Se la prof dà il cattivo esempio

La blogosfera sente molto il problema. Alcuni accadimenti relativi al mondo della scuola hanno trovato spazio in post di sicuro interesse. Come il caso della prof di matematica che dà lezioni di sesso a tre studenti segnalato, tra gli altri, da Terrorpilots, oppure l’incresciosa sospensione di un prof colpevole di essere PACIFISTA segnalato con arguzia da SenzaSchemi.

Io, però, voglio parlarvi di una storia che mi riguarda da vicino, molto da vicino. E ve ne parlo perché vorrei conoscere la vostra opinione in merito. Oramai tutti siete a conoscenza del fatto che ho una figlia adolescente, che da sempre chiamo affettuosamente Pecheche. A lei sono legata, non solo perché sono sua madre, ma anche per un altro motivo che scoprirete leggendo. Pecheche frequenta la seconda Liceo Linguistico e qualche settimana fa è stata mandata fuori dalla classe dalla professoressa di Italiano e Latino, perché dopo 3 ore di forzata immobilità si è permessa di stiracchiarsi. Ma fin qui non ci starebbe nulla di male. Il problema vero è che la prof le ha detto di andare fuori dalla classe e di «non ciondolare» o comunque "senza ciondalarti". Ora l’andatura ciondolatoria di mia figlia non è dovuta a un vezzo o ad una mancanza di rispetto per chissà chi, ma è l’effetto di un permanente problema motorio causato da un’emiparesi spastica dx ed equinismo dalla nascita, certificato dalla legittima commissione Asl di Avellino. Di questo problema è stato messo al corrente tutto il personale docente, nonché la prof suddetta. Inoltre ho personalmente consegnato documentazione per chiedere l’esonero dalle lezioni di Educazione Fisica.

Ecco, io vorrei sapere se l’insegnante ha il diritto di umiliare un alunno per un comportamento che non dipende dalla propria volontà ma da una condizione di diversa abilità. Ho telefonato alla prof, e lei è partita sulla difensiva, si è giustificata dicendo che la sua intenzione era quella di avere un comportamento nei confronti di mia figlia, uguale a quello che ha con gli altri, per non farla sentire emarginata. Io ho cercato di farle capire che questo atteggiamento con un soggetto come mia figlia è altamente distruttivo. Le causa, infatti, uno stato di forte stress e una chiusura verso gli altri e verso il mondo esterno. Andando avanti di questo passo tutti i miei sforzi per inserirla nel tessuto sociale sono destinati a fallire miseramente. La prof mi ha assicurato che avrebbe cambiato atteggiamento, ma a tutt’oggi non è accaduto. Anzi durante la riunione del consiglio di classe ha aggredito verbalmente anche me (ha aggredito un po’ tutti). Dubito che sia capace di comportarsi in maniera "comprensiva" nei confronti degli altri e soprattutto degli alunni che considera una sorta di dementi. Ah la prof ha 65 anni e ha una mentalità scolastica decisamente obsoleta.

20 commenti su “Se la prof dà il cattivo esempio

  1. cassandra666

    cara io non sapevo avessi una figlia
    comunque io le cambierei scuola no gli insegnanti
    non devono umiliare gli alunni ,ma purtroppo
    lo fanno ricordo quando andavo a scuola io,
    che un'alunna, fece un regalino all'insegnante di
    filosofia nulla di che
    un cestino di uova di cioccolato,
    quella t@@@ glie lo rifiuto'
    lei stette zitta io le avrei dato della cafona,
    sai cos'e' e'che loro si sentono
    superiori perche'stanno in cattedra
    poi stanno come una mia insegnante
    d'inglese a sbavare dietro i pantaloni
    del presside,guarda leggi se esiste ancora
    forse in qualche biblioteca
    a scuola si muore, non e'falso
    la scuola certi insegnanti ti portano ad odiarla
    per certi giochi meschini
    io non sono andata mai daccordo con le suore
    che le ho sempre viste incattivite
    da quella veste che si portano adosso,
    si senono superiori perche'hanno la veste
    peccato che sotto c'hanno una cosina
    come noi tutte che se la usassero
    sfogherebbero le loro frustrazioni

    va be'cambia scuola se non puoi fargliela
    cambiare all'nsegnante
    ùma e'una suora??ù
    mah ciao tisbe

  2. utente anonimo

    il problema serio è che moltissimi insegnanti non sanno insegnare, non sanno trasmettere "cultura", oltre a non saper educare…che dire…spero che tua figlia riesca a capire da questi personaggi quanto c'è di "sbagliato" nel mondo e a far tesoro in positivo di queste esperienze e non di farsi cadere tutto addosso, che l'umiliante è che esistano persone con questo tipo di sensibilità e approccio agli altri, anche se mi rendo conto che nell'età dell'adolescenza è tutto molto difficile.
    laura

  3. cassandra666

    utente anonimo per me si sentono superiori

    in quanto insegnano

    in quanto sono in cATTEDRA

    non capiscono che s’impara piu’dalla vita

    che dai loro testi

    e’cosi’certa gente non dovrebbe insegnare

  4. Tisbe

    Uno dei più annosi problemi irrisolti della scuola italiana e che nelle Medie e nelle Superiori i prof non sanno dove sta di casa la pedagogia e la psicologia dell’età evolutiva. Sono laureati ma non hanno le competenze specifiche per insegnare; questo è richiesto negli altri paesi europei. Certi prof non sanno nemmeno cos’è l’adolescenza. A parte questo caso specifico in cui la prof è particolarmente aggressiva e fa vivere gli allievi in un clima di terrore: non riescono nemmeno a parlare se interrogati. E’ una vergogna

  5. utente anonimo

    c’è gente in vari ruoli che ama mettere in difficoltà gli altri, ama usare il ruolo che ha per sminuire gli altri invece di trasmettere le proprie conoscenze, esperienze,etc. insomma accrescere il bagaglio culturale (in senso lato), è gente insicura e labile che cerca sicurezza nell’autoconvincersi di essere superiore, potente, etc dallo sminuire l’altro, è gente stupida. il problema è che quando vai ad influire su una persona che non ha armi ancora per difendersi, tutto è più grave (discorso generale).

    laura

  6. utente anonimo

    guarda io capisco benissimo tua figlia, perchè pur non avendo nessun tipo di disabilità diversa, ho subito negli anni del liceo un’insegnante del genere (donna), che però a turno dedicava le sue attenzioni a persone specifiche e c’è stato anche il mio.

  7. Tisbe

    @Laura, Questo comportamento che descrivi è patologico. Io l'ho ritrovato spesso nei "miei" uomini. Non so per quale oscuro motivo hanno sempre tentato nei modi più svariati di sminuirmi. Nei primi tempi ho tollerato, poi mi sono difesa, alla fine sono scappata e non gli consento nemmeno di avvicinarmi.
    Tornando ai prof, è chiaro che alcuni usino la loro posizione per compensare le prorpie frustrazioni nella vita sociale e personale, ma credo che sia un diritto di tutti sottrarsi a certi comportamenti. Mia figlia ha la fortuna di avere me che ha sempre insistito per farla sentire non "diversa" e basta, ma un "essere speciale" Ricordo quando era piccola le raccontavo che l'avevo scelta tra milioni e milioni di bambini, ed io avevo voluto lei e soltanto lei. Glielo raccontavo spesso e a lei pisceva sentirselo dire, continuava a chiedermi di raccontarle come era andata la cosa

  8. utente anonimo

    una delle piccole, ma grandi fortune che le persone che hanno "problemi" anche transitori in tutti i sensi è che generalmente chi gli sta vicino sono persone vere e molto belle (anche se poche) e per me non è cosa da poco…
    laura

  9. redpen2006

    Scusa l'OT, ma la tribù ha sentito il bisogno di ringraziarti per la segnalazione a Marina come blog politico.
    Con l'occasione ti comunichiamo di aver preso la decisione di linkarti tra gli amici degli indiani. 😉
    A presto.

  10. Filemazio

    ciao tisbe,
    certo l'insegnante è molto sgradevole, bisogna valutare quel è il comportamento migliore per metterla in condizione di nuocere il meno possibile….se gli altri prof. sono corretti e collaborativi, va messa in minoranza, isolata tanto poi l'anno prossimo dovrebbe andar via no ????

    ciao ed auguri ….

    filemazio

  11. PictorArs

    Credo che gli insegnanti debbano essere mandati in pensione ad una età adeguata.
    Anche se un comportamento del genere non si sviluppa con l'età…ci si nasce purtroppo!!!
    Hai provato a parlare col preside?
    Ciao.

  12. Tisbe

    @desiderio947, buon fine settimana 🙂
    @redpen2006, Perché ho grande stima della verità, è vero che sono stata io a segnalarvi a Marina ma è altrettanto vero che è stato Kamau a mettermi sulle tracce del vostra tribù. Grazie, sarete anche voi miei amici ,-)
    @Filemazio, Il problema non è solo personale, ma anche generale, perché ha creato un clima di terrore in classe
    @ PictorArs, Lei doveva andarci in pensione. Credevamo di esserci liberati, ma ha vinto il ricorso al Tar contro ogni previsione e credo che si sia incattivita proprio perché si è tentato di allontanarla dalla scuola. Sto aspettando qualche giorno se le cose non dovessero cambiare certo che parlerò col preside, pardon, il DIRIGENTE SCOLASTICO

  13. utente anonimo

    Guarda questa sciagurata prof nelle palle degli occhi. Probabilmente quando ha fatto qual che ha fatto non aveva pensato al problema di tua figlia, che magari non è immediatamente evidente. Senza incazzarti fàlle capire che c'è piu dignità nel chiedere scusa che nel nascondersi dietro le stronzate.
    ciao. buone cose 🙂

  14. utente anonimo

    Negli anni sessanta e settanta nelle scuole grazie alla Dc è entrato un po’ di tutto…

    Anch’io ne avrei da raccontare…

    E forse lo farò sul blog..

    Un abbraccio

    Italo

  15. Tisbe

    @cloroalclero, Ci ho già parlato ma ho ottenuto solo una sorta di ritorsione nei confronti di Pecheche
    @Italo, Vero, assolutamente vero. La Dc ha premiato le persone peggiori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *