E adesso voglio i Pacs

Aggiornamento

Sullo stesso tema del divorzio e la chiesa. Leggetevi questa: è da non perdere

11 commenti su “La “famiglia” è di destra o di sinistra?

  1. marysamba

    una settimana prima di sposarmi,come di "regola",il prete del paesino dove abitavo,ha voluto parlare prima con me e poi da solo con il mio futuro marito……
    Mi ha fatto le classiche domande pre matrimonio….e alla domanda "cosa pensi del divorzio???!!" io senza nessun tipo di malizia risposi" bhe,.se due non vanno piu' d'accordo,peche' devono stare insieme?? benvenga il divorzio….^_____^" …….successe il pandemonio… il prete incavolato nero che mi predicava tutte le sacre scritture…ed io che cercavo di arrampicarmi sui vetri dicendo che mi ero sbagliata…non volevo dire DIVORZIO …ma separazione..(che poi alla fin della fiera e quasi la stessa cosa) non dimentichero' mai la faccia innorridita del prete…hi hi hi

  2. Tisbe

    @marysamba, I tuoi commenti mi strappano sempre un grande sorriso. Grazie
    Di sicuro sarò a Roma in dicembre. Devo assolutamente incontrarti 😉
    @oxygenetic, Non avete un banner?

  3. sermau

    il moralismo della CDL fa ridere. Nonostante gli sforzi che fanno per essere "morali" i risultati sono veramente scarsi e controproducenti.

  4. utente anonimo

    ..Sul fatto che la possibilità di divorzio porti a scelte più oculate, ne dubito, ma per il resto sono pienamente d'accordo.
    In campo civile, le leggi non dovrebbero far altro che rispecchiare le realtà, regorarle non permettendo che uno possa migliorare la propria vita a discapito degli altri, senza dare indirizzi morali che non siano quelli accettati da tutti (o quasi): questa sarebbe la teoria di uno stato laico.

    Quella che risulta chiara è la strumentalizzazione di argomenti etico-morali o religiosi, in periodi di smarrimento collettivo, come quello in cui viviamo…ma, vabbè, il discorso sarebbe lunghissimo e questo è solo un misero commento ad un post! 🙂

    Saluti, Tisbe!

  5. lacqua

    Condivido tutto quello che hai scritto, e con ancor più forza lo condivido se penso che sono un credente.
    Quanto ai pacs, speriamo. Ma con le grandi manovre in corso, la costruzione di questo insipido e insulso Partito Democratico e tutto il supermoderatismo che ne verrà, temo che dovremo attendere ancora a lungo!

  6. andrij83

    Vabbè, ma non mi dire che c’hai creduto veramente… certe cose si dicono così, tanto per dire… se poi uno si mette a guardare il capello. Non penserai che quando borghezio dice che gli immigrati i negri di merda e gli islamici del cazzo li dobbiamo cacciare a calci in culo dall’Italia, dica sul serio… E, come si dice, folklorismo. Come la pizzica o la taranta. E’ cultura popolare.

    Per il resto, la parte sulla sinistra è vera. Dalla mia famiglia, quella che conta e con cui ho rapporti, escono circa 6-7 voti per Rifondazione e 3-4 per i DS ed effettivamente sono tutti sposati, non c’è un divorzio, un gay, neanche uno cavolo di bisessuale. Eppure siamo tutti per i PACS. Certe volte pare che il mondo gira alla rovescia… Per citare le Radici nel cemento.

  7. Tisbe

    @sermau, Non hanno ancora imparato la lezione: nessun essere umano può porsi come esempio, perché comunque sbaglierà. Infatti i miti necessitano di una morte prematura 😉
    @attardarsi, Le regole, di solito, sono sempre mirate a danneggiare l'altro e (in Italia) ad essere raggirate dai potenti di turno
    @lacqua, Tanto spingerà la forza del progresso che i Pacs si faranno. In questo sono rigorosamente crociana
    @andrij83, Non lo diranno sul serio, ma la marmaglia populista che li segue li prende alla lettera… altro che folklorismi, c'è da rabbrividire…

  8. senal

    non diranno no ma sarà un continuo rimandare!
    ricorda ai ds che conosci che negli ultimi anni, penso fini al 2005, loro hanno fatto una campagna politica nazionale sui Pacs, ho visto ragazzini montare gazebo e tavoli ad una festa, erano pieni di volantini.
    ricorderanno?

  9. utente anonimo

    ma cosa cavolo c entra.
    a parte che parlando di pacs, non si parla assolutamente di famiglia.
    ma voi che siete così perfetti,che vi va tutto beene, che nn divorziate, peace and love for ever, perchè sieete sempre a lamentarvi '???!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *