Allarme Oro Blu

ACQUA: BENE COMUNE. Una proposta per l’ITALIA

L’acqua è un diritto, non una merce

 

L’acqua è un problema enorme ovunque, ma in alcune parti del mondo è emergenza umanitaria.

E nonostante questo, le grandi società multinazionali stanno colonizzando il pianeta, con il beneplacito delle grandi potenze e del WTO.  

Il 13 gennaio parte la raccolta di firme per la proposta di legge di iniziativa popolare “Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico” elaborata dal Forum italiano dei movimenti per l’Acqua.  Una proposta di legge per l’Italia, perchè il problema esiste anche da noi.  

Per tutte le informazioni QUI

Il post di tuttominuscolo

Info banchetto AVELLINO. Referenti Don Vitaliano e  Marco Cillo. QUI (Grazie)

60 commenti su “Allarme Oro Blu

  1. utente anonimo

    Cara Tisbe
    L'acqua è la risorsa del futuro. Quella per la quale il manipolo di gangster feudali armati che influenza il mondo andrà a investire in pozzi blindati, eserciti per sorvegliarli, Tariffe improponibili o che possono diventarlo da un momento all'altro per soddisfare le esigenze di controllo in una regione troppo riottosa. L'acqua ha una potenzialità di controllo spaventosa , è un'arma di ricatto come ce ne sono poche. Perchè gli umani possono stare al buio, senza tv, senza internet, ma non possono stare senza bere. Il capitalismo imperialistico globalizzato sta preparando le armi per accaparrarsi pure questo bene, togliendolo dal "comunismo" in cui è stato fino adesso. Sai 7 miliardi di umani sono tanti. E poveri per di piu'. Pericolosi nemici, potenziali terroristi da contrastare alla radice…
    save a prayer for the morning after. Hai ragione.
    cloro

  2. Tisbe

    Cara Cloro, una cosa che mi ha fatto girare immensamente le ELICHE è la frase che ho trovato nella home di Kilombo ad opera di un tal Sir tal dei tali "Il comunismo – scrive Richard Pipes – non è stato una buona idea che ha avuto un cattivo esito; è stato una cattiva idea".
    Il comunismo ha funzionato benissimo con l'acqua perchè non dovrebbe funzionare anche per altre esigenze?
    Perché i beni non dovrebbero essere patrimonio dell'umanità ma dei singoli? Perché?

  3. utente anonimo

    in italia, ed anche altrove, l'acqua sta diventando un affare sporco. bisogna stare attenti, non farsi fregare.
    l'acqua è di tutti e deve essere salvaguardata.
    un saluto
    fabio

  4. kkarl

    Cara Tisbe,
    non puoi che trovarmi vicino a te in questa battaglia.
    Non molto tempo fa ho letto un saggio di Vandana Shiva (l'ambientalista leader, insieme a Ralph Nader e Jeremy Rifkin, dell'International Forum on Globalization e vincitrice – tra l'altro – nel 1993 del Premio Nobel Alternativo) dal titolo "Le nuove Guerre della Globalizzazione" dove si parla di "sementi (ogm) acqua e forme di vita".
    Dobbiamo aprire gli occhi e impedire quello che è un vero e propio progetto di egemonia globale messo in atto dalle multinazionali e da politici senza scrupoli.
    Ho ri-lanciato con un commento l'iniziativa su Pennarossa 😉

  5. utente anonimo

    In un articolo pubblicato dal Corriere dell'irpinia avevo espresso anche utilizzando dati storici dell'importanza delle risorse idriche soprattutto dell'irpinia e dello scippo che subiamo da anni, quindi sottoscriverò in pieno l'iniziativa.
    Tina vedi che per il 26 gennaio organizziamo la pizza, il luogo lo saprete a breve, liberatevi degli inpegni, please.
    ciao
    sulla mia casella di posta se mi fai avere un recapito se no ti senti con diana. OK
    Pasquale

  6. utente anonimo

    Perché i beni non dovrebbero essere patrimonio dell'umanità ma dei singoli? Perché?
    Cara Tisbe, sir Percy ecc…è un tipo (un amico, ottima persona) che scrive pure sul mio blog e che è ossessionato dal comunismo, anche se, come dice miguel, non c'è piu', se è stato sconfitto,però il fantasma delle nazionalizzazioni(che nel nostro pese sono osteggiate più dalla sinistra che dalla destra, purtroppo)
    rimane ed è pesante, perchè ideologicamente mette in iscacco i principii su cui le grandi potenze (quelle che ci garantiscono "democrazia" e benessere) fondano le loro politiche di merda.
    cloro

  7. utente anonimo

    Cara Tisbe: un consiglio su un'altra cosa (che nn c'entra un cazzo) togli "nullità" dalla tua definizione dal blog. Non sta bene usare una parola del genere. Tu ci sei ed esprimi e cazzo se esprimi. Nullità è proprio dei servi. Io ti capisco, perchè sto come te, ma "nulla", nullità", nessuno, non dovrebbero esssre parole che compongono il ns vcabolario. Magari "dubbi", silenzi, problematiche, ma non nullità.
    Nullità è chi vende se stesso. Non chi si esprime anche come gusti, (infatti questa canzone dei duran duran è bellissima.Quest'estate penso che me lo faccio 1 giro nell'avellinese e ti chiederò, se ti va, di conoscerci xke mi pari una persona bellissima)
    cloro

  8. Comicomix

    commento articolato (posso, vero?):
    1. Siamo con te, incondizionatamente, sulla questione dell'acqua…che è, probabilmente, la vera risorsa scarsa del futuro eche è un bene PUBBLICO (in senso tecnico, oltre che etico).
    2. Non si deve confondere l'applicazione (non molto riuscita) del socialismo reale con il comunismo…c'è una bella differenza!
    3. Concordo con l'ultimo commento: tu puoi essere molte cose, ma certo NON una nullità.
    Un sorriso con il sole (dopo tanta troppa nebbia!)
    Mister X

  9. utente anonimo

    Marco Cillo chi? Quello della Mensa dei poveri? Cioè quello della Caritas e dell'Azione Cattolica? Cioè quello che ha "inventato" ad Avellino l'assistenza vera ai disagiati e agli emarginati, il commercio equo e solidale, l'associazione contro le mafie? Lo stesso che ha potuto contare sul sostegno del vescovo Forte e della Chiesa? Ah…… e i comunisti, invece, dove sono su queste battaglie (i partiti comunisti, dico)? Fanno affari nelle giunte e nei consigli di amministrazione?
    Crescenzo

  10. Tisbe

    @Crescenzo, Non fare lo spiritoso! Conosco bene Marco Cillo e l'ho intervistato in più di un'occasione… e certo non ha mai avuto belle parole per gli ipocriti… soprattutto per certi padri di famiglia (cattolicissimi & di Avellino) che poi fanno turismo sessule.

  11. Tisbe

    Comicomix & Cloro, purtroppo in questo momento mi sento tanto "nullità". Vi chiedo scusa per questo e vi chiedo di perdonarmi. E' troppo faticoso per me farmi accettare in questo mondo, cattivo e pieno di squali…
    @Cloro, con tanto piacere. Quando sarà ci metteremo d'accordo.
    @Pasquale, Va bene. Vedrò di contattarti 🙂
    @kkarl, Grazie
    @Fabio, un saluto anche a te
    @raffaelegreco, 🙂
    @loska, Molto bella, ma soprattutto equa
    @smemorato, Grazie 🙂

  12. Batsceba

    da far girare.
    “L’acqua deve essere riconosciuta costituzionalmente come un bene comune (a tutti i livelli di organizzazione della società), appartenente alla vita sul Pianeta ed all’umanità. Gli ecosistemi devono essere considerati come dei beni comuni.” (Dichiarazione di Firenze, 2003)

  13. Tisbe

    E poi Crescenzo lo sai meglio di me che il vescovo Forte è stato isolato e non era ben visto. E permettimi: Avellino è fatta di cattolici. Ovviamente ci sono i cattolici BUONI come te Marco Cillo, ma potrei fare una lista lunghissima dei cattolici che mi fanno schifo!

  14. moltitudini

    Vendola aveva nominato a presiedere l'azienda delle acque pugliesi Riccardo Petrella, uno dei massimi esponenti del movimento "per l'acqua".

    E' durato un anno: Petrella è persona coerente e seria, Vendola meno, e Petrella alla fine non ha potuto che dimettersi.

    Per il resto, la campagna è sacrosanta.

  15. utente anonimo

    Tisbe, tu invece giuri sulla serietà di tutti quelli che parlano contro la Chiesa? E sui "compagni" (veritiero il quadro fornito da moltitudini) che mi dici?
    Crescenzo

  16. utente anonimo

    Dobbiamo essere in tanti a firmare. Ho già iniziato a raccogliere le firme. Questa è una buona occasione per far seguire i fatti alle belle parole, dobbiamo essere in tanti a firmare.
    Un bacio,
    luigi

  17. Tisbe

    @pasquale, Io mi adeguo Pasquale, mi adeguo sempre, non faccio altro nella vita. Va bene.
    @Crescenzo, Vorrei dire tante cose, ma mi astengo. Dico solo che ci sono e ci sono stati tanti compagni che hanno ravvivato a dato lustro alla vita CULTURALE di questa città di morti ambulanti…
    @Moltitudini, Hai regione, Vendola è stato una delusione soprattutto per chi ci ha creduto
    @desiderio947, Grazie buona domenica
    @ luigi, Bene, mi fa piacere di essere

  18. utente anonimo

    Come pugliese conosco bene il problema dell'acqua, quindi sono felicissimo di questa iniziativa.

    @Moltitudini e Crescenzo

    Quanto alla vicenda Petrella vs Vendola non capisco la polemica.

    Vendola vuole: lasciare l’acquedotto pugliese a una società per azioni a capitale interamente pubblico.
    Petrella vuole: ritrasformarlo in un ente pubblico come era in origine.

    1. Petrella è stato nominato da Vendola e Petrella si è dimesso.
    2. Fitto il candidato di centrodestra (quello che voleva lottare per i socialmente utili protestando con i loro stipendi), era ed è per la privatizzazione dell'acquedotto.
    3. Il movimento "per l'acqua" non è nè contro Vendola nè contro Petrella.

    Come si può dire sono contro Vendola e sono anche a favore dell'iniziativa??? A me sembra assurdo visto che l'alternativa è Fitto.

    Ciao e buona domenica.

    Giuseppe T.

  19. utente anonimo

    Porto due aspetti, in merito al tema dell'acqua, fonte preziosa.
    Uno in veste internazionale, uno molto molto casalingo. Il primo è prendere coscienza di una realtà scomoda che passa inosservata o che viene dirottata, ovvero:
    i peggiori disastri idrici del pianeta sono stati consumati e CONTINUANO ad avvenire nei Paesi comunisti o regimi comunisti in ogni caso e in quelli arabi o comunque a regime islamico.
    Urss, Cina, Iran e Medio Oriente in genere.
    Questo è un quadro drammatico a cui si aggiunge un ulteriore drammatico evento: la sinistra progressista e filoislamica, verdi inclusi, non si è mai preoccupata di questo nè di denucniare o promuovere azioni in merito, a dimostrazione dei doppi fini e della strumentalizzazione di temi seri fatta dalla politica più ipocrita. E' anche vero che, a mio avviso, gran parte della colpa ce l'ha anche una politica di centrodestra che ha abbandonato alla sinistra per anni il tema ambientale, come fosse sua peculiarità o proprietà. Fatto che non è vero, se non per pregiudizio, uno tra i tanti. Solo in Italia per dire la banalità che prende possesso facilmente dell'opinione pubblica con meno attitudine ad informarsi veramente senza pendere dalle istruzioni della propaganda, si ritiene che se si è impegnati socialmente, o ambientalmente o per la pace si è di sinistra. Si evince conseguentemente che chi è di destra se ne sbatte le palle dei più sfortunati, odia gli animali, il pianeta Terra e tutto il genere umano. Per fortuna non tutti sono così incoscienti e superficiali, "bigotti" nel conformismo di sinistra da accettare davvero quest'idea. Comunque molti.
    Certo che anche l'Occidente ha le sue responsabilità.
    Gli Usa per dire hanno sfruttato talmente l'acqua del Colorado e del Rio Grande e pompato incoscientemente dai pozzi da consumare riserve che la pioggia potrebbe rendere solo impiegando duemila anni.
    E questo per diventare il più grande granaio del mondo, capace di sfamare anche l'Unione Sovietica che dopo la guerra fredda e con l'illuminato cammino di Gorbaciov cercava di oscire dall'oscurità del comunismo più bieco e criminale. Un cammino che ancora non è compiuto..
    I Sovietici invece hanno causato la più grande catastrofe ambientale del XX° secolo deviando i fiumi Darya e SirDarya che alimentavano l'immenso lago d'Aral, che fino agli anni '60 era grande come Belgio e Olanda messi insieme (provate a pensarci, tutta acqua..), considerato un vero e proprio mare interno.
    Oggi è ridotto a 3 pozze ipersalate. Tutto ciò per alimentare la politica economica più fallimentare mai applicata nel mondo da quando è nata, il comunismo (o internazionalsocialismo).Tutto per farci un immenso campo di cotone. Con una dispersione di oltre la metà dell'acqua effettivamente necessaria. Si pensi che questa catastrofe ha portato a danneggiare sia anche la produzione di cotone stessa perchè quel lago, quel mare interno influiva e creava il clima nessario alla sua produzione (piogge abbondanti) che oggi ovviamente non ci sono più.
    In Cina Mao ha canalizzato il fiume più importante, il Fiume Giallo (vi prego di confrontare con una breve ricerca web la portata d'acqua o la lunghezza del Fime Giallo di allora con il nostro fiume più grande, il Po per avere una vaga idea della catastrofe). 5000 chilometri. Avete letto? 5 mila!!! Sfamava mezzo miliardo di persone. 500.000.000 persone, avete idea? Oggi questa bella scelta scriteriata e dissennata porta all'abbandono dei campi per inaridimento, mettendoli alla fame. Questo è quello che ancora alcuni ignoranti nostalgici chiamano "Il Grande Timoniere".
    Così' oggi il deserto del Gobi stà avanzando perchè per coltivarci per forza il grano serviva 4 volte l'acqua che serviva altrove!!!
    Oggi la Banca Mondiale avverte: sarà una catastrofe perchè la Cina avrà difficoltà a sfamare i suoi abitanti.
    Passiamo al Medio Oriente: ha esaurito lacqua tempo fà. E ancora sono state esaurite pure le riserve dell'Iran, Libia. Questo anche perchè gli antichi qanat, inventati dagli antichi persiani, sono senza manutenzione e si prosciugano. L'islam ha cancellato quella cultura e quella tecnologia superiore. Per esempio, i persiani attingevano dalla falda solo fino al limite della sua ricarica. Pensavano, loro, al lungo termine.In libia Ghedafi ha addirittura sfruttato le grandi quantità di denaro incassate con il petrolio in vent'anni per costruire una conduttura che trasporta l'acqua che prima affiorava solo nelle oasi, per 3500 km, larga come una linea metropolitana, sfruttando la più grande oasi del deserto ma anche la più grande riserva d'acqua dolce della Terra. Che comunque non è sufficiente a irrigare i campi o dissetare la costa!!!!Così Gheddafi pompa acqua dalla falda vicino al mare, inquinando la falda dolce con l'acqua del mare. Che ovviamente non disseta e non fà crescere il grano!

  20. utente anonimo

    Sono tutte notizie che non troverete a Festambiente, nè al festival dell'unità o in un centro sociale, nel Manifesto… e non è certo un caso. Esistono per i sinistri morti di serie A e serie B (i morti di serie A se uccisi da Usa o Israele ovviamente) e, come prevedibile, esiste l'ambiente di serie A e di serie B. Quello di serie A ovviamente è quello sfruttato dagli Usa. Niente Israele qui, purtroppo, perchè han saputo far crescere nel deserto e nell'arido ambientale e politico, un'oasi rigogliosa, sostenibile e una democrazia. Insomma, tutte cose che i vicini non sono mai riusciti a fare, ottenendo certamente lo scopo per aggiungere odio all'odio.
    Ve ne dico un'altra che non troverete nelle fonti che io chiamo di "disinformazione" o di propaganda permanente che citavo sopra.
    Il fatto è legato allo stimatissimo morto di serie A Saddam Hussein, attualmente eroe delle comunità sunnite di tutto il mondo (addirittura in India le comunità sunnite usano dare il nome Saddam Hussein ai propri figli e recentemente una cittadina ha fatto richiesta di dare il nome alla città..).
    Questo bell'uomo eroe e martire contro la causa anti imperialista sionista che garantiva almeno alla gente di andare al mercato e si stava meglio prima e tutto era ok poi sono arrivati Bush e blablablabla, ha fatto diverse operazioni di "pulizia" etnica. Tutti conoscono bene o male quella dei curdi gasati (morti di serie B). Molti ingnorano quelle contro gli sciiti.
    Una per esempio, contro 500.000 sciiti (mezzomilione di persone, in questo caso di serie B che non meritano gli articoli del Corriere della Sera o del Manifesto) hanno subito l'orrenda "pulizia" etnica tramite Tigri e Eufrate.
    L'eroe martire bell'uomo blabla Saddam Hussein ha deviato il corso dei 2 fiumi, proscigando le paludi che c'erano da Basora a Nassirya (nomi che fanno venire l'acquolina in bocca ai più convinti noglobal arcobalenisti per le eclatanti anzi esplosive vittorie dei terroristi resistenti (alla pace) anche contro il nostro contingente, conosciuto nel mondo come ferocissimo esercito avvezzo alla crudeltà umanitaria, processi sommari, uccisioni e distruzione di scuole e musei (:S altrimenti non si spiega la gioia degli arcobaleni convinti) impedendone la costruzione di nuovi ecc. Quella riserva d'acqua dava la possibilità agli irakeni abitanti lì di prodrre riso, di epscare, cacciare, utilizzare le canne (palustri, palustri, non da fumare, sempre eccitati e con la bava alla bocca voi arcobalenisti eh? :D), pascolare i cosiddetti "bufali d'acqua".
    Non soddisfatto di aver rovinato per sempre questi disgraziati sciiti (irakeni di serie B che poi ci si stupisce che si siano avventati sulla statua di Saddam per distruggerla e che abbiano condannato a morte Saddam offrendosi a centinaia come volontari esecutori della condanna), questi irakeni che pur essendo tanti non hanno il diritto nemmeno di essere chiamati resistenti, avevano avuto l'ardire di sopravvivere ugualmente con le piccolissime pozze d'acqua rimaste. Così il grande erore antiimperialistasionista islamico dell'ultimo minuto Saddam ha visto bene di prendere l'esercito incaricandolo di AVVELENARE CON PESTICIDI le pozze rimaste per cancellare ogni forma di vita.
    Oggi cosa c'è al posto di quelle paludi?
    Un deserto. Coperto di sale.
    Gli abitanti? Sono ovviamente morti (di serie B). Pochi sopravvissuti sono andati via.
    Cosa dice, sottovoce l'ONU per non disturbare i riformistisinistrifiloislamici di questo folle pianeta? Dice:
    "Un disastro ecologico di prima categoria, paragonabile alla DEFORESTAZIONE COMPLETA DELL'AMAZZONIA".
    Pensa se l'avessero fatto Usa e Israele che già sono chiamati dai folli che odiano il mondo, la pace e la speranza "terroristi".
    Viene da pensare che siano stati "buoni" nel descrivere l'entità del danno.
    C'è da crederci.
    Perchè c'è catastrofe e acqua di serie A e di serie B….

    Gabriele

  21. utente anonimo

    Il caso casalingo terra terra che volevo portare con qualche considerazione sull’ipocrisia dell’informazione che strumentalizza i buoni propositi e la buona volontà della gente è il seguente:

    perdita d’acqua al contatore.

    Contatto subito l’Acquedotto.

    Mi chiedono subito se la perdita è PRIMA del contatore o DOPO il contatore. So bene perchè: se è dopo, il costo della perdita viene a me imputato, compresa la riparazione del guasto. Se è prima del contatore, la conduttura è pubblica ed è competenza loro (ed io non posso metterci mano pena la denuncia).

    Li informo che è loro competenza: è prima del contatore personale.

    Mi chiedono l’entità della perdita. Li informo che è limitata, ma la conduttura è vecchia e rugginosa e che quindi potrebbe peggiorare velocemente, infatti sembra in aumento… Bene. L’operatore mi diche chiaro e tondo che loro intervengono solo per falle consistenti, quindi quando la strada sarà allagata, di richiamare per avvertirli, semmai interverranno.

    Allibito, chiamo sperando di parlare con un altro operatore meno dissennato. E infatti è un altro. Ma mi dice la stessa cosa: chiami quando la falla allaga la strada….

    Rabbia! Sono tra lo sbigottito e l’incazzata. Sbigozzato praticamente. Prendo la bolletta per vedere se ci sono altri numeri da chiamare oltre a quello verde e vedo, in alto a sinistra, un bel riquadro. C’è scritto, testuale subito sotto l’intestazione dell’acquedotto: “L’acqua è vita. Non sciuparla!”.

    Quanta saggezza, quanta bellezza filosofica in questa frase….

    Altro caso. Condominio. Non abitato in modo fisso, sono tutte seconde case. Di persone che abitano e risiedono altrove.

    C’è una perdita. Enorme. Migliaia di mc d’acqua. Il rilevatore dell’acquedotto fà le letture e le spedisce ai domicili. Costi enormi, di migliaia e migliaia di euro. Consumi anomali in Gennaio dove da sempre, il consumo d’acqua è pari a zero per tutte le utenze del condominio.

    Consumi anomali perchè migliaia di mc nemmeno per irrigare le risaie, in qualsiasi periodo dell’anno.

    Poi, un mese dopo, arriva la bolletta astronomica. Capito? Hanno rilevato la perdita. L’hanno fatturata! Non riparata, perchè non era loro competenza (era in questo caso dal DOPO il contatore). Ma nemmeno avvertito. Dopo mesi e mesi di pratiche smarrite, documentazione spedita con ogni mezzo, colloqui, minacce legali, bollette incassate non di spettanza, l’acquedotto mi scrive che saranno ricalcolati i costi nelle future bollette. Nulla invece sulla lettera spedita sul comportamento immorale, incosciente e criminale di chi scrive sulle bollette “L’acqua è vita. Non sprecarla.” e poi si limita a fatturare i consumi di una perdita di migliaia di mc senza avvertire nessuno.

    E tra parentesi, ne sono venuto a capo SOLO perchè qualcuno mi ha detto che conosceva uno che lavorava all’acquedotto, altrimenti la storia sarebbe ancora lì, tra documenti introvabili e pratiche sospese o trasferite di competenza!

    Insomma, risolta all’italiana.

    L’acqua è vita. Non sprecarla…tu, che ci pensiamo noi!

    Forse non tutti sanno che gli sprechi, le dispersioni ed i pessimi utilizzi dell’acqua in Italia almeno non sono quelli relativi all’uso civile.

    Ma a quello agricolo-industriale. A noi ci umiliano e ci fanno sentire in colpa se in un giorno facciamo due docce, se dopo aver fatto pipì osiamo tirare lo scarico… però dimenticano di dirci che lo spreco è in tutt’altro posto.

    E dopo quello agricolo-industriale, il grande spreco è nella manutenzione delle condutture. Cioè, prima che tu possa sentirti una merdaccia solo perchè ti concedi un bagno all’anno anzichè una risparmiosa doccia e ti permetti di tirare l’acqua dopo la pipì avendo mangiato un piatto di spaghetti con gli asparagi, prima che soltanto l’acqua entri nella tua e nelle altrui case, la dispersione delle condutture in alcune località italiane è superiore al 60 % (con picchi anche superiori). Capito? Tu usi il 40% di acqua, il resto viene perso durante il tragitto, sicchè vergognati a fare tutto quel tè verde con l’acqua del rubinetto che oltretutto fà un po’ schifo perchè sà di piscina (cloro).

    Altra perla.

    Roccamare, Punta Ala. Note località turistiche, soprattutto negli anni ’70.

    Note perchè ci morì Calvino? O c’aveva casa Saviane? O George Solti? Macchè, a noi italiani piace il petteguless…

    Note perchè ci è andato Prodi quest’estate. Ospite dei suoi amici. Ovviamente, come conviene al contesto di megaville private in grandissima pineta privata, sono tutti milionari.

    Bene. Questi amici di Prodi, molti di loro hanno naturalmente una piscina (cosa se ne facciano avendo la casa sul mare praticamente e con spiaggia privata non chiedetemelo).

    Bene. Tutti i giardinieri sanno (perchè tutti hanno il giardiniere e altre figure domestiche che si occupano dalla pulizia della casa allo sgocciolamento del cane dopo averlo portato a fare i suoi bisogni), sanno che queste piscine sono riempite di ACQUA DOLCE. SPESSO POTABILE.

    Piscine.

    Perchè l’acqua è preziosa, ma c’è l’acqua di serie A e poi le piscine ovviamente… 😀

    Mi scuso per la lunghezza. Per la legge del contrappasso limiterò notevolmente i miei interventi.

    Che, spero, non siano di serie B.

    Ciao a tutti.

    Gabriele

  22. utente anonimo

    @Gabriele

    Come fai a dire una cosa del genere? La Cina ad esempio sta compiendo disastri ambientali per rincorrere l'interesse economico: la Cina oggi è molto più capitalista di quanto pensi!!!
    E poi senza ricorrere a paragoni internazionali vedi lo stato di salute dei fiumi e dei laghi italiani. L'acqua è inquinata soprattutto perchè le aziende spesso riversano i rifiuti (tossici). E poi quanto ad ambiente non ricordo che l'America abbia firmato il protocollo di Kyoto.

    Per Saddam Hussein ti ricordo che lavorava per l'America (CIA) ha combattuto contro l'Iran insieme all'America. Bin Laden è stato alleato all'America contro la Russia (in Afghanistan). Come vedi è l'America che ha creato "almeno" questi casini.

    Quanto a Prodi vedi il casino che il psiconano ha creato in Sardegna e non credere che la piscina sia solo una moda dei politici di sinistra.

    Per il problema che hai avuto ti capisco e purtroppo credo che lo stato delle condutture faccia schifo in molte parti d'Italia.

    Giuseppe T.

  23. utente anonimo

    Giuseppe, io dico quello che succede. Fatti. Dati. Informazione corretta o correttiva del buio mediatico, del matrix comunistoide.

    Sui fatti c’è poco da discutere, sono lì. Si può discutere invece sulle opinioni, le idee, i pareri ecc. Quanto vuoi e come vuoi.

    La Cina è dovuta per forza diventare capitalista, perchè il comunismo rovina Paesi e Popoli, ovunque. Non aveva scelta per superare la fame (che ancora c’è all’interno): i danni del comunismo sono immensi, serviranno generazioni ancora. MA i danni che speriamo di veder al più presto risolti sono quelli umanitari. Il comunismo uccide l’umanità, il rispetto, la dignità.

    Così la Cina è capitalista (nel senso che oggi ci sono stramilionari e tutti teoricamente possono possedere qualcosa di più di una divista standard, una bicicletta e un libretto rosso di Mao.

    Ma resta un paese fortemente comunista. Non esistono sindacati. Non ha fatto e forse non farà il cammino dei sindacati tipo quello polacco di Solidarnosc. Non ci sono diritti di espressione. Se migliaia di studenti oggi come ieri a Tien An Men manifestassero la loro protesta contro la repressione comunistoide, morirebbero anche oggi. I Tibetani sono perseguitati anche oggi. La loro cultura viene quotidianamente distrutta, ormai ne resta poco poco di quella cultura. Google stesso è soggetto a restrizioni gravissime, ma è il meno. Il meno. Si finisce in carcere moolto facilmente. E sai perchè? Perchè sarà pure diventato capitalista, ma E’ RIMASTO TREMENDAMENTE COMUNISTA! Nemico del rispetto dell’individualità (che vuol dire nemico dell’uomo) e della dignità umana, libertà inclusa.

    Per quanto riguarda l’Italia metto una pietra sopra, c’è di peggio, credimi. Ma in Italia ci si rifiuta di prendere in considerazione anche un solo referendum di creare centrali nucleari, oggi l’energia più pulita che conosciamo (magari si potesse sfruttare un giorno quella di fusione..). Non si ha uno sviluppo dei motori alternativi a quello ad idrocarburi derivati fossili. Non c’è interesse. Si buttano via milioni e milioni di Euro con politiche inutili, ma tanto trendy (come l’inquinamento elettromagnetico delle antenne che non hanno alcuna sperimentazione seria o documentazione di nocività a tutt’oggi). O l’auspicio di rovinare paesaggi bellissimi (e fonte economica di reddito derivato dal turismo) con sterminate distese di installazioni eoliche. Potrei continuare. L’acqua è inquinata soprattutto per la cattiva gestione del territorio, la speculazione, la mafia e la gran balla del riciclo che arricchisce pochi, mafie incluse con i nostri sforzi. Si inquina il territorio e anche le falde o le fonti vicine con le discariche abusive, con l’incapacità delle amministrazioni di costruire depuratori e discariche o inceneritori seri. In Calabria si spartiscono i soldi i Verdi, comunisti e le cosche locali (che mi risulta lavorino efficacemente anche facendo affari con le Coop). Tutte situazioni che non vendono certo portate agli onori della cronaca. Non certo quella del Manifesto o il volantino arcobalenista o dei Verdi.

    Perchè c’è schifo di Serie A o B. Anzi, uno praticamente viene nascosto. E a casa mia, nascondere parte della verità equivale a mentire.

    L’America non ha firmato il protocollo Kyoto. Verissimo. Ma è una verità ch non nasconde l’altra: sono i paesi comunisti e islamici a fare i danni più seri. E’ un po’ come vedere il mondo manifestare contro la pensa di morte di Saddam e sbattersene delle donne lapidate o dei dissidenti spariti in Cina.

    C’è ipocrisia. C’è mancanza. C’è menzogna che assolutamente non bevo. La verità và bevuta tutta o non è verità.

    Saddam non l’ha creato l’America. Gli Usa hanno tentato di sfruttarlo. E per un po’ ci sono pure riusciti.

    Iraq e Iran si sono sempre combatutti per il predominio di tutto il medioriente. Ma non significa che se Saddam era un criminale, non lo fosse anche l’Iran. Anzi. Ma gli Usa dagli anni ’70 fanno tremendi errori di valutazione. Saddam non era gestibile. E tu hai dimenticato che han fatto così anche con Osama Bin Laden, oggi nemico numero uno degli Usa. Ma ciò non toglie la parte di verità che non dici o che cerchi di sminuire: Saddam era un criminale. NOn creato dagli Usa, ma dalle divisioni tribali islamiche interne. E dall’essere uomo “speciale” se pur malvagio come Hitler Mao Stalin o Fidel Castro o Guevara o Pol Pot, tutte persone straordinarie ma malvagie. Straordinario non nega malvagio e viceversa. Saddam resta criminale anche se mal sfruttato per un periodo dagli incapaci Usa.

    Quando a Prodi fai lo stesso. Cerchi di salvarlo migliorandone l’immagine non parlando di Prodi stesso (cosa che dovrebbe essere molto ardua, visto che è caricatura vivente esteticamente e vocalmente oltre che esemplare con all’attivo solo inciuci e danni economici documentabili), ma tirando in ballo il nano Berlusca.

    Perchè voi sinistri SIETE OSSESSIONATI da Berlusconi. Parlate di lui sempre, sia per parlar male di lui sia per parlar bene di altri. BerlusconiBerlusconiBerlusconi….ma che coglio.. un’ossessione!

    Ne fate una divinità. Siete la dimostrazione della sua grandezza. Della sua presenza anche durante l’assenza.

    Invece, nonostante il vostro odio feroce ingiustificabile (forse ci avete messo dentro, caricato sopra tante frustrazioni, tanta rabbia, comprese quella per la dissoluzione del Pci e del sogno Marxista o Sovietico e il loro fallimento planetario? Mah, non si spiega..), nonostante tutto Berlusca è solo un uomo. Con i suoi difetti, anche gravi. Uno è quello di non essere un politico di mestiere (che però forse è dal punto di vista umano, un pregio, vista la stima che ho dei politicanti di mestiere..). Ne ha molti, compresa la megalomania che però, guardacaso, affligge anche Prodi che oggi dice cose tanto criticate allo psiconano: tutti ce l’hanno con me, non mi capiscono, la stampa mi odia…Solo che Prodi si spinge più lontano: oltre a mettercelo nel cecce, pretende anche di dirci che domani lo ringrazieremo e capiremo (perchè oggi siamo idioti, mica intelligenti come lui). Oppure di imporci sacrifici inutili (per noi, ma utilissimi ai suoi soci e a tenere salde le poltrone) per poi un domani togliercele come se fosse un premio di cui ringraziarlo umilmente…

    Sullo psiconano puoi dire tutto, davvero. L’unica cosa errata o assurda che dici è però quando ti riferisci alla sua megavilla in Sardegna.

    Sai, quel terreno gliel’hanno venduto degli speculatori sardi.

    Sai cosa c’era prima di quella fottutissima villa?

    Uno schifo. Una discarica a cielo aperto. Hai capito bene. Un’orribile discarica liquamosa e putrida praticamente in uno di quelli che dovrebbe essere considerato, a merito, uno dei posti più belli della Terra, la Sardegna. Invece lì era da anni e anni una discarica a cielo aperto. Sul mare. Capito? A tutti andava bene, anche a te quando c’era la discarica. A tutti andava bene così.

    Poi lo psiconano ci fà una villa con elementi kitch che nemmeno a Hollywood e tutti voi altri comunisti, in primis Soru a gridare lo scandalo, a fare la bava, dimenticando l’indecenza che c’era prima, nell’indifferenza di tutti. Dimenticando che prima della villa dello psiconano unto dal Signore ci sono molte situazioni in Sardegna che andrebbero spiate, fatte denunce, migliorate, rese “civili”.

    Comprese certe speculazioni del Signor Soru, acclamato da molti sardi solo perchè sardo, confermando l’attitudine di alcuni scriteriati abitanti di questo paradiso di essere quello che io chiamo “Sardomasochista” (e ci rientrano tanti razzisti sardi che considerano il continentale uno straniero e che osteggiano ogni forma di turismo sostenibile e preferiscono il nulla o la discarica o, udite e udite, orgogliosamente vantano gli orgogliosi sardi che sequestrano e ti sparano se passi dalle parti di Nuoro..). Per fortuna i sardi sono altro e bella gente. Così come molti islamici. Spero via via anche comunisti (ed infatti chi ha conosciuto chi ha vissuto negli ex paesi comunisti cubani o dell’est europa come capita a me sa che si stupiscono dei incoscienti comunisti qui che non sanno o non vogliono sapere cosa è…).

    Il problema che ho avuto, per ritornare al topic, è una goccia nel mare dell’ipocrisia e della burocrazia, del menefreghismo dovuto ad un sistema che vive di rendite, calci nel sedere, raccomandazioni e intoccabilità. Molti cittadini possono raccontarti situazioni più tragiche o eclatanti.

    Viviamo in un paese dove gli statali che lavorano, lavorano il doppio per colpa di due statali su 3 o 4 che non lavorano (che spesso osteggiano e fanno mobbing con chi lavora, perchè dimostrerebbe che è possibile un minimo di efficienza e risultato). Viviamo con un apparato statale che sopravvive solo perchè pochi lavorano il doppio di altri. Costosissimo, inutilmente numeroso.

    A partire dagli enti pubblici INPS INAIL INPDAP che sono sempre affamati dei nostri soldi e sacrifici. Per seguire con la Sanità e correlati. Per continuare con Ministeri e scuola. Posti dove i meriti sono frustrati, umiliati.

    E viviamo la colpa di una cultura opposta ma altrettanto e più dannosa, l’antistato, quello che guarda con simpatia la mafia, l’arte di arrangiarsi sulla pelle degli altri, di fregare il prossimo. E’ una cultura che arriva con i più piccoli tentacoli anche quando fai la fila alla posta o al supermercato o a pagare il ticket e ci sono i furboni che passano avanti e, oltretutto, spesso con la connivenza di quelli che non vogliono casini guai a protestare! Ci passi pure da rompiballe.

    Ecco, lo spreco comincia dalla cultura dell’ipocrisia. Ci sentiamo buoni perchè facciamo donazioni al Teletlon. Perchè separiamo il vetro. Perchè non tiriamo l’acqua se facciamo “solo” pipì. E ci beviamo tutte le cavolate che ci raccontano in tv.

    Per fortuna ogni tanto qualcuno si rende conto di…

  24. utente anonimo

    essere preso per i fondelli.
    E comincia a pensare autonomamente che l'ipocrisia è anche in quella stupida frase: "l'acqua è preziosa! Non sprecarla". NOn cambierà un tubo se a farlo sono io, te e tutti gli altri utenti. Non finchè non c'è una politica seria che coinvolga industria e agricoltura ma soprattutto OBBLIGHI amministrazioni locali a risparmiare su trasferte costosissime all'estero, feste e balli e abbia cura veramente di cose e diritti essenziali, come l'igiene, l'acqua con condutture nuove.
    Noi abbiamo un'industria pesante praticamente quasi unica: la Fiat.
    Un'industra gestita per anni dall'incapace famiglia riverita ed ossequiata da tutti, destri e sinsitri, gli Agnelli. Che certo non si levavano i paradisi fiscali e i soldi di tasca o la cocaina (L'avvocato si era rifatto il setto nasale se ricordate), ma la fabbrica andava tutta sul groppone degli italiani, di noi, dei servizi a cui avremmo diritto da sempre. E nonostante ciò migliaia di cassaintegrati che certo non facevano bella vita. Gli Agnelli sì. Tanto paga mica lui. La Fiat che però quando và bene non restituisce un tubo di quello che ha indebitamente preso. La Fiat che è in passivo da anni anche se ora in crescita con gli inciuci governo-Montezemolo e una direzione ben più competente. Però la Fiat in Cina è in attivo. Come? Perchè in Cina è in attivo? Macchine più belle? No, più economiche. Il lavoratore cinese non ha molti diritti e garanzie sul lavoro. Non esistono balle o sindacati. Ecco a che prezzo. Bella forza. Bello schifo.
    Ecco, questa fottua Fiat avesse mai in tanti anni sviluppato un fottutissimo motore elettrico decente. Negli Usa han sfornato di recente un coupè che supera i 230. Elettrico. Oggetto cult. Già introvabile. Bisogna ordinarlo negli Usa perchè solo lì c'è manutenzione, ordinarlo quest'anno per averlo il prossimo anno. A costo ancora proibitivo per i "normali".
    La Bmw ed altri gruppi studiano alternative. Combustibili di tipo diverso che dai derivati del petrolio.
    Da noi la Fiat cosa ha fatto? Al massimo una bifuel. Schifosa. Fallimentare. Come minimo perchè non c'è nemmeno una distribuzione decente del metano come carburante alternativo a diesel e benzina. Figuriamoci se si può parlare di Colza o altri prodotti al distributore. E quando fosse, figurati se con accise, tasse e iva non diventerebbe caro come è diventato caro il Diesel che una volta costava molto meno della benzina (e si facevano molti più km).
    Quindi tanto vale tenere la benzina, no? E ingrassare l'Eni e gruppi italiani, i dirigenti, le azioni ecc pazienza se poi gli africani si sentono sfruttati e ci rapiscono i tecnici…
    La Toyota ha creato la Prius. Perchè i fottuti verdi non hanno fatto propaganda? Molti italiani non sanno nemmeno che esiste.
    Però i verdi ci rompono le palle per separare le lattine dal vetro e per non farci tirare l'acqua se facciamo pipì.
    Mavvia.
    Non se ne può più.
    Non penserete mica che a Caserta i Signori di sua maestà Prodi abbiano bevuto l'acqua della cannella come fanno molti poveracci come me o addirittura andando alle fonti a fare la scorta come facevano la generazione prima e come alcuni ancora fanno (perchè è meno addizionata di cloro e quindi meno disgustosa)?
    Comodo essere finocchi col culo degli altri.
    Ma d'altra parte abbiamo scelto una classe politica che parla agli operai in cachemire con la r moscia, con villa unifamiliare e piscina o vanno a sentirsi buoni e impegnati a Capalbio in posti chic e elitari dove uno spuntino pomeridiano di prodotti doc e genuini costano come metà del mio stipendio.
    Prima di diventare uno stupido conformista schiavo della propaganda e dell'ipocrisia preferisco diventare qualunquista.
    C'è più dignità. E si può, anzi, si deve usare il cervello, non il prodotto di quello di altri, con scopi strumentali all'interesse personale o ideologico anche al costo di diventare bugiardi o nascondendo porzioni importanti di verità.
    Gabriele

  25. utente anonimo

    Prima di diventare uno stupido conformista schiavo della propaganda e dell'ipocrisia preferisco diventare qualunquista.

    questa è la conclusione(degna del resto) di un discorso che, se non fosse per la lungaggine, sembrerebbe un proclama elettorale di forza italia.
    cloro

  26. utente anonimo

    Ritenta, sarai più fortunato! Non hai indovinato!
    D'altra parte con la benda del conformismo era difficile farlo.
    Dai riprova. Col cervello inserito stavolta(clicca su "on" perchè l'accensione evidentemente non è automatica).
    Ciao Clò

    Gabriele

  27. utente anonimo

    @Gabriele

    Premessa: quello che segue non sono opinioni ma fatti che non troverai solo sui giornali di sinistra e trovo presuntuoso il fatto che tu creda che gli altri siano condizionati e non ti rendi conto che le tue opinioni non sono molto diverse da quelle di berlusconi-fini-bossi. Io non leggo (solo) i giornali di sinistra ma soprattutto il Corriere della Sera o la Stampa, mi spiace deluderti.

    La Cina è molto più capitalista di quanto pensi. Il capitalismo agli inizi negli USA era molto simile a quello della Cina. Inoltre ti informo che i sindacati non esistono in molti paesi capitalisti tra i quali USA.

    Sulle centrali nucleari sono contrario e se vuoi sapere il mio parere sulla politica energetica ti rimando (per completezza) al blog di Beppe Grillo.
    Sull'acqua sono d'accordo che non basta solo l'impegno dei singoli e che i veri spechi sono altrove, però ti ricordo che siamo più di sei miliardi di persone.
    Quanto ai disastri ambientali sono America e Cina a compiere quelli maggiori e lo fanno nel nome del capitalismo per il quale non accetteranno di firmare mai un accordo come quello di Kyoto.

    Tu accusi gli statali e per certi versi ti do anche ragione, ma non credere che i privati non abbiano colpe. Ad esempio in Italia è molto frequente che le "nuove" aziende non paghino tutto lo stipendio ai loro dipendenti pur usufruendo di molti contributi e impongono anche di non fare la tessera al sindacato.

    Sulla villa dello psiconano contesto modifiche notevoli all'aspetto naturale e al fatto che ha abusato del segreto di stato.

    Inoltre non credo che sia giusto fare una critica alle intenzioni verso Prodi ma ti posso assicurare che se non farà nulla sarò il primo a criticarlo. Tu critichi tanto un governo che ha meno di otto mesi e non fai una sola critica al precedente governo: andava tutto bene con lo psiconano???
    Quanto al governo dello psiconano ti porto solo un piccolo esempio. In cinque anni di governo le strade della provincia di Foggia hanno visto uno stato di rovina totale e mai conosciuto prima, mentre questo governo ha già stanziato (per il 2007) i soldi per diverse strade.

    Su Saddam e Bin Laden è ormai un fatto acquisito che neanche l'America nega più: studia la guerra dell'America in Afghanistan contro la Russia e quella contro l'Iran: è storia!!!
    Inoltre il mondo non protestava (solo) contro la pena di morte a Saddam ma per il fatto che è stato consegnato dall'America all'Iraq sottraendolo al tribunale internazionale.

    Sul Comunismo ti invito a leggere magari Wikipedia, sperando che capirai la differenza tra l'ideale e le "applicazioni" finite in dittatura.

    PS: Cerca di essere sintetico perchè diventa difficile risponderti.

    Ciao.

    Giuseppe T.

  28. utente anonimo

    Certo che il pregiudizio anche quando concentrato in poche parole rende più faticosa la risposta che a un prolisso messaggo tipo i miei.

    Addirittura mi consigli di studiare la guerra dell’America in Afghanistan contro la Russia e quella contro l’Iran: storia che conosco e leggo di nuovo ogni volta che ne ho l’occasione. Di più. La leggevo anche quando in Afghanistan erano i sovietici a bombardare e invadere. E non per la libertà e la pace baby.

    Ma gli Afghani, se ti piace la storia, saprai che sono una “razzaccia”, un popolo di tribù pressochè indomabili.

    Praticamente non c’è mai riuscito nessuno. Nemmeno Attila, il Gensis Khan, Alessandro Magno… nessuno riesce a domare quelle tribù.

    Come loro ci sono quasi solo i baschi credo.

    Eppure il tuo invito è critico, come dire: fallo perchè non lo fai? Su Saddam e Bin LAden è un fatto acquisito.. MA SE L’HO SCRITTO IO ANZI, SONO IO CHE HO RICORDATO DI OSAMA perchè cazzidui aveva omesso di dirlo nominando solo messieur Saddam. Questo per dire che sono obbiettivo e pane al pane. Sono intellettualmente onesto.

    Mi dici che non ho fatto una critica al governo Berlusconi, ma a Prodi…

    Ma mi spieghi almeno tu perchè siete così OSSESSIONATI da Berlusconi? Allora, te lo ricordo: BERLUSCONI HA PERSO LE ELEZIONI, ora che PRODI.

    Chiaro? Quando c’era il governo Berlusconi criticavo Berlusconi. Per esempio di non avere coraggio. Di non fare riforme. Di cedere ai ricatti. Degli statali per esempio. Loro l’aumento dopo soli due anni, gli altri l’adeguamento ciccia. E per chi? Per la più ingrata delle categorie (ne so qualcosa avendo più persone in famiglia tra ministeri ecc ecc). Sperando di guadagnarne il consenso.

    Posso aumentare le critiche. Posso dire che dal punto di vista dell’immagine i congressi sono inguardabili. Se fossero una riunione di venditori di folletto o di Tecnocasa ok, ma tutti in giacca e cravatta, anche i ragazzi di 16 anni non si può vedere: come diamine pensate che vesta la gente normale? Con giacca e cravatta? Dico, tra il finto povero trash multicolore extralarge bucato e spesso firmato e la giacca e cravatta passa la normalità. Quella che, spero, il 2 Dicembre a Piazza S. Giovanni abbia dimostrato di esistere al Berlusca. Non stracci per identificarsi con i centri sociali. Non giacche e cravatte. La gente normale. Quella che non usa l’immagine del vestito per esistere, quella che ha un’identità normale, sua, che lavora, che non sfascia le vetrine, che non applaude a comando, che non si droga, che non picchia o provoca la polizia, che non tifa i terroristi ma che neppure sembra appena scesa dal Cayenne anche se ha solo 16 anni.

    Altre critiche? Poco coraggio nelle riforme.

    Poca informazione. L’aver abbandonato l’informazione sul sociale, sulla scuola, sullo spettacolo, l’ambiente alla sinistra come han fatto i Dc prima di lui.

    Che ora hanno il monopolio, il regime e se vuoi lavorare come comico o attore è un po’ difficile che tu possa essere di cdx e non un po’ fighetto di sinistra piuttosto. Quell’abbandono che nell’immaginario fà credere agli stolti che se non sei comunista non ami gli animali, la natura, la gente, il pianeta Terra.

    Tutte balle, ma purtroppo tanti credono a sciocchezze così.

    Il mio non è nemmeno simile ad uno spot di destra o centrodestra.

    L’unica cosa in comune è che non è il solito commento conformista comunista, non è la solita banalità da temino di terza media, la leccatina retorica a cui ormai ci siamo abituati (io no).

    Ecco l’unica cosa in comune con Forza Italia (siete ossessionati) o An o altro.

    A voi basta per nutrire il pregiudizio quel non essere comunista, anzi essere anti.

    A voi serve identificare il nemico.

    In modo chiaro. Come i vecchi film western: i cattivi hanno il cavallo nero…

    Che tristezza Giuseppe, che tristezza. Mi consola che, sempre grazie al pregiudizio e alla bigotta adesività servile al conformismo rosso o al megafono di propaganda, sono stato chiamato anche fascista. Io. Un democratico convinto. Contro ogni regime. Fascista. Perchè? Perchè non sono comunista. Tanto bastava.

    Il nemico deve esser chiaro.

    Le spiegazioni semplici per il popolo di stolti e pecore.

    Dimenticano che la democrazia è tanto lontana dal fascismo quanto il socialfascismo vicino al socialismo rosso. Nenni manifestava in piazza insieme a Benito. Questo nessuno lo dice. Ed il regime fascista in confronto a qualsiasi altro rosso applicato nel mondo era robetta nella scala degli orrori. come minimo per i morti fatti e le privazioni di libertà. Come minimo perchè, purtroppo, il comunismo esiste ancora. La Cina, mio caro Giuseppe, è ancora uno schifoso paese comunista. Micidiale. Non guardare le vetrine. Guarda se ti fanno entrare nel retro. Informati. E’ comunista. Troppo. Nella scala dei valori garantiti, dei diritti essenziali dell’uomo garantiti ha ancora così tanto da imparare dagli Usa. Tanto. MA non divaghiamo sui tuoi troppi nemici. Ma perchè devo parlare male di Berlusconi se al governo c’è Prodi? Sai che c’è? Io non ci sto a fare il ruffiano di corte. Si, quello del potere. Quello che critica il cdx quando è al potere. Che fa satira. E’ giusto. E’ sano fare critica e satira al potere. Fà democrazia oltretutto. Poi però c’è la sinsitra al potere. Le critiche sono sottovoce, blande, quasi si scusano. La satira è bonaria o inesistente. Servi del potere. Schiavi. Lecchini. Ruffiani. E’ vero che questo è un regime. Ma a gran richiesta di sudditi felici di lustrare le scarpe del potere.

    Purchè sia quello rosso, va bene tutto.

    Sono pochi mesi. Ha riempito il paese di menzogne. Ha nascosto al Paese dati ufficiali che conosceva, come il maggior flusso di entrate fiscali grazie alla politica di Tremonti.

    E tutto per fare lo stesso la maxi finanziaria altrimenti difficilmente digeribile anche con la fiducia.

    Finanziaria che serve a mantenere il potere e poltrone. Troppe e costose. Ognuno vuole un portafoglio ricco tra i ministri, in gran numero. Ecco perchè dico che in 8 mesi non avesse fatto nulla, avrei pazientato. Ma ha fatto. Ha fatto male. Molto. Disonestamente. Non parlo delle promesse fatte dopo il referendum sulla costituzione. Aveva detto di votare no, la sinistra, che poi, giuravano, ci pensavano loro a ridurre i parlamentari di 107 inutili membri. La prima azione di governo giuravano! Perchè questo voleva l’Italia. E l’Italia ha votato no. E non sono diminuiti subito. Nemmeno dopo. Anzi, hanno aumentato le poltrone. Anzi, abbiamo senatori a vita NON ELETTI DAL POPOLO che inficiano la democrazia, che falsano la volontà popolare rappresentata dal parlamento. E contano di aumentarli perchè sono delle mummie e se ne crepa una è un guaio. Ecco chi critico io che non sono uno schiavo. Che criticavo il potere prima e adesso.

    Perchè è democratico e costruttivo.

    E non mi rimane quel sapore “marrone” sulla lingua.

    Io mi sforzerò di diventare sintetico in questo senso. Non scriverò spesso.

    Ma tu fammi il favore: diventa onesto intellettualmente.

    Coraggio, su, impara a criticare timidamente, una parolina, il potere, ce la puoi fare.

    Ti ricordo che Forattini ha sempre sfottuto il potere. Sempre. Dalla prima repubblica. Ha avuto denunce solo dalla sinistra. Come Prodi. Ha tentato di far sparire il Prodi Rap dai video Google (forse c’è riuscito). E minaccia. E sente che tutti ce l’hanno con lui, che tutto è orchestrato contro da sobillatori.

    Capito? Fischi! Parole! Mica un treppiede in testa o le minacce di morte subite dallo psiconano noo….fischi, parole. Democrazia insomma. Prodi odia la democrazia. Per lui è un freno.

    Uno che è stato capace di dire a proposito delle menzogne sulla Telecom, sui suoi inciuci privati: “ma alla fine non capisco che differenza faccia se ho detto la verità o meno..”

    Uno che ha dato dei pazzi agli italiani perchè non lo vogliono tra le balle, ma così arrogante che pretende anche che capiremo e ringrazieremo domani. Come dire: oggi ti riempio la faccia di pugni, ma domani forse dopodomani dovrei smettere e allora capirai e mi ringrazierai…

    Mavaffa…

    Per lui la democrazia è un peso.

    Per me una fortuna.

    Io posso criticare il governo.

    E guardarmi allo specchio.

    Gabriele

    P.S.: io non li ho i soldi di Grillo per farmi la casa ecologica e il condominio non mi fà montare nemmeno l’antenna di sky perchè sono in affitto non il proprietario e al proprietario non importa un fico secco. Nè posso cambiare il riscaldamento e montare pannelli su una casa che non ho.

    A te e Grillo ripeto: comodo fare i finocchi con il culo degli altri.

    Fare l’ecologico costa.

    E ora di più costa a chi non se lo può permettere perchè se non hai i soldi per cambiare la tua vecchia auto, sei punito e tassato di più. Punito due volte.

    Quando il ricco invece l’auto la fà nuova ogni due anni, perchè già 2 la rendono vecchia, senza bisogno di inviti o leggi. Ce lo vedi il ricco con il catorcio come il mio vecchio che non posso cambiare? A parte che anche fosse, a me quei 700 Euro di bollo in più costano il sangue e la vita e lui manco si accorge se li perde per strada.

    E li chiamano comunisti…

    A cagare…

  29. utente anonimo

    P.S.: quando erano i soviet ad invadere l'afghanistan, i comunisti non manifestavano…notato?
    Anzi, quando i comunisti invadevano e ammazzavano i poveri resistenti magiari in Ungheria, i comunisti qui dicevano: "andateci duro, sia d'esempio.."
    Uno di quelli è Napolitano, presidente ma non di tutti, ci sono figli e figliastri. Come quando invita l'opposizione a non fare casino. Dimenticandosi dell'opposizione dura comunque e ovunque fatta all'opposizione. Dimenticandosi delle offerte di maggioranza allargata. Ecc.
    E non ci nascondiamo con balle tipo "comunismo reale" o applicato o altro. Sono come le balle di chiamare un cieco non vedente e poi ipovedente e poi…
    Il comunismo annulla la personalità dell'individuo. E' frustrante e mortificante. Ogni uomo ha le sue peculiarità che il comunismo può solo frustrare se non in pochi individui. Può essere una scelta. Come l'eremitismo, il monachesimo, non un sistema UMANO di governo o di società politicamente costruita.
    Gesù stesso distingueva quel che è di Cesare… e non ha detto al mondo di lasciare ogni bene. HA detto di amare, non di dividere tutto. Di essere generosi non di non avere di più+ o di meno. Fermo restando che la straricchezza secondo me corrompe l'anima (non il corpo perchè il ricco vive mediamente di più..ettecredo) e che, giustamente, Gesù diceva che il cammello entra più facilmente nella cruna di un ago…
    Direi che la ricchezza ostentata anche nel superfluo è anzi offensiva per ogni uomo. Ma questo non mi rende comunista (nè fascista, nè nazista, nè…). Resto un democratico e uomo libero anche nella mente, come nell'anima.
    Ma un comunista con lo yacht, scusami tanto se lo dico, fà molto più cagare di un ricco..
    come un prete pedofilo fà più rabbia, un poliziotto corrotto fà più schifo, un comunista chic con villone o yacht fà più vomitare.
    C'è il valore aggiunto, rispetto al ricco, dell'ipocrisia.
    Ah, tra parentesi: il Corriere della Sera è di sinistra. E di che tinta. Tinta chic, intelletuale. E non da ieri. E nemmeno da questa campagna elettorale. Da sempre.
    Anche negli anni '70, gli anni di piombo era di sinistra. Roba che non pubblicava le foto dei delinquenti con la p38 perchè non piaceva dare l'immagine di delinquenti a quei delinquenti.
    Se non ti accorgi che il Corriere è di sinistra da sempre, pur "intellettuale così chic, così acculturata non è vevo cavo?" allora sei messo male. Parecchio male.
    Fai un reset al cervello.
    Gabriele

  30. Galdo

    un saluto Tisbe, continua così, anzi anche un pò più dura se puoi, che di ignoranti che credono alle favolette ce ne sono ancora tanti.
    Come cantava qualcuno: Soviet + Elettricità non fanno il comunismo.

    Saluti Rivoluzionari
    hasta siempre!

  31. utente anonimo

    Eccolo un altro. Quanti conformisti alla retorica comunista. Ovviamente siete tanti sennò non sarebbe conformismo, qui non ci piove.
    Provo un'impresa impossibile: ridare vita a quei pochi neuroni allo stato di zombie che la propaganda e il megafono del comitato centrale nonchè l'educazione e l'istruzione deformante e disinformativo e bugiardo vi ha lasciato.
    Cominciate a leggere (chi sa leggere ovviamente, perchè il megafono ottunde capacità indipendenti di azione e parola, figuriamoci di vista e udito) qui:
    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Spettacoli/2005/07_Luglio/15/guevara.html
    Così, tanto per dirvi come siete strumentalizzati e tenuti nell'ignoranza a bearvi di falsità e stupidaggini.
    Se poi qualcuno ha padronanza con la lingua consiglio invece questo:
    http://www.cubaliberal.org/videos/CHE_AnatomiadeunMito.wmv
    E' un documento molto valido perchè porta la testimonianza di quanto fosse criminale, arrogante, crudele e dispotico Che Guevara, che molti ancora si ostinano a credere un mito (e piantatela di credere ai miti per cominciare, che servono a farvi pedine).
    Il Che Guevara crudele. Quello che uccideva poveri contadini innocenti che non si intendevano di politica e ideologia. Uccisi con le sue mani senza processo. Bastava gli andasse, era un sospettoso. Ascoltate di invidie e vendette del Che contro chi combatteva dalla sua stessa parte, il fronte di liberazione. Ascoltate della tortura, della minaccia, della famosa "officina" del Che. Ascoltate della sua incapacità di un ruolo diverso di quello dispotico con la pistola e di ammazzare (perchè ci provo pure a occuparsi di economia, ma fu talmente nocivo che fu invitato a dimettersi).
    Ascoltate del Che che non conoscete, dei processi farsa, delle esecuzioni compiute da lui personalmente, dei ricatti. Ascoltate il Che arrogante che, dall'alto della sua cultura (perchè era istruito e ne aveva) trattava come merdacce i sottoposti, offendendoli in ogni modo, perfino riferendosi a difetti fisici o al sovrappeso.
    Se volete potete tentare comunque, anche se non siete padroni della lingua si capisce.
    Lo chiedo solo a coloro che vogliono capire davvero, sapere e uscire dal matrix rosso.
    L'invito non è esteso per inutilità agli schiavi volontari lecchini che sono i peggiori sordi poichè non vogliono sentire e piuttosto si tappano occhi e orecchie urlando per sovrapporsi "blablablanontisentooobalablablanontisentooo" oppure danno del fascista a chi detesta a ragione il comunismo e i crimini che esso ha sempre compiuto.
    Saluti.
    L'ignoranza a volte è sfacciata e merita qualche tentativo.
    E la storia un po' di verità e rispetto.
    Gabriele

  32. Tisbe

    @Gabriele, Una delle differenze peculiari è che su tu avessi scritto queste cose contro il fascismo su un sito FASCISTA ti avrebbero censurato… e non è una differenza da poco
    Io sono una comunista e sono fiera di esserlo che a te piaccia o no, e non sono nemmeno un'idolatra. Anche tu hai i tuoi idoli, ma ti piace guardare solo quelli degli altri. Tu giudichi, giudichi, fai la morale a tutti, ma non sei migliore, non sei nemmeno fuori dai condizionamenti: ne hai degli ALTRI

  33. utente anonimo

    Bene, in mezzo a tanti firmatari compulsivi di manifesti, posso dire due parole fuori dal coro?
    L'acqua non è un bene *pubblico*, è viceversa un bene *comune* (un common, cioè): se qualcuno qui ha studiato un po' di economia, saprà che la caratteristica dei beni comuni, IN ASSENZA di diritti di proprietà ben definiti, è quella di essere consumati in quantità eccessiva, il che conduce ineluttabilmente al loro esaurimento.
    La ragione di tutto ciò è che, in assenza di un regime di proprietà ben definito, i prezzi (intesi come sistema di segnali che trasmettono informazioni circa la scarsità relativa di un bene) non funzionano.
    L'unico modo di evitare il sovraconsumo è attribuire dei titoli di proprietà sulla risorsa comune (in modo da far funzionare nuovamente i prezzi) OPPURE stabilire una regolamentazione pubblica (per eliminare coattivamente gli sprechi).
    Ma non è detto che la regolamentazione pubblica sia sempre efficiente. Ad es., è probabile che il prezzo attualmente fissato per l'acqua nei paesi sviluppati (inclusa l'Italia, ad es.) sia eccessivamente basso (il che ovviamente conduce a sprechi e sovraconsumo).
    Mo' ditemi voi se il disegno di legge qui pubblicizzato (che mi chiedo se qualcuno ha poi effettivamente letto) risponde davvero a queste preoccupazioni o non risponde invece ad esclusivi fini demagogici (ad es., attribuisce una preferenza molto elevata per l'uso di acqua a fini agricoli, mentre TUTTE le ricerche recenti dimostrano che l'impiego di acqua in agricoltura è altamente inefficiente, che insomma l'acqua usata per l'agricoltura è perlopiù sprecata).
    KK

  34. utente anonimo

    KK: bel commento, mi associo. Hai dato argomentazione tecnica e competente ai miei sospetti di sfruttamento demagogico.
    Tisbe, basta con i pregiudizi e le generalizzazioni. Sono già entrato in un sito "fascista" almeno quanto il tuo è "comunista", entrambi orgogliosi di esserlo. Non sono stato censurato. Le censure le ho avute solo in siti comunisti e filoislamici.
    Poche in realtà.
    Però solo lì.
    Ma basta generalizzare. Sicuramente esistono siti fascisti dove mi censurebbero anche se non li ho incontrati io.
    Così come esiste il tuo dove non mi censuri nonostante in altri con posizioni simili sia accaduto.
    Non sono migliore, non faccio la morale agli altri: racconto la mia come voi raccontate la vostra.
    Per quanto riguarda i miei idoli, visto che il mio ritratto sembri averlo già fatto, spiegami quali sono.
    Cercate di accettare il fatto che esiste una diversità. Quando io dico la mia diversa dalla vostra non è giudicarvi oppure lo è eccome però ESATTAMENTE come quando voi dite la vostra diversa dalla mia.
    Provate a compiere un veloce processo di immedesimazione.
    Non solo VOI fate la morale a me come e quanto dite ne faccia io a voi (ma per me restano nell'ambito delle diversità d'opinione e basta), ma siete PURE TANTI contro uno.
    Tanta morale che devo subire quindi 😀
    Scusate se faccio il bambino cattivo e insisto, da solo contro tutti eh? Che ci vuoi fare, ci sono dei bambini un po' così, un po' meno "facili". Tutti gli altri obbediscono all'ordine, capita che uno protesti e si ribelli.
    E ci sono degli adulti meno conformisti anche.
    G.

  35. Tisbe

    oh mamma mia Gabriele, ma glielo hai detto al Papa che sei così RELATIVISTA? 😉
    io sospetto di no…
    Ps: sempre avuto il dono della sintesi 😉

  36. utente anonimo

    Ora perfino il Papa di mezzo. Forse era una battuta, me ne rendo conto. Ma non posso apprezzarla, visto che non la capisco. Visto che il Papa non capisco proprio cosa c'azzecchi con me.
    A parte quando parla di pace e di accoglienza ovviamente. Valori che però non sono appannaggio solo del Papa.
    Dai, spiegami la battuta, lo sai che sono un bambino "difficile" e che non mi adatto come tutti gli altri alle regole…
    G.
    P.S.: il fatto che non aspiri a pacche sulle spalle ed un dialogo inconistente dove tutti dicono la stessa cosa e si fanno i complimenti… non significa che abbia piacere di ricevere solo calci.

  37. Tisbe

    Vabbè, allora vuol dire che perlomeno non sei ipocrita e ti puoi permettere di fare il relativista con le opinioni degli altri 😉

  38. moltitudini

    @giuseppe
    che la campagna per l'acqua non sia contro o pro vendola etc…è chiaro.

    L'elemento che citi – che come correttamente dici faceva parte dello scontro tra i due – non è stato l'unico che ha fatto recedere Petrella dai buoni propositi iniziali (visione abbastanza…vendoliana).
    Se iniziamo a parlane qui non ne usciamo più…..cerco -se lo trovo – un intrvento di Petrella abbastanza esaustivo che lessi quando si dimise.

  39. utente anonimo

    @Gabriele

    Tu dici che il Comunismo toglie la dignità alle persone, ma per me una persona è tale se non è schiavo del padrone e tanto meno delle macchine. E' l'interesse economico che porta alla fame e allo sfruttamento, ed quello che sta causando le guerre in Iraq e in altre parti del mondo. Mettiti in testa che quando la Cina avrà bisogno di altre risorse farà come l'America magari non avrà la faccia tosta di dire che vuole esportare il Comunismo.

    Ogni realtà va giudicata nel suo complesso, ad esempio tu parli di Cuba e della sua dittatura e allora ti chiedo: le torture documentate di Guantanamo sono più civili? E' civile imporre l'embargo ad un popolo e poi costruire un carcere per le torture?
    Critichi Gheddafi, ma è civile creare dei campi di concentramento in un altro paese e poi lamentarsi che ci odiano?
    E' civile invadere un paese e poi accusarlo per i morti subiti e dimenticare che per quella guerra quel paese ha perso 23.000.000 di persone e liberato altre dai campi di concentramento tedeschi, mentre alcuni italiani avevano contribuito a riempirli.
    E' civile appoggiare Saddam-Bin Laden-Pinochet & Co.
    E' civile volere scrivere la Storia più comoda sottraendo dittatori a giusti processi chiarificatori o nascondere tutto con il segreto di stato.
    Inoltre il sistema cinese è tanto contestato ma poi in Cina (e non solo) ci adeguiamo: vedi i maltrattamenti subiti dai cinesi in fabbriche anche italiane.
    La lista delle ingiustizie occidentali che a persone come te sembrano ingiustizie solo se fatte da stati spacciati come comunisti è lunga. Io non nego gli orrori fatti da quelle dittature ma tu ignori tutto il resto.

    Sull'Afghanistan, erano gli stessi cittadini russi a non sapere della guerra: un po' come avviene con l'Iraq in America. Dovresti sapere che la dittatura Russa non faceva trapelare informazioni (e quel poco che arrivarono a sapere fu addirittura per mezzo di canzoni): quella era dittatura non Comunismo. Inoltre dove c'era la Russia c'era anche l'America (contro) e ti ricordo che attualmente ci troviamo in Afghanistan per la nostalgia dell'America per i vecchi tempi.
    Tu dici che gli afghani sono una "razzaccia" perchè non si fanno sottomettere: è proprio un pensiero democratico quasi da esportare…sei patetico critichi le dittature (credendo che sia Comunismo) ma tu avresti fatto molto peggio.

    La politica si giudica sui fatti e non hai ancora detto cosa avrebbe fatto di buono il governo dello psiconano. Accusi me di volere parlare di un governo che ha governato "solo" cinque anni e poi ti permetti di fare critiche su un governo che ha meno di otto mesi: mi sa che ti fai troppi film nella mente. La destra diceva che per i dati sull'arretramento dell'Italia era colpa della sinistra e questo a Settembre 2006!!!
    Sulla querela a Forattini sono d'accordo con te per quanto è di destra e ha un padrone (indovina chi?). Però è l'unico di destra, mentre la lista di quelli di sinistra è molto molto lunga.

    Sulla politica ambientale Beppe Grillo fornisce dati e riscontri con altri paesi, tu solo chiacchiere e menefreghismo.

    Sulla religione potrei dirti leggi la Bibbia ma sono sicuro che la chiesa la pensa come te: devo avere una Bibbia diversa.

    Questo e il mio ultimo commento come risposta ai tuoi: i tuoi commenti sono solo insulti, pregiudizio e molte caxxate.

    Giuseppe T.

  40. utente anonimo

    @Moltitudini

    Credo di conoscere l'intervento di Petrella, cmq postamelo non si può mai sapere 😉
    Però quello che ti volevo dire è che la politica è fatta di posizioni: l'alternativa a Vendola del cdx è Fitto che vuole la privatizzazione.
    Io non sono contro Petrella e inoltre preferisco la sua proposta, ma l'alternativa alla privatizzazione è attualmente la proposta di Vendola.

    Ciao!!!

    Giuseppe T.

  41. Tisbe

    @Moltitudini, Lo so che non ti garba il meno peggio, ma per questa volta potresti convenire che è meglio Vendola che Fitto? Almeno per quanto riguarda l'acqua?
    @Giuseppe, Ma voi pugliesi non bevete la nostra acqua? Quella irpina intendo.

  42. utente anonimo

    Tisbe non mi diventare la bossi dell'Irpinia! 🙂

    Gran parte dell'acqua di sorgente che alimenta l'Acquedotto viene prelevata nell'Alta Irpinia, però Foggia utilizza l'acqua di Occhito. Inoltre da quello che so, il governo dello psiconano decise di trasferire le quote azionarie dal Ministero del Tesoro alle regioni Puglia e Basilicata, in proporzione agli utenti serviti. Incredibilmente, però, non ha assegnato alcuna quota alla regione Campania, "dimenticando" che gran parte dell'acqua di sorgente che alimenta l'Acquedotto viene prelevata nell'Alta Irpinia e che 15 Comuni campani sono serviti dall'Aqp. Ancor più incredibilmente, il presidente Bassolino decise di non opporsi, per quanto sollecitato.

    Nonostante tutto ti posso assicurare che il problema dell'acqua è enorme, e infatti ora si chiede aiuto al Molise. Sicuramente in Puglia come in Italia manca una cultura del risparmio dell'acqua, ci sono perdite nella distribuzione e molto del consumo è per industrie e agricoltura, però bisogna tenere conto anche di quello che rappresenta l'agricoltura pugliese nello scenario nazionale: l'acqua è davvero il petrolio del futuro!!!

    Ribadisco che sono per Petrella e che l'attuale S.p.a potrebbe essere il preludio della privatizzazione, ma se l'alternativa è la privatizzazione certa di Fitto allora scelgo Vendola (il male minore per adesso).

    Ciao!!!

    Giuseppe T.

  43. utente anonimo

    Caro Giuseppe, sono dispiaciuto della tua reazione. Come a volte mi capita di dover fare, mi auguro e sollecito perchè ciò accada che la discussione rimanga nel suo ambito e non scada nell’ostilità personale, che certamente è meno costruttiva per entrambi.

    Quando dici che non è dignitoso essere schiavi del padrone e tanto meno delle macchine, mi trovi d’accordo. Non c’è una correlazione tra il mio pensiero e le motivazioni addotte e il padronato o lo sfruttamento del lavoratore.

    Probabilmente me l’attribuisci perchè così ti è stato insegnato a fare e, ormai, sono meccanismi automatizzati, sinapsi collaudate che percorri in modo troppo veloce per pensare a delle alternative.

    Ma sbagli.

    Per me la dignità, tra le tante cose consta tanto del rispetto dell’essere speciali e diversi che il comunismo inficia nella sua tutela e garanzia, quanto nella concezione diversa che hai tu del lavoro. Per me il lavoro non deve essere strumento, fine o mezzo di sfruttamento bensi uno scambio, un rapporto in cui entrambe le parti, datore di lavoro e lavoratore hanno diritti e doveri.

    Uno scambio in cui il datore ha il dovere di corrispondere una remunerazione e di attuare tutte le politiche possibili per assicurare sicurezza e dignità al lavoratore.

    Questo sia nel proprio interesse, sia per motivi etici, morali.

    D’altra parte la moderna economia (concezione dalla quale il comunismo si chiama fuori) sa benissimo che un lavoratore in buone condizioni anche psicologiche e non solo fisiche, gratificato, responsabilizzato (quindi con dignità RICONOSCIUTA contrariamente a quanto accade nei paesi comunisti dove l’unica “gratificazione” offerta è l’interesse nazionale annullando il valore dell’uomo, del singolo) rende di più. E’ più produttivo. E’ provato, non è ipotesi. Non è un caso se i lavoratori della Fiat si sono ribellati al sindacato e non al padrone. L’amministrazione recente (e non quella fallimentare degli incapaci Agnelli mantenuti con l’assistenzialismo politico di Stato e con i nostri soldi) ha migliorato perfino le mense. L’operaio ha scoperto la strumentale politica del sindacato e ha fischiato il sindacato.

    Così infatti, c’è stata la successiva considerazione dei sindacati come la Cgil che forse hanno esagerato con gli scioperi, che non sono il reale interesse dei lavoratori. Una presa di coscienza tardiva e solo dovuta ai fischi e alla non adesione di tanti operai, non per capacità di autoanalisi.

    Tu poi citi Cuba e le raffronti a Guantanamo.

    Io sono profondamente contro la pena di morte ed anche contro la tortura ovviamente.

    Però mi pare strumentale il paragone. Se proprio mi ci tiri ti chiedo, tanto per ridare le giuste proporzioni, le priorità:

    quanti abitanti a Cuba?

    Quani prigionieri a Guantanamo?

    Perchè a Cuba sono tutti ostaggi del regime di Castro. Tutti.

    Hai contato quanti cubani hanno tentato morendo affogati di scappare dal terrore e dal regime prima di Che Guevara e Castro e oggi solo di Castro per fortuna?

    Non c’è proporzione.

    Hai idea di quanti hanno subito in passato la morte (a Guantanamo non so quanti possano aver perso la vita, sono certo che qualcuno si è “misteriosamente” ammalato ed è morto come succede in tanti ambienti orrendi simili), quanti morti per opinione, per vendetta, per sospetto, per fede religiosa a Cuba? E quanti il carcere duro?

    Contali. Ridai le proporzioni e le priorità.

    Ultima considerazione: quella di Guantanamo è una schifezza.

    Così come schifezza è pensare un soldato che si scatta le foto mentre umilia un altro uomo, anche quando esso è il peggiore degli uomini.

    Tu dimentichi che però il comunismo ha sempre applicato severamente la pena di morte. E che a tutt’oggi sono proprio i paesi comunisti a dividersi con quelli a regime islamico a dividersi il primato della morte istituzionale o legittimata selvaggiamente dal popolo.

    Dimentichi che gli Usa in quanto democrazia, pur con i suoi errori e orrori HA GLI STRUMENTI per giudicarsi seriamente, per autoaccusarsi e anche per curarsi.

    Troverai moltissima stampa, la maggior parte e quasi tutto il cinema e la tv Usa che si indigna per Guantanamo.

    Non troverai nulla del genere nei paesi comunisti o islamici. I rari casi rischiano la morte o il carcere e in un modo o nell’altro vengono sistematicamente spenti.

    Ridai le proporzioni e le priorità, almeno in base a considerazioni e fatti che non sono legati ad opinioni personali o affetto ideologico. Semmai l’opinione e l’affetto dovrebbe maturare dopo la conoscenza e la presa d’atto di informazioni e dati, non trovi?

    Sull’embargo è un tema lunghissimo.

    Ti posso dire che, purtroppo, non tutti i popoli vivono in pace e molti si lasciano guidare in modo tale che l’unico strumento possibile è quello militare (il proseguimento della politica con altri mezzi) o dell’embargo. Io preferisco che l’Iran sia bloccato con l’embargo e non con un attacco militare. Ma so che non servirà. Perchè il suo attuale capo se ne sbatte e perchè ha il consenso di molto del popolo fondamentalista (i riformisti spariscono come quelli che l’hanno fischiato recentemente: più sentito nulla? Nessuno ha più chiesto nulla di loro…spariti…). Un popolo che in parte è felice di suicidarsi per la causa, figuriamoci se non è onorevole subire embargo dal nemico, in parte subisce, in silenzio, sottomesso, magari sognando soltanto un futuro democratico migliore. L’embargo vorrebbe costringere il popolo a sollevarsi contro il suo dittatore.

    E’ l’alternativa della strategia del Che Guevara. Che con le sue milizie di guerriglieri contava sulla conseguente insurrezione del popolo.

    Insomma, il comunismo ha sempre creduto in strumenti di morte e di guerra e tra i tanti strumenti, ti prego, l’embargo non è davvero il peggiore, ma il rivelatore di dannati invasati che preferiscono affamare il popolo (che anzi, viene usato incazzato strumentalizzando l’odio e quindi l’aggregazione interna contro il nemico esterno) piuttosto che rinunciare ai loro folli progetti.

    E’ il caso dell’Iran ma meglio ancora della Corea. Si muore di fame. Ma la tecnologia militare è all’avanguardia.

    Manca l’essenziale. Ma non i soldi per la sperimentazione nucleare.

    E così via.

    Non che l’america scherzi quanto a spese militari, però ci sono delle proporzioni, delle priorità che tu, forse, hai un po’ perso.

    Prima si critica coloro che della morte e della guerra sono tradizionalmente sostenitori: i paesi comunisti. Hanno invaso mezza europa a guerra finita tra l’altro, con il sostegno anche dei comunisti nostrani. Coi carrarmati. Uccidendo. Terrorizzando. Polonia, Ungheria, Cecoslovacchia, Afghanistan…

    E una vita interna, se si può chiamar vita, da corte marziale permanente.

    Allora prima si criticano questi esempi o quelli islamici così attuali oltretutto, che non hanno segni di disgregazione come il comunismo, ma anzi, di espansionismo armato come agli albori dell’Islam. Poi gli Usa, la Francia, chi vuoi. Poi, non prima. Perchè altrimenti, Giovanni, non ti crederò. Perchè altrimenti, Giovanni, non sei sincero, oggettivo, onesto.

    Poi, non prima.

    Per quanto riguarda il mio commento rivolto agli afghani, di “razzaccia” indomabile, il mio anzi era un moto di ammirazione per un popolo che ha dimostrato la fierezza nell’arco della storia dell’uomo.

    Era un complimento. Solo il tuo pregiudizio e la tua stoltezza derivata dal pregiudizio poteva farti leggere in modo OPPOSTO il senso delle mie parole. Se fossi stato oggettivo, mettendo il caso che io fossi stato poco chiaro, avresti avuto almeno il dubbio sull’interpretazione. Dubbio che nelle tue cieche convinzioni non hai.

    Io sono realmente democratico e perciò davvero dall’alto mi permetto di criticare i totalitarismi dall’alto e di fianco, siano essi neri o rossi.

    Tu sei patetico invece prendendo le distanze dal Comunismo applicato. Ci avete messo tanto per trovare il coraggio, fino a ieri eravate servi fedeli degli esempi di Nazioni comuniste (e ancora si sentono i rigurgiti, le difficoltà a prendere le distanze, magari tentando paragoni azzardati e impossibili come quello tra Guantanamo e Cuba). Ci avete messo tanto, perchè la verità sul comunismo trapela da decine e decine di anni. Perchè è un pezzo che il comunismo si disgrega inesorabilmente (la diffusione della verità è il suo corrosivo naturale), che il muro è caduto. Allora, pur di non molare, siete qui a precisare le distanze (oggi, ieri no) tra comunismo reale o no. Scusami. Ma la formula è stata sperimentata fin troppo: qualcosa di nuovo no? Capisco che siete conservatori e vi attaccate come polpi ad un’ideologia.

    Ma non siete sinceri: oggi voi non riconoscete, visto che dissociate il comunismo reale da quello orrendo esistito e esistente, che simboli e colori di quel comunismo orrendo sono equiparati ai simboli nazisti. Come mai, per mettere le distanze, non scegliete un altro colore, altri simboli? Non era mica marxx a dire che è il rosso e la falce ed il martello. Spiegazione? Siete dei conservatori dentro. Siete così affezionati che giustificate e diminuite la portata dei vostri orrori. Mascherate anche a voi stessi con superflue vuote distinzioni nel tentativo di salvare il salvabile. Assoggettate l’onestà all’affetto ideologico. Conservate ciò che potete (almeno i simboli e i colori …). Siete conservatori perchè siete comunisti.

    Sullo psiconano non ho voglia di discutere. E’ più democratico e intelligente criticare il potere, non essere servi del potere. E al potere non c’è lo psiconano.

    Al quale di critiche potrei farne molte e ne ho fatte quando era al potere.

    Però… per il megalomane Mortadella Bruxelles è sempre stato il faro illuminante della politica economica da seguire nel nostro disastrato Paese….

  44. utente anonimo

    oggi che Bruxelles critica Prodi, quest'arrogante presuntuoso si offende e offeso ribatte che sa cosa và fatto da solo. Patetico.
    Volevo dirti anche che ho letto due edizioni di Bibbia, della quale però apprezzo solo la parte innovativa e rivoluzionaria che in qualche modo l'aggiorna: i vangeli.
    Perchè porta il messaggio rivoluzionario del perdono, dell'amore per l'uomo, della tolleranza, dell'amore di Dio per l'uomo al punto di sacrificare Suo Figlio (in fondo sè stesso). Dio che ama talmente l'uomo da considerarlo suo figlio. Mentre nell'Islam l'uomo non è figlio e Dio nn è padre, ma l'uomo è suddito. Così deve essere un buon muslim.
    E lo dico perchè ho letto due edizioni del Corano. Due.
    Ed anche quanche testo buddista.
    Molti libri di storia.
    Ed ho avuto ed ho rapporti con persone che vengono dall'est che hanno subito sulla loro pelle l'orrore e le miserie umane del comunismo.
    E persone che sono scappate da Cuba (e se vuoi ti spiego anche qual'è il modo e la via), grazie all'aiuto di occidentali che hanno il dovere morale di aiutare chi non è così fortunato da avere libertà e democrazia!!

    Sdrammatizzo (in segno simbolico di pace) dicendoti che in tante letture, in tanto studiare, in tanto parlare e conoscere apprendendo da fonti dirette (e ti risparmio quelle personali della mia famiglia che dal comunismo post bellico ha subito barbarie e angherie che oggi sembrano lontane secoli ma non lo sono affatto), ecco in tutto questo tempo ho capito una cosa:
    non è la religione l'oppio dei popoli.
    No. Non la religione.
    Il calcio.
    Lo stramaledettissimo calcio.
    Un gruppetto di persone che corrono per più di un'ora per un campo cercando di prendere a calci una palla coi piedi e non di usare le mani come converebbe all'uomo che ha compiuto un percorso evolutivo e usa le mani per fare cose. No. I piedi. Una palla. Quasi ogni giorno.
    E li pagano pure. E ci sono milioni di persone intorno che guardano gente per fare le cose coi piedi senza esserci costretta.
    Gente pagata milioni e milioni tanto che si creano mostri, come quel calciatore che venendo dalla fame più nera ha visto bene di farsi fare delle nike con il logo in oro zecchino (gran brutta cosa non imparare nulla dalle opportunità della vita).
    Insomma, una cosa incredibile. Tanto che a mio avviso il calcio dovrebbe riacquistare la sua dimensione di sport (e perciò essere un hobby e non un mestiere) senza tutti quei milioni e definizioni da vomito come "calcio-mercato" "listini giocatori" "ingaggi" ecc ecc che nulla hanno a che fare con l'idea di sport che ho io.
    Tanto che, ci osservassero gli alieni, dall'alto, forse penserebbero una roba tipo: "mica tanto normali questi qua, eh?"
    Non è che si possa avere pretese con un animale (l'uomo) che potendo usare il cervello si trova d'accordo e in pace solo quando usa i piedi… 😀
    Ciao Giovanni.
    Scrivi ancora.
    Ti ricompenserò con la mia brevità.
    Promesso. 😉

    Gabriele

  45. utente anonimo

    Ops…Giuseppe, Giuseppe, pardon… (paraparàppappà: figura a mer…)
    Scrivi Giuseppe volevo dire… : S
    Scusate, è che leggo troppo e poi mi incasino..S. Giuseppe, S. Giovanni Battista… regge come scusa? No eh? 😀
    Va bene. Confesso la verità.
    E' vero.
    E' vero: ogni tanto scrivo delle ca**ate. Capita.
    Mi sono già autoflagellato (simbolicamente) e invoco misericordia e soprattuto comprensione: sì, di ciò che scrivo!!! :)))

  46. utente anonimo

    @Moltitudini

    Grazie cmq di avere cercato il link. Molti passaggi dell'articolo li conoscevo anche se non sono sicuro di avere già letto questo articolo. Come ti ho detto io preferisco la proposta Petrella (ovvio), e spero che l'articolo che tu hai postato sia stato letto anche dagli altri che stanno seguendo il post, però prendo atto che la proposta non è rappresentata dalla politica che conta e che a Vendola c'è di peggio, cioè Fitto (e ti assicuro non solo per l'acqua).

    Ciao!!!

    Giuseppe T.

  47. Tisbe

    @Giuseppe, L'Irpinia è vittima della politica bassoliniana: si fa tutto per favorire la costa campana che è già ricca di suo. Basta provare ad andare in Costiera e un caffé diventa un lusso per pochi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *