Le facoltà sconosciute della psiche

«Il 4 settembre 1923, il dottor Ballard, della Fondazione Rockefeller, trovandosi in mare al largo del giappone, sognò che un terremoto aveva incendiato la città di Tokio. La città era distrutta, e centinaia di migliaia di persone erano morte nella catastrofe». Si trattava di un sogno telepatico, poichè si verificò il giorno stesso in cui un terremoto funestò il Giappone. Dobbiamo aggiungere che 13 anni prima, lo stesso sognatore, dopo aver prenotato una cabina sul Titanic, aveva rinunciato al viaggio in seguito ad un sogno premonitore in cui aveva visto il naufragio di quel transatlantico che, come sappiamo, fece numerose vittime.

Merita di essere riferito in quanto fu vissuto, raccontato e pubblicato da un ingegnere dell’aeronautica che era tutt’altro che un sognatore (John W. Dunne). Fu nel 1902, allorché egli serviva nell’esercito nell’allora Stato Liberale d’Orange, e la posta giungeva di rado. Sognò un’isola sulla quale s’innalzava un vulcano. Getti di vapore uscivano sibilando dalel fessure nel suolo. Spaventato e presentendo una catastrofe, fu preso dall’ardente desiderio di salvarne i tremila abitanti. Si vide allora su un’isola vicina, che tentava di persuadere le autorità francesi a evacuare per mare gli abitanti minacciati. solo parecchie settimane dopo, ricevette i giornali che riferivano la notizia della calamità che si era abbattuta sulla Martinica e che aveva provocato la morte di 30mila persone. Il suo sogno si era avverato, salvo uno zero in più nel numero delle vittime.

11 commenti su “Le facoltà sconosciute della psiche

  1. FrankL

    Io spero davvero che i quattro o cinque incubi notturni a sfondo catastrofico che ho avuto non si avverino: l'ultimo mi ha fatto saltare dal letto 😀 e poi hanno tutti un inquietante punto in comune…

    justfrank

  2. McMorris

    Ciao carissima …
    bellissimo il tuo sito e assai toccante
    Elvis che canta Silent Night.
    Purtroppo l'altra notte ho sognato che cenavo di fronte a Prodi e, nel mio caso, la faccenda era a dir poco anomala.
    Beh , mi sono presentato con un
    -sa, io sono un suo nemico ma le auguro comunque un buon appetito-
    -Ma prego , che piacere … altrettanto …-
    E così via discorrendo e masticando,
    per fortuna non vi erano piatti a base di mortadella …
    Il problema é che adesso tutto ciò
    potrebbe avverarsi … 🙁
    e sarebbe un dannatissimo guaio.
    Dannazione! mai che sogni una cena
    con Manuela Arcuri … no!
    Prodi ,proprio Prodi … acc …
    sob.. sob…sob…
    MC 🙂

  3. Tisbe

    @Galdo, Però cosa?
    @marysamba, forse… 😉
    @FrankL, Potresti cercare di sognare di meno, allora 😉
    @ antares666, Il tempo… il tempo… ha dei buchi e qua e là possiamo entrarci e scorgere qualcosa … e del passato … e del futuro… io credo nelle dimensioni…
    @McMorris, Mi sa tanto che pensi troppo a Prodi… poverino ha già i suoi grattacapi piuttosto che perdere tempo nei sogni altrui 😉

  4. utente anonimo

    …affascinante questo tipo di "sensibilità"…io tempo addietro dovevo andare in Tirchia per una vacanza e fui presa da una sensazione negativa (mai sogni) su quel tipo di destinazione, che attribuii alla possibilità di attentati (solo perchè c'erano da non molto stati in giro per il mondo). Tutti mi "prendevano in giro", ma annullai contro il parere della persona che doveva venire con me. In quei giorni ci fu l'attentato proprio nella zona dove dovevamo andare…
    laura

  5. Tisbe

    @laura, Anche a me capitano di queste cose… Una volta non ascoltai la mia voce interiore ed ebbi un incidente. Per fortuna niente di grave, ma avrei potuto evitarlo

  6. utente anonimo

    I sogni hanno da sempre affascinato l'uomo, inoltre è molto comune la sensazione di aver già vissuto quello che si sta verificando (dejavu). Personalmente ritengo che tra i vari misteri della vita, i sogni sono i più interessanti e allo stesso tempo inquietanti.

    PS: Certo che in questo post hai fatto una strage 🙂

    Ciao!!!

    Giuseppe T.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *