Perché certa gente si sposa?

Il web ha tanti poteri. Fra tutti primeggia la possibilità di accedere in tempo reale ad una moltitudine di informazioni. Talvolta non si ha il tempo di metabolizzarle e di riflettere, ed è per questo che, questa mattina, mi fermo e rifletto pubblicamente su alcune notizie trovate in internet. Parto da qui «Milano: nozze in chiesa, boom di annullamenti. Tra i motivi più frequenti non volere figli e non credere all´indissolubilità….». E continuo QUI QUI QUI …

Io mi domando e dico: ma questa gente cosa si sposa a fare? E mi sovviene un dubbio atroce. Il mio sospetto è che l’Etica di Kant sia passata invano per l’Occidente. Comincio a credere che le persone siano diventate solo un "mezzo". Un banalissimo mezzo per realizzare i propri scopi, mentre dovrebbe essere l’inverso! Le persone sono semplici mezzi per creare una famiglia, o per mettere al mondo dei figli che garantiscano una discendenza. Ecco a cosa sono ridotti i ridondanti Valori dell’Occidente. Nel momento in cui la persona non serve più, ecco che la si cestina senza tanti complimenti e, se si trova un motivo valido, persino la Chiesa diventa complice di un disegno vergognoso che antepone un evento formale alla dignità della persona in quanto tale. Ed ecco realizzato il trionfo dell’ipocrisia.

L’Occidente non morirà perché assediato dagli assolutismi "altri". L’Occidente morirà di se stesso e della propria decadenza. Morirà perché oramai difende Valori vuoti, privi di essenza. Difende la forma del matrimonio, ma non la sostanza; difende il simbolo della croce ma non l’identità della stessa. I Valori dell’Occidente sono gusci vuoti che saranno spazzati via alla prima folata di vento.

Il principio etico kantiano, universale ed assoluto, secondo cui "una persona è sempre fine e mai mezzo" ha trovato la sua tomba nell’Occidente, che si ostina a difendere forma e legalità a scapito della sostanza.

AGGIORNAMENTO

A riprova dell’imperante valore attribuito all’apparenza vi sottopongo questa notizia: Australia, Si Chiama ‘Inferno’: Scuola Cattolica Gli Nega l’Iscrizione. In questo specifico caso è lampante come il "nome" sia più importante del "bambino". E’ lampante come ad un simbolo sintattico venga attribuita un’originarietà scandalosa rispetto al valore in sé della "persona".

24 commenti su “Perché certa gente si sposa?

  1. d4rkcloud

    Ti stupisci che i valori occidentali siano basati sulla forma?
    Una volta ci si sposava per sistemarsi.
    Anche adesso, più o meno, ci si sposa per sistemarsi.
    Non si può pagare un affitto o un mutuo da soli e ci si divide le spese.
    Sembra che non sia cambiato niente, dopotutto.

  2. diabolicomarco

    Mi è venuto lo stesso dubbio oggi, anche se partendo dalla fine, dallo scopo. Leggendo la notizia dei bambini che non sono stati ammessi gratis nella valle dei templi ho pensato: non abbiamo più rispetto del nostro passato, nè del nostro futuro.
    una persona è sempre fine e mai mezzo, un'ottima massima. Da tenere presente, sempre.

  3. utente anonimo

    Mmmhhh, beh, può darsi che una decadenza sia in atto.
    Meno tensione etica e fattiva, meno interesse, meno intraprendenza.
    Il crack storico dei matrimoni tradizionali comunque potrebbe essere dovuto al fatto che finalmente è permesso legalmente di rompere un rapporto sbagliato: un tempo la maggior parte delle persone (soprattutto nelle classi alte, ma non solo) si sposavano per questioni economiche (come è in tutto il mondo).
    Chissà quante persone (donne soprattutto) avrebbero rotto volentieri il matrimonio, ma non poterono o non ebbero il coraggio di farlo.
    Per quanto riguarda l'essere umano, anch'io, per dirla col buon Dante, dico che fatti non fummo a vivere come bruti, quindi dovrebbe esistere l'interesse non sono ad avere una discendenza e a produrre ricchezza per non farle soffrire la fame; ma è pur vero che nell'Iliade il possente Ettore prese nella braccia il figlio e implorò gli dèi tra l'altro che egli divenisse più forte e coraggioso di lui.
    Quest'idea esiste ancora adesso e non credo sia segno di decadenza, anzi.

  4. Tisbe

    @d4rkcloud, sì! E sono orgogliosa del fatto che sono capace di stupirmi. Credo che le persone capaci di stupirsi, di fronte a tali abbrutimenti, rappresentino l'ultima speranza…
    @diabolicomarco, sì, ho letto anche io, ma ce ne sono tante altre che spingono a riflettere amaramente
    @MattBeck, non mi pare che il figlio di Ettore abbia avuto un buon destino. Eppoi almeno Omero, lascia intravedere grandi sentimenti, seppur nella patriarcale e maschilista cultura greca. Pensa a Paride. Chi, oggi, sacrificherebbe tutto, per amore? Chi metterebbe la persona, o l'altro, al di sopra di tutto. Chi investirebbe sui propri sentimenti e sul proprio mondo interiore piuttosto che in un contratto? Chi?

  5. utente anonimo

    ……prima di conoscere Anna (moglie, amica, compagna) l'altra metà (per stare in tema di colonna sonora: The dark/lighting side of me) mi sentivo pronto per affrontare la vita senza qualcuno accanto, solo, magari eremita in un rifugio montano, io e la natura.
    Poi nove anni or sono ho conosciuto Lei, il sale e pepe della mia vita, ma anche l'acqua di rosa e la dolce brezza, il freddo ghiaccio ed il caldo ed avvolgente fuoco di passione,
    ….ed ancora gioia, dolore, rabbia, dolcezza.
    Ci siamo uniti in matrimonio sette anni fa,causa tradimento ci stavamo lasciando l'anno dopo.
    NO, abbiamo creduto in Noi, abbiamo continuato la nostra vita insieme, anche con dolore, rabbia, cattiveria (mia per il tradimento subito) e sofferenza, impotenza e sopportazione (sua per averlo fatto).
    Le colpe, se di colpe si può parlare, erano di tutti e due.
    Da una parte io, troppo attento ad altre cose, senza prestare attenzione alla persona più importante, Lei.
    Dall'altra parte Anna, bisognosa di più attenzione da me.
    Ha scelto la strada più dura e diretta per farmelo capire (mi fece trovare il suo diario segreto nel cruscotto della macchina con scritto tutto).
    Poi anni di terapia, prima insieme, poi divisi (ognuno dei due avava problemi da risolvere con se stesso).
    Oggi il mare non è più tempestoso come anni fa, e la vita ci ha dato la gioia immensa di due pargoletti.
    Siamo felici, con i nostri problemi quotidiani (mutuo, lavoro, le bollette ecc.), ma FELICI.

    Un salut di speranza per tutti.

    Stefano

  6. Tisbe

    @Stefano, wau che bella storia. Piena, matura, consapevole ed anche dolorosa.
    Grazie per averla condivisa in questo spazio 🙂

  7. Strayker

    Tombola !… Benvenuti nella casa di fede, speranza e sacrificio, per il ripristino della sostanza assoluta dello Spirito, dell'Amore e della Dedizione, e per la salvaguardia di tutte le forme assolute incarnate nello Stato, nella Chiesa e nella Famiglia… La morale di Tisbe è esattamente la stessa del servilissimo coltivatore della vigna del Signore: il recupero della sostanza per poter vivificare le antiche forme svuotate, così da reintegrarle in tutta la loro potenza generatrice di valori assoluti ed incontrovertibili. Una visione che è diametralmente opposta alla critica relativistica, ed alla disamina severa sull'utilità di certi modelli di realizzazione dell'umano. La dichiarazione confessionale di Stefano, e l'esibizione compiaciuta del suo profondo sacrificio, sono emblematici del clima che si respira nel post: l'individuo deve ritrovare un aggancio di redenzione con quei valori assoluti disciolti dal riflusso nichilistico, deve tornare a radicalizzare la sua identità cattolica e religiosa in genere, ottemperando così nel migliore dei modi ai precetti ed alle istituzioni sacre e statuarie, o anche laiche ed enfaticamente istituzionali corroborate dalla cultura occidentale dei millenni precedenti. Stefano si confessa con fiducia come se si trovasse in un tabernacolo della Legge, esponendo il solito retorico dramma dell'abnegazione, della fiducia e della prostrazione al sacramento. Il solito spettacolino miserevole. Finale: l'Occidente non morirà se saprà ritrovare l'assolutismo dei suoi Valori sacri tradizionali; un assolutismo che Tisbe intende non come manifestazione fanatica (ed in ciò crede di sentirsi progressista), ma come espressione profondamente sentita e performante, spiritualmente incastonata nella sostanza umana: è lo stesso fanatismo che ritorna, che viene assolto da tutti i suoi peccati fondamentalistici perchè è un fanatismo che si è incarnato… Chapeau !

  8. utente anonimo

    …….Strayker, quanto giudizio nel tuo post, sembri tanto quei preti che da dietro il confessionale ti dicevano "Tu peccatore come hai osato?" condito con i gossi paroloni dei testi sacri.
    Ma tu che mi giudichi tanto, che con il tuo bel ditone mi indichi e riduci ciò che dico ad uno spettacolino retorico e miserevole, tu non mi conosci minimamente.
    Da quello che scrivi mi sembra di capire (e vedere) tanta rabbia, delusione e disillusione, per cosa non lo so (lo saprai ben tu).
    Quello che ho voluto condividere in questo post è una storia, la storia mia e della mia compagna, la storia di due persone che stanno insieme e condividono, una storia tra tante altre storie (senza retoriche religiose o che altro).

    A ri-chapeau

    Stefano

  9. Essential

    Marcuse prima di te precognizzava la fine della civiltà occidentale ed è morto da tempo…
    Mi verrebbe da dirti che se Bad Pitt ti considerasse anche solo un pochino lo sposeresti senza farti tante domande.

    Non vedo il mondo in declino solo perchè la gente non si fa troppe domande sul proprio matrimonio.
    Altrimenti i dubbi si moltiplicherebbero e vedrei già tutto finito da un pezzo.
    Chesso': Perchè la gente guarda certa televisione demenziale?
    Perchè la gente porta la maglietta di Fabrizio Corona?
    Perchè dei cretini si stonano e corrono a 200 kmh in autostrada?

    Se hai qualche dubbio sull'imbecillità diffusa toglitelo pure.
    Ma non mettere in ballo i massimi sistemi

  10. calmansi

    offtopicissimo ma non ho il tuo e-mail: congratulazioni sia per il Gran Premio Blogger sia per la proposta di emendamento alla carta di Kilombo .

    Un abbraccio

    Claude

    PS1 per il premio Blogger avrei tagliato "Femminile" ma pazienza, sarà per l'anno prossimo
    PS2 probabilmente le mie congratulazioni per il premio sono molto in ritardo, ma tendo a crearmi una macchia cieca sulle cose che si muovono nelle pagine web.

  11. ermahico

    ….disegno vergognoso che antepone un evento formale alla dignità della persona in quanto tale.

    Parole Sante. 🙂
    ciao Ti 🙂
    Se Brad non ti vuole avrai altre persone meravigliose ,magari meno famose e meno ricche, ma che comunque almeno non hanno il silicone nei polpacci e nei pettorali.

    Saludos a todos.

  12. Tisbe

    @supramonte, fiuuuuuuuu, meno male 😉
    @Strayker, e io avrei scritto tutto quello che dici nel mio post? Se così fosse sarei andata ben oltre le mie intenzioni.
    Ti sbagli, io sono tutto fuorché un'assolutista. Essere contro il formalismo, le regole, il galateo, non vuol dire essere assolutista. E se proprio devo fondare un principio etico lo cerco nell'uomo in sé, anzi, nella vita! Niente di trascendente, niente idoli, niente orizzonte metafisico. E'la dignità di ogni singolo uomo, di ogni particolare, di ogni individuale che innalzo a Valore.
    Quello che vuole dire il post è che un contratto non può avere più valore di un uomo. Quello che vuole dire il mio post è che l'uomo è il fine, mai il mezzo. E chi tratta un altro essere umano come mezzo, dal mio punto di vista, è un essere repellente.
    Sposare una donna solo perché ha un utero che garantirà una discendenza significa mercificare un essere che ha un Valore in quanto tale e non in base al suo utilizzo. L'utero dovrebbe essere un affare secondario rispetto all'originarietà dell'essere umano (donna).

  13. Tisbe

    @Stefano, Trayker fa sempre così, oramai lo consoco bene 😉 e aspetto sempre il suo arrivo quando scrivo cose di questo genere 😉
    @Essential, cioè, fammi capire? Dovrei accettare che i massimi sistemi si fondano sull'ipocrisia?
    @Calmansi, grazie 🙂

  14. Tisbe

    @ermahico, la cosa curiosa che neanche mi piace Brad. Dico che è bello, oggettivamente bello, ma non mi piace… non mi dice niente 😉

  15. utente anonimo

    Brad Pitt ti considerasse anche solo un pochino lo sposeresti senza farti tante domande.

    Personalmente prenderei in considerazione pure la filosofia di "una botta e via" nella fattispecie.
    Perchè spingere la fantasia cosi lontano?
    (cmq pure io se brad pitt mi chiedesse di sposarlo, voglio dire, perchè no?)
    Cloro

  16. Tisbe

    @Giuseppe, ah, il tuo commento è una ventata di freschezza
    @Cara Cloro, non ho mai pensato a Brad come a qualcuno da sbattere contro il muro 😉 Francamente anche "per una botta e via" preferisco ben altro … (giusto per usare una fraseologia tutta maschile)

  17. utente anonimo

    Perchè certa gente si sposa?
    Me lo domando spesso.
    E quando ho motivo di domandarmelo, noto che è per ogni motivo tranne quello che dovrebbe essere.
    C'è anche, tra le altre cose, un modo consumistico imperante di vivere i sentimenti, l'intimità, i valori, l'amore di sicuro, mi pare.
    Ed a volte sembra un po' come "non si può far a meno di possedere l'ultimo modello di" cellulare, di zainetto per la scuola, di auto e Dio sa cos'altro, pare non si possa far a meno di sposarsi.
    Tutta roba firmata, griffata.
    Ecco, a volte mi pare che la gente voglia metter la griffe sull'amore.

    Come dire: non è un amore così, robetta da 4 soldi eh, che quella chissà chi la fa, chissà che tipi sono, non è nemmeno pubblicizzata la loro storia.. questo invece è amore firmato, ci si sposa!! Roba di marca. Roba di qualità e dal design riconosciuto.
    ..
    L'importante è crederci..
    Mah!

    Mi rattrista un po' quest'immagine che a volte ho.
    Soprattutto perchè in fondo, al matrimonio ci credo.
    Ma è un qualcosa che ho personalizzato e idealizzato come tante altre cose, Dio e fede inclusi!

    Alieno

  18. utente anonimo

    Quelle che tu chiami con qualche disprezzo 'forma' e 'legalità' SONO la sostanza di quello che (sempre tu) chiami l'Occidente. Senza la forma non esiste la democrazia, senza la legalità non esiste il diritto, senza tutto ciò gli uomini diventano davvero mezzi e non più fini.
    E' proprio questa grottesca incomprensione di ciò che really matters la radice della malattia, che peraltro non è dell'Occidente, ma solo di una parte di esso: dell'Italia, diciamo- o, meglio ancora, di quelli che la pensano come te.

    KK

  19. Tisbe

    @KK, per esempio, ridurre una donna ad UTERO è la sostanza dell'Occidente (non lo definisco io Occidente – basta un buon vocabolario ;-)?

  20. utente anonimo

    Forse il declino dell'Occidente è inevitabile.
    E questo "segreto" è celato proprio dentro l'etimologia della parola Occidente: dal latino Occidentem, che poi è il participio presente di Obcìdere, ovvero tramontare, composto dalla particella OB (innanzi) e CIDERE (cadere, declinare).

    Alieno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *