Ma Teresa non mi arriva mai

Mia nonna aveva una sorella più piccola ed ogni volta che c’era da fare un lavoretto, i nonni, i genitori ed i fratelli maggiori, comandavano sempre lei. Mia nonna era di carattere forte e ribelle, quasi indomabile, e reagiva al comando con tentativi di rifiuto. Sosteneva che anche la sorella dovesse contribuire ai lavori domestici. A questa sua continua richiesta, tutti in coro, le rispondevano che Teresa era piccola. Intanto gli anni passavano ma le cose non accennavano a cambiare. Ad un certo punto mia nonna sbottò e quando le dissero, per l’ennesima volta, che Teresa era piccola lei rispose arrabbiata: «ma non mi arriva mai!». Nella sua acutezza rilevò una falla nell’uso comune relativo del tempo. Lei sarebbe stata per sempre più grande della sorella. A cinque anni lei sarebbe stata considerata grande; la sorella a cinque anni sarebbe stata considerata piccola. A dieci anni lei avrebbe continuato ad essere grande, ma la sorella sarebbe rimasta piccola. Sua sorella sarebbe rimasta piccola per sempre.  Mia nonna chiedeva che fosse abolita la gerarchia anagrafica e che l’età fosse considerata nei termini della durata, e non in riferimento all’età anagrafica di altri. Chiedeva che fossero considerate le caratteristiche oggettive di una determinata età senza doversi confrontare con una distanza che sarebbe rimasta sempre uguale a se stessa. Non so come sia andata a finire, di certo so che mia nonna ha sempre amato molto sua sorella. Teresa andò a vivere oltreoceano, sposa ad un uomo che non conosceva: per procura.

5 commenti su “Ma Teresa non mi arriva mai

  1. torietoreri

    Ciao, Tisbe! non ti avevo finora notata! Ma quando sei entrata con forza e intelligenza nel commento all'ultimo post di AnnaV, che io considero davvero interessante (e che dopo di te ho pure commentato) ho apprezzato le tue idee, a fronte di coloro che credono che Cristo sia un'arma da indossare piuttosto che una vita da vivere. Se vuoi, vieni a visitare il mio blog. Ciao!

  2. utente anonimo

    Teresa alla fine arrivò, ma oltre oceano, dove avrebbe preferito raggiungere finalmente la sorella che oramai era troppo, troppo lontana.
    Un bacio pasquale 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *