Il fascino discreto del superfluo

Mio padre un giorno entrò in un negozio attratto da fantasmagorici adesivi per auto. Allora aveva un mercedes, roba da ricchi per un emigrante. Tornare in Irpinia con un gioiello simile lo avrebbe ripagato di tutte le umiliazioni, e così desiderava tanto avere anche un bell’adesivo, di quelli mai visti nella terra del Lupo. Chiese il prezzo alla commessa e rimase sbigottito. Provò a lamentarsi dicendo che era troppo caro, che in realtà non valeva tanto. E con calma serafica la commessa gli rispose: «è necessario?». 

Mio padre deve essere rimasto scosso da questa risposta. Lo ha raccontato a tutti, migliaia di volte, ma non ho mai capito se poi lo ha comprato, il mitico adesivo.

39 commenti su “Il fascino discreto del superfluo

  1. Gliorti

    bella domanda….dovremmo farcela ogni giorno, e non solo negli acquisti!
    bello il tuo blog, con tutte quelle fragoline che io adoro da morire….

  2. giampiero49

    cioe`praticmente se qualche cosa non e`necessaria giustifica il prezzo alto?
    come a dire tu che non sei ricco devi solo avere il necessario niente altro!!
    bella filosofia!!
    ciao

  3. brugue

    Particolarmente significativo. Mi dispiace non aver partecipato in passato all'incontro tra i blogger irpini (prima era un po' in ombra). Ho perso una buona occasione per conoscerti…

  4. giampiero49

    non capisco perche`un ANONIMO si possa permettere di dire a qualcuno se e`contento della morte di un essere umano solo perche `da come ho capito non si e`daccordo sullìntervento armato in uno stato che non lo ha richiesto!!!!sbaglio?

  5. Tisbe

    @utente anonimo, solo una persona che non ha la più pallida idea di chi io sia può muovermi un'accusa del genere
    @brugue, ne stavo proponendo un altro di incontro, ma non avverto entusiasmo da parte di ogni blogger(s) partecipante
    @giampiero49, ognuno è libero di interpretarlo come vuole 😉
    @ Gliorti, sì, pensarci è un buon allenamento

  6. Tisbe

    @giampiero49, esattamente! Io sono notoriamente contraria all'intervento armato in Iraq, e continuo ad esserlo: non mi lascio guidare dall'odio…

  7. utente anonimo

    dato che sei evidentemente una pacifista, è impossibile credere che non sia contenta.
    se lo ammettessi, sarebbe un atto di onestà…

  8. ziologico

    WELL WE KNOW WHERE WE'RE GOIN'
    BUT WE DON'T KNOW WHERE WE'VE BEEN
    AND WE KNOW WHAT WE'RE KNOWIN'
    BUT WE CAN'T SAY WHAT WE'VE SEEN
    AND WE'RE NOT LITTLE CHILDREN
    AND WE KNOW WHAT WE WANT
    AND THE FUTURE IS CERTAIN
    GIVE US TIME TO WORK IT OUT

    We're on a road to nowhere
    Come on inside
    Takin' that ride to nowhere
    We'll take that ride

    I'm feelin' okay this mornin'
    And you know,
    We're on the road to paradise
    Here we go, here we go

    CHORUS

    Maybe you wonder where you are
    I don't care
    Here is where time is on our side
    Take you there…take you there

    We're on a road to nowhere
    We're on a road to nowhere
    We're on a road to nowhere

    There's a city in my mind
    Come along and take that ride
    and it's all right, baby, it's all right

    And it's very far away
    But it's growing day by day
    And it's all right, baby, it's all right

    They can tell you what to do
    But they'll make a fool of you
    And it's all right, baby, it's all right

    We're on a road to nowhere

  9. figlioccio

    io mi chiedo come si fa a non essere per la pace..prima di tutto la pace! La guerra non è un'ideologia ma una strada di guadagno economico ( 'è necessario??' ); chi è per la guerra non comprende che la sua idea è anni luce lontana da quella di chi la guerra la pilota..le decisioni di guerra si calcolano bene, i profitti soprattutto, i morti invece diventano motivo di contesa tra pacifisti e guerrafondai. Anonimo, lascia stare i morti e abbi il decoro di non usarli a sproposito per tirare acqua al tuo mulino; la morte è questione ontologicamente seria. Riflettici

  10. Tisbe

    Chi è contrario all'omicidio è contrario a qualunque omicidio. L'anonimo non ha argomenti … e meno male che il padre del giovane ragazzo sardo caduto ha detto chiaramente che desidera il ritiro degli italiani dall'Iraq. Questo l'anonimo non lo dice…

  11. utente anonimo

    guarda non è un problema di morti.
    è un problema di responsabilità.
    l'attuale governo, straparlando di ritiro immediato, ha dato ai terroristi la certezza che se uccidevano altri soldati italiani il ritiro sarebbe avvenuto alla spagnola, cioè calando clamorosamente le braghe…
    a te piace farti violentare?
    non lo so, sembra…

  12. utente anonimo

    pecoraro scanio sghignazzante e slinguazzante al funerale degli altri soldati era contento…anche se è un finocchio è quasi onesto…
    non come voi…

  13. ziologico

    @ utente anonimo (commento #8): guarda, forse Tisbe è andata a dormire, meglio non disturbarla. Tu credi che un pacifista sia un Tuo nemico e credi che ogni Tuo nemico voglia la Tua morte. Beh, io sono un pacifista. Parlo per me solo perché nessuno mi dà il diritto di parlare in sua vece. Tu che fai il guerrafondaio seduto al calduccio della Tua stanzetta. Parli di onestà. Se sei onesto, allora, non scrivere più niente su questo blog. Se sei onesto non pensare neanche di replicare. Un ragazzo è morto vittima di una retorica vigliacca e qualunquista e Tu non hai niente di meglio da fare che importunare delle persone che forse soffrono, per quella vita spezzata, più di quanto Tu possa mai in vita Tua. Alessandro Pibiri, 25 anni, morto in guerra con la divisa di un Paese che, cito la Costituzione, "ripudia la guerra". Come fai a parlare di onestà?

  14. ziologico

    @ utente anonimo:
    Guarda tutto quello che scrivi non è altro che lo specchio di quello che sei. E magari hai quindici anni e ti stiamo dando anche più importanza di quella che meriti.

  15. Tisbe

    @utente anonimo, è inutile parlare con i sordi! I morti ci sono stati prima che l'attuale governo si insediasse, non vedo alcun nesso fra l'attentato e il ritiro. Stai vaneggiando… Credo che le persone come te siano pericolose per se stesse e per gli altri.
    Vuoi insultarmi perché ripudio la guerra? Accomodati. Tutto mi scivola addosso… La notte io dormo, solo per un caso ero sveglia ieri sera: dovevo fare un cd ad una persona speciale.

  16. xOfheliax

    "dato che sei evidentemente una pacifista, è impossibile credere che non sia contenta (che sia morto un altro italiano)" Credo che farò scolpire questa frase nel marmo, come monumento all'ignoranza (diciamo così, va… non voglio essere eccessivamente offensiva)

  17. utente anonimo

    i pacifisti miei nemici?
    macchè!
    un nemico lo si considera alla pari…
    e voi non siete alla pari con me…
    primo per intelligenza…
    non vi vieni in mente che i pacifisti devono essere difesi…
    da tizi che pacifisti non sono…
    e dato che credete tanto nel dialogo…
    perchè non andate ad esempio a Nassirja a mettervi in mezzo disarmati quando arrivano un po' di barbuti armati (che è quello che fanno i nostri soldati…non disarmati ovvio, non sono stupidi loro..)
    non lo fate ?
    e allora, cosa parlate a fare?

    secondo :
    Un ragazzo è morto vittima di una retorica vigliacca e qualunquista

    parole vostre…molto illuminate…
    il fatto che, lo stesso ragazzo (che a quella retorica ovidentemente ci credeva) se avesse impiombato qualche bastardo che gli sparava addosso , lo avreste crocifisso come avete crocifisso gli altri quando c'è stata la battaglia di nassirja…
    appunto , questa verità non vi sfiora gli illuminati cervelli…
    che disgrazia non essere stupido come voi…è sempre colpa di berlusconi!

  18. Tisbe

    @utente anonimo, se sei così coraggioso come vuoi far credere perché nascondi persino la tua identità? Tu hai solo da imparare, in fatto di coraggio, dai tanti pacifisti … e faresti bene a vergognarti

  19. LiberiSempre

    becero senza nome te dove sei???
    li a difender con il mitra la vita dei tuoi connazionali(nn uomini…perchè qi si parla di colori e di bandiere…il barbuto sembra che debba esser a tutti i costi ucciso anche se dorme a casa sua)???
    e per tua informazione l'attacco nn è stato contro contingente italiano…ma britannico…gli italiani scortavano gli inglesi.
    e di gente disarmata della tua stessa nazione ne è morta..e si trovava li a far informazione … enn a far il mercenario, solo che per i mercenari…noi grande popolo, dedichiam pur una via.

    buona giornata tisbe…veramente bello ed interessante il tuo blogghe
    ciauuz

  20. ziologico

    “Il popolo può essere portato al volere dei capi. E’ facile. Dovete dir loro che sono attaccati, e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo, perché espongono il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in tutti i paesi” H. Goering, capo delle SS al processo di Norimberga.

  21. ziologico

    I cittadini del mondo non riescono neppure più a piangere le tragedie del terrore: a una bomba segue un'autobomba, a ogni morto una vendetta che genera altri morti e altre vendette.

    Nomi diversi – guerra, terrorismo, violenza – si traducono poi, tutti, in corpi umani fatti a pezzi e in pezzi di umanità perduti per sempre.

    Non vogliamo più vedere atrocità: è disumano che gli esseri umani continuino ad ammazzarsi. Fermiamo questa spirale, o alla fine non resterà più niente, nessuno avrà avuto ragione o torto, ci sarà solo una catena infinita di lutti e distruzioni.

    Chiediamo a tutti coloro che stanno praticando e progettando attentati e guerre di fermarsi.

    Chiediamo il tempo per riflettere, non possiamo assistere impotenti al dilagare della follia omicida.

    A tutti coloro che promuovono la violenza, clandestini organizzatori di stragi o visibilissimi dittatori o presidenti, noi cittadini chiediamo: "cessate il fuoco".

    http://www.emergency.it/cessateilfuoco/index.php?ln=It

  22. Comicomix

    Carissima Tisbe, vorrei, se possibile, parlare dell’argomento del tuo post.

    Viviamo così sommersi nel superfluo che finiamo per considerare necessarie cose totalmente inutili. E, afuria di viverci dentro, finiamo per far diventare inutile anche il nostro breve passaggio su questo scherzo di terra. Quest’episodio andrebbe scolpito nelle nostre memorie, per ricordarcelo quando, magari anche noi – per un attimo – ci daremo pena per l’ultimo modello di cellulare o altre idiozie del genere.

    Un sorriso a te (e complimenti per la lezione sulla libertà di espressione)

    Mister X di Comicomix

  23. Tisbe

    @Batsceba, Questo è un post vecchio. Quindi ci sono commenti datati, ma servono per ricordare a tutti fin dove può arrivare l'odio umano
    @Comicomix, l'ho ripostato per questo. Mi piacerebbe rimanere sul tema. Oggi più che mai (ed io sono parsimoniosa) mi rendo conto di avere la casa pienza di inutilità… tutta roba da cestinare. Il superfluo è il cancro dell'umanità. Per realizzarlo la maggioranza vive di stenti e fame: disgustoso!

  24. utente anonimo

    Mi ricorda tanto il film bianco rosso e Verdone''un immigrato in germania per svolgere il suo dovere di onesto cittadino parte da Monaco per andare a Matera nel viaggio gli succede di tutto gli rubano la radio mentre si era fermato un attimo per bere poi continuando il viaggio e fermatosi in una stazione di servizio gli rubano i cerchi della sua auto. Poi i sedili e il parabrezza insomma arriverà a Matera in uno stato pietoso e infatti in collera per tutte le sventure che gli erano capitate durante il viaggio per venire in Italia manda a quel paese gli scrutinatori del seggio. Figurati se succedeva a tuo padre avrebbe detto come verdone "ma andatevelo a piglia int er c… tutti quanti!
    ciao ti

  25. utente anonimo

    Salve Tisbe già che è un po' che non passo da ste parti volevo mandarti un saluto.
    Interessante questo Re-Posted, l'idiozia di questo anonimo credo che non fosse nuppure da seguire. Bastava dirgli.. "Si caro, ora te la diamo la caramellina!" e la si finiva lì, d'altronde non tutti i cervelli ammettono la ragione.
    L'anonimo, senza dubbio, ha un'idea fissa su come sia il mondo e va avanti cosi', pensando di essere anche logico e di aver detto chissà quali cose estrose…forse lui vive anche bene, chissà!?

    Ma il tema del superfluo e del suo valore…si è importante! Soprattutto pensando allo sbaglio di fondo dei regimi socialisti del secolo scorso ad aver utilizzato il metodo capitalistico per tratare il superfluo.
    Ci si chiederà: quanto costava il superfluo in Russia? …Un'enormità e a volte non era neppure ottenibile.
    Pero' era proprio questo quello che dava fastidio a Marx, che il valore delle cose non fosse intrinseco ad esse ma un qualcosa di aggiunto, di appiccicato ..che nel capitalismo è una mescola di Domanda/offerta e speculazione ma nell'applicazione errata del socialismo era data dall'interpretazione del fabbisogno e dal castigo per che aveva bisogno di altre cose rispetto a quelle istituzionali.
    ..Che è anche giusto, sotto certi aspetti, ma non giusto in generale: il mio fabbisogno potrebbe essere una barca, se mi serve, opure un paio di sci o un amuleto dove pensiamo che ci sia lo spirito di qualche nostro caro defunto… nessuno puo' stabilire quale sia il fabbisogno di un'altra persona.
    Quindi in questo, comunismo e capitalismo si intrecciano in questa degenerazione: non avere la dimensione umana, non sapere cosa fa vivere bene una persona, non curarla e non dare il valore vero alle cose.

    Bene.. il discorso non è proprio finito ma devo scappare.

    1 saluto di nuovo!

    Luca

  26. utente anonimo

    Ma chi diavolo stabilisce se una cosa è "superflua"? Superflua rispetto a cosa? Se per Tizio è fondamentale vedere l'ultimo film di muccino, per Caio leggere l'ultimo libro di Baricco, per Sempronio fumare, per Nevio andare in discoteca, chi diavolo è a stabilire cosa è superfluo e cosa no?

    KK

    P.S. e OT: il tizio morto non è morto per colpa della retorica, è morto perché qualcuno l'ha ammazzato. E la retorica non è monopolio di una parte soltanto.

  27. Tisbe

    @hirpus, in effetti la filmografia italiana ha dilaniato la figura dell'emigrante. Purtroppo il neorealismo non ha fatto in tempo ad occuparsene
    @Luca, se ne potrebbe parlare all'infinito, ma mio padre non sarebbe morto, né vissuto peggio se non avesse comprato quell'adesivo. La vanità dell'emigrante frustrato si è scontrata con il senso pratico del popolo teutonico
    @KK, Beh, ognuno ha le sue priorità. Le donne solitamente amano i gioielli, io, invece, amo i libri. Per me i libri sono necessari. I gioielli… perfettamente INUTILI 😉

  28. omselvarec

    Tisbe secondo te vale la pena partire dal profondo nord per scendere fino a Salza Irpinia, mi hanno invitato degli amici per qualche giorno….ciao grazie per la risposta….Il tuo papà l'adesivo non l'ha comprato….posso sbagliarmi ma non credo….ciao l'om selvarec

  29. Tisbe

    @omselvarec, Sì, ne vale la pena. Tutta l'Irpinia è molto bella e soprattutto si mangia bene. Abbiamo anche dell'ottimo vino
    🙂

  30. omselvarec

    Tesoro lo so io sono un goloso beone….Vado pazzo per il Fiano di Avellino e per il Taurasi. Questi miei amici quando sono senza rimpinguano la mia cantina….si verrò questa primavera….ma Salza è un bel paese??? ciaoooo L'om selvare

  31. utente anonimo

    Viviamo in un'epoca in cui il superfluo è la nostra unica necessità (Oscar Wilde)

    Quindi il post è vecchio?! …Tisbe stavo per "rispondere" ad un anonimo del 2006…e scommetto che mi avrebbe pure risposto! 🙂

    Ciao!!!

    Giuseppe T.

  32. utente anonimo

    Si tisbe hai ragione, ma comunque a volte l'ironia è vicina alla realtà, non nel senso di ridicolarizzare l'emigrante purtroppo, quello serve per la spettacolarizzazione, ma un paese che è perfettamente rappresentato in film cult come quelli di verdone o altri registi italiani.
    pasqui

  33. Tisbe

    @omselvarec, Non conosco Salza ma l'Irpinia è tutta bella ed è piccola 😉
    @Giuseppe T., ne saresti stato capace 😉 Cmq ti avrebbe risposto: è quello dell'Eurotecnica di Milano ed adora questo blog 😉
    @pasqui, certo, a me Verdono (anche se è antipaticissimo) non dispiace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *