Legge 40, Si quadruplica il numero delle coppie costrette all’estero per fini procreativi

Sono almeno 4.173 le coppie italiane costrette, nel 2006, a varcare i confini per sperare di diventare genitori grazie alla fecondazione medicalmente assistita. Un numero quattro volte superiore a quello registrato prima dell’entrata in vigore della legge 40 del 2004 (Governo Cdl), cioè 1.066. Lo riferisce l’Osservatorio sul turismo procreativo. Vanno soprattutto in Spagna, perché lì ci sono strutture organizzate con tanto di interpreti al servizio dei pazienti, medici italiani o bilingue. Oppure scelgono il Belgio o la Svizzera.Corriere

Anche poter avere dei figli è diventato un privilegio per ricchi. Per chi, in altre parole, si può permettere un viaggio all’estero. Bella equità… e ringraziamo la Chiesa!

30 commenti su “Legge 40, Si quadruplica il numero delle coppie costrette all’estero per fini procreativi

  1. Galdo

    Brava! fai bene a postare queste informazioni, dati di fatto. Il motivo per cui il precedente governo ha modificato la legge è proprio legato a doppio filo con la chiesa. Si potrebbe dire che tale legge è stata modificata in quel modo unicamente per questo motivo. Anche perchè non sarebbe stato un problema per la cdl, renderlo possibile anche nel nostro Paese. Anzi, visto che chi ha votato questa legge orrenda e liberticida, sono gli stessi che poi hanno quote azionarie nelle cliniche private, ci avrebbero pure guadagnato. E sappiamo bene quanto la destra sia legata al profitto, venderebbero anche la loro madre pur di accumulare. L'unico motivo è appunto il fatto di fare un regalo alla chiesa, farseli amici. E sappiamo bene cosa vuol dire avere la chiesa dalla propria parte. Tanti voti da parte dell'elettorato cattolico. Con questo metodo la DC ha detenuto il potere nelle proprie mani per 50 anni. Quella parolina magica.. democrazia CRISTIANA. Lo stesso motivo purtroppo che impedisce anche alla sinistra, di fare scelte davvero progressiste: la paura di inimicarsi l'elettorato cattolico. E poi ci si chiede cosa c'entri la chiesa? Nel nostro paese chi comanda è proprio la chiesa; alla quale il politico si china, sia che sia di destra, sia che sia di sinistra, a parte pochi casi isolati. Se su molti campi, tipo appunto la fecondazione assistita, siamo a questi livelli, è proprio a causa della chiesa. E poi ci raccontano la favoletta che l'Italia è uno stato laico.. si, così è scritto sulla costituzione, ma poi la realtà dei fatti è proprio l'opposto. Sulla fecondazione assistita siamo l'ultimo Paese in Europa. Molto triste questo fatto. Che poi, il bello è che ti vengono a dire, sia i politici, che la chiesa stessa, che loro sono per la famiglia e bla bla bla… questa legge è contro la famiglia, è contro le donne, è contro la libertà personale di poter decidere se avere un figlio o meno. E' uno schiaffo morale molto pesante. Oltre a essere, a parole, per la famiglia, il precedente governo si appella col nome di casa delle libertà. Un vero e proprio pasticcio all'italiana. Un'altra cosa va anche detta: perchè l'attuale coalizione di governo, che ai tempi in cui è passata questa legge ha fatto giustamente una strenua opposizione affinchè non passasse, ora che ha in mano le leve del potere, non la modifica? Anche questa cosa deve far riflettere. Anche qui il motivo è sempre quello, non scontentare la chiesa e l'elettorato cattolico. Poi, un'ultima cosa; scusa per la lunghezza del commento ma certe cose mi stanno a cuore, oltre che farmi incazzare, e quindi lo scrivo. Come si concilia ad esempio, il fatto che la destra sia su molti temi, in linea con la chiesa, e quindi contro l'aborto e contro il divorzio ad esempio, e poi si scopre che gli stessi sono divorziati, magari anche più volte?
    Anche questo fatto mette in risalto le qualità etiche e morali di questa destra. Quello che importa sono soltanto i voti, poi della chiesa non gli importa un bel fico secco. Sono falsi come Giuda, mentono sapendo di mentire. Ma possibile che l'italiano medio non ci arrivi a queste riflessioni? E poi hanno la faccia di bronzo di scendere in piazza contro la finanziaria.. dopo il buco di bilancio che loro stessi hanno causato. Le cifre parlano chiaro, non si tratta di avere un'opinione politica o un'altra, il buco è stato fatto dal governo Berlusconi. Nel 2001, quando è cambiato il governo, il bilancio dello stato era stato portato in pareggio. Perchè la destra non risponde di queste cose? Ma qui vado fuori tema rispetto al contenuto de ltuo post 🙂 Lo sai che i pullmann che partiranno dalle varie città per andare a Roma alla manifestazione, sono tutti pagati di tasca propria da Berlusconi? e che ci saranno un sacco di persone che manifesteranno perchè pagate? questo te lo dico perchè lo so per certo. Pagare la gente perchè scenda in piazza… ci rendiamo conto o no? Anche su questo, come su tutto, la destra non risponde.
    Ciao Tisbe, sono contento di aver trovato una donna come te, intelligente e combattiva.

    Saluti Rivoluzionari 🙂

  2. utente anonimo

    Non volevo andare a Roma.
    Poi elisabetta mi ha detto ma che devi fare.Le ho spiegato che ho moglie e figlio, lei ha detto vabbè per una volta.
    Torneremo a casa alle due di notte "?", penso che la mattina del 3 avrò un bel bernoccolo sulla testa.
    😉

  3. Tisbe

    @Crescenzo, Ma va? Sicuro di non sapere che la Chiesa ficca il naso in affari dello Stato che non la riguardano. Ti ricordi per caso l’appello della Chiesa ai suoi fedeli durante il referendum? Io sì, e non lo dimentico. E per colpa della Chiesa un sacco di gente MALATA soffre e non ha speranza. Una è mia amica ed è anche blogger

    @Galdo, La democrazia Cristiana e la conseguente paura di un Pci al potere considerato antesignano dell’assenza democratica hanno rovinato il bel paese. In Irpinia la situazione è drammatica. La sinistra (si fa per dire) si è svenduta ai democrisiani con l’effetto devastante che è sotto gli occhi di tutti.

    @Raser, Il bonus? Quale?

    @Elisabetta mi fa pena poverina! Si accanisce contro chi vorrebbe eliminare la proprietà privata, consapevole che senza di essa LEI e quelle come LEI non sarebbero nulla. Persone come lei calpestano quotidianamente il valore ontologico dell’essere umano con affermazioni vergognose, classiste e intolleranti. Ripeto mi fa immensamente pena. E mi fanno pena le persone che le danno credito!

    Che cosa sarebbe Elisabetta senza la sua proprietà?

  4. Solunto

    Credo che banalizzare un problema serio come l’applicazione della legge 40, specialmente per chi la vive in prima persona, sia riduttivo è forviante. La chiesa, è Dio sà quanto sono critico con lei, non è la sola responsabile della permanenza del nostro ordinamento delle prescrizioni di detta legge, ma la totale ignoranza che colpisce l’italiano quando deve pernsare di cose che direttamente non lo riguardano. Bello spazio il tuo, complimenti (sono sincero, non è ironico).

  5. utente anonimo

    la sinistra si vergognava di essere tale; dienticando i Padri fondatori di un pensiero davvero riscattatore dei più deboli, son divenuti come quelli di destra. Il cosiddetto “riformismo” non è servito ad altro che ad aprirgli le porte del salotto buono; la popolazione, però, che non ha voluto seguirne l’esempio, è rimasta per strada a guardare….allo sbando..ma almeno, con una certa dignità.

    Ciao carissima

    draculia

  6. utente anonimo

    Tisbe, prova a fare due conti. La legge (che a me non piace, ma per motivi opposti ai tuoi) è stata approvata dal Parlamento, formato da 1000 persone circa che certo non prendono ordini dal Papa. Successivamente, una piccolissima minoranza (500mila persone) ha chiesto l’aborgazione della legge tramite referendum, per il quale la stragrandissima maggioranza degli italiani (oltre il 75%, fatto mai accaduto nella storia repubblicana) ha scelto di lasciare la legge com’è. Se la Chiesa avesse il potere di condizionare tutta questa gente, non avremmo né la crisi delle vocazioni, né il calo dei battezzati praticanti, le leggi sul divorzio e sull’aborto sarebbero cancellate, e i consigli pastorali sostiuirebbero quelli comunali. Ma sai benissimo che invece così non è. Sicura che non sia invece una netta minoranza a voler prevaricare la volontà della maggioranza?

    Crescenzo

  7. skeno

    @crescenzo
    La verità è che se la maggioranza di IGNORANTI avesse ben compreso su cosa si votava, o meglio, si TROVASSE A VIVERE la situazione REALE, forse avrebbe votato in un'altra maniera, specialmente sul quesito che voleva abrogare il congelamento degli embrioni, costringendo le donne a ripetere massacranti trattamenti, visto che solo nel 10-20% dei casi la fecondazione assistita ha successo.
    E la Chiesa OScurantista ha fatto ampiamente la sua parte, sfruttando l'ignavia degli italiani che sono un popolo di merda.
    Caro Crescenzo, ti ricordo che anche dire le bugie è peccato.

  8. Tisbe

    @Solunto, Grazie per i complimenti sentiti… Ti credo! Chiesa e ignoranza spesso vanno a braccetto 😉 e aggiungerei menefreghismo per i problemi di una minoranza…
    @draculia, Hai detto una cosa molto bella. Abbiamo dignità da vendere, ma siamo sbandati. Chissà, forse dai blogger, da Kilombo potrà nascere qualcosa di buono e di diverso per il futuro della politica
    @hirpus, Sono una stronza al cubo. Puoi dirlo forte. Ma solo quando è necessario 🙂
    @Crescenzo, Due cosette. Anche gli italiani che non vanno a messa la domenica sono fortemente influenzati dalla chiesa che ha posto radici nelle tradizioni… e tu lo sai bene perché sei particolarmente intelligente, ma fai finta di non saperlo. 2) Riguardo la questione delle minoranze, sappi che io mi sono sempre schierata con esse. SEMPRE. E per me dire che sono pochi gli italiani ad avere bisogno di un cambiamento radicale della legge 40 significa esattamente che bisogna aiutarli ad ottenere ciò che gli spetta di diritto. Sempre stata per le minoranze!

  9. moltitudini

    Come al solito..mancano dei pezzi…e sei incompleta.
    Giusto "ringraziare" governo precedente e chiesa, ma la legge 40 la ha fatta il parlamento, non lo scorso governo, con moltissimi voti da parte di esponenti del futuro partito democratico (molta margherita ed anche qualche ds), i quali hanno hanno contribuito alla campagna astensionista in occasione del referendum.
    nel corso della legislatura 96-01, con larghissima maggioranza di csx, tentò per 5 anni, in modo vano, di fare una legge un po' più avanzata ed europea.

  10. moltitudini

    ..mi è saltato un pezzo di digitazione:il tentativo attuato nella legislatura 96-01 , benchè il csx avesse una maggioranza più ampia di adesso, fallì perchè anche il csx fondamentalmente subisce l’egemonia vaticana.

    Quindi, anche sotto questo punto di vista, poca differenza.

    (ah, visto che ti interessa tanto il tema conflitto di interessi etc, va a vedere che sta succedendo in Europa in merito al ricorso dell’emittente Europa7 contro la legge Gasparri..)

  11. utente anonimo

    Insomma, mi pare di capire che la gente non segue la Chiesa in materia di fede, ma si affida ciecamente a lei per le questioni politiche. E ancora: i partiti prendono ordini su temi come la procreazione assistita, ma poi fanno il cavolo che vogliono su altri problemi centrali per la Chiesa (remissione del debito ai paesi poveri, aborto, ecc.). Strana tesi davvero. C'è poi il discorso sulle minoranze e sulla loro tutela, che mi sembra molto paradossale. Stando al tuo ragionmento, bisognerebbe accettare, per esempio, il fatto che gli altoatesini se ne vadano con l'Austria; né può cambiare la sostanza delle cose la delicatezza e la drammaticità delle conseguenze per chi non può usufruire delle tecniche invece consentite in Spagna e altri paesi europei. Dal mio punto di vista, ad esempio, l'aborto è un'atrocità (soprattutto fisica) per il bambino inerme, ma intanto c'è una legge che lo consente. Anche quei piccoli feti, sai, sono una minoranza. E non possono salvarsi neanche avendo i soldi, neanche andando all'estero.
    Crescenzo

  12. utente anonimo

    Vorrei solo capire una cosa…

    qualcuno fa finta di avere il cervello infilato nel C°°O , o ce l’ha veramente?

    Perchè lo Stato deve dirmi che figli posso o non posso avere?

    Perchè la chiesa mi dice chi devo o non devo procreare?

    Ma che ne sanno loro?

    Citando Crozza:

    “I preti non hanno nè figli nè famiglia, nè moglie, MA, per diritto divino ti diconoimpongono come dovresti crescerli, mantenerli, e comportarti…”

    Caro Crescenzo dirò una cosa che mi pesa molto:

    Non avrei mai il coraggio di crescere un figlio menomato, non riuscirei neanche a guardarlo negli occhi, e mi maledirei per averlo messo in questo mondo di merda.

    Molti pensano a 4 cellule embrionali come alla linfa vitale, come a un idolo da osannare, ma vorrei chiedere a lor signori, contano di più le 4 cellule striminzite o un’individuo e tutta la sua esistenza?

    Ovviamente il clericale massimalista dice: Tutti e due a pari merito!

    A quel punto il sottoscritto Er Mahico solitamente bolla con un “Mavaff…! và!” aspettando una reazione che gli consenta l’uso del suo famigerato machete.

    Sei secoli di medioevo non hanno indebolito l’immagine della chiesa, anzi , l’hanno rafforzata e ancora oggi la sua nube alleggia su governi , facendo capire che le basta un discorso del fantoccio bianco a trasformare i pecoroni in belve assettate di sangue a caccia di streghe.

    Saluti Er Mahico.

    (Religione? No Grazie, preferisco Vivere)

  13. Tisbe

    @Crescenzo, Proprio a me non puoi venire a parlare di aborto! Questa predicozza non me la puoi fare. Non ne ho mai parlato in precedenza ma da quando ho dato vita alla Glasnost so che lo posso fare. Io avevo davanti una scelta terribile: l'aborto o la morte. Ed ho scelto la morte, ma non tutti possono fare una scelta del genere, non tutti. E chi siamo noi per giudicare? Chi siamo? Per te quel feto avrà un valore incommensurabile, ma una nascita improvvisa, peggio ancora indesiderata può danneggiare seriamente la vita di molte persone ADULTE (Già vive). E personalmente io do la priorità alle persone già vive. Secondo, dovendo scegliere, ha più valore una vita in atto piuttosto che una in potenza. Ad ogni modo la scelta va lasciata al singolo e non a un istituto religioso. Nessuno può sapere cosa succede nelle profondità dell'animo umano e nessuno ha il diritto di interferire… e te lo dice una persona che ha scelto la morte piuttosto che l'aborto (e non mi sento santa per questo) e questa scelta ha comunque condizionato negativamente tutta la mia esistenza. Ma io sapevo chi sono, e sapevo cosa ero in grado di sopportare … e chi non se la sente? E chi non ha la stessa fibra? Non è facile crexcere DA SOLA una figlia con un handicap permanente… Ti assicuro: Non è facile e francamente alla Chiesa non gliene po' fregà de meno di quello che succede dopo… ma proprio non gliene frega niente.. a parte di avere un numero alto di adepti. E' la mia esperienza e ha valore come quella delle altre, almeno quanto la tua…

  14. utente anonimo

    Bisogna mettersi d'accordo sul concetto di libertà. Se lo Stato (o la Chiesa, ovviamente) non ha il diritto di importi un figlio, allora tu non hai il diritto di imporre nulla a quel figlio: né di non nascere né di nascere attraverso una forzatura. Se non deve esserci un'ideologia predominante, ciò deve valere per tutti. Quanto alla tua scelta, Tisbe, che ammiro, devo ricordarti che in caso di pericolo di vita per la madre, l'aborto è ammesso anche dalla Chiesa. Tutto il resto (i drammi del crescere un bambino malato e la stragrande maggioranza delle volte i fastidi punto e basta) non valgono la vita di una persona. Mai.
    Crescenzo

  15. moltitudini

    Quindi, Crescenzo, (alidlà che il tema del post era la PMA e non l’aborto) tu saresti per la rivistazione dell’attuale legge sull’interruzione di gravidanza ammettendo solo i casi di aborto terapeutico?

  16. utente anonimo

    Vedi, moltitudini, io ho le mie convinzioni. Ma la legge 194 è stata approvata secondo le leggi dello Stato. Vi è poi stato un referendum abrogativo, che ha ottenuto un responso chiarissimo per il mantenimento della legge. Certo, io non condivido questa legge, ma so rispettare la volontà dei cittadini. Mi pare che per la legge 40 non si usi, da parte di una sinistra prevaricatrice, lo stesso metro di valutazione. L'esempio dell'aborto era per dimostrare proprio che c'è una minoranza (acclaratissima) che vuole sopravanzare truffaldinamente la volontà di una maggioranza assai larga.
    Crescenzo

  17. carlo2222

    ciao Tisbe

    sembra che non ci sia consapevolezza di perdere i propri diritti…

    invece che adeguarci agli stati più moderni noi facciam sempre un passo indietro e diventiamo un paese sempre più retrogrado

  18. Tisbe

    @Crescenzo, Ma quale minoranza d'Egitto! Qui nessuno vuole imporre niente e non esiste nessuna maggioranza. Semmai esiste un'altissima percentuale di persone EGOISTE che fanno questo discorso: non possono avere figli? E che ne f*tte a me! Caxxi loro! Che si arrangino. Io per i fatti miei ce li ho e li posso avere! Chissà che avranno fatto di male per avere questa punizione… Che me ne f*tte a me Parlano proprio così… ed io li ho sentiti non una sola ma migliaia di volte.Ecco i grandi cattolici. Ecco la maggioranza con grandi ideali e rispetto per la vita! E perché c'è la possibilità di abortire? Perché in questo caso la gravidanza indesiderata può capitare a chiunque, anche nelle migliori famiglie… Non è un problema di pochi sfortunati.
    Crescenzo, le persone fanno schifo: sono egoiste e pensano solo a se stesse, e non fanno mai niente per aiutare gli altri, ma non è una questione di ideali.
    Ti assicuro!
    Quando ci fu il referendum ho chiesto ad un sacco di gente, tra i quali ragazzi, con una vita non proprio limpida, sai che cosa hanno risposto: che non avrebbero votato perché cattolici! Io mi sono fatta un sacco di amare risate. Quella era gente che non ha la più pallida idea di chi fosse dio ed è gente senza IDEALI… Ha vinto solo l'ignoranza, il menefreghismo e la cattiveria! Altro che DIO

  19. Tisbe

    Ho scritto con i piedi, ma va bene lo stesso: si capisce e si capisce che sono arrabbiata con questa gentarella da quattro soldi

  20. skeno

    "Quando ci fu il referendum ho chiesto ad un sacco di gente, tra i quali ragazzi, con una vita non proprio limpida, sai che cosa hanno risposto: che non avrebbero votato perché cattolici! Io mi sono fatta un sacco di amare risate. Quella era gente che non ha la più pallida idea di chi fosse dio ed è gente senza IDEALI… Ha vinto solo l'ignoranza, il menefreghismo e la cattiveria! Altro che DIO"
    Concordo al 100%

  21. Galdo

    ciao Tisbe 🙂 certi commenti sono proprio da barzelletta. tipo chi dice che i politici in Italia non sono al servizio del Papa… infatti… basta vedere come si comportano sui pacs etc… sono al servizio dei voti degli elettori cattolici, e quindi indirettamente al servizio del Papa.. non dimentichiamoci la pagliacciata, che è anche recente, del precedente governo, nel 2002, quando, per la prima volta nella storia della Repubblica, il Papa è stato invitato dai presidenti di camera e senato, a visitare il parlamento italiano… http://testo.camera.it/%5Feventi/papa
    Li si è proprio toccato il fondo del leccaculismo di una buona parte della destra italiana.. da vomito, e molto scorretto, visto che da costituzione l'Italia è un paese laico. Questo è stato l'esempio più palese di cosa si arriva a fare pur di raccattare voti. Povera destra… Una cosa sulle cifre del referendum devo dirla, perchè un conto è essere fascisti e va bene, ma la disinformazione non la bevo. La barzelletta che oltre il 75% degli italiani ha scelto di lasciare la legge così com'è devo ammettere che è bella :-)) un esempio di creatività all'italiana. Per forza non è mai successo nella storia della repubblica, perchè non è così il dato. Dire questa cosa è stravolgere i fatti. Un saluto Tisbe, continua così, i tuoi post sono ottimi, lascia che si sfoghino… 😉

    Saluti Rivoluzionari

  22. utente anonimo

    Ho poco da commentare dinanzi alla saccenteria di uno come Galdo. Io ho le mie opinioni e cerco di spiegarle, lui parla per luoghi comuni. Dimmelo tu, Galdo, quanta gente è a favore dell'abrogazione della legge 40, allora. E soprattutto come mai è rimasta a casa, nei giorni del referendum, se voleva abrogare quella legge. Quanto ai politici agli ordini del Papa, è proprio l'esempio che fai tu a smentirti clamorosamente. Nell'occasione della sua visita al parlamento italiano, Giovanni Paolo II aveva inutilmente invocato un gesto di clemenza per i detenuti. Ci sono voluti più di tre anni per arrivare a un indulto (buono soprattutto per i corrotti).
    Crescenzo

  23. Tisbe

    Crescenzo ti rispondo io al posto di Galdo. Quella gente è rimasta a casa per puro egoismo e menefreghismo, e poiché ti stimo tanto e penso di aver percepito il tuo grado di intelligenza, credo che tu lo sappia molto bene. E ricorda, l'egoismo non è cristiano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *