Phishing, l’assalto continua

Ogni giorno mi arrivano 2 o 3 e-mail del genere. Questa è molto pericolosa perché prefigura l’esistenza di un reato qualora non si fornissero i dati su un form che è chiaramente un falso.

Oggetto: Comunicazione nr. 91219 del 24 Aprile 2007 – Leggere con attenzione

Gentile Cliente,
nell’ambito di un progetto di verifica dei data anagrafici forniti durante la sottoscrizione dei servizi di Posteitaliane e stata riscontrata una incongruenza relativa ai dati anagrafici in oggetto da Lei forniti all momento della sottoscrizione contrattuale.

L’inserimento dei dati alterati puo costituire motivo di interruzione del servizio secondo gli art. 135 e 137/c da Lei accettati al momento della sottoscrizione, oltre a costituire reato penalmente perseguibile secondo il C.P.P ar.415 del 2001 relativo alla legge contro il riciclaggio e la transparenza dei dati forniti in auto certificazione.
Per ovviare al problema e necessaria la verifica e l’aggiornamento dei dati relativi all’anaagrafica dell’Intestatario dei servizi Postali. Effetuare l’aggiornamento dei dati cliccando sul seguente collegamento sicuro:

https://bancopostaonline.poste.it/bpol/cartepre/formslogin.asp

Cordiali Saluti.

12 commenti su “Phishing, l’assalto continua

  1. utente anonimo

    guarda, a me è arrivata la stessa email ma della banca di Roma e della unicredi group, praticamente sono invasa da assurdi accrediti e da strane situazioni perseguibili penalmente. Ma è Possibile si continui ancora con queste truffe..

  2. utente anonimo

    ovviamente è arrivata la stessa mail anche a me dalla banca di roma. solamente che ho notato che nella comunicazione usano il logo di banca di roma. di che truffA si tratta?

  3. utente anonimo

    salve io ho ricevuto la stessa e-mail dove c'erano scrtitte le stesse parole ma chi la mandava era uni credit e non poste italiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *