19.35 Ricordi dalle macerie

23 novembre 1980 ore 19.35 una lunghissima scossa della durata di un minuto e venti secondi, di magnitudo 6,8 della scala Richter, rase al suolo 36 paesi situati al confine tra la Campania e la Basilicata. Colpita a morte la mia terra, l’Irpinia. 2735 morti – 8850 feriti

A ventisei anni di distanza ci portiamo dentro questa ferita che non rimarginerà mai alimentata dalle polemiche per una pessima gestione della ricostruzione.

Voglio ricordare qualcosa che molti non sanno. Grazie all’amico MindPrison sono venuta a conoscenza di un fatto che mi ha spinta a riflettere sulla complessità dell’animo umano: Forse non tutti sanno che… Saddam Hussein  (il cui paese è stato distrutto anche grazie all’appoggio dell’Italia berlusconiana, e che ora è condannato a morte) autorizzo’ la costituzione di un fondo a sostegno delle vittime del terremoto in Irpinia del 1980. Il fondo ha erogato all’incirca 3mln 200 mila dollari dell’epoca. La fonte  è QUI

Aggiornamento del 24 novembre

Non chiedetemi di apprezzare gli avellinesi. Ieri, anniversario del terremoto, è stato proiettato il film sul tema, della regista Baglivo "e dopo cadde la neve", girato interamente in Irpinia e, in sala, non c’erano più di 10 persone. Scandaloso, per una città di 60mila abitanti che polemizza continuamente e sterilmente … Io, malvista perchè tendo a criticare le abitudini dei miei concittadini, c’ero…

Non si ama la propria terra a chiacchiere!

13 commenti su “19.35 Ricordi dalle macerie

  1. freemorpheus

    Mi ricordo bene quel sisma, anche perché avevo parenti di mio padre a Potenza. Sono stato anche nel capoluogo lucano e ho visto il villaggio di Bucaletto dove ancora c’erano i prefabbricati con intere famiglie. Ricordo anche intere strade con case vecchie lesionate, i ponteggi, ecc. Non so ora cosa ci sia, sono alcuni anni che non scendo giù. Quanto a Saddam Hussein, non lo sapevo, ma non mi stupisce. Inoltre bisogna ricordarsi anche che gli Americani, quando serviva, hanno pure rifornito di armi Saddam e l’Iraq per la guerra contro l’Iran degli ayatollah…

  2. moltitudini

    Ma il ministro Parisi ha detto che i soldati in Iraq eran lì in missione di pace..e pure Napolitano…

    Gli unici aerei italiani che nel dopoguerra hanno bomardato qualcosa e qualcuno, distruggendo case , paesi, eccetera, li ha mandati D’Alema…non berlusconi.

  3. utente anonimo

    Si, Tisbe, però non possiamo certo assolvere per questo Saddam, un dittatore sanguinario che non ha esitato ad uccidere con le sue stesse mani i propri oppositori di regime oltre ad aver lucidamente sterminato migliaia di persone… Ciao.

    Mikereporter

  4. Tisbe

    @freemorpheus, Gli americanio vogliono giocare a Dio con il mondo e le persone.

    @smemorato, il vero lupo sa anche discriminare 😉

    @moltitudini, Per quello che valgono le parole dei politici… chiunque essi siano

    @BlueRoad, Bella immagine. Pure aggressiva Grazie 🙂

    @ Mikereporter, Io non lo assolvo, ma sono contro la pena di morte. E poi di sanguinari in giro, che fanno la bella vita, ce ne sono troppi e portano altri …nomi…

  5. utente anonimo

    vedi che molta gente da me interpellata non sapeva nulla.

    alcune amiche del centro donna (non è un centro che frequento sennò dovrei rinunciare a quell’etero..;-) che sono appassionate di cinema non sapevano nulla.

    Secondo me qualcosa non ha funzionato nella comunicazione.

    ciao

  6. llewal

    Non sapevo di Saddam. Non sarà uno stinco di santo, ma non peggiore dei dittatori occidentali. Purtroppo ci siamo assuefatti alle centinaia di morti ogni giorno in Iraq e la cosa non ci scandalizza neanche più…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *