Indulto: giorno di sconfitta e di lutto

***AGGIORNAMENTO***

Alla fine qualcuno dovrà chiedere scusa una seconda volta ad Azouz Marzouk, il piccolo spacciatore tunisino innamorato della sua famiglia, diventato «il mostro» per una notte e ora di nuovo sulla graticola delle responsabilità per la sua vita da balordo. Ma il suo passato, i suoi affari da pusher di provincia, in realtà più passano i giorni e meno sembrano c’entrare con questa storia.

Triste giorno. Non manca niente perché peggio di così non poteva andare. Pluriomicidio grazie all’indulto voluto fortemente dal Centrosx e anche da me. Pluriomicidio ad opera di un extracomunitario. Ce n’è per mettere alla gogna tutti, anche me stessa.

Giorno di profondo lutto per le vittime innocenti e giorno di sconfitta per chi crede nella possibilità del riscatto e del recupero della persona in quanto portatore di diritti universali.

***AGGIORNAMENTO***

 3 vergogne in un uomo solo
Una mattanza. Sgozzati, come agnelli, come uso degli integralisti. Vuoi che anche lui, nel fondo non lo sia? V’immaginate un arabo che non sia musulmano? E un musulmano che non sia anche integralista? E un integralista che non sia anche uno sgozzatore? E allora giù con le indicazioni ai cronisti. Calderoli era ad abbuffarsi in una osteria, dunque non c’erano politici da mungere. Quindi le prime pagine, in assenza di pensieri e parole, mettevano già da ieri suggestioni in evidenza. Evocazioni invece di domande, ci mancherebbe altro. Tutto era così comodo, già scritto, già fatto. Cento righe d’indignazione tra un caffè e una brioche non ci si mette nulla a buttarle giù. E nemmeno servono le solite noiose regole della privacy, quelle che obbligano il cronista alla massima cautela nel pubblicare nomi e generalità di sospetti. Mica era italiano. Mica era facoltoso. Mica viveva in una villa. Mica portava voti. Era un tunisino. Uno come tanti: arabo, pregiudicato ed indultato, tre vergogne in un solo uomo.
di Fabrizio Casari (Cani Sciolti)

58 commenti su “Indulto: giorno di sconfitta e di lutto

  1. FrankL

    Ho sempre criticato l’indulto, purtroppo certi problemi non si risolvono magicamente rimettendo fuori chi delinque e dicendo loro “e adesso rifatevi una vita nella legalità”. Magari.

    justfrank

  2. utente anonimo

    Ci sono persone che si caricano sulle spalle ogni tipo di responsabilità.Si sentono in colpa per qualsiasi ingiustizia e per questo soffrono.le scelte anche le più controverse non sono mai facili e non vanno dove noi vorremmo.Qualche volta.

    C’è altra gente che vive molto più semplicemente.Forse stanno meglio.Basta chiudere una porta e buttare una chiave.Non sono sicuro.

    Forse è perchè abbiamo scelto di essere così incasinati e così fragili che soffriamo.

    Basterebbe chiudere la porta e buttare la chiave.

  3. orqcie2020

    Io credo invece che certi "problemi" si possano risolvere. Secondo me basterebbe che lo Stato si facesse carico di tutti i doveri che gli spettano. Non ultimo quello di seguire la persona che sbattono fuori alla mercè di chiunque ne voglia approfittare (di se stesso in primis). Basterebbe, specialmente si trattase di estracomunitari, procurar loro un lavoro, anche il più umile possibile, e così valutare se il soggetto meriti o meno di esser seguito ed aiutato nella sua "integrazione". Ricordarsi poi che la stragrande maggioranza di questi "disgraziati" arrivano da noi non per passare il tempo, ma sospinti da episodi di brutture inenarrabili subiti nei paesi di provenienza.
    Scusate l'intromissione^_^

  4. utente anonimo

    Non capisco perchè si dice sempre che l'indulto sia colpa solo della sx, ricordo che sono anni che se ne parlava e che lo avrebbe approvato anche il centrodx se fosse risalito al governo e che cmq tutto il centrodx ha cmq votato l'indulto quando è stato proposta dalla sx e invece adesso se ne lavano le mani!

  5. utente anonimo

    Ciao. Innanzitutto noto come la propaganda del potere sia efficace anche su menti critiche come la tua. In effetti l'"extracomunitario" che la stampa si è affrettata ad accusare, sta in tunisia, e cio' è stato testimoniato anche dal suocero, che ipotizza che siano state persone magari legate al suo "giro" di quando era drogato, ma esclude la sua partecipazione al delitto.
    In secondo luogo, l' indulto era già in embrione durante il governo berlusconi: ricordi come tutti espressero la necessità di un'amnistia, quando woytila si presentò in parlamento parlando di quanto era disumana la vita in carcere? Diciamo che quest'iniziativa, presa dalla sinistra è l'ennesima dimostrazione della continuità di questo governo, con quello di destra: per tirar fuori dai guai qulche centinaio di persone, amici loro, ne hanno tirate fuori 12000, senza stare a guardare troppo nei capi d'imputazione.
    cloro

  6. Galdo

    Credo profondamente nella possibilità del riscatto e del recupero della persona e non mi sento per niente sconfitto da questo fatto di cronaca nera.
    il plurimocidio non è dovuto all'indulto. è la classica scusa per cavalcare il malcontento e menarla sull'indulto, populismo da vomito.
    E la realtà del comasco la conosco bene perchè ci vivo. gonfieranno questo caso a dismisura per sparare come sempre sulle stesse persone.

  7. Tisbe

    @Cloro, ho voluto anticipare tutti temendo un’ondata di xenofobia a seguito del grave fatto di cronaca, ma è chiaro che intendo andare più a fondo. Il mio è stato uno sfogo di chi si sente impotente…

    @Galdo, E’ esattamente quello che temo. A Como gonfieranno tutto per benino

    @Enrico, Sai, l’indulto per la dx era riservato a reati di altra natura, quelli tipici a dx 😉

    @orqcie2020, Benvenuto e complimenti per il commento. Carico di quell’umanità che stiamo smarrendo

    @pensareinprofondo, Io purtroppo sono tra queste

    @ FrankL , Mi sento di risponderti con il commento di orqcie2020

  8. utente anonimo

    chissà perche c’era qualcuno che non era favorevole all’indulto alla cazzona che è stato fatto da mastellante….

    che può dire uno come me che non lo voleva…

    VE L’AVEVO DETTO….

  9. alexperry

    pare che ad ucciderla (anzi ormai è quasi certo) non sia stato l’ex compagno uscito con l’indulto, quindi trovo che tutta questa discussione sia stata un filo prematura, un po’ come quando la lega nord scese in piazza dopo l’assassinio della famiglia di erica, scoprendo poco dopo che non erano stati i soliti “bingobongo” ma una diabolica sedicenne italianissima!

    Alex

  10. bhikkhu

    A me invece mi puzzava l’indulto: pensavo che avrebbe rimesso fuori molti poveracci che prima o poi sarebbero tornati inevitabilmente dentro, mentre i veri beneficiari sarebbero stati i corruttori, i previti, gli unipolli…

    Invece poi ho visto questi poveracci partecipare al mio stesso corso e venire assunti dalla mia stessa azienda. Per loro l’indulto è stato una cosa buona: fuori dal carcere e reinseriti nella “società”. Cosa vuoi di più?

    Questa cosa mi ha fatto pensare che l’indulto non è stato poi così male, se ha cambiato in meglio (ma molto meglio!) la vita di alcune persone.

    Ma questa cosa sui giornali non la leggi, l’adnkronos non ne parlerà, fa più notizia l’extracomunitario uscito con l’indulto che commette un pluriomicidio…

  11. valtergallo

    Faccio parte di quella minoranza del Paese che ha creduto nel mezzo dell’indulto per poter ridiscutere il concetto di pena in Italia e per dare una estate di clemenza ai poveri cristi che, in modo disumano, affollavano le nostre carceri.

    Ero consapevole che non poteva essere una bacchetta magica ma, analizzando pro e contro, la mia bilancia, in questo caso, ha dato peso alle ragioni del cuore.

    Le campagne stampa che in questi mesi si sono accanite contro il provvedimento e che stamane hanno toppato clamorosamente sbattendo il mostro in prima pagina, dovrebbero far riflettere tutti ed insegnarci ad aspettare un po’ prima di ergerci a giudici delle tragedie umane.

    Un saluto a tutti.

  12. SuaSquisitezza

    Mi sembra di esser tornato indietro di un paio d’anni.

    Quando nel mio paesello di merda, venivano uccisi una madre col suo bambino.

    Tutti ad urlare.. “L’ALBANESE! L’ALBANSE!”

    Solo dopo qualche giorno si viene a sapere che era stata la figlia col suo morosino…

    Ma potrei fare altri due miliardi di esempi.

    Il benzinaio di lecco ucciso, di cui l’ex Ministro Calderoni mise la taglia sul Negro che gli aveva sparato (ed un ragazzo di ricca famiglia di Lecco). O la ragazzina bolognese, che accuso’ il marocchino di averla violentata (nulla di tutto cio’.. s’era solo infrattata con un suo compagno di classe ed eran stati sorpresi)

    perche’ non aspettare

    prima di sentenziare?

  13. utente anonimo

    Dico che non è un problema di colore politico.

    Sono gli uomini che presi dal potere (nel caso del trasfugo mastella non bastava lui ma pure l’intera famiglia) cancellano tutto: moralità, dignità e soprattutto rendono l’uomo schiavo del potere e arricchiscono solo la loro posizione economica.

    ciao

  14. utente anonimo

    se è sospetto il dare addosso al bastardo marocchino , è sospetto ululare con gioia "non è stato lui!"
    per intanto, 4 cadaveri in più.
    se riuscite a sentirvi meglio perchè non è stato il marocchino… pensate quanto saremmo felici noi alla notizia della vostra cruenta dipartita…

  15. Galdo

    questo sopra è un tipico esempio di distorsione concettuale tanto cara a certi ambienti 🙂 NON si sta dicendo che siamo felici della morte di quei poveri cristi. Stiamo dicendo che non è giusto sfruttare sempre il singolo caso che riguarda l'extracimunitario per fare propaganda fascista. questi giochetti del cazzo teneteveli per voi e tornate nelle fogne da cui venite.

    Saluti Rivoluzionari

    p.s. scusa Tisbe se uso il tuo blog per scrivere queste cose ma questi anonimi fascisti mi hanno rotto il bip.. cioè più che altro mi fanno tanta pena… tornate a Salò e rimaneteci

  16. Tisbe

    @anonimo, Tanto so chi sei, e so dove sei e dove lavori. Ti dico solo una cosa: io continuo ad essere favorevole all'indulto senza se e senza ma. Sono convinta
    @alexperry, Giusto Alex, ma ho scoperto cosa sono gli italiani e rabbrividisco… In fondo non è altri che un test…
    @ bhikkhu, Grazie Bhikkhu per la tua testimonianza. Te ne sono grata di cuore. Parliamone sempre, non abbassiamo mai la guardia. Noi abbiamo il diritto di credere che possa esistere un mondo migliore ed un'umanità migliore
    @pensareinprofondo, Come dicevo è stato un test, e gli italiani hanno perso un'occasione per stare zitti e non giudicare. Il mio post non era di accusa ma di sofferenza per tutte le parole xenofobe che sarebbero state versate…
    @ valtergallo, Grazie per il tuo bel commento 🙂
    @hirpus, Mi dispiace Pasquale, è una questione di colore politico. Io non trovo la stessa sensibilità verso gli sfruttati e gli umiliati nella destra dove si insegue solo il potere e il dio denaro. Mi dispiace ma è così. Pensi che l'anonimo sia di sinistra? Vai un po' nei blog di destra e leggi quello che hanno scritto. Forse poi aprirai gli occhi su cosa sia realmente certa dx
    @SuaSquisitezza, Hai fatto bene a ricordare queste cose. Grazie anche a te di cuore
    @Galdo, Hai espresso tutto in maniera molto chiara, ma è inutile parlare con chi VUOLE essere sordo. Qui puoi esprimerti liberamente 🙂

  17. morpheusfree

    Nonostante io non sia certo di destra, non mi sono trovato d'accordo sull'indulto. Personalmente credo che il carcere per chi commette reati debba rimanere. Ovviamente intendo un carcere inteso come periodo di recupero e riflessione della persona, infatti non sono favorevole a pene definitive come la pena di morte e l'ergastolo. Credo che la vera giustizia non sia quella che condanna definitivamente un uomo che sbaglia, bensì quella che riesce a recuperarlo e a restituirlo alla società.

  18. Galdo

    Vedi cara Tisbe, il fatto è che già certa gentaglia non la sopporto; sono stati riabilitati da quel bottegaio di Arcore purtroppo e adesso ce li troviamo pure a fare le prediche. Gente che viene dall'msi non dimentichiamolo, anche se si cambia il nome in alleanza nazionale la feccia è sempre quella. Er pecora, mefistofele la russa, etc. etc. Nella zona in cui vivo poi non ti dico… è un miscuglio di forza italia, an e lega, a partire da Como città e nei paesini ancora peggio. Un sacco di dementi ignoranti che sono passati dalla dc a forza italia. Cambiano i nomi dei paesi, cancellano le lettere dai cartelli all'entrata dei paesi, per trasformarli nel dialetto, e NESSUNO dice nulla, sono tutti d'accordo, a partire dalle istituzioni. Prova a disegnare una falce e martello da qualche parte.. dopo mezz'ora si scatena la caccia grossa. Como è l'unico capoluogo lombardo a non avere un centro sociale autogestito, l'UNICO. quello che c'era è stato murato nei primi anni '90, ci siamo chiusi dentro, hanno fatto arrivare le forze dell'ordine insieme ai muratori e hanno iniziato a murare tutto, porte finestre tutto. Purtroppo qui siamo in pochi e il csa è stato chiuso da allora. non ti dico il trattamento che fanno agli extracomunitari poi!! gente che lavora, onesti, li fermano ogni metro a rompergl il cazzo. Poi vai in certi locali e ci trovi i figli dei setaioli , la Como bene, con 10, 20 grammi di cocaina in tasca ma a questi nessuno li tocca. E' un vero schifo te lo assicuro. La vicinanza con la Svizzera poi non aiuta, un altro paese razzista e xenofobo da vomito. Ti lascio un link, è il giornale locale, si chiama La Provincia, è il più letto a Como e provincia: http://www.laprovinciadicomo.it Prova a farti un giro per curiosità quando hai tempo, prova a leggere gli editoriali e gli articoli, come vengono manomesse le notizie, in modo sistematico, chirurgico, e la gente ci crede cazzo! per loro quella è la realtà perchè è scritta sul giornale. Quando c'era il governo del nano non ti dico, leggevi quel giornalaccio e sembrava di stare nel regno delle fate, andava tutto benissimo! Leggilo adesso, è un continuo attacco a Prodi, un continuo populismo, sembra che dobbiamo morire tutti di fame da un giorno all'altro.. Uno schifo Tisbe.
    ciao 😉

  19. valtergallo

    Lo so che fai parte della "minoranza". La mia riflessione era mirata ai giornali, come Repubblica, che hanno sbattuto il "mostro" in prima pagina.
    Besos zapateriani.

  20. bhikkhu

    Ah, uno di questi era un killer della mafia, o qualcosa del genere (sai, i corsi erano 2, lui era nell'altro, non posso presentarmi a lui dicendo "salve, tu eri un killer della mafia, vero? Così mi hanno detto i tuoi compagni di corso…". Quindi non sono sicuro sicuro che sia proprio un killer della mafia, ma mi fido…). Beh, si è pentito, si è convertito, è diventato molto religioso, sembra l'uomo più buono del mondo adesso… m'è venuto in mente mentre leggevo di Pappalardo (l'arcivescovo, non il cantante!).

  21. viga

    facile dare la colpa agli stranieri.L'Italica razza che ha portato la mafia in ogni ove è diventata improvvisamente santa subito e quindi i crimini solo materiale di stranieri.Che pena,che tristezza!

  22. Bisqui

    Ti dico come la penso.
    Tutti i provvedimenti atti ad alleviare sofferenze umane sono ben accetti.
    Ma proprio perchè tesi a cambiare radicalmente una situazione di degrado o di sofferenza devono essere pensati bene ed organizzati meglio.
    Non sono problemi per i quali agire sull'onda del sentimento.
    Prima di mettere in strada tanta gente si sarebbe dovuto pensare come reinserirli nel tessuto sociale.
    Un indulto così serve solo a lavarsi la coscienza e poter dire " adesso non soffrono più"!
    Ne siamo sicuri?
    Non avere un lavoro, non essere iseriti, dover mangiare non sono cose che rendono infelici?
    Io sono sicuro che c'è gente che sta rimpiangendo il "carcere" così come ce ne altra che per poter sopravvivere si è ficcata in guai peggiori.
    Le vittime peggiori le ga la "compassione" ricordate il detto " il medico pietoso fece le piaghe purulente" mai azzeccato come in questo caso.
    Ricapitolando : andava bene l'indulto ma solo dopo aver organizzato il modo in cui reinserire o "proteggere" queste persone.

  23. Tisbe

    @morpheusfree, L'indulto è sempre esistito, anche quando c'erano le monarchie. Io lo leggo come una seconda opportunità. Certo la società non ama accettare chi ha precedenti penali e quando lo fa SFRUTTA la situazione di svantaggio dell'altro. Però credo che sia meglio poter giocare partendo da -20 piuttosto che non giocare affatta 😉
    @ Galdo, Quello che hai scritto è una vergogna e purtroppo sempre più spesso credo che sia il bigliettino da visita di CERTA dx (altrimenti qcn si offende)
    @ valtergallo, Infatti… e poi Mancia parla di informazione in mano alla sinistra Mah!
    @bhikkhu, Ah, non ti meravigliare non c'è uomo più religioso di un mafioso 😉
    @ viga, Sì, convengo, è molto triste
    @ Bisqui, Nemmeno le leggi vanno fatte sull'onda dell'emotività forcaiola come ha fatto e avrebbe continuato a fare il governo appena passato. Tutti siamo bravi a criticare, ma qualcun altro avrebbe saputo fare meglio? In definitiva io sono d'accordo con quello che dici, anche se una parte di me non si fida di chi predica alla tua maniera, mi sembra il comportamento di chi non fa del Bene perché forse ed ipoteticamente potrebbe fare del Male 😉

  24. Tisbe

    Questo lo so bene. Ma noi passiamo un sacco di tempo a fare critica interna. La dx no! Pensa di essere perfetta! Hai visto che commenti può fare un padano? (l’anonimo)

    Ot: Ti ha risposto poi il Cannocchio?

  25. 1sognoxdomani

    non so che dire: guardo la televisione e penso come si fa a mettere al mondo dei figli in mezzo a un mondo che si sta suicidando come il nostro? con della gente capace di uccidere i bambini? qualcuno uccide. In carcere o no, indulto o meno (ndulto che è stato un enorme ERRORE) qualcuno uccide, e non si ferma. Oggi, ieri e domani lo fara’. Altre citta’ ed altra gente. laura.

  26. utente anonimo

    che fai, minacci?

    chi minaccia si basa sulla PROPRIA vigliaccheria…

    non credere di spaventarmi, anche se verreste in una ventina a casa mia vuol solo dire ci vogliono venti comunisti per un fare un uomo solo.

  27. Tisbe

    Vi presento la destra: anonimi vigliacchi che accusano gli altri di esserlo.

    Non ti minaccio, ma se sei alla ricerca di una denuncia sarai accontentato. Smettila di fare commenti di natura xenofoba perché sono vietati dalla nostra Costituzione, altrimenti cambia stato

  28. utente anonimo

    miei commenti di natura xenofoba?

    e dove ?

    e la costituzione vieta i commenti di natura xenofoba?

    ma cosa stai dicendo?

  29. utente anonimo

    Ciao Tisbe,

    complimenti per il tuo blog. Secondo me l’indulto nn è stato fatto perchè si crede nel recupero delle persone ma perchè le carceri erano in una situazione prossima alla rivolta. Anch’io ritenevo inevitabile l’indulto, ma mi aspettavo maggiore attenzione nel decidere chi ne doveva beneficiare. Inoltre mi aspettavo che il governo si adoperasse per fare in modo che in futuro l’indulto nn fosse più necessario. La verità è che la politica arriva sempre tardi e questo è un aspetto che hanno in comune i due schieramenti, oltre a quello di difendere i propri privilegi 🙁

    PS: Ho conosciuto questo blog parlando di giornalisti e blogger 😉

    Ciao!

    Giuseppe T.

  30. Galdo

    Tisbe lascia perdere. Perdere tempo in denunce per queste cose??
    Naaaaa… continua l'ottimo lavoro che stai facendo, che è quello di informare in modo ottimo e non solo di informare. il resto, e col resto sai chi o cosa intendo, lascia che scalpiti. la frustrazione è un male del tempo, accettiamo anche loro.
    Io da parte mia, al contrario di quello che ho fatto ieri qui, mi asterrò dal rispondere a certi bipedi, si annulleranno da soli…

    Saluti Rivoluzionari

  31. skeno

    Che l'indulto sia stata una porcata lo penso da tempo, e lo penso pur essendo "di sinistra". Sono una di quelle persone che pensano che chi sbaglia deve pagare, tutto, dall'errore sul campo di calcetto all'omicidio. Senza se e senza ma, al limite con le attenuanti del caso.
    Ai fascisti che scrivono su questo tema dico solo che l'indulto lo ha votato anche il loro principale alleato, Silvio Berlusconi.

    Venendo al mostro sbattuto in prima pagina ieri, spero che si prenda un buon avvocato e che rovini tutti quelli che hanno pubblicato il suo nome sull'onda del sensazionalismo e dei più beceri pregiudizi razzisti e xenofobi.

  32. utente anonimo

    Eh il cannocchio…, lasciamo perdere.

    Approposito Tisbuccia, raccogliendo l’invito di gaetano che mi ha nominato ufficialmente organizzatore.

    Per martedi 19 sei disp per un drink in famiglia e poi organizziamo la pizza per fine gennaio, naturalmente senza Tiana non si fa niente gli arancini con i piselli sono tutti per lei.

    pasquale

  33. Tisbe

    @anonimo, Credo che tu debba accontentarti. Per oggi il tuo EGO è stato cibato a sufficienza 😉

    @stefanomassa, Ah, perché il mio template è pesante????? 🙂

    @Giuseppe T., Sì ti avevo notato su Giovy. Grazie ed hai ragione, sia sull’indulto e sia sugli schieramenti; il fatto è che io ho ancora una visione romantica della vita e delle persone…

    @1sognoxdomani, Io credo che il mondo sia stato sempre quello che è nella sua più essenziale sostanza… è la forza della vita che s’impone e trionfa anche sulle brutture e sulla morte… nonostante tutto

    @ Galdo, Ok

    @ pasquale, Ok, se po’ fa. Ma che significa un drink in famiglia?

  34. utente anonimo

    la famiglia del blog nun te preoccupà e cheeeee….., anche se siamo eterogenei.
    pasquale
    ciao

  35. utente anonimo

    il mio ego non c'entra niente.
    se io dicessi che tu sei una zoccola e come sostegno alla mia ipotesi affermassi che è scritto nella costituzione farei la figura del deficente… quindi trova qualche mia affermazione xenofoba, e anche l'articolo della costituzione che vieta essere xenofobi…
    non sei brava neanche a chiacchere…

  36. Tisbe

    @asquà, Fai la persona seria. Era una domanda. Il drink? Che intendi? Non si mangia? Niente pizza party? A che ora? Comunque va bene, io ci sto

  37. utente anonimo

    …io mi chiedo perchè, dopo l’indulto, non si parli ancora di riforma delle carceri e dei percorsi formativi di reinserimento, invece di dare la colpa delle brutture ad un provvedimento (l’indulto) che non ha nessuna velleità risolutiva della situazione carceraria e giudiziaria italiana…boh!

    laura

  38. utente anonimo

    Ciao Tisbe,

    volevo fare solo una precisazione al mio commento: la mia posizione (da persona di sinistra) è di critica verso un indulto che ha contribuito a scarcerare molte persone senza alcun controllo e nn sul fatto che una persona possa essere recuperata. Un esempio dello stato attuale della giustizia può essere la provocazione di Travaglio su come “evitare il divorzio” che fece ad Anno Zero di Michele Santoro.

    Giuseppe T.

  39. moltitudini

    il marocchino non c’entrava nulla (tisbe, ci sei cascata pure tu….) ma se anche fosse stato, non è uno, due o dieci fatto di cronaca che possono deligittimarlo o meno .

    Non c’è alcun aumento della criminalità, in seguito all’indulto.

  40. Galdo

    Esatto moltitudini!
    Ma siamo in un Paese in cui fanno la morale sull'indulto in cui scontano max 3 anni, non 20, prima di tutto. Però aver avuto per 5 anni come premier un MAFIOSO quello va bene 😉

    Saluti Rivoluzionari

  41. Bisqui

    Tisbe,
    —mi sembra il comportamento di chi non fa del Bene perché forse ed ipoteticamente potrebbe fare del Male 😉 —

    Forse mi sono spiegato male.
    L'indulto doveva essere un provvedimento, giustamente preso, solo dopo aver valutato le conseguenze e posto rimedio "prima" di accadimenti e non dopo.
    La valutazione andava fatta "prima" per l'oggetto dell'indulto".
    Persone e non oggetti dei quali ci si disfa. Se questa persone vanno reintrodotte nella società, una volta libere devono trovare la loro naturale collocazione come "persone e come "lavoratori" altrimenti le motivazioni che hanno portato all'indulto sono artificiose.
    Qui la questione non è fidarsi o non fidarsi di affermazioni mie o di altri.
    Qui il problema è il rispetto che si deve ad una persona che va trattata come tale e non come un oggetto del quale ci si disfa e poi non ci si pensa più.
    Queste persone sono state letteralmente "buttate in mezzo alla strada", questa è la realtà.
    Come fanno per mangiare, vestirsi fare fronte alle necessità che abbiamo tutti?
    Quelli che non hanno una famiglia o degli amici che li aiutano (e non per sempre) che fine fanno?
    Credo che siano domande legittime, al di là di quelli che possono essere gli orientamenti politici, tutto qui.
    Semplice, semplice 🙂

  42. utente anonimo

    La questione che tu sollevi è davvero complessa, e vedo in giro troppa stupidità (mi riferisco all’anonimo, che è coglione ancor prima di essere fascista) per poterne parlare serenamente. Ma voglio comunque sottolineare alcuni punti che mi sembrano importanti.
    Il primo riguarda il fatto che, inizialmente, aveva generato il tuo sconforto. Credimi, non c’entra nulla la colpevolezza o meno dell’uomo (extracomunitario o altro cosa importa?) accusato in un primo momento. Se ci pensi, dubbi dovevano esserci al momento delle prime accuse, e dubbi vi sono tuttora (almeno per un suo possibile coinvolgimento). E davvero mi fa sorridere – se così si può dire – la meraviglia per ogni reato commesso da chi ha beneficiato dell’indulto. Ma a chi è stato concesso l’indulto? A gente che, in maggioranza, per scelta o necessità, è adusa a commettere reati, e sovente è addirittura insensibile, per formazione o istinto, a valori positivi come quello che, in un modo o nell’altro, conduce il legislatore ad emanare un provvedimento di clemenza e di incoraggiamento rispetto ad un possibile ravvedimento. Ma qui scatta un paradosso che vorrei sottoporre alla tua attenzione ed a quella dei tuoi numerosi lettori. Contro l’indulto si sono scagliati principalmente i sostenitori del centrodestra, mentre coloro che si richiamano al centrosinistra (o addirittura a ideologie comuniste) si sono mostrati in larga misura d’accordo col provvedimento. Ora a me questa cosa pare assai curiosa, anche alla luce di quanto emerso dai commenti ad un tuo precedente post, a proposito di materialismo e spiritualismo.
    A voler guardare la questione con l’ottica materialista (osservazione della realtà ed esperienza pragmatica), l’indulto dovrebbe essere concesso con molta parsimonia ed in casi assai limitati, laddove il beneficio dello sconto di pena possa indurre il beneficiario ad un sostanziale cambiamento dei propri costumi. Ma la tendenza del popolo di sinistra a ritenere positiva la pratica dell’indulto può comunque essere spiegata con la propensione al “recupero sociale” dell’individuo.
    Quel che appare davvero incomprensibile (ma è comprensibilissimo e ne spiegherò il perché) è il feroce accanimento degli elettori di centrodestra (i quali, a chiacchiere, si ergono a paladini dei valori cristiani occidentali). L’indulto (e in genere tutti i provvedimenti di clemenza rispetto ai carcerati) è un istituto da sempre fortemente caldeggiato dalla Chiesa, basti pensare alla forte attenzione di tutti i Pontefici per la pastorale delle carceri (celebre la visita di Giovanni XXIII a Regina Coeli) ed alla recente richiesta di Giovanni Paolo II al Parlamento italiano. Ma dove nasce questa tensione del mondo cattolico verso il recupero di chi si è macchiato di colpe e delitti? Clebre è il capitolo della Genesi (XVIII,20-33) nel quale Abramo “mercanteggia” con Dio per la salvezza del popolo di Sodoma. Abramo dapprima chiede di evitare la distruzione della città se troverà almeno 50 giusti, poi “cala” progressivamente fino ad arrivare a dieci. Anche su questo numero minimo (se rapportato alla popolazione di una città) Dio si mostra disponibile ad un gesto di clemenza generalizzato, del quale sicuramente beneficerà anche chi continuerà ad agire malvagiamente.
    Quindi, è proprio la cultura (anzi, la dottrina) cristiana non solo a giustificare, ma a incoraggiare la pratica dell’indulto. Peccato che in molti, nel centrodestra, non abbiano la minima cognizione do cosa sia la cultura e la dottrina (in generale e nello specifico cristiana). Non a caso una persona senza dubbio colta e profondamente legata al Cristianesimo come Bisqui opera una sottile quanto raffinata (e devo dire condivisibile) puntualizzazione.
    Crescenzo
    P.S.: scusami se l’ho fatta lunghissima.

  43. Galdo

    Questo commento è ottimo.

    Questa parte poi illuminante, è proprio il punto debole di tutta l’accusa della destra, moderata o fascista.

    Quando scrivi:

    “Quel che appare davvero incomprensibile (ma è comprensibilissimo e ne spiegherò il perché) è il feroce accanimento degli elettori di centrodestra (i quali, a chiacchiere, si ergono a paladini dei valori cristiani occidentali)”

    E’ proprio questo il punto.

    Che ormai in questa povera Italia, non si ragiona più con la propria testa ma si fa il tifo.

    Non a caso il primo interesse della nazione è il calcio, non a caso.

    Ci si è divisi in due fazioni, due squadre di calcio, e si fa il tifo.

    Anche se non si è letto nulla, anche senza informarsi sulla realtà delle cose, questo dell’indulto è solo uno dei tanti esempi. Basta che una cosa sia fatta da una delle squadre, allora automaticamente non va bene.

    Solo che c’è una grande differenza nell’approccio, che Tisbe ha evidenziato tra l’altro in un commento, cioè che mentre il popolo della sinistra fa molta autocritica al suo interno, il popolo di destra non la fa. E poi va contro le stesse cose che predica, come giustamente fai notare.

    Sul fatto della Chiesa poi anche lì sembra un romanzo di Kafka..

    inneggiano al valore della vita, dell’amore etc. etc. poi però non si può fare la fecondazione assistita, non si può formare una famiglia tra omosessuali, non si può adottare un bimbo se la coppia è omosessuale, che tra l’altro per come la vedo io darebbe molto più amore una coppia di omosessuali che una coppia etero.. ma lasciamo stare. Questo è un brutto Paese, uno stato succube del Vaticano prima di tutto, e uno stato con larghe fasce di ignoranza, e il populismo va a nozze in questi casi. Per me se non ci si da una calmata, nei prossimi anni la vedo male. Non voglio parlare chiaramente di guerra civile ma ci andremo vicini.

    Spero in una svolta, lo spero proprio.

    Saluti Rivoluzionari

  44. utente anonimo

    I due commenti precedenti mi sono davvero piaciuti, però credo che nn si consideri abbastanza un aspetto, ed è quello per il quale l’indulto è stato fatto. Mi sarebbe piaciuto davvero credere che l’indulto fosse stato fatto perchè si voleva raccogliere l’invito del papa e credere nel recupero della gente, ma la verità è che si è dovuto risolvere un problema: quello del sovraffollamento delle carceri. La dimostrazione sta nel fatto che nn si è fatto nulla per l’integrazione nella società: nn c’è stato il tempo (nonostante il problema esisteva da anni). La civiltà di un paese la si giudica dalle sue carceri, diceva Voltaire e visto lo stato in cui le carceri erano prima dell’indulto…

    Un aspetto che condivido totalmente è quello che vede gli italiani divisi su i due schieramenti come se stessero allo stadio, senza rendersi conto che la partita che stanno assistendo è quella che deciderà il futuro dell’Italia. Qui mi rendo conto che hai ragione Tisbe, sono un po’ pessimista ma nn vedo in questo governo la forza necessaria per ripristinare la normalità in questo stato (figuriamoci con la destra). Oggi mi sembra che chi vota il psiconano crede che diventerà come lui: e se domani vincessi al superenalotto?

    Ciao e buona giornata.

    Giuseppe T.

  45. Tisbe

    Innanzitutto grazie a tutti. Vi risponderò singolarmente nell’arco della giornata perché avete posto questioni complesse e controverse.

    @Moltitudini, Sì, hai ragione. Ci sono cascata. Quando ho sentito la notizia al Tg mi sono sentita venir meno. Se qualcuno mi avesse punto non sarebbe uscito un goccio di sangue. E comunque il fatto che non sia stato il tunisino è irrilevante ai fini di comprendere l’aria che tira in Italia. Questo è stato un test e permetti che io sia spaventata dalla reazione degli italiani e della stampa? Io d’altra parte non avevo accesso alle dichiarazioni degli inquirenti 😉

    @Crescenzo, a proposito dell’anonimo, è doverosa una puntualizzazione. Questo genere di persona è il tipico elettore di centrodx… (vive e lavora a Milano e sogna di avere una Villa come quella di Arcore) Non c’è da aggiungere altro e non c’è da meravigliarsi

  46. skeno

    Sono d'accordo con Galdo quando scrive
    "…mentre il popolo della sinistra fa molta autocritica al suo interno, il popolo di destra non la fa."

    Aggiungo che per me che sono di formazione cattolica (anche se ormai praticamente ateo) la totale assenza di valori della destra italiana mi rende incomprensibile come un cattolico possa votare a destra. Solo perchè odiano i gay? Mah…

    Sono d'accordo anche con Moltitudini quando scrive che non è aumentata la criminalità a seguito dell'indulto. Sono cazzate smentite dalle statistiche e ingigantite dalle TV che sono in mano tuttora a chi sappiamo (vedi altro post di Tisbe… tutto si intreccia).

    Il problema dell'indulto è proprio che scontando al max 3 anni ha di fatto sanato gran parte dei reati finanziari, le furbate in puro stile "berluscones". Detto semplicemente, rubare ai poveri per dare ai ricchi.

    Se avessero fatto uscire
    qualche disperato mal difeso da avvocati di ufficio svogliati sarebbe stato un'atto "umanitario", così come è stato fatto non mi è piaciuto.

  47. Tisbe

    @laura, Giusta riflessione. La avviamo una campagna di sensibilizzazione?
    @Giuseppe T., Interessantissimo Travaglio ad Anno Zero. Ho letto un post di recente: è stato aggregato in Kilombo 😉
    @Bisqui, Hai ragione, ma ci sono i mezzi per fare quello che tu dici? Ad ogni modo mi trovo d'accordo con te anche se avrei scelto comunque un sì all'indulto
    @Crescenzo, Io credo che la caratteristica della sinistra sia di provare sentimenti di maggiore umanità, quindi non sembra affatto strano che si sia schierata per l'indulto. Per buona parte della dx, chi delinque non è nemmeno uomo e qualcosa di cui disfarsi… perché la società non ne ha bisogno, in un'ottica di utilitarismo. Sono d'accordo che l'indulto sia una pratica cristiana. Mai messo in dubbio. Ed io più volte ho sottolineato che sono profondamente cristiana seppur anticlericale e laica
    @Galdo, Io sono disposta a prendere il bUONO che porta la tradizione cristiana. Non si butta il bambino insieme all'acqua sporca. Credo che alcune battaglie possano essere condotte assieme 😉

  48. Tisbe

    @skeno, Sì sono stati indultati i reati finanziari, però è anche vero che il reato contro la persona è più grave altrimenti si assisterebbe ad una pericolosa spersonalizzazione delle persone nonché mercificazione di qualcosa che non è assolutamente oggettivabile, l'essere umano e per estenzionel'essere vivente. La discriminante è la parte biologica. Rispetto per la vita, PRIMA. Rispetto per le cose, DOPO

  49. moltitudini

    Certo che la reazione è spaventevole, comprendo perfettamente e mi indigno.

    Ciò che dispiace è che tu non abbia avuto la lucidità di aspettare, innanzi tutto, e se anche tutto ciò fosse stato vero, è grave che tu abbia titubato nel difendere l'indulto, perchè se anche fosse andata come non è andata, non è che ciò poteva bastare a far provare vergogna per aver difeso l'indulto.

  50. Tisbe

    @moltitudini, Certo che l'indulto non perde di valore dopo un'episodio isolato ma avrei preferito che ciò non fosse accaduto, o comunque non in modo così grave. Molti, qui si parla di una strage raccapricciante. Io non ci riesco a rimanere indifferente e a non pensare ad un bambino fragile e innocente sgozzato come un agnellino. Non ci riesco. Puoi farmene una colpa?

  51. utente anonimo

    @Moltitudini: Una cosa che dovrebbe indignarci è l'errore commesso dai giornali e dalle televisioni. Sono loro che devono rispettare nei fatti tutte le regole deontologiche. Questo blog nn è il solo blog ad essersi fidato dei giornali. Una persona quando apre un giornale e legge una notizia può al massimo verificarla su altri giornali o con la televisione. Trovo assurdo che Stampa e Televisione si siano spinti oltre al legittimo sospetto della magistratura, facendo dell'indiziato un colpevole. @Tisbe: Tornando alla distinzione tra blogger e giornalista, credo che sia questa l'unica vera differenza: il giornalista è tenuto a rispettare delle regole…che poi esistono solo sulla carta 🙁

    Giuseppe T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *