Abusavano di bimbi narcotizzati in una scuola materna

(AGENZIA GRT) Una vicenda raccapricciante che lascia senza parole. Alcuni bambini, tra i 5 e i 10 anni, venivano narcotizzati dai loro insegnanti che li costringevano a partecipare a giochi erotici. E’ quanto accadeva in una scuola elementare e materna di  Rignano Flaminio. Sei le persone, tra docenti e collaboratori scolastici,  arrestate questa mattina dai carabinieri su disposizione della Procura di Tivoli,  al termine di un’indagine durata oltre un anno e partita a seguito della denuncia di alcuni genitori. Per loro le accuse di associazione a delinquere finalizzata alla sottrazione di minore, sequestro di persona, violenza sessuale di gruppo, violenze sessuali su minore e atti osceni in luogo pubblico. Secondo quanto è emerso dalle indagini, i piccoli venivano prelevati dalla scuola con un pulmino e portati in un locale. Lì venivano drogati, fatti spogliare e ripresi mentre subivano abusi sessuali. Ad insospettire i genitori delle piccole vittime strani arrossamenti e piccole escoriazioni nelle zone dei genitali dei bambini.

8 commenti su “Abusavano di bimbi narcotizzati in una scuola materna

  1. utente anonimo

    cara Tisbe, leggere di queste ignobili azioni mi fa ribollire il sangue… gli abusi contro i minori sono imperdonabili, distruggono le loro esistenze, segnandoli per tutta la vita… la cosa folle è che non si parla di un maniaco o dell'atto di uno squilibrato, ma di un vero e proprio clan! un gruppo di persone che organizzavano questi incontri… come si puo' arrivare a tanto??!!
    ti mando un abbraccio, colmo di amarezza e rabbia

  2. utente anonimo

    …ecco per persone così io ho grande difficoltà a mantenere la calma e li castrerei tutti, tutti.
    laura

  3. utente anonimo

    E' uno schifo che mi ha depresso infinitamente.
    Come se ne avessi bisogno..
    Notizie così fanno pensare che non bisogna temere di andare all'inferno: ci siamo già.
    Dentro… non ci vorrei nemmeno credere ad una cosa così!
    Com'è possibile? Come?
    Com'è possibile che gente simile sia in mezzo a noi e non ce ne accorgiamo? Com'è possibile fare questo anche a dei bambini? Il viso dei cuccioli in natura è fatto per intenerire e istigare istinto di protezione…com'è possibile fare una cosa così orrenda e contronatura?
    Mi fa stare malissimo non potermi dire che non è vero un'episodio così.
    E' uno schifo.
    Alieno

  4. WebLogin

    I Mostri sono tre maestre di una scuola materna ed elementare di Rignano Flaminio, vicino Roma, il marito di una di loro (noto autore televisivo), una bidella e un extracomunitario addetto a un distributore di benzina del paese.

    Secondo i carabinieri che hanno condotto le immagini una quindicina di bambini sarebbero stati condotti con un pulmino in orario scolastico in un locale privato, secondo indiscrezioni di proprietà di una delle maestre indagate, e filmati mentre venivano sottoposti a abusi.

    I genitori di altri bambini dicono che non credono alla notizia, però mi chiedo dove andavano con il pulmino? …e il preside, esiste???

    Giuseppe T.

  5. Tisbe

    Roma, sei in carcere. C'è anche un autore di "Buona domenica"
    FLAVIA AMABILE
    ROMA
    I carabinieri sono arrivati alle sette di ieri mattina e li hanno arrestati: tre maestre di una scuola materna di Rignano Flaminio, paese a una ventina di minuti a Nord di Roma, una bidella della stessa scuola, un autore di programmi tv per ragazzi e un benzinaio cingalese. L’accusa è di quelle che non si dimenticano: tutti e sei avrebbero partecipato – con ruoli diversi – a una serie di abusi commessi su almeno una quindicina di bambini, numero che lievita notevolmente secondo altre denunce: c’è chi racconta di casi relativi anche al 2001. Durante le ore di lezione a volte la maestra li ha fatti uscire da scuola, raccontano i bimbi. Via su «una macchina rossa o nera lunga» fino a una «grande casa bianca». Lì c’era «un uomo nero e un televisore che trasmetteva i volti di tutti», anche se «alcune persone grandi avevano delle maschere». La casa sarebbe di una delle maestre, precisano gli inquirenti. Lì si svolgevano festini e giochi erotici. Spesso i bimbi venivano narcotizzati con psicofarmaci e tranquillanti.

    Il cingalese e alcune maestre partecipavano ai giochi. Qualcuno filmava le scene. Destinatari: i vari siti di pedopornografia della rete. Al termine delle riprese, i i bambini venivano riaccompagnati a scuola. Il meccanismo sarebbe andato avanti senza troppi problemi fino allo scorso luglio quando alcuni genitori si insospettiscono. I loro figli manifestano strani turbamenti: disegnano croci, gente mascherata, organi genitali. Piangono senza motivo, hanno dolori agli organi genitali, lividi, escoriazioni. Parlano di un «Gesù buono e un Gesù cattivo». Cinque famiglie decidono di far partire le denunce. Nulla accade fino al 12 ottobre quando arrivano i carabinieri, con un blitz che mette sotto sopra le classi. Una perquisizione in piena regola, due maestre e una bidella portate in caserma e interrogate per cinque ore, la casa di una delle maestre – poco lontana dalla scuola – perquisita da capo a fondo.

    Da quel momento niente è più come prima. Il sindaco stabilisce che il paese è un’area a rischio e per la scuola vengono decise misure di sicurezza straordinarie. Arrivano telecamere, nuove serrature. «La scuola si trasforma in un bunker – racconta una mamma – da allora la preside ha emesso circa quaranta circolari di divieto, dal divieto per i bambini di uscire in giardino a quello per i genitori di accompagnarli all’interno della scuola». E la scuola si svuota, il paese si spacca. Le mamme creano un comitato che ormai comprende novanta genitori, l’Agerif, che va avanti nella lotta. «In questi mesi abbiamo spedito 120 e-mail, per non parlare delle raccomandate e delle telefonate fatte a tutte le istituzioni, dal ministero in giù», elenca il coordinatore delle ricerche dell’associazione. A loro favore arrivano anche due perizie mediche che accertano gli abusi sui bambini. E poi i racconti dei bimbi .

    Gli accusati e la scuola fanno muro. E’ anche comprensibile. Una delle maestre finite in carcere si chiama Silvana Magalotti. Per tutto il paese è «la maestra Silvana». «Insegna nella scuola da quando aveva 19-20 anni – racconta la cognata, dal negozio di abbigliamento per bambini della famiglia – ora ne ha 52, fate un po’ voi i conti. Ha cresciuto generazioni di persone. Ma vi sembra possibile che abbia fatto qualcosa di simile ora che era vicina alla pensione? E’ una donna con due figli, che il pomeriggio insegna catechesi ai ragazzi, oppure organizza gite a teatro o a Gardaland per chi non può permettersi il costo del viaggio da solo». La seconda maestra arrestata si chiama Patrizia Del Meglio. «E’ da vent’anni maestra di scuola mentre il marito, Gianfranco Scancarello (anche lui finito in manette, n.d.r.) è un apprezzato autore di testi televisivi, hanno quattro figli e la loro unione è solida – hanno osservato i difensori della coppia Franco Coppi e Roberto Borgogno – È assurdo sospettarli di abusi che non hanno sicuramente commesso». Scancarello scriveva testi per Buona domenica, il contenitore di Canale 5 condotta da Paolo Perego, e per Sat 2000, la tv dei vescovi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *