5 per mille a Emergency

Ricordiamo che l’autonomia di Emergency e la possibilità materiale delle sue attività poggiano sulla condivisione diffusa dei cittadini. Torniamo perciò a suggerire il sostegno a queste attività attraverso la destinazione a Emergency del 5 per mille. Il codice fiscale di Emergency è 971 471 101 55

Leggi anche: VERGOGNOSO SCIACALLAGGIO SULLA PELLE DI EMERGENCY

37 commenti su “5 per mille a Emergency

  1. utente anonimo

    Mi aggiungo alla richiesta di Tis e riporto una cosa che dice sempre il mio capo (e lui se ne intende di Ong, credetemi): "Emergency insieme a poche altre si meritano veramente di essere aiutate e quei bastardi di politici cercano di tagliargli le gambe in tutti i modi"
    Se questo lo dice …LUI… mi potete credere che è veramente così

    Ely

  2. utente anonimo

    Mah… c'è qualcosa che non quaglia, forse mi sbaglio però.
    La situazione non è chiara.
    Se erano tutti a posto, perchè diamine sono scappati? Se non erano collusi con i Taleban intendo, perchè diamine scappare così? Hanno liberato Mastrogiacomo dai tagliagole, l'Italia non avrebbe liberato dei medici innocenti dal legittimo governo afghano amico dell'Europa e degli Usa nella guerra al terrorismo fanatico? Cioè, non capisco.. come si fa a temere il governo riconosciuto internazionalmente e legittimato e non aver paura invece in territorio Talebano dove la strage di innocenti è ammessa per raggiungere gli obbiettivi come norma della guerra terroristica? Il capoccia Taleban fortunatamente ucciso dalle forze Usa-Gb-Afghane l'altro giorno era uno così crudele che non ha esitato a massacrare gli Azari, uccidendo i bambini, scuoiando vecchi, stuprando donne e bambine…. Emergency lavorava nel territorio occupato da questa gente e scappa di fronte al governo Afghano? Mi sembra così strano, soprattutto per un innocente…
    Aspetterò senz'altro gli sviluppi della situazione, nel frattempo spero che le strutture di Emergency vengano affidate ad altre associazioni no-profit e umanitarie, ce ne sono tantissime in circolazione senza sospetti di essere colluse con il terrorismo: croce rossa, medici senza frontiere, ecc. Non dico quelle cattoliche perchè da quelle parti non è come da noi che abbiamo una cultura così aperta e tollerante ehehe, dubito sarebbero gradite, anzi, dubito che le stesse associazioni ci mettano piede.
    Insomma, chi ha qualche dubbio, non ha problemi di scelta per affidare il 5×1000 per scopi umanitari.
    Buonaserata a tutti.
    Alieno

  3. WebLogin

    @Tisbe, sono perfettamente d'accordo! …e dopo l'infamily day anche di più!

    @Elisa, ma il tuo capo esiste davvero? E' raro sentire qualcuno parlare così bene del proprio capo (esclusi bondi, fede, schifani, e altri facsimili), secondo me tu hai anche il poster alla parete ;-)) Beh, a parte gli scherzi sono d'accordo con te e il tuo capo. Ogni tanto passo sul vostro sito (stavo per dire blog 😉 e vi faccio di nuovo i miei complimenti.

    Ciao!!!

    Giuseppe T.

  4. moltitudini

    Lo darei volentieri ad emergency.
    Mi è difficile scegliere, lo darei anche all'associazione Coscioni.
    Probabilmente però opterò per qualche realtà minore, perchè cmq queste associazioni grosse suppongo che avranno già molti contribuenti che firmeranno per loro.
    per il resto:grazie Prodi.
    @alieno
    sono andati via per due motivi legati tra loro: perchè non ritengono di esser più in sicurezza e perchè è evidente che governo italiano e afghano gli sono ostili.

  5. utente anonimo

    @ Giuseppe
    Grazie dei complimenti :))
    beh il mio capo esiste e ti giuro che ha più difetti lui di un diavolo, ma…. è, nel suo campo, una persona che quando parla sa ciò che dice 😉
    e poi è un gran……..:))))

    @ Alieno
    la vicenda di Emergency, di cui anche oggi scrive il mio bellissimo capo 😉 è molto particolare e complessa e dietro l'abbandono ci sono purtroppo ragioni politiche. Una Ong non dovrebbe mai essere usata per scopi politici o peggio ancora strumentalizzata per politica. Lo statuto di Emergency parla chiaro e quello che sta succedendo in Afghanistan si scontra frontalmente con quello statuto.
    Ah dimenticavo, per particolari ragioni, Emergency non può accedere alla maggior parte dei finanziamenti europei e quindi va avanti con le donazioni come una qualsiasi Ong non piccola ma nemmeno tanto grande. Le grandi Ong sono altre e di loro si sente parlare molto raramente

    Ely

  6. utente anonimo

    Grazie delle risposte.
    Molti: si, l'ostilità è evidente, altrimenti sarebbero rimasti. La domanda è: perchè governo Italiano e Afghano lo sarebbero? Magari è un buon motivo per dire… 🙂
    Er mahico, ben ritrovato. La prossima a me per liberare Mastrogiacomo? E perchè dovrei liberare Mastrogiacomo? Se io entro in una casa dove si sta tenendo una riunione di pericolosi mafiosi per salvare il gatto che sta male, poi non mi devo lamentare se mi seppelliscono nel cemento perchè ho visto troppo. Chi va dai taleban per fare un'intervista (dico, mica a salvare vite anche di un gatto eh? Interviste..) sa il pericolo che corre. Oltretutto i Taleban sono molto efficienti per farsi conoscere da sè anche con le armi mediatiche, non è una sconosciuta tribù amazzonica appena scoperta. Non ci andrei a salvare un delinquente che mette a rischio la vita degli altri per i propri fini egoistici, nemmeno per la Sgrena perchè io al loro posto mi sentirei di cacca, in colpa per la vita. Ma se andassi a salvre Mastrogiacomo, non al prezzo di liberare cinque terroristi che dicono subito che sono pronti a tornare a combattere (e uccidere, altri sensi di colpa no?). E non andrei se non ho la garanzia di salvarli tutti, compresi gli afhgani. Avete segato il collo come vi piace ad uno? Bene, non c'è più trattativa con voi, nessuno al mondo deve trattare più con voi, siete delle bestie.
    Punto. La farnesina è chiara: non andate lì. Dovrebbe essere più chiara con una normativa precisa: chi va lì non si aspetti di essere salvato, non sempre è possibile (per esempio se chiedono di liberare terroristi) e quando tornate, se tornate, pagate le spese, tutte, fino all'ultima goccia di benzina servita per trasportarvi. E l'indennità per chi ha rischiato per voi. E la radiazione dall'inutile albo dei giornalisti e l'allontamanento da ogni lavoro pubblico e dal voto, essendo degli incapaci di intendere e di volere oppure peggio, consapevoli e dannosi al Paese.
    Questo è quanto. Sicchè è meglio che vai tu la prossima, er mahico ehehe 😉
    Tanto allenato sei allenato a sparare ehehe.
    Ely: non so chi sia il tuo capo o che lavoro tu faccia, ne parli.. dilla tutta! O è un segreto?
    Il fatto è che una piccola Ong come Emergency fa troppa politica (basti sentire Strada, caspita, è pura politica estremista poi, mica moderata). Capisco che la politicizzazione così marcata, la sua ostilità dichiarata verso altri per conseguenza, possa essere di ostacolo, anche per raggiungere i finanziamenti. Di più, probabilmente è pure legittimo così. D'altra parte se io sono amico di un mafioso che mi lascia entrare a casa sua, devo rispondere e molto bene di questa "amicizia" concessiva poi alle autorità. Non si capisce perchè Emergency che aveva un ospedale in "casa" dei taleban non debba essere trattato nello stesso modo, ovvero, con un legittimo sospetto come minimo. Come minimo perchè sappiamo bene chi sono i Taleban, e quelli che non sono dalla loro parte o a loro utili per la causa (non gli importa certo di morire per la causa, anzi), non li accettano perchè non accettano alcuna convenzione internazionale o buon senso. Ci sono loro. E gli altri. Da distruggere. Punto. Anche afghani.
    Anche islamici.
    Punto.
    Allora il sospetto è proprio legittimo.
    Aspettiamo che si indaghi meglio, sperando che, come tutte le cose che appartengono alla sinistra e sono legate a Prodi, non si insabbino e scompaiano nel dimenticatoio.
    Ciao e buon pomeriggio a tutti.
    Alieno
    P.S.: questa musica è troppo bella!
    Se continuo ad ascoltarla mi passa la voglia di scrivere ed arrabbiarmi ehehe. Ormai ho scritto però.. ^_^

  7. utente anonimo

    Alieno, il mio lavoro non è un segreto (basta farsi una ricerchina sul sito) lavoro per una organizzazione che collabora con diverse Ong e credo, se permetti, di saperne un pochino di più sul tipo di lavoro che fa Emergency o Medici Senza Frontiere o Coopi, Cesvi o qualsiasi altra Ong di una certa caratura. Il tuo è certamente un discorso sensato che però non tiene conto affatto della missione che hanno certe Ong (nello specifico Emergency) che è quella di curare tutti a prescindere, talebani e non. Emergency è in Afghanistan da quando era occupata dai russi e ha sempre curato tutti quelli che si sono presentati alla sua porta, è una questione di principio. Se per questo deve essere considerata filo-talebana allora all’epoca dei talebani doveva essere considerata filo- alleanza del nord, questo nemmeno i taliban lo hanno mai fatto, Karzai si. Non entro nel merito del sequestro Mastrogiacomo dove fondamentalmente mi trovi d’accordo ma ribadisco che quello che hanno fatto a Emergency è una porcata, a prescindere da Gino Strada che comunque è un signore anche se non sempre quello che dice può essere condivisibile.
    Ely

  8. ermahico

    Attenzione, le catene di rosario in chiesa fatte dalle pie vecchiette professioniste non è servito ad annientare Luca Alieno tramite divina provvidenza, si invitano i lettori a non leggere le cagate che scrive pena la scomunica papale.

    mi scuso con l'ordine dei giornalisti per aver fomentato codesto soggetto il quale scrive di suo pugno che salvare la vita di un gatto è più importante di fare informazione là dove veramente ce n'è bisogno

  9. utente anonimo

    Si ErMahico, se mi chiedessero: scegli se salvare un gatto o leggere un articolo sui taleban (che oltre tutto si fanno leggere e comunicano anche con video tramite internet Al Jazeera e quotidiani) io sceglierei il gatto. Un po' perchè sui Taleban, mi fido di quello che dicono loro stessi e mi basta, un po' perchè, beh, un articolo una volta letto poi lascia il tempo che trova (a meno che ogni vostra casa sia piena fino al soffitto di articoli) e si può sempre rifare in un'occasione migliore. Un po' perchè al gatto riconosco un'innocenza a priori che non posso concedere a nessun uomo, nemmeno e soprattutto ad un Mastrogiacomo, un po' perchè un gatto "non" si può rifare perchè quel gatto lì, quella vita, non è replicabile, ma solo qualcosa che gli somiglia. Meglio quindi rifare un articolo.
    Per quanto riguarda la scomunica…AHAHAHA!
    Guarda, se non bastassero rapporti prematrimoniali, legami con persone divorziate (di conoscenza biblica intendo) e con figli, se non bastasse che in Chiesa ci vado raramente e in genere mi infastidisce il prete quando parla (per me è un luogo di raccoglimento ed il legame, pur dubbioso, è diretto con Dio), se non bastassero le bestemmie e l'aver odiato Dio tante volte, ti dirò una cosa: non sono battezzato. Già questo mi pone fuori dalla comunità cattolica in senso stretto e la scomunica a me fa un baffo. Mentre a gente come te, leggendo i giornali e guardando o ascoltando proclami, sembra infastidire ed irritare molto. Perchè?
    Ciao. Grazie della risata che mi hai regalato però, ehehe.
    ^_^

  10. utente anonimo

    Ely, non avevo visto il tuo post.
    E non avevo capito che era possibile rintracciarti, per me eri tipo me, un'anonima surfer senza blog o casa. Certo che Strada è un Signore, non lo conosco, non posso dire di no. A chi non concedere del "Signore", si concede a tutti, perfino al sottoscritto, perchè no.
    Però certamente è uno dei personaggi più politicizzati ed in modo radicale del paesaggio delle Ong, questo certo non si può negare. Quello che dicevo è, infatti, che ci sono "sospetti", con legittima presunzione di innocenza prima della dimostrazione del contrario. E l'auspicio che salti fuori la verità al più presto.
    Certo che il discorso sui Taleban che ho fatto, non aiuta a presumere innocenza, ma chi non concedere presunta innocenza e signorilità prima che sia dimostrato il contrario?
    In passato ho già avuto modo di elogiare l'iniziativa di chi cura tutti, senza distinzioni. Allo scopo ricordo che anche i medici militari Usa, Nato, Onu (e la croce rossa, ospedali cattolici ecc) curano tutti nei loro ospedali militari, anche i nemici. Magari poi li arrestano (almeno così spero), ma tutti li curano. Ed è giusto così. Anzi, se volete aiutarli con il 5 per mille…
    EHEHE.
    Alieno

  11. ermahico

    medici militari Usa, Nato, Onu ….. curano tutti nei loro ospedali militari, anche i nemici.

    dopo le bombe al fosforo, le armi HAARP, le mine antiuomo, l'uranio impoverito, i proiettili a testa cava, i bombardamenti a gogo, sarebbe un peccato non mandare un dottore a vedere i tanto studiati risultati.
    giusto?
    domanda a bruciapelo, il prigioniero di guerra sai che dopo la guerra deve venire liberato vero?

  12. utente anonimo

    Hai le tue ragioni Er Mahico. Ti ricordo che se Nato, Onu, militari riconosciuti devono attenersi a convenzioni internazionali, i Taleban ed i terroristo affatto, se ne sbattono di curarli e potendo, gli segano la testa (o li liberano in cambio di un riscatto). Trovo quindi un confronto comunque vincente da una parte. Curiosità: in Iraq si sono finalmente accorti che il nemico prima non è l'occidentale invasore, fosse anche Usa, ma il terrorista, in particolare quello di Al Qaida o quello mandato dall'Iran. Sicchè un capo tribù sunnita ha organizzato una task force molto efficiente per contrastare questo terrorismo (che non esita a usare di tutto, dal cloro a quello che ha, avendone userebbe ben di più che fosforo e Haarp e con obbiettivi terroristici, cioè proprio volutamente civili, non militari con "errori" di vittime (o noncuranti se ci sono vittime, fa lo stesso). Non solo questa task force si è rivelata molto efficace (è riuscita a garantire sicurezza in quartieri dove nemmeno i marines) ma ha ufficialmente criticato gli Usa di essere troppo morbidi e buoni nei confronti dei prigioneri terroristi, Guantanamo inclusa. Li ha invitati quindi a consegnarli a loro che applicano la giusta legge tribale (ovvero morte certa) e li ha anche accusati di aver più volte liberato prigionieri a Guantanamo, convinti della loro estraneità che poi invece sono stati catturati nuovamente (e uccisi) mentre facevano i terroristi. Ora, io non so bene quale sia la verità, ma trovo quasi divertente (se non fosse tragico) il rimbrotto agli Usa di essere troppo buoni ehehe.
    Ho piacere comunque nn che sia applicata la tortura o la legge tribale, ma che ci si renda conto sempre più ampiamente che il terrorismo è il nemico primo e più mortale, da più parti (magari non nella sinistra più estrema italiana che cmq continuerà a tifare terrorismo e qualsiasi cosa sia Anti-Usa o Anti-Israeliana per partito preso, pazienza per le teste tagliate, stupri, eccidi, stragi di vecchi e bambini e civili morti a scuola, lavoro, al mercato o in una moschea..). Così come continuerà a dire che Israele bombarda i palestinesi omettendo o legittimando il fatto che prima, però, da lì sono partiti dei razzi…
    🙂

  13. utente anonimo

    Ah, mi sono dimenticato la domanda a bruciapelo. Boh.. sì, sapevo che il prigioniero di guerra, a guerra finita, deve essere liberato (poveri italiani in Russia..) a meno che non si sia macchiato di gravi crimini umanitari per cui deve essere giudicato da una corte internazionale credo… o sbaglio? E' tutto quello che so, non mi intendo troppo di guerra in effetti..
    Ogni volta che ci penso, in effetti, mi piace meno, per cui non mi è facile approfondire il tema.
    Ciao.
    Alieno

  14. ermahico

    siamo punto a capo e lettera maiuscola con te Luca.
    i Partigiani italiani erano terroristi x il dux? i Briganti meridionali erano terroristi per i savoia? gli Iloti (che prendevano botte ed erano in perenne schiavitù) erano terroristi per gli Spartani?
    ovviamente sì, sì , sì.
    chi combatte per la propria terra non sbaglia mai, e se qualcuno venisse in sicilia per fottersi le spiagge togliendole ai siciliani oppure si comprasse l'Etna facendone disneyland3, oppure prendesse il teatro Massimo di Pa e lo trasformasse in un Warner Village o in una moschea, ti posso assicurare che chiunque li combatesse anche facendosi saltare per aria insieme a innocenti avrebbe tutta la mia comprensione.
    ma forse tu abiti in un paesino in cui l'unico tesoro artistico è il campanile della chiesetta, e se te lo conquistano magari gli dici pure grazie.

    continui a citare Iran=terrorismo, non ti vergogni neanche un pò?
    non mi pare che ci fossero molti terroristi alla guida degli F16 ,dei C130 e degli abraham….. ma solo yankee bastardi.

    Americani pezzzi di merda avete distrutto la culla della civiltà mesopotamica,che diede il primo codice civile della storia (Hamurabi) ridotto alla fame uno stato sovrano, scatenato la miccia della 3#guerra mondiale.
    Chi vi appoggia anche solo in parte meriterebbe la castrazione, come fanno i vostri soldati ai partigiani torturati nelle carceri, se i taliban catturano i vostri fanno bene a tenerli come salami e a bruciarli al flambè, poichè voi sparate ai feriti, anche donne e bambini, e derubate i popoli liberi anche della dignità di guardare la propria terra lamentarsi dell'invasore. Siete peggio delle locuste, non siete mai sazi capitalisti di merda.
    Recentemente avete stuprato una 13enne, i soldati avranno una mostrina in più da sfoggiare al ritorno a casa come medaglia? Moriranno prima i vostri "eroi", magari per fuoco amico, visto che qualcuno tra le vostra fila non potrà restare inerme a tali atrocità.
    Che i Compagni Americani si sveglino e mettano fine a questo scempio con la Rivoluzione.

    -Solo il Comunismo ci Può Salvare-

    USA=Merda.

  15. utente anonimo

    Wow! Che commento… viscerale Er Mahico. Sei talmente incazzato che è difficile per me capire se per quello che proverò a scrivere sarà fatto almeno un tentativo di comprensione, cerco una sintesi per punti.

    1) I partigiani erano terroristi x il Dux,ma bianchi e rossi almeno avevano davvero un nobile valido motivo, abbattere un regime fascista. Personalmente li considero davvero terroristi DOPO la fine del fascismo, la fine della guerra (tu mi insegni che i prigionieri dopo vanno liberati o processati) invece, nonostante l’instaurazione della libertà e democrazia quelli comunisti hanno continuato a uccidere, a fare vendette personali, ad ammazzare preti ed altre cosette disgustose. Quella “presunta” continuità dal partigianesimo motiva anche poi le Br. Per me quindi sono realmente terroristi e quel che peggio perchè l’intento primo non era quello di garantire la libertà dal fascismo, passo necessario, ma arrivare all’instaurazione di un altro regime, che abbiam visto storicamente doppiamente spietato rispetto al fascismo (Jugoslavia, Urss ecc).

    2) Dici: “chiunque li combatesse anche facendosi saltare per aria insieme a innocenti avrebbe tutta la mia comprensione.” E’ una frase forte.. ti dirò solo che se legittimi il ricorso a tecniche che coinvolgono civili, allora devi legittimarle sempre, anche quando sono gli avversari a farle quelle vittime. Ti ricordo che però la strategia terrorista per funzionare HA in primo luogo obbiettivi civili mentre la comunità internazionale ha nei civili un limite d’azione oppure un effetto “collaterale” indesiderato e scomodo (dal punto di vista mediatico).

    3) Il discorso sul campanile della chiesetta del mio paese come l’esempio dell’invasione della Sicilia è umanamente condivisibile e quasi quasi sono d’accordo con te. Ma anche qui per coerenza poi apri il discorso ad altri che non ti piacerebbero. Per esempio in qualche modo legittimi chi si oppone alla costruzione di moschee in un territorio che ha una propria cultura, anche fosse soltanto architettonica… e naturalmente apri un discorso di “chiusura” di frontiere all’interno di altre frontiere. Sicuro che vuoi spingerti tanto in questo discorso?

    4) Cito Iran (volendo anche Siria)= terrorismo e non mi vergogno perchè le dichiarazioni di Admadinejad non le han fatte gli Usa, perchè è provato ufficialmente e riconosciuto dalla comunità internazionale (non a caso uno dei compiti della forza italo-francese in Libano doveva garantire il non riarmamento degli Hezbollah, addestrati, finanziati e armati da Iran e Siria) e i combattenti sciiti provenienti dall’Iran catturati dal governo iracheno non sono pochi.

    Naturalmente F16, C130, Abraham così come la bomba nucleare non ce l’ha l’Iran (per poco ancora) o la Siria, ma Israele, Usa ed altri. Che però non sono stati usati per cancellare quella “civiltà”, anche se capisco che la tentazione deve essere forte contro chi non esiterebbe un istante ad usare ogni mezzo, anche nucleare per concretizzare il proprio progetto di cancellare Israele e forze internazionali, Usa per primi (ma poi anche sunniti ecc).

    5) Per quanto riguarda la culla della civiltà mesopotamica, ti posso dire che non è stato distrutto dagli Usa, anche se per te ogni distruzione è a causa degli Usa. Ti dirò anzi che l’esempio dell’antichissimo Buddha preso a cannonate dagli integralisti islamici dovrebbe farti riflettere un po’ sulla considerazione che hanno questi e gli altri delle culture altrui. Il nostro stesso contingente in Iraq, congiuntamente agli altri, aveva tra i compiti quello di salvaguardare e proteggere questo immenso patrimonio culturale e storico, importante per l’Iraq ma anche per tutta l’umanità intelligente (cioè occidente ma anche Islam intelligente che esiste e resiste contro l’ingralismo). Purtroppo la logica del fanatico integralista islamico terrorista è questa: se qualcosa non è compresa nel Corano è da distruggere. Se qualcosa è già compresa nel Corano, non serve, il Corano basta.

    Triste no?

    6) Sono d’accordo sullo schifo di comportamenti aberranti di soldati, che però non sono la norma e sono condannati e dovrebbero esserlo due volte, anche perchè danno un’immagine deleteria che non corrisponde al reale, strumentalmente usabile contro la causa di pace e di lotta al terrorismo.

    Ma stiamo parlando di terroristi anche e quindi di gente che non esita per decapitare, lapidare, uccidere e perfino struprare civili, donne, bambini e vecchi. Ed è la norma.

    Una cosa che ti sfugge dell’Islam è che non c’è un vero stato Islamico fatto di confini nazionali, essendo esso votato all’espansionismo dove il confine è l’applicazione del Corano, della sharia, della jhad, della legge tribale..

    Ti sfugge che i Taleban non combattono per liberare la terra come i nostri partigiani dal fascismo o i francesi dal nazismo, quello semmai lo fanno gli afghani che combattono contro i Taleban, sono loro i veri partigiani e come i partigiani nostrani, per fortuna, con l’aiuto di Usa, Europa ecc contro il regime fascistoide folle islamico talebano, perchè da soli i partigiani non avrebbero potuto nulla, gli afghani idem. I taleban sono quelli che vogliono imprigionare la donna schiavizzandola, non dimenticartelo anche se detesti Usa ecc. Ricordati che non volano aquiloni e non c’è danza e gioia nell’oscurità che il Taleban vuole imporre, è un regime duro, fatto di morte e segregazione.

    Sull’Iran di Ahmadinejad (ma io conto su un’insurrezione contro questo criminale che sta portando il Paese all’inferno integralista) voglio raccontarti l’ultima proposta del governo, così rendo l’idea. Amhamadinejad ha già scatenato la sua polizia religiosa contro le usanze del paese incarcerando donne che, per il caldo, portavano il velo in modo non corretto (cioè a metà capelli come fanno i ragazzi con il casco), hanno arrestato naturalmente studenti dissidenti e punito anche le donne che fanno sport. La donna arrestata per il velo non portato correttamente deve restare in carcere finchè un parente (maschio) come il marito, il padre o il fratello non va a riprenderla e si becca una ramanzina e la minaccia di essere punito lui la prossima volta che succede. E’ follia? Aspetta la prossima novità. Lo sport. Ahmadinejad e la sua cricca di esperti religiosi hanno stabilito che la bicicletta per le donne non è adatta perchè pedalando ora si vede una caviglia ora si intuiscono le forme femminili (del lungo vestito con pantaloni neri possibilmente) mentre le forme femminili sono per loro una vergogna che l’uomo non deve vedere, un’impurità inaccettabile se non in privato, nel carcere-domestico. Così l’Iran produrrà delle biciclette per donne che hanno una cabina che copre dalla vita in giù, che non si capisca pedalando che è una donna dalle sue forme, sarebbe scandaloso, se non per la cabina appunto.

    Ora io ti chiedo: capisco il tuo odio per gli Usa, ma sei sicuro che questo è sufficiente per schierarti poi con questa gente? Davvero basta questo? Allora tu non odi solo gli Usa, ma anche le donne e la libertà.

    7) Solo il Comunismo ci Può salvare – mi scrivi. La storia insegna altro e lo sai. L’Europa sta prendendo coscienza, dopo anni di oscurantismo e manovre di propaganda, che il Comunismo è parificabile al Nazismo per atrocità prodotte, quando non superiore. Per fortuna il comunismo è crollato ovunque, ma questo non è un motivo sufficiente perchè possa in sua vece, radicarsi un capitalismo sfrenato e senza scrupoli..

    In sostanza in questo sono d’accordo con la Chiesa che individua nelle grandi minacce all’umanità, capitalismo e comunismo.

    Sono sicuro che si può fare di meglio. Avrei apprezzato di più se alla parola “comunismo” avessi proposto “socialismo”. E non sono il solo, visto che l’altro giorno, ad Annozero, Santoro ed altri hanno riconosciuto che il socialismo fascista ha fatto realmente una politica sociale-popolare concreta che il 40 ennio successivo democristiano se lo sogna.

    Curioso il contesto, a me ha colpito molto.

    Non voglio convincerti ad amare gli Usa, hai le tue ragioni. Voglio solo dirti che questo non basta per legittimare i comportamenti terroristici talebani, di Alqaida, dell’Iran ecc. Fallo almeno per le donne cavolo, se non per la tua libertà e quella degli altri.

    Ciao e buonaserata Er mahico.

    Veramente passionale il tuo intervento ehehe.

    Alieno

  16. ermahico

    1) prima di fare un regime, che imprigionò mio nonno per 3 gg a prendersi le mazzate, i fascisti dovevano pensarci due volte, la rappresaglia è stata più che legittima e anzi dovevano farne di più, sono stati troppo buoni per i miei gusti.
    2) i civili sono le vittime preferite dai soldati americani, poichè sono disarmati, se poi sono donne e bambini è più facile, corrono più lenti (Full Metal Jacket), inoltre ogni generale che si rispetti sa esattamente i numeri dei civili che moriranno in una guerra, ergo, sanno benissimo che facendo guerra il 92% di vittime saranno innocenti al creatore.
    3)Non ho detto niente Moschee, ho detto niente moschea dentro il mio Teatro o il mio municipio. Se hanno i soldi possono farne una pure davanti casa mia.
    4)Se fossi Libanese o Iraqeno, non diresti un minimo di grazie a chi ha fermato l'invasore dormendo fra le frasche gelide e mangiando lucertole? su 600 morti israeliti 590 erano soldati, su 12.000 morti libanesi 11.200 erano civili (non ricordo esattamente le cifre ma mi pare fossero queste). se parliamo di popolazione uccisa mi pare che quasi sempre l'invasore (chiunque sia) abbia la maglia nera.
    5) Mi dispiace per il buddha, MA cannoneggiare pezzi di pietra è equiparabile a disintegrare uno stato intero invandendolo e stracciondone il tessuto sociale? i fanatici Saddam li prendeva a calci in culo comunque, Osama e tutta la famiglia saudita ringraziano……
    6)Gli Ahfghani nella persona del generale Massud (Leone del Panchir) riuscirono a confinare i taliban in 4 catapecchie, ma caso volle che 2 gg prima dell'11 settembre egli morisse. casualità, I Taliban ripresero il potere, giusto il tempo dell'arrivo dei 'merdicani, cioè 5 mesi dopo. Così la tivvì ebbe tutto quel materiale che serviva alla propaganda neo-con, cioè fustigazioni pubbliche lapidazione etc etc…..
    Se loro sparano cagate religiose, noi non siamo automaticamente autorizzati a farne altre, e con le armi non si ottiene una sega a chi ha la fame come amica e il corano rivisto e corretto come guida spirituale.
    7) il Comunismo in Italia ha fatto solo bene, e i diritti ai lavoratori li hanno dati il socialismo e il comunismo. Inoltre la Dc ha fatto il 'sacco' al sud, il nord era socialista e infatti le infrastrutture ci sono. Da noi sulla carta.
    Se avessimo avuto in sicilia un 50% di comunsimo in più vedreste una regione diversa.
    Ricordo alcune delle Atrocità fatte dal comunismo:
    Ottobre Rosso; con la caduta dell'oligarchia che autorizzava di fatto la schiavitù dei plebei.
    Sconfitta del Nazismo con entrata a Berlino, senza uso di bombardieri (anche perchè ci avevano già pensato gli USA a rasare al suolo tutto, lasciando però le SS pienamente operative,19milioni di soldati russi morti)
    Liberazione di Cuba dal giogo capitalista americano (si vendevano le persone di colore come scimmie, nude e in gabbia)
    Guerra ai Mujahideen e i Taliban (quelli veri), con un "esiguo" sacrificio di 15.000 soldati.
    Ovviamente inutile poichè gli 'merdicani' hanno fatto la cortesia di fornirli di Stinger RGP e ufficiali di comando per l'addestramento.

    spero di essere stato esauriente.

  17. utente anonimo

    Eheh. Sempre il solito tu, ti scaldi facilmente. Ovviamente non sono d'accordo quasi su nulla ma non ti sorprenderà. Ti rispondo appena possibile, grazie per la comoda elencazione a punti, molto efficace per leggere e per rispondere.
    Un sorriso amico (non fuoco amico, sorriso ehehe).
    Alieno
    ^_^

  18. utente anonimo

    Come mai non si sente più parlare di Emergency? Cosa c'è sotto? Ho sentito che D'Alema andrà da Karzai… gatta ci cova, quel D'Alema è uno furbo.
    Chissà se finirà tutto nel silenzio o avremo nuovi sviluppi.
    Alieno

  19. ermahico

    D'Alema andrà a dire a Karzai che è uno stron#o & testa di ca##o e che l'Afghanistan adesso se lo può pacificare da solo.
    O in alternativa resterà in silenzio e i militari, che ora hanno più mezzi di attacco e difesa, potranno restare senza temere rappresaglie, e contemporaneamente , non rischiare la vita per aiutare un governo fantoccio, stop scorte, stop trasporti, stop tutto, stop ospedali, resteremo lì a goderci il sole, e a difendere l'oleodotto, visto che il Kazzai rompe le palle e degli afghani non gliene frega una sega.

    contento Luca?

  20. utente anonimo

    Contento o no, mi pare che si sia rinforzato con nuove armi (elicotteri d'attacco, carrarmati e trasporti blindati), praticamente come chiede da mesi e mesi il centrodestra. Ed ha una sua logica. Se i nostri soldati devono restare lì a farsi sparare, è bene che abbiano almeno tutte le possibilità di difendersi nel migliore dei modi.
    No?
    Il governo che tu dici fantoccio è sostenuto dalla comunità internazionale. E contrapposto a quel governo c'è la cultura barbarica, maschilista e crudele dei Taleban, mica resistenti per la libertà dell'Afghanistan.
    Io mi auguro fortemente che i Taleban non vincano lo scontro perchè gli Afghani saranno più felici, soprattutto le afghane.
    Il prossimo scontro con il terrorismo, vedrai, sarà in Africa. Speriamo più tardi possibile.
    E speriamo che con l'uscita di Bush, la politica incompetente ed autolesionista Usa cambi un po'.
    Ciao Er Mahico.
    Notte.
    Alieno

  21. utente anonimo

    Er Mahico, comincio a rispondere un po’ al tuo post, per punti così dò un po’ d’ordine ai miei post che sono solitamente incasinatissimi ehehe.

    1) L’esperienza che racconti su tuo nonno è un’esperienza condivisa in modo anche peggiore da altri. Tempo fa ebbi a dire a Moltitudini che probabilmente siamo troppo vicini ancora a quel periodo per poter fare una revisione storica che sia “pulita” e quindi più corretta. Questo quando cioè il coinvolgimento generazionale è sparito. Diversamente, sul comunismo sarà più difficile perchè contrariamente al fascimo è stata creata una continuità (anche con aspirazioni frustrate rivoluzionarie) con il periodo della resistenza e che in qualche modo è la stessa continuità che ideologicamente muove ancora oggi le Br. Quindi c’è una continuazione artificiosa che impedisce un’analisi storicamente corretta e imparziale (basti pensare ai manifesti elettorali di Diliberto con la semplice scritta populistica ma anacronistica “Antifascista” sotto il suo faccione).

    La storia che tu racconti e condivisa da molti è stata ben rappresentata culturalmente nel nostro Paese, anzi è stata celebrata in modo martellante.

    Non si è potuto invece celebrare il resto della storia d’Italia nè fare onore alla verità storica, si cominciano a fare i primi passi adesso e sono passi che incontrano un contrasto enorme, intollerante ad ogni forma di revisione storica, perchè, a mio parere, il comunismo in Italia può legittimarsi solo se si insinua che il fascimo, politicamente, è ancora vivo e costituisce una minaccia attuale. Senza questa legittimità di resistenza, basandosi solo sullo scontro con il capitalismo, emergono i fallimenti ideologici e sociopolitici del comunismo in tutto il mondo e nel confronto, il capitalismo per quanto con i suoi lati disumani e orrendi, ne esce vittorioso. Questa è l’analisi che cerco di fare in modo distaccato e obbiettivo. I timidi passi incontrano in Pansa (celebratissimo finchè scriveva bene del comunismo e male del fascismo dalla sinistra) un portavoce di un tentativo di una visione più ampia di quel periodo storico immediatamente successivo alla fine del fascismo o sul finire di questo, ma è culturalmente boicottato perchè la verità è scomoda ed insopportabile. Alcuni si limitano a dire che conoscere le verità che Pansa porta sono diseducative o possono portare un messaggio che indebolisce la cultura della resistenza (che da noi significa retorica vera e propria), altri non esitano addirittura a chiamarlo fascista e certo Pansa non lo è e non lo è stato.

    Quindi molti italiani non hanno voce, se non lo ha un Pansa, figura ben più accreditata e autorevole di tanti anonimi. Tanti italiani come me possono raccontarti, a fare da contrappeso al racconto di tuo nonno, altre storie.

    Io ti riassumo brevemente la mia.

    Mio nonno da parte di mia madre era un fascista come tutti quelli del suo paese (il consenso al fascismo è di molti oggi rossissimi), perchè quello che il fascismo proponeva era il socialismo, politiche sociali e popolari concrete. L’italia vide concretizzarsi davvero infrastrutture, vide che davvero si faceva qualcosa (considera che Mussolini è stato “collega” di P. Nenni, con lui fu incarcerato perchè dissidente ecc, insomma, attinge dal socialismo, in fin dei conti era figlio di una famiglia modesta, di fabbri mi pare).

    Mio nonno non ha mai picchiato o punito un italiano (anche perchè nella sua zona erano tutti fascisti come dicevo, quindi è in qualche modo mancata l’occasione). Era un ragazzo quando partì al volo come volontario per la guerra di Spagna.

    Le cose italiane poi cambiarono come sappiamo. E come successe in gran parte dell’Italia, chi fino a ieri era un convinto fascista, di fronte alla mala parata si convertì ad altro e spesso, più si era stati fascisti, più si diventò antifascisti perchè si sa, non c’è peggiore accanimento contro il fumatore di quello dell’ex fumatore.

    Quindi quasi tutto il paese in cui viveva diventò all’improvviso comunista. E di che tinta, con la stessa convinzione fanatica con cui era fascista prima (teste calde in ogni caso). Provarono a fargli prendere con le buone la tessera del partito, perchè sapevano che era un uomo valido e nessuno poteva lamentare di aver subito torti da lui. Era sempre stato un amicone, uno di cricca e compagnia, un bicchiere di vino, una battuta di tiro al cinchiale o al capriolo e si era tutti amici, gran lavoratore ecc. Ma lui era del tipo allora più diffuso di quelli che la parola data ha un valore sacro (e per questo è stato fregato mille volte, non mettendo nulla di scritto ehehe). Manco morto sarebbe diventato comunista. Allora cominciarono le minacce serie. Nessuno poteva quasi più uscire di casa, nè lui, nè sua moglie, nè mia madre o mio zio. Da quelle parti i neofiti comunist con voglia di riscatto dal proprio passato e invasati come e più di prima di quando erano tutti fascisti avevano già fatto fuori un paio di preti, picchiato (partecipavano anche le donne ai pestaggi) delle persone con la colpa di andare alla messa la Domenica (si rischiava la pelle ad andare in Chiesa), assediato delle caserme di Cc (ma lo racconto meglio dopo), si erano perfino divertiti a mettere un paio di persone (anche ragazze) a sedere sopra le stufe (quelle a legna). Ora un giorno questa banda di criminali invasati aveva appunto circondato casa di mio nonno, segregandola e pronti ad entrare, minacciando di fare tutte queste belle cosette a mio nonno reo di rifiutarsi ostinato a prendere la tessera rossa. Naturalmente era armato anche lui, ma l’evidente inferiorità numerica non dava possibilità di cavarsela. Mio nonno però, oltre ad essere una testa calda, era un gran lavoratore: miniera, un lavoretto mica da scherzare. E per l’appunto aveva in casa un bel po’ di dinamite. Si salvò così, con la dinamite, minacciando di far saltare tutti per aria, compreso lui e tutta la sua famiglia. E siccome era un uomo che era sempre stato leale e di parola con tutti, amici e nemici, tutti lo presero dannatamente sul serio. Compresa mia madre, allora una ragazzetta, che era terrorizzata: sapeva benissimo che l’avrebbe fatto. Ma il terrore di quei comunisti fuori invasati come bestie folli era più forte e ne ricavò, oltre a incubi, un bel periodo di mutismo per il trauma vissuto. La sorella di mio nonno invece era una donna con le palle, una che gli era morto presto il marito ed aveva tirato su da sola 7 figli, lavorando nei campi ecc., una donna molto risoluta, un “maschiaccio” praticamente. Anche lei fu assediata in casa e fece un gesto di notevole coraggio, riaparando in casa i figli terrorizzati e uscendo fuori a sfidare la folla di comunisti invasati col bastone, incurante del fatto che gli altri erano tanti e armati di pistole e fucili.

    Una pazza che uscita fuori urlò che chiunque prima di toccare la sua casa ed i suoi figli avrebbe dovuto fare i conti con lei. Altri tempi, altre tempre. Ed io non so se a salvarla fu la sua follia sconsiderata, la divina provvidenza o il fatto che quella donna riuscì a far sentire un po’ carogne vergognose quella gente. Propendo per l’ultima versione. Ad altri, come ho detto, andò peggio.

    Passiamo a mio nonno, padre di mio padre. La sua colpa non era d’essere fascista, ma Carabiniere. Già fatto prigioniero durante la guerra d’ Albania, ritornò e gli fu affidato il comando (come sottouffiale) di una caserma. E in quella caserma c’erano due colleghi e le loro famiglie. Che naturalmente furono assediati dai comunisti essendo questi assolutamente convinti di fare la rivoluzione sul modello sovietico e quindi assolutamente ostili alla Repubblica Italiana ed alla sua autorità. Tutta quella zona era una zona di guerra.

    Quindi, armati di pistole e fucili erano pronti all’assalto e ci fu subito una sparatoria in cui un Carabiniere fu ferito gravemente. In seguito alla richiesta di intervento del dottore della zona, i comunisti fecero barriera per impedire al medico di curare il ferito e minacciarono lui e la sua famiglia di ammazzarlo come un cane se avesse osato prestare cure. E siccome erano degli invasati con precedenti che non lasciavano dubbi sulla loro crudeltà, il medico non andò, per quanto dispiaciuto. Il carabiniere quindi morì dissanguato.

    Mio nonno aveva in caserma anche delle bombe a mano e questo i comunisti lo sapevano, così come mio nonno sapeva che quei che quello che i comunisti volevano non era una resa, nemmeno chiesta, ma fargli la pelle. I comunisti assediarono quella casera per qualche giorno, carabinieri e famiglie barricati dentro, senza dormire naturalmente. Mio padre, allora un ragazzino, ne ricavò di quel trauma, una balbuzie mai avuta ed un tic all’occhio che mi ricordo portò avanti anche quando ero ragazzo io.

    Poi finalmente arrivarono i rinforzi, rinforzi seri con autoblindo e i comunisti fecero presto a sparire, nascondersi e seppellire armi in attesa di un’occasione migliore: per il momento si era ristabilita l’autorità della Repubblica Democratica Italiana e la follia comunista si era rassegnata (malvolentieri).

    Ecco, dovessi attingere anche io come fai tu ad esperienze familiari per trarne conclusioni e schieramenti, secondo te cosa dovrei dire? E come me tanti, credimi. Ed io potrei anche portare esperienze personali dei tempi della scuola per parlar solo male di comunisti e delle loro arroganti ingiustizie e prepotenze, figurati. Ma nn credo che si possa fare politica o scelte politiche solo così perciò io mi auspico che si possa finirla con questa retorica intoccabile della resistenza e del comunismo e si faccia finalmente chiarezza su tutta la storia, incluse le nefandezze e gli orrori del comunismo perpetrate nel nosto Paese e altrove. Come tu dici in un post passato, finita la guerra i prigionieri vanno liberati. I comunisti hanno continuato ad uccidere ben più di prigionieri, molti…

  22. utente anonimo

    E' bene faccia un paio di considerazioni sul mio post.
    Nonostante l'esperienza familiare e personale, contrariamente a te, non mi lascio trasportare. Non sono comunista, ma sono sicuramente antifascista, perchè quello che la mia famiglia o io abbiamo subito non basta certo a legittimare le schifezze del fascimo.
    I fatti raccontati si svolgono tutti a guerra finita, fascismo finito e instaurazione della Repubblica Democratica Italiana, con cui i comunisti in molte zone si sentivano in guerra, in ansia di fare quella benedetta rivoluzione che perfino Togliatti poi deluse nelle aspettative di quella gentaglia (per fortuna nostra che oggi abbiamo una storia diversa da chi purtroppo finì schiavo dei regimi rossi).
    La sorrte di mio nonno, padre di mia madre, il minatore insomma, fu comunque punito, nonostante poi arrivassero la legge e l'autorità della Repubblica Italiana (carabinieri, polizia ed esercito) a ristabilire l'ordine e la giustizia della democrazia. Infatti si vendicarono così: minacciarono di morte chiunque osasse dare lavoro a mio nonno. E così fu e per molti anni a venire la mia famiglia fece la fame. Sopravvissero a stento (mia madre, ragazza, andava a rubare qualche uovo e qualche ortaggio entrando negli orti eni campi altrui oppure a cercare funghi e miele da rivendere poi ai mercatini. Non sazi, questi miserabili umiliavano ogni giorno, incluse le donne che umiliavano mia madre, di essere poveri e disgraziati. Mia madre si faceva i vestiti da sola con ritagli di scarto. E ne aveva pochi. Le compagne comuniste la sfottevano per vestiti e scarpe mentre loro facevano vedere i vestiti nuovi e le scarpe nuove (costose le scarpe). Paradossale per dei comunisti, non trovi? Altre volte mia madre che andava cercando funghi o erbe o fiori da rivendere, era costretta a scappare o difendere il fratellino perchè naturalmente volevano pestarla. Per fortuna era veloce ed un maschiaccio e se l'è cavata quasi sempre.
    Non sarebbe bello che anche questa storia di Italia e di Italiani fossero raccontate, lette e viste oggi? Giusto per avere un quadro più onesto, più vero di quel periodo disgraziato.
    Alla fine la mia famiglia fu costretta a trasferirsi e mio nonno trovò di nuovo lavoro, come capo-miniera. Ed era lui a scegliere chi poteva lavorare o no. E poi fece lo stradino come mestiere (non aveva certo paura della fatica, anzi), finchè non risparmiò abbastanza per mettersi in proprio costruendo strade. Beh, tanto in miniera, quanto per la sua impresa, lui assunse tutti, comunisti o no, non aveva importanza questo, purchè fossero bravi lavoratori. E' sempre rimasto lo stesso brav'uomo generoso di sempre, con ideali molto semplici, un bicchiere di vino e tutti amici. Capace anche di fare, oltre che baldoria, caccia e sbronze tra amici, dell'ironia. Prima di morire chiese di chiamare la sede del Pci perchè voleva iscriversi al partito. Sapeva che stava morendo e tutti pensammo che fosse un po' fuori di testa per questo finchè ci disse: "non fate quella faccia, sono quello di sempre. Solo che se devo morire, meglio muoia un comunista che uno dei nostri!"
    Ehehe.
    ^_^
    Alieno

  23. utente anonimo

    Mi sono accorto che al mio post 33 manca il finale e la firma, perchè naturalmente anche il server mi ripete che sono troppo lungo ed ha provveduto da solo a punirmi ehehe.
    Il finale era questo:
    I comunisti hanno continuato ad uccidere ben più di prigionieri, molti innocenti e perfino, cosa più vile, altri partigiani con la colpa di non essere rossi.
    Tutto quello che io auspico è la verità, tutta però, fino in fondo.
    Nient'altro.
    Ciao.
    Al prossimo punto.
    Alieno

  24. utente anonimo

    Avendo scritto senza avere risposte nel sito Secondoprotocollo.org (Cooperazione allo sviluppo e politica internazionale), ripropongo la domanda qui, sperando di avere qualche chiarimento:

    Che fine ha fatto il 5 per mille?
    I soldi sono stati incassati già tutti e però non sono stati distrubuiti, nè si sa quanto, nè a chi. Inoltre mi risulta anche che quel 5 è diventato 3 per mille, confermate?
    Ma come si fa a difendere questo governo, anche volendo..
    In attesa di risposte, buonagiornata a tutti.
    Alieno

  25. utente anonimo

    Ohi, ohi, suppongo che la questione era imbarazzante oppure non interessante perchè non strumentalmente utile per certe propensioni ideologiche.

    Mah

    Alieno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *