O sei fesso o sei il maligno

Le polemiche sorte intorno all’esagerata reazione dell’Osservatore Romano riguardo le frasi del comico Rivera mi hanno riportato alla memoria dei fatti che mi sono stati riferiti in più di un’occasione.

Una mia amica, essendo rimasta orfana,  ha trascorso buona parte della sua infanzia e della sua adolescenza presso un collegio gestito da suore cattoliche. Lei non riusciva proprio a capire come mai Adamo ed Eva avevano dato vita alla specie umana avendo avuto solo due figli entrambi maschi, quindi incapaci di riprodursi. Così le venne l’innocente e brillante idea di chiedere lumi alle suore. Apriti cielo! La reazione delle religiose fu brutale. Le dissero che lei era una bambina cattiva, che quella domanda gliel’aveva suggerita satana in persona. La punirono corporalmente per farle espiare il grave peccato, e non soddisfatte la misero in cella d’isolamento a pane e acqua. Il digiuno era necessario per purificarla e mandare via il maligno che si era impossessato del suo spirito.  

Mio zio ha studiato da prete e l’esperienza deve essere stata traumatica proporzionalmente al tempo che trascorre a raccontare con disgusto il vissuto di quegli anni. Tanto per cominciare i preti lo derubavano di tutto. I miei nonni, dei poveri contadini, gli mandavano i migliori prodotti della casa togliendoli dalla bocca degli altri figli. Mandavano formaggi, salumi ed ogni sorta di cibarie, il tutto sistematicamente sequestrato dai preti. Mio zio viveva nel freddo, necessario per temprare lo spirito ed era nutrito solo con brodaglie. Un venerdì santo, uno dei preti lo chiamò e gli ordinò di andare a comprare della carne. Mio zio timidamente fece notare che il giorno di venerdì santo si digiuna e non si mangia carne. E il prete senza batter ciglio gli rispose: «Per i fessi!».

21 commenti su “O sei fesso o sei il maligno

  1. utente anonimo

    Quaresima in collegio, io ricordo di aver mangiato con i miei compagni un quadretto di budino giallo con una cucchiaiata di piselli; nell’altra sala, invece, banchetto di sacerdoti in stile rinascimentale, mancavano solo le piume di fagiano. Poi mi hanno espulso dalla scuola perchè “sessualmente disturbato”, mentre erano stati due di loro a tentare di molestarmi, mettendomi in confusione (avevo 11 anni). Alla fine ho scoperto che, per essere più vicino a Dio, era meglio stare alla larga da chiese e preti…

  2. LiborioButera

    io ho fatto il servizio militare, c’erano dei superiori stronzi che mi punivano sempre perchè secondo loro ero un lavativo, poi ho iniziato a lavoare e ho conosciuti tanti colleghi cattivi e invidiosi e lecchini, e non erano affatto cattolici. Su ragazzi, si sa che ovunque c’è lo str…zo di turno anche nella Chiesa…

  3. utente anonimo

    Tisbe, se ti sforzi dovresti pure ricordare che nel collegio c'era un maggiordomo, che era sempre l'assassino.
    Crescenzo

  4. ermahico

    a una mia amica quando parlava durante le ore di silenzio le suore agitavano le forbici minacciandole di tagliare la lingua.
    lei si chiama Rosy e aveva 6 anni.

  5. utente anonimo

    No, non è possibile partire da fatti come questi per avercela con un'intera Chiesa. E' come se per alcuni rumeni delinquenti ce l'avessi con l'intera Romania o se per i criminali kamikaze iracheni tutto l'Irak fosse un popolo di esaltati suicidi. Ma stiamo scherzando? Va bene che la Chiesa a volte esagera attraverso alcuni suoi interlocutori, ma quello che dice non è il suo sport preferito. Difende diritti sacrosanti per tutti, difende valori che il relativismo vuol far diventare privati. Che poi ci siano persone di Chiesa, o sedicenti tali, che sbagliano e contraddicono il loro essere cristiani, ciò non toglie che non resti valido tutto quello che oggi la Chiesa in Italia e nel mondo sta facendo. Ma invece di demonizzare ogni gesto e interventi di Papa e vescovi, non sarebbe più semplice e più sincero dire: "Chiesa mi dai fastidio solo perchè esisti"?

  6. Tisbe

    Chiesa mi dai fastidio perché ti intrometti nella mia vita privata

    Questa è la formula corretta 😉

    Per l’anonimo così coraggioso

  7. antares666

    La maligna Chiesa di Roma equipara qualsiasi critica al terrorismo perché vuole far pressione sullo stato suo vassallo e far sì che anche legalmente gli oppositori siano puniti come terroristi. Deve pagare per tutti i suoi immondi crimini, la sua stessa esistenza è una colpa per la società!
    Un abbraccio

  8. utente anonimo

    La Chiesa parla alle coscienze, questa è la formula corretta, non si intromette nella vita privata di nessuno. La tua coscienza è solo tua e puoi farne quello che vuoi checchè ne dica la Chiesa, e la Chiesa lo sa. In quanto all'utente anonimo sono quell'"Abes" di OKNOTIZIE!

  9. Tisbe

    @bes, sì, ma la chiesa inculcando le sue credenze nelle menti acritiche dei CREDULONI permette loro di perseguitarmi e di rendermi la vita sociale difficile o addirittura infernale e non lo trovo giusto
    la chiesa è responsabile della cattiveria dei cattolici

  10. Tisbe

    I cattolici dovrebbero imparare ad essere meno ipocriti e meno bigotti e soprattutto dovrebbero lasciare vivere in pace gli altri
    con le loro insinuazioni, con i loro pettegolezzi con la loro mancanza di umiltà, seminano il male nella società e credono di essere il BENE!!!!!!!

  11. omselvarec

    Mi sembra di vivere una storia antica. Ma è possibile che tutti guardino alla chiesa e nessuno guardi ai laici?
    I preti vivono nello sfarzo…. i nostri politici di sinistra vivono forse da barboni???? Vi prego di leggere un buon libro….anche abbastanza facile e comprensibile a tutti (spero) G. Orwell: "La Fattoria degli animali" poi ritorniamo a riparlarne…..
    Cordiali saluti ed un abbraccio a tutti da l'om selvarec

  12. FrySimpson

    Io sono ateo.
    Magari mi sbaglio. Magari Dio esiste.

    Io ho una "preferenza" per gli atei, come posso avere una "preferenza" per i genoani, ma non è che per questo penso che i sampdoriani siano pazzi.
    (Semplicemente tengono per la squadra più forte e non per quella più rappresentativa di Genova, per cui o sono di San Pier d'Arena, o saltano sul carro del vincitore… ok, ok, scherzavo, Cugini! 😛 )

    Però, io -francamente- penso che autonegarsi una cosa così bella, naturale, umana, necessaria, come l'amore per una donna o un uomo sia da malati di mente.

    Uno che per scelta dice "io non scambierò mai un bacio di passione con nessun altro essere umano al mondo" ha una affettività disturbata.

    E non posso accettare da lui/lei lezioni di "amore".

    Voi accettereste lezioni di nuoto da chi ha paura dell'acqua?

  13. FrySimpson

    P.S. per l'Uomo Selvatico (spero di aver tradotto bene):

    Io sono di destra.

    Non è che se uno critica la CCAR deve essere per forza uno stalinista, eh?! 😉

    Sono passati un po' di anni dal Mondo Piccolo. Acqua ne è passata sotto i ponti del Grande Fiume: Berlusconi si è risposato, Casini (in coerenza col cognome) s'è dato al concubinaggio, Bertinotti è stato folgorato sulla via di Damasco, Fassino si è accorto di essere cattolico…

  14. senzaunameta

    Un sacco di tempo che non passavo dal tuo blog, è un vero piacere trovarlo sempre così interessante!
    Io faccio mie, se permette, le parole di FrySimpson, e ci aggiungo che un pizzico di tolleranza e di rispetto in più verso il prossimo (chi è che diceva rispetta il prossimo tuo…?) non guasterebbe proprio e li avvicinerebbe al mondo reale.
    Saluti

  15. WebLogin

    Azz! O fesso o maligno?! …un’altra possibilità non c’è?

    Anche la chiesa ha le sue mele marce, però preferisce impicciarsi della vita privata delle persone.

    OT: Grazie di avermi inserito nel tuo blogroll 🙂

    Ciao mitica, un abbraccio

    Giuseppe T.

  16. Leilani

    Non so voi, ma io non vedo l'ora che dio scenda da quelle caspita di nuvole e vada a scambiare due parole con st'ammasso di decerebrati…

  17. FrySimpson

    Io penso che Dio non esista, ma se dovesse esistere, non so se il giorno del giudizio si farebbero più risate alle mie spalle i cattolici o io alle loro… XD

    Certe volte spero che esista e che sia relativista 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *