I crimini dei preti pedofili in un documentario della Bbc

«Sex Crimes and Vatican» è da un po’ che è in rete, adesso con i sottotitoli in italiano. Fortunatamente grazie al baccano fatto dai blogger soprattutto su OkNotizie, anche Repubblica si è accorta dell’esistenza di questo documentario e lo ha segnalato con un articolo.

Si parla del Crimen Sollicitationis, il documento segreto emesso dal Santo ufficio del vaticano (oggi Congregazione per la dottrina della fede) nel 1962, che fornisce istruzioni ai vescovi su come trattare i casi di sacerdoti accusati di usare la segretezza del confessionale per fare avances sessuali ai penitenti. Ma soprattutto di come porsi di fronte a crimini peggiori, come il coinvolgimento di un prete in rapporti sessuali con un animale, un bambino o un uomo.

Ebbene, il garante dell’applicazione di quelle direttive fu Benedetto XVI, all’epoca dei fatti ancora cardinale Joseph Ratzinger. Fu lui il responsabile della direttiva con la quale lo scandalo venne messo a tacere e i preti furono protetti e nascosti alle autorità.

Il video lo trovate QUI. Preparatevi al peggio e… buona visione.

  1. AGGIORNAMENTO:  ad AnnoZero, Santoro ha annunciato che sta tentando di acquistare i diritti del video per l’Italia.
  2. AGGIORNAMENTO: l’utente di OkNotizie "Don Chisciotte" denuncia l’oscuramento del suo forum da parte di sconosciuti a seguito della segnalazione del video. Provare per credere: il forum non esiste più Furumlandia
  3. RIFLESSIONI: questa è la gente che difende la famiglia (mi sono autocensurata) e ha sfilato al Family Day (bella gente davvero!)

48 commenti su “I crimini dei preti pedofili in un documentario della Bbc

  1. LucaScialo

    Bè ormai mi sono quasi stancato di criticare questo Papa, tant'è che a sentirmi parlare sembro uno delle bestie di satana, mentre in realtà vado tutte le domeniche in Chiesa…Ciao.

  2. Skeight

    Mi sa che parecchie bestie di Satana stanno in Vaticano, a giudicare da questo video…

    p.s. se ti interessa, ti ho citato nel mio blog oggi 😉

  3. utente anonimo

    ehm…in realtà il documento che citi fu redatto dal Cardinale Alfredo Ottaviani e
    approvato da papa Giovanni XXIII.
    Ratzinger lo ha *rimodernato* con l'epistola "De
    Delictis Gravioribus"

  4. zigotecomics

    Anche Vauro deve aver visto questo documento, prima di disegnare la vigna del family day. E il berlusca che la sventolava in piazza come indecente e inaccettabile, lui che non capisce la satira perche’ va forte con l’insulto gratuito, lui che fa affari con papa joseph, lui che comanda l’informazione in italia, dove questo video non e’ mai andato in onda….

  5. Leilani

    …cardinale che si evitò il processo con accusa da parte dello stato del Texas perchè improvvisamente è diventato capo di stato e ha ottenuto l’immunità diplomatica. Bella mossa, Jo.

  6. WebLogin

    Il documentario è dell'ottobre 2006 e solo ora viene visto in Italia (cioè dagli italiani che usano Internet)? Stiamo messi proprio male! 🙁

    Tisbe, ottima segnalazione: ricordi la querelle… ;-))

    Ciao mitica!

    Giuseppe T.

  7. Tisbe

    @LucaScialo, ti capisco, almeno tu non hai perso la fede. Io comincio a rifiutare persino di ascoltare la messa, e pensare che la so a memoria. Stanno allontanando i fedeli
    @morpheusfree, grazie
    @ Skeight, sì, i pedofili si sono rifugiati in Italia e sono protetti dal vaticano
    @pacesempre, noi facciamo il possibile per diffondere la notizia in modo capillare
    @Seven, ok, ma cosa cambia…?
    @zigotecomics, berlusca ha fatto una delle sue solite meschine figure
    @ Leilani, questi pedofili, oltre ad essere protetti, vivono pure nel lusso … e poi sfilano al Family Day: ma quanta ipocrisia…
    @bhikkhu, finalmente berlusconi ha qualcosa in comune con i preti
    @ GayGuy, grazie, è sempre un piacere 😉
    @ Giuseppe T., se non fossimo stati liberi, ma al soldo di qualche editore, questo video non sarebbe mai comparso in italia e ringrazio pubblicamente i volontari che con il loro lavoro hanno permesso la traduzione in italiano
    @Ely, il vaticano è potentissimo. I suoi uomini controllano tutti gli apparati di potere italiani. Anche per avere una raccomandazione basta rivolgersi ad un prete, meglio se un alto prelato

  8. utente anonimo

    Desidero far chiarezza a chi ha ancora dubbi. Non c'è tanto una guerra tra laici e cattolici, come Prodi strumentalmente vuole far intendere (c'è sempre stata volendo dirla tutta), "guelfi e ghibellini" è una cosetta demagogica ben poco riuscita per accattivarsi le simpatie di una certa parte dell'elettorato. Tanto i guelfi che i ghibellini non mettevano in discussione i valori di famiglia o la condanna dell'omosessualità, la fede ecc, ma il potere, il primato assoluto su tutto del Papa. Quindi per un omosessuale sarà ben difficile schierarsi da una parte o dall'altra e perfino per un divorziato o convivente. La guerra vera che la politica fa finta di non vedere e il Vaticano tace mentre combatte disperatamente è una guerra civile interna al Vaticano stesso e soprattutto una guerra tra cattolici e cattolici. I Di.Co infatti non sono un progetto della sinistra, di laici o dei radicali. Loro semmai hanno tentato di fare un Pacs in avanti. Ed invece ne hanno fatti due indietro, umiliandosi (politicamente, essendo proprio parte di quel governo che li ha fatti retrocedere, senza nemmeno la dignità di dimettersi per protesta e coerenza).
    Appoggiare i Di.Co. non è altro che distogliere l'attenzione sulla sconfitta colossale dei Pacs, per dare nuova legittimità all'impegno politico e restare sulle poltrone.
    Ma in realtà i Di.Co sono la spaccatura profonda tra i cattolici e tra una parte dei cattolici e le autorità vaticane al timone, a partire dal Papa attuale. Trovo però ingiusto criticare questo Papa e non aver criticato l'altro. Cambia l'approccio mediatico, ma tutti e due perseguono la stessa politica, soprattutto per quanto riguarda temi come famiglia, omosessualità e volendo, anche pedofilia.
    Mi rifiuto di pensare che prete=pedofilo come mi rifiuterei di pensare islamico=terrorista o extra-comunitario=delinquente. Sono equazioni demagogiche alla portata di tutti e cavalcate facilmente per altri scopi. Certo che la copertura dei pedofili da parte del Vaticano è indecente così come è indecente la copertura dello Stato per insegnanti pedofili o per terroristi: che significa trasferirli soltanto? Espellerli bisogna.
    E cavolo, visto che una scomunica non si nega a nessuno, si scomunichino. E visto che una disoccupazione non si nega a nessuno, diamola ai pedofili. Persone più meritevoli potranno riempire quei vuoti.
    Buona giornata.
    Alieno

  9. WebLogin

    "Se non fossimo stati liberi, ma al soldo di qualche editore, questo video non sarebbe mai comparso in italia".

    Tisbe, è quello che penso anche io! Faccio un esempio, esistono servizi web che pagano i blogger per fare delle recensioni su dei prodotti che ne fanno richiesta. Non si è obbligati a parlarne bene, ovviamente però questo potrà incidere sulle future commissioni. Cmq si è liberi di fare una scelta.
    Quello che voglio dire è che il blogger avrà sempre un mezzo di informazione con il quale potrà fare sentire la sua voce. E' in questo scenario che vedo la possibilità di una informazione migliore con i blog.

    Pensa se Beppe Grillo lavorasse per qualcuno e ad un certo punto decidesse di lasciarlo, avrebbe sempre un blog che è 19° al mondo su 72.000.000 di blog. Non tutti saranno Beppe Grillo ma un blog tra i primi 200 in Italia riceve cmq molte visite.

    PS: Volevo segnalarti che ho pubblicato un post e ho citato il tuo come fonte, non lo troverai su OKNOtizie come forse tutti i miei futuri post.

    Ciao mitica, un abbraccio.

    Giuseppe T.

  10. marysamba

    ho visto il video…e anche quello delle iene mai mandato in onda e' da vedere….Solo 1 prete su 5 dice a questa mamma(che con una telecamera nascosta confessa che il prete della sua parrocchia ha molestato il suo bambino) di rivolgersi alla polizia.Gli altri 4 dicono che non deve dirlo a nessuno tanto meno al marito e rivolgersi al superiore di questo prete…..

  11. utente anonimo

    Lo ha fatto intenderte facendo il parallelo “guelfi Vs ghibellini” = laici Vs Cattolici, ma sorvolando sul fatto che 1) lui ed il suo governo ha una preponderanza cattolica non laica 2) Il conflitto laici Vs cattolici c’è sempre stato (Pci, radicali, liberali ecc) e non è una novità del momento. 3) Il problema vero è tra cattolici e cattolici ed anche tra preti e preti, volendo dirla tutta. Se si fosse parlato di Pacs il discorso era un’altra storia. I Di.co invece non contentano (o meglio, non dovrebbero contentare, ma si sa che sono abituati ad ingoiare di tutto purchè il governo regga) i laci di sinistra al governo. Dirò di più. L’idea del Di.Co nasce da quella corrente di apertura su temi come questo che hanno il loro riferimento nel Card. Martini. C’è un vero e proprio conflitto all’interno della Chiesa; Prodi ha buttato lì qualcosa che in realtà distrae dall’incapacità del Governo di far fronte ad impegni presi in sede di campagna elettorale, come se lui fosse Superpartes e ci dicesse: su, su, bambini, smettetela di litigare dai…

    Cosa che per lui è molto semplice non avendo un partito suo e perciò un elettorato a cui rispondere, diversamente da un Rutelli o un Fassino ecc. Tra l’altro Prodi ha tutt’altri interessi che queste questioni, ovvero rafforzare la sua lobby di potere nei posti chiave dell’economia italiana, uomini suoi che suppliscono benissimo alla mancanza di un consenso elettorale partitico ed è infatti superpotente (e ricattatore nei confronti di un’ Unione invece divisa proprio perchè deve o dovrebbe rispondere ai suoi elettori).

    In sostanza, i laici hanno già perso con i Pacs, per stringere e se si sono buttati nella mischia per i Di.Co è giusto per affiancarsi nella lotta contro il Vaticano (cioè il Papa e la sua schiera, non quella relativista al seguito di Martini) nel tentativo forse di avere una briciola di vittoria, forse una leva per poi entrare meglio nel tema “famiglia” e naturalmente perchè la loro legittimità politica non ci sarebbe già più, visto che hanno rinunciato ai Pacs, ma se si buttano sui Di.Co, apparentemente si stanno ancora impegnando in qualcosa nei confronti degli elettori. Cioè, per essere legittimi, secondo me avrebbero dovuto dimettersi o obbligare il governo a rispettare i patti, se non legittimi, almeno per dignità e rispetto dei propri elettori.

    Ho cercato di fare un’analisi “esterna” senza prendere una posizione, perchè era questo l’intento anche dell’altro post. Spero di non essermi incasinato molto.

    Ma si sa che i radicali, le poche volte che nella loro storia hanno la possibilità di assaggiare il potere, beh, poi lo gradiscono e certo non lasciano poltrone. Idem per quanto riguarda gli altri in gran parte. Ma qui subentrano altri reali conflitti, quali il Partito Democratico col suo tentativo non nascosto di far fuori le parti più estreme della sinistra (e della destra), per cui è complicato capire chi esce in funzione di questo col paravento degli impegni elettorali non mantenuti e coerenza o perchè comunque guardando avanti “l’uva tanto è acerba” anzichè dire che sarai tagliato fuori cmq. E’ anche il caso di Mastella. Alla poltrona ci tiene. Avrebbe ingoiato anche i Di.co nonostante le solite cazzate di Dc che minaccia di dimettersi ecc (come DiPietro, sappiamo che poi non lo fanno), ma ora c’è in ballo la legge elettorale che lo eliminerebbe come tanti altri partitini e lui cosa fa? Non vota la legge sul conflitto di interesse. Non fino a quando non avrà strappato sicurezza futura per il suo sederone. Ma è un pretesto e un ricatto. Vedremo come andrà a finire. Così i Ds fassiniani, laici, radicali, resteranno comunque finchè avranno potere e garanzie, aldilà delle belle parole, aldilà degli obbiettivi mancati di fronte agli elettori che li hanno sostenuti.

    E’ la politica italiana purtroppo.

    Perfino l’antiberlusconismo può fare da collante e ottimo digestivo per ingoiare rospi.

    Il vero conflitto quindi non è di politici poltronai che tengono a premierati e garanzie partitiche ecc, ma di cattolici e preti, molti dei quali hanno sostenuto questo governo strampalato al voto, molti dei quali non sono nemmeno sfavorevoli ai Di.Co e molti di più al riconoscimento di maggiori diritti per omosessuali ecc.

    Se avrò tempo (e voglia) ti scriverò qualcosina sul conflitto all’interno della Chiesa, Martini Vs Benedetto VI che è molto recente (viaggio in Brasile) eppure è passato sotto tono. Il family day (io stesso mi devo ricredere) non illuda i cattolici che sia stato un successo, perchè è la rappresentazione di una spaccatura profonda tra cattolici e cattolici, non tra laici e cattolici.

    Molti cattolici (e preti) non erano favorevoli alla partecipazione.

    Beh, almeno questa è la mia analisi e opinione, forse mi sbaglio..

    Ciao Er mahico e buonaserata a tutti.

    Alieno

  12. ermahico

    Lo ha fatto intenderte facendo il parallelo "guelfi Vs ghibellini" = laici Vs Cattolici

    si può cortesemente avere un link, un estratto di giornale, una carta di bacio perugina dove egli (Romano Prodi) sostiene la frase in corsivo o quantomeno le 69 righe da te accuratamente scritte in nome di una becera campagna antigovernativa?

  13. jumpinthesky

    Per quanto riguarda le procedure del documento: se uno se lo legge tutto troverà conferma che non si tratta di una sbrigativa "omertà" con cui tutelare chi ha commesso il crimine. Il fatto che tutti i casi debbano essere esaminati da Roma è per assicurare imparzialità e drasticità nell'esaminare e giudicare la situazione.
    Nel tempo in cui vanno avanti le indagini il prete non può rimanere nello stesso luogo…ma va allontanato altrove…mi sembra una normale misura di precauzione.

    Non vorrei fare il dietrologo…
    Ma
    1) molti fatti avvenuti negli USA erano noti già nei primi anni 90…
    2) Sono venuti a galla dopo che Giovanni Paolo II condannò la guerra in Iraq…

    Che il non allineamento del Vaticano abbia urtato la sensibilità degli USA che propagandando una guerra (in nome di Dio…?) si sono trovati una autorità forte e indifesa che li contraddiceva?

    E ora perchè è uscito fuori questo documentario?

    1) Anche Ratzinger è stato duro nei confronti di politiche che andavano contro il bene della persona (sia in campo economico, ecologico, oltre che il solito discorso della guerra)
    2) qualcuno nota che il video è costruito per colpire Raztinger in realtà?

    Nel 1962 Ratzinger non lavorava alla Congregazione della Fede… era un giovane teologo… su posizione avanguardista.
    Avrà fornito consulenza? Forse.
    Ma Ratzinger, sottolineo, non è un canonista (e il documento di cui si parla lo possono redarre esperti di diritto canonico semmai) è un teologo….

    E' davvero spregevole che si cerchi di infangare. Lo dico con tutta la pesantezza che mi provoca stare a leggere tutte queste cose.

    Perchè avvelenare il clima in cui viviamo?
    Perchè non dialogare serenemente anzichè sviare il discorso gli uni degli altri?
    Boh.

    Tony

  14. Tisbe

    @jumpinthesky, apprezzo il tuo sforzo, ma rimane una veritò sconfortante, e cioè che la chiesa fa la voce grossa con i deboli e s'inchina con i potenti e questo non mi piace.
    Non è così martellante contro la guerra come lo è contro le coppie di fatto, perché?
    Quando le è convenuto non ha difeso i suoi preti e li ha immolati senza pietà per una causa superiore tutt'altro che pprezzabile e tutt'altro che etica. Un esempio per tutti: Romero

  15. utente anonimo

    Er Mahico, la frase di Prodi è stata riportata da tutti i quotidiani, tutti i Tg, dalle agenzie e ripresa dalle altre forze politiche per farne un uso pro o contro quest'affermazione.
    Anche se Prodi è capacissimo di dare smentita nel giro di poche ore di ciò che dichiara ai microfoni collezionando gaffe e fischi che nemmeno il Berlusca dei tempi in cui era unto dal Signore, ehehe.
    Una delle ultime è stato dichiarare, replicando ai sindacati che minacciavano sciopero per l'adeguamento stipendi degli statali di 110,00 Euro (alla fine si è calato le braghe naturalmente, dopo 3 settimane di negazioni ehehe), che lo sciopero non deve essere usato come arma di ricatto. Non so, immagina l'avesse detta il Berlusca o uno di cdx una frase così ^_^.
    Naturalmente i sindacati si sono incazzati e offesi, ribadendo l'uso legittimo e democratico dello sciopero. E lo stesso Prodi poi si è andato a umiliare, cercando di dire che è stato frainteso.
    Penoso.
    Fatto è che i sindacati, compreso quello di destra sociale, che fa riferimento a An, rivendicano praticamente le stesse cose contro questo governo e lo sciopero resterà confermato se non si assicura che quell'aumento fino all'ultimo Euro ci sarà (i riferimenti medi sono quelli dei ministeriali).
    Pare che cmq Padoa-Schioppa, di cui sindacati di sx e dx hanno chiesto la testa per la sua ostinazione nel rifiuto senza concertazione, abbia ottenuto in cambio che i contratti di lavoro vengano aggiornati ogni 3 anni anzichè ogni 2, facendo un po' storcere il naso ai sindacati, perchè è un po' il grimaldello con cui riformare le pensioni. Tutto questo per dirti che la politica antigovernativa non la faccio io, ma Prodi e la sua cricca da soli.
    Ti ricordo che uno dei punti base nella propaganda di questo governo, parole di Prodi che ricorderai tu come tutti gli italiani, era quello di proporci un Paese più unito…. HAHAHAHA! Se alla consegna delle chiavi del governo era un Paese chiaramente spaccato in due, adesso è spaccato in mille pezzi, non ultimo colpevole proprio le mancate promesse elettorali non già con quegli italiani che non l'hanno votato, nonostante abbia detto di governare per tutti, ma proprio per molti che l'hanno votato.
    L'ultima gaffe l'ha fatta lamentandosi dell'improduttività del Parlamento, quasi ad indicare che è uno scansafatiche. C'è voluto Bertinotti a ricordargli (insieme a tutta l'opposizione) che il Parlamento lavora eccome, ma la difficoltà di avere una maggioranza stabile al Senato è oggettiva. E c'è voluto anche un Napolitano a raccomandare a questo governo di non fare l'uso indiscriminato di decreti leggi (che poi ingolfano ancora di più il Parlamento ostacolando la sua funzione prima di legiferare per via parlamentare canonica) come sta facendo questo governo, che in poco tempo è riuscito ad ottenere risultati da guinness:
    spaccatura interna, caduta di governo (povero d'Alema, che figuraccia), diffidenza delle forze della sinistra radicale e massimalista che l'ha sostenuto credendoci, numero massimo di poltrone che supera i fasti andreottiani della prima repubblica, fischi, insulti, delusione di tutto l'elettorato, sondaggi in giornaliero calo e ai minimi storici e chi più ne ha e più ne metta. Le gaffe sono talmente tanto che non capisco come puoi imputare a me di fare una propaganda antigovernativa quando il primo responsabile è proprio Prodi.
    A me piacque tantissimo quando, in seguito allo scandalo Telecom fu invitato da riferire in Parlamento (non solo dall'opposizione, ma anche dalla sinistra ed in particolare dal suo pres. Bertinotti) e lui rispose dalla Cina dove era con la sua delegazioni affari congiuntamente a Confindustria, "non ci penso neppure". AHAHAHA.
    Un'arroganza che manca poco Bertinotti stramazza dalla rabbia, allibito (come tutti gli italiani).
    Naturalmente poi si rimangiò tutto, come spesso fa e riferì in Parlamento all'interrogazione, raccontando balle, eludendo e lasciando tutti i parlamentari e molti elettori (almeno metà) che assisterono alla diretta sconcertati da quest'uomo che si permette di essere arrogante e bugiardo contemporanemante con una sfacciataggine assoluta.
    La sua magra figura fu presa con gusto della satira e trasferita su youtube in un videorap, dove il premier piccato si ostinava a ricominciare da capo (fino all'intervento del presidente che l'obbligò ad andare avanti), un video spassoso soprattutto perchè era fedelmente tratto dal vero in modo autentico ed a cui era stato aggiunto solo il sottofondo musicale.
    Beh, quel video lo fecero sparire presto da youtube. Si sa, la satira è apprezzata solo quando scaglia le sue frecce in un'unica direzione.
    Potenza del regime.
    Ciao e buona giornata.
    ^_^

  16. utente anonimo

    Tisbe, devi aggiungere un altro aggiornamento al Post. A Santoro è andata male perchè la Rai non ha intenzione di comprare quel video che è stato definito spazzatura. Il veto viene tanto dall'opposizione che da parti governative, naturalmente (e poi la Rai non è che sia di cdx ehehe).
    Pare che invece voglia acquisirne i diritti Mentana per portarlo su Matrix. E non è difficile che ce la faccia perchè come si sa, le scelte di Mediaset, pur non essendo rete pubblica, sono molto più libere e svicolate da ordini partitici. Mentana ne è un esempio tra tanti (senza contare tutta la satira ehehe).
    Ciao e buona serata.
    Alieno

  17. Tisbe

    @Alieno (2 ore fa)
    (AGI) – Roma, 22 mag. – L'impegno di autori e conduttore di 'Annozero' "con il pubblico e con l'azienda e' quello di rappresentare in maniera equilibrata e autorevole tutti i punti di vista". Cosi' Michele Santoro in una breve nota a proposito del documentario "Sex crimes and the Vatican", l'inchiesta della Bbc che la Rai ha oggi deciso di acquistare su richiesta dello stesso Santoro – e avallata dal direttore generale Cappon – che intende trasmetterla, dopo le ulteriori verifiche, durante una puntata di 'Annozero'. La sottolineatura di Santoro circa la rappresentazione equilibrata ed autorevole segue l'auspicio, o la raccomandazione, che in mattinata era stata manifestata in tal senso dalla direzione generale della Rai a proposito del documento televisivo".(AGI)

  18. utente anonimo

    Bene, sei più aggiornata di me. Secondo me i vertici Rai si sono resi conto che andando a Mentana quel video, ci sarebbe stata l'ennesima sconfitta nel confronto di ascolti ehehe. L'idea di un Santoro equilibrato mi sembra improbabile, cos'è, satira? Ehehe.
    Lo dico perchè lo guardo spesso, naturalmente.
    Ciao. 🙂
    Alieno

  19. ermahico

    sei andato fuori tema, non chiedevo un'elenco di gaffe presunte del Professore.
    Ma un contesto dove leggere l'aizzamento di odio tra laici e non.(che non hai pubblicato)
    I bisticci della sinistra si vedono, ed è un bene, significa che non sono lobotomizzati da un "regime" come lo chiami tu.
    è brutto quando in una coalizione come quella destrosa le idee sono tranciate sul nascere per fare contento un nano mafioso e piduista (P2).
    "calare le braghe" è una parola pesante, almeno lo fa per dare qualche soldo a dei poveri disgraziati lavoratori (fino a prova contraria), mentre il berlusca si autofustigava come governante per avvantaggiare il suo alterego imprenditore. (consiglio il film "doppia personalità")
    vedi Alieno, il vero problema con la chiesa è che semplicemente …fa schifo… sia come personalità che come sistema sociale.
    A Prodi basterebbe un colpo di penna per disintegrarla, ma siccome per ora ci sono problemi più urgenti di 4 checche in tonaca, che gridano allo scandalo e alla minaccia, quando sono proprio loro i primi che fanno il filo alle ragazzine (e ragazzini) del catechismo.
    Un'ultima postilla: per essere Equilibrato Santoro dovrebbe invitare i ragazzini violentati e accusarli di superficialità e mancata reazione? Magari potrebbe fargli domande piccanti per dimostrare che erano loro i seduttori, no?
    Ma per favore….. non difendere l'indifendibile. La chiesa è il male.
    uno dei loro simboli è l'acqua santa. cioè la divisione in categorie del primo elemento che porta la vita sulla terra, facendointendere che esiste H2O bella e H2O "volgare".
    Ricorda che Bagnasco equipara l'incesto alla convivenza, l'aborto alla bestemmia e così via.
    Se Pinochet rinascesse farebbe il prete, ma farebbe ugualmente stragi di innocenti, tanto per la chiesa è meno colpevole di una ragazzina violentata che abortisce.

    rinnovo l'invito a attaccare un link o qualsivolgia estratto dove Prodi cita la guerra giacobina o dove minaccia la chiesa.

  20. utente anonimo

    Er mahico, mi devo mettere a fare una ricerca che potresti fare benissimo anche tu. Non conservo tutti i giornali e gli articoli (non ho nemmeno un blog dove postarli sul momento), ma tutti i quotidiani e i politici hanno ripreso quell'invito Prodiano di non fare come "guelfi e ghibellini". Cmq farò ricerche in internet quando posso.
    Io non sono un cattolico, tantomeno osservante e sono in contrasto con molti precetti della Chiesa (convivenza inclusa). Però forse la Chiesa la conosco meglio di te e ti risponderò spero presto sull'equiparazione incesto-convivenza.
    Per quanto riguarda Prodi che si cala le braghe, ti ricordo che NON lo fa affatto per dare soldi ai poveri lavoratori, anzi, lui ed il suo fido sostenitore si sono opposti al sindacato con arroganza fino a che l'imminenza della rivolta e sciopero degli statali li ha costretti a farlo.
    E a Prodi e C. interessa prima di tutto restare in sella, non possono permettersi una contestazione del genere, nonostante l'offesa ai sindacati di fare dello sciopero un'arma di ricatto (all'eventualità di uno sciopero invece Padoa Schioppa, altrettanto simpatico ha risposto: "beh, che scioperino, e allora?" Ehehe.
    Prodi non potrebbe disintegrare la Chiesa per due motivi: 1 è cattolico. 2 A lui della Chiesa non importa un fico secco, ma gli serve per restare in sella (con i suoi voti) quindi non lo farà mai. A lui serve il potere più a lungo possibile, ogni mezzo è lecito. Se serve favorire confindustria, lavoratori, laici o cattolici, lui farà quello che conviene, magari facendo contenti ora uno, ora l'altro, ma il mezzo di scelta resterà sempre: cosa mi conviene di più per restare?
    Infine, per l'equilibrio di Santoro e dei suoi sostenitori, mi basterebbe per esempio sentire e spiegare (anche qui non viene fatto) perchè è stato definito "spazzatura" o "trash" quel video. Perchè non lo diciamo? Io stavo aspettando che qualcuno spiegasse, ma suppongo che dovrò fare l'avvocato del diavolo (che difendendo la Chiesa non è il massimo ehehehee).
    ^_^
    Ma giusto per avere un equilibrio e incentivare la discussione, ripeto che sono in contrasto con la Chisa per molti motivi, anche se non ho la malattia e la fede dell'anticlericalismo a tutti i costi, "religione" molto di moda in questi tempi, anche se ha una storia antica.
    Buona giornata.
    Alieno
    Andare Ot con Prodi & c. è come per te con il nano di Arcore: facile e divertente ehehe.
    Ma se non lo facesse nessuno sul nano, è probabile mi sentirei in obbligo di farlo io..
    😉

  21. utente anonimo

    Caro er Mahico, pare che tu sia più pigro di me, visto che potevi benissimo fare tu una veloce ricerca, come poi ho dovuto fare io per riproporti i link della dichiarazione Prodiana sulla necessità di cessare lo scontro tra "guelfi e ghibellini" (che c'azzeccano i Giacobini ora?Mah).
    Ne ho trovati due. Spero sazino la tua sete di informazione e ti consiglio, quella pochezza di stima che mi riservi, di riservarla all'indifendibile Prodi.

    L’unità:

    http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=65848

    Repubblica

    http://www.repubblica.it/2007/05/dirette/sezioni/politica/famigliapiazza/famigliapiazza/index.html

    (leggi articolo ore 10:40 in basso)

    La stessa dichiarazione Prodiana è stata ripresa anche dal Manifesto, ma purtroppo bisogna pagare per avere accesso alle edizioni passate e non ne ho alcuna voglia ehehe.

    Non è un caso che abbia fatto una ricerca veloce sulle testate "de sinistra" perchè ovviamente quella dichiarazione è reperibile anche su quella poca stampa che abbiamo in Italia alternativa alla sinistra, ma credo che così facendo, l'attendibilità non venga ulteriormente messa in discussione.
    Ciao e buonaserata.
    Mi raccomando, guardali i link, visto la "fatica" che mi hai fatto fare hehe. ^_^
    Alieno

  22. ermahico

    Grazie Alieno Luca.
    come vedi dagli articoli, Prodi non ha detto "FACCIAMO la divisione e la guerra tra gu' e gia' "
    ma bensì l'ha esorcizzata, dichiarando di volerla evitare a tutti i costi.
    Inoltre dice:
    La modernità del cristianesimo è riuscire a separare Dio da Cesare come dice il Vangelo».
    Vaglielo a spiegare a quella massa di togati con i crocifissoni d'oro che invece dicono:
    "Guai ai politici che non seguono in politica la via della fede" fede che indicano i clericali , ovviamente.
    Lo hai letto l'articolo oltre che postarlo?
    Non sembrerebbe.

  23. utente anonimo

    A volte il fatto che parliamo due lingue diverse è frustrante. Io nei miei post intendevo dire che Prodi con quella frase distrae da altre problematiche, oltre a scantonare dagli impegni presi in campagna elettorale per fare Pacs (e successivamente almeno i Dico).
    Quella di minimizzare fallimenti e tradimenti del Governo verso gli elettori, così come quella di banalizzare gli scontri interni alle forze partitiche al governo, è una prerogativa tipica di politicanti di mestiere (abili da questo punti di vista perchè chiunque altro sarebbe caduto ed invece è ancora lì).
    E politichese (e del nulla) parla.
    Come definisce le accuse e le aspre polemiche interne ai partiti del governo, riguardino la creazione del partito democratico, temi famiglia o qualsiasi altra cosa? Così: "normale dialettica politica".
    AHAHAHA.
    Ma chi vogliamo prendere in giro? Gli elettori incazzati non sono mica solo quelli del centrodestra Er mahico, eh? Altrimenti perchè questa grande caduta di popolarità e consensi? Perchè scioperi, proteste, polemiche e sbandamenti? Perchè dichiarazioni, smentite, aggiustamenti?
    Prodi è un gran furbone che infinocchierà molti per molto tempo, a destra e sinistra caro Er Mahico.
    "normale dialettica"… come si fa..
    Alieno

  24. ermahico

    La Chiesa con la sua ingerenza è un problema.
    Non è colpa del Professore se i superstiziosi che vedono la madonna piangere sono così suscettibili.
    Prodi fa bene a parlare dell'ingerenza, ooviamente in un paese civile non farebbe fragore tra le masse bigotte e mentecatte.
    Se pensi che sia uno specchietto per le allodole sbagli. Poichè quelli che si stracciano le vesti per ogni minima critica al sistema cattolico-mafioso sono gli stessi che nel ventennio fascista firmarono le carte della persecuzione ebraica.
    Gli elettori del centrodx sono comandati da un pulsante dietro la schiena, e hanno 3 commutazioni possibili, tutte comandate dal neoduce nanetto, cioè modalità 1-Allegra , 2-Incazzata, 3-PayTv.
    il qualunquismo della destra non mi tange minimamente , poichè tutto quello che dicono è frutto della mente malata di una macchina di propraganda che chiede solo di lobotomizzarsi davanti la tv e urlare "basta tasse" (cioè fino a che non si riducono a zero).

    i nostri elettori sono critici e otteranno il riispetto dei patti, poichè non sono i popoli a dover temere i governi, ma i governi a dover temere il popolo (V).
    quando la legge30 sarà abrogata con carattere retroattivo (è una promessa di Faustino) inviterò molti amici miei elettori di UDC e forzamafia a cena, ovviamente avvelenandoli.
    Non si sa mai, potrebbero tornare al governo e riproporla al parlamento.
    meglio non rischiare con questa gentaglia.

    nota: se questo è quello che farei a dei miei amici…. chissà che macello coi nemici…
    O_x
    ti ho anticipato la battuta! muahahah

  25. utente anonimo

    jumpinthesky (Tony), mi era sfuggito il tuo post. E' il primo post che leggo a spiegare qualcosa sul perchè da molti è stato definito quel video "spazzatura". Aspetto ancora un po' e poi aggiungo qualcosa.
    Sono d'accordo con il tuo post in ogni caso.
    Alieno

  26. utente anonimo

    Er Mahico, veramente io ho inteso Prodi minimizzare lo scontro tra laici e vaticano o le sue ingerenze. La parola più autorevole contro il papa e la sua ingerenza nelle faccende italiane, a parte i soliti noti naturalmente, è stata quella del Cardinal Martini (in occasione del viaggio pontificale in Brasile mi pare). Prodi ha inteso minimizzare lo scontro ricorrendo al parallelo "guelfi vs ghibellini" per dirci in sostanza: "su, su, fate i bravi, suvvia, non fate casino dai.."
    Ad animare questo intento non è l'atteggiamento di un buon padre di famiglia che attenua i contrasti tra fratelli, bensì la consapevolezza che gran parte del suo elettorato è cattolico e la questione è sconveniente politicamente, perchè lo sottopone ad un ennesima frattura della sua coalizione (fratture che hanno già grattacapi sufficienti per le richieste sociali della sinistra da conciliare con i riformisti e per i malumori conseguenti alla nascita del grande partito democratico).
    Comunque vedremo come andrà a finire, alla fine dovrà pur scegliere chi contentare e chi no, quel Prodi. E siccome si lamentano tanto a sinistra-sinistra che al centrosinistra o centro-centro o cattolici di csx, mi sembra di capire che la partita è ancora aperta.
    Ho riso sull'immagine che hai creato sugli elettori con i pulsanti e le 3 modalità possibili ehehe. Me li sono visti davanti ed ho riso di gusto. E poi in qualche modo ho dovuto parzialmente darti pure ragione.
    C'è una parte dell'elettorato di cdx che è tra il grottesco ed il patetico.
    Pensa che lo stesso Berlusca ha raccontato di essersi trovato davanti a situazioni davvero imbarazzanti, come mamme che lo implorano di toccargli la pancia perchè sono incinte… ma come si fa… ^_^
    E io personalmente ho assistito il 2 Dicembre a episodi tragicomici: ragazzine tra i 14 e 16 anni che urlavano come al concerto di una pop-star: "come sei bellooooooo, sei bellissimo…" e se lo dicevano anche tra loro, sognanti che era proprio bello.
    Ora, io trovo che tutto questo è almeno imbarazzante. Perchè posso assicurare che il Berlusca ha sicuramente delle virtù, ma non quelle di essere bello eheheh.
    Anzi, posso dire che, dal vivo, è davvero basso, non credevo, non si intuisce così tanto in tv. Ed è anche molto più tarchiato, pesante…
    Non che per me l'estetica di un politico abbia una valenza o costituisca un metro di valutazione, ma cavolo, quelle ragazzine o si drogano di brutto o sono veramente fuori come tegole. Ma come si fa ehehe.
    Ciao.
    Alieno
    😉

  27. ermahico

    il vero problema per Prodi è che ha metà delle persone da governare che in testa hanno solo la suoneria polifonica dei sugarfree.
    Ci vuole pazienza , ma si spera per il meglio.
    è difficile fare andare d'accordo tutti.

  28. utente anonimo

    Guarda, molto meglio sugarfree (a dire la verità tiro a casaccio, non li conosco eheh) che l'inno di forzitalia che, posso testimoniare sempre per esperienza diretta al 2 Dicembre, è qualcosa di insopportabile e imbarazzante. Personalmente ogni volta che risuonava dai megafoni mi vergognavo come un ladro.
    Cioè, è veramente brutto in ogni senso! Molto meglio quando suonava (e suonava spesso) l'inno d'Italia che, confesso un mio cruccio, trovo che sia oggettivamente brutto musicalmente, ma davvero.. ed anche le parole, onestamente le trovo anacronistiche, pregne di una retorica di gusto e di un orgoglio risorgimentale che oggi fa un po' sorridere, diciamolo. Però almeno rappresenta qualcosa, volente o nolente, dal punto di vista simbolico, il sacrificio di molti per degli ideali patriottici di un certo rispetto ecc. ecc.
    La tua fiducia in Prodi è talmente disarmante che troveresti qualche smorfia anche parlando con elettori di sinistra. Io continuo che non cerchi affatto di far contenti tutti, ma ragioni in funzione di come possa durare di più e la sua debolezza è anche il suo punto di forza, cioè le spaccature e le divisioni interne. E' per questo che è quasi impossibile e sconveniente per i suoi alleati partitici farlo fuori. Dividi et impera. Senza esagerare, sempre in bilico, per non saltare in aria. Io ho pazienza come te, sperando che si faccia fuori da solo o che in un moto di orgoglio, la sinistra defenestrata e umiliata, lo metta spalle al muro e lasci quelle fottute poltrone e privilegi. Che sia G. Strada o Bertinotti o Diliberto o qualsiasi altro non ha importanza, se non altro la politica si riappropria di una sua dignità, visto che si lamenta una crescente disaffezione, aldilà delle idee. Purtroppo non credo accadrà finchè non ci si è assicurati ogni privilegio possibile, pensione inclusa. E certo non conto su Mastella per fare da grimaldello per far cadere il governo, perchè da bravo Dc anche lui sa che non gli conviene. Qualora decidesse di fare il salto della quaglia, sarà perchè si è reso conto che la convenienza è cambiata o la fine del governo inevitabile, per cui occorre limitare danni ed acquisire più vantaggi possibili (ovvero accettare le offerte del cdx naturalmente).
    Con Prodi la politica c'enta pochino pochino, avrei capito mi parlassi, che so, di Fassino (almeno lui cerca di difenderli i Dico per dire, nel senso che una qualche specie di debito morale verso gli elettori lo sente pare). Ma Prodi non ha un partito, elettori a cui rispondere, è un mezzo-tecnico, mezzo-politico, mezzo-uomodipotere e se la gioca benissimo come, per quanto tutti possano sfotterlo, pochi saprebbero fare. Un mago capace ma del potere, del suo personale, nel creare una sua lobby di uomini chiave (non politici anche se in quota ulivo), nel creare l'equilibrio sul disequilibrio e sulle spaccature del Paese, equilibrio per sè però, il Paese è sempre più diviso. Non è uomo che si occupi, a parte le parole di propaganda che dicono il nulla oppure qualcosa disposto a smentire poco dopo, degli interessi del Paese o degli elettori, è questo che penso io del tuo Prodi. Un uomo capacissimo e consapevole di essere, in questa situazione drammatica, capace di ricattare.
    Ciao.
    Alieno

  29. ermahico

    Ma Prodi non ha un partito, elettori a cui rispondere,

    Sbagli, ci sono state prima le primarie e lil 9 aprile ,gli elettori li ha eccome. sono la metà degli Italiani.
    Non ho mai detto che Prodi sia un bonaccione alla Spadolini. Per fortuna è uno molto arguto, e molto capace.

  30. utente anonimo

    Beh, un punto di intesa l'abbiamo pare. Prodi è uno furbo, capace, arguto, non c'è dubbio, per quanto l'opposizione l'abbia deriso come "mortadellone" ..ma fateci caso, non si sente più dire! Perchè il centro destra, suo malgrado si è sorpreso: nessuno al suo posto si sarebbe potuto permettersi di sbeffeggiare partiti della propria coalizione, di fare gaffe, di essere arrogante, di fare ricatti, di scontentare un po' tutti e di restare in sella. In questo nn si può non riconoscere furbizia, anzi, abilità, sia essendo a sinistra che a destra, dove molti giuravano sulla breve durata di questa Unione disunita e sull'incapacità di Prodi di tenere tutti in riga e di ricattare facendo saltare la mosca al naso ALMENO della sinistra più radicale.
    Grande errore di valutazione del potere di Prodi e supervalutazione del potere partitico e più in generale della politica rispetto ad interessi economico-finanziari e dei rispettivi interessi di personalismo che divide e rende incapaci tutti di essere rappresentati da altri (forse un domani potrà tutt'al più Veltroni).
    Siamo in disaccordo su come e sul perchè quest'abilità e bravura viene utilizzata.
    Ma in un'Italia sempre più divisa, anche all'interno delle coalizioni stesse, non mi si vorrà criticare troppo per questo ehehe.
    Ciao e buona giornata a tutti.
    ^_^
    Alieno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *