Quando il cittadino supera il dirigente

Siamo bravi, tanto bravi a criticare la classe dirigente. Quando lo facciamo spesso abbiamo ragione, per carità, ma noi siamo per davvero cittadini ideali?

Io credo proprio di no! E vi dimostrerò il perché attraverso due foto emblematiche che ci condannano e ci mettono tutti sul banco degli imputati.

rifiuti_rifiutiQuesti che potete osservare nella foto, cari amici blogger, sono i rifiuti che i bravi, buoni, educati, perbene, cittadini avellinesi hanno gettato nel fossato che circonda un lato dell’ex Carcere Borbonico, esattamente quello di fronte al Cinema Partenio. E qui, la responsabilità, oltre ad essere dei cittadini è anche dell’amministrazione comunale che non ha prontamente previsto un piano di immediata bonifica. In questi casi, rispolverando i miei natali teutonici, sarei rigida e, invece di tassare i cittadini con i parcometri, farei pagare multe salatissime a chi si azzardasse a buttare qualsiasi cosa per le strade della città o nella natura. Ovviamente, dovrebbero essere presenti cestini ovunque, mentre, nella realtà, è una ricerca estenuante riuscire a trovarne qualcuno che non sia davanti ad un bar.

vandalismoQuesto, invece, è il risultato di un’azione vandalica operata a Summonte (AV) a pochi passi dalla dimora dell’onorevole Giuditta. Una vera vergogna che dimostra come i cittadini, spesso, non meritino niente altro oltre a quello che hanno. La cosa pubblica è devastata perché manca una cultura che non si fondi esclusivamente sulla proprietà privata. Siamo così maliziosamente e maledettamente attenti a proteggere ciò che ci appartiene, da dimenticare il valore incommensurabile ed assoluto dei beni collettivi. Vergogniamoci di ciò che siamo: incapaci di essere liberi, incapaci di rispettare gli altri, incapaci di altruismo, incapaci di guardare oltre il piccolo e squallido orticello privato che guida ogni azione della nostra insulsa esistenza!

33 commenti su “Quando il cittadino supera il dirigente

  1. utente anonimo

    Lo spazio pubblico è complementare di quello privato. Ma riusciremo mai a capire di essere infinitesimali “proprietari” di una piazza, di un monumento come di una fontana, di un fiume come di una montagna ?

    Manca la coscienza del diritto allo spazio esistenziale come estensione di quello proprio del nostro intimo abitare …

    Amerigo

    PS sigh! perché vuoi azzerare subito la mia nostalgia d’Irpinia qui a Perugia … devi postare subito qualche bella notizia!

    non vorrei abbandonarmi al Sagrantino di Montefalco per cercare l’oblio … io preferisco l’aglianico… il greco 🙂

  2. utente anonimo

    Grazie Tisbe per questo post e, soprattutto, per le immagini.
    E' VERO che i primi maleducati siamo proprio noi cittadini poi sicuramente siamo alla pari dei nostri amministratori che, cosa spiacevole, hanno dimenticato l'importanza della manutenzione di una città (anche piccola e quindi semplice da soddisfare). E' facile trovare finanziamenti per le "grandi opere" ma noi siamo o non siamo una piccola città? Vogliamo trasformarla in una Metropoli come Napoli collegando Avellino, Atripalda e Mercogliano? Se questi sono i presupposti ho paura per quello che accadrà per altri finanziamenti europei (2006/2013). E' ora di tornare con i piedi in terra e capire l'importanza di dover curarare la nostra città ognuno per la sua parte. Gli Amministratori prima di tutti diano il buon esempio!!!!

  3. WebLogin

    "La cosa pubblica è devastata perché manca una cultura che non si fondi esclusivamente sulla proprietà privata."

    Sono completamente d'accordo con il tuo post. Io cerco di non gettare nulla per strada anche in assenza dei cestini per i rifiuti o quando vado in bici, però molti lo fanno perchè mancano i cestini oppure non fanno la raccolta differenziata perchè gli appositi raccoglitori non sono abbastanza presenti nella città. Quindi è una questione di educazione ma anche colpa delle amministrazioni comunali.
    PS: Mi piace questo tuo post-denuncia, a volte vorrei farlo almeno per lo stato delle strade della mia provincia.

    Ciao e buona serata 🙂

    Giuseppe

  4. utente anonimo

    Credo che sia un cane che si morde la coda.
    Classi dirigenti scadenti rappresentano persone spesso altrettanto prive di senso civico e di amore per la "Res publica".
    Mi ostino a pensare, però, che la classe dirigente in Italia sia un po' peggio della popolazione che rappresenta. Per due ragioni.
    La prima, perchè comunque compito delle classi dirigenti è quello di dare il buon esempio. E qui, di buoni esempi…mah
    La seconda, perchè una minoranza (abbastanza robusta) di italiani ha comunque il senso civico (vedi Weblogin, e molti altri). Mentre tra la cosiddetta classe dirigente, di senso civico, se ne vede pochino.

    Per quanto mi riguarda, in ogni caso, una delle massime che mi porto appresso nella vita è questa frase di Kennedy (oh, non sono Veltroni in incognito! ;-):
    "Non chiederti quello che il tuo paese può fare per te, ma quello che tu puoi fare per il tuo paese".
    So di essere in minoranza, ma spero e credo comunque di essere anche in buona compagnia 😉
    Un sorriso civico
    Mister X di Comicomix

  5. utente anonimo

    Brava Ti.
    anche tu hai un animo EcoStoricomapatibile con me.
    Manchiamo di senso ciuvico.
    Aggiungo macchine parcheggiate sui marciapiedi in corso umberto per comperare i dolci.

    e chi è sto fernendo 😉

  6. Tisbe

    @AREM, forse sono un po' sordi, che dici?
    @hirpus, ce l'ho sempre avuto, anche quando ero bambina e vagando per i boschi scoprivo i "valloni" dell'Irpinia ingiuriati dai rifiuti umani…
    @Mister X di Comicomix, beh, certo, loro dovrebbero dare il buon esempio… invece…
    @Giuseppe, e fallo questo post corredato di foto: lo aspettiamo!
    @consumatori, vorrebbero stupirci con effetti speciali… e nel farlo dimenticano l'ESSENZIALE 😉
    @Amerigo, continua ad avere nostalgia, non della classe dirigente ma della nostra bellissima e magica terra… piena di misteri che l'uomo non potrà mai distruggere 🙂

  7. WebLogin

    @Tisbe, vedi che ho sbagliato ad aprire un blog tecnico? ;-D
    Post-denuncia mi piacerebbe scriverli e ci sto pensando… Sarebbe bello vedere più post di questo tipo nella blogosfera, ognuno nel suo piccolo potrebbe contribuire a cambiare un po' le cose.

    PS: Questo tuo post e la tua richiesta 😉 sono una forte tentazione…

    Ciao mitica, buona settimana 🙂

    Giuseppe

  8. utente anonimo

    Un serpente che si morde la coda…
    gli amministratori vengono scelti tra i cittadini e se non sono bravi cittadini non potranno essere bravi amministratori.
    Per le due foto:
    la prima: all'anima dei cestini!
    la seconda: difficile comprendere che pubblico vuol dire di tutti e non di nessuno

  9. stix77

    anni fa sono andato a monaco di baviera, non vedevo molta polizia in giro ma ho notato che nessun palazzo era affetto da scritte e graffiti (sia ben chiaro, a me i graffiti fanno impazzire, sono meglio delle opere d'arte, ma nei luoghi e nei contesti giusti, mentre sono contrario al semplice imbrattamento con la firma e lo scarabocchio dei muri) e uno di milano come me lo nota subito (venite a farvi un giro per capire cosa intendo, se trovate un palazzo senza scarabocchi vi do 100 euri). è proprio vero che come senso civico in italia siamo indietro di anni luce rispetto ad altri stati!

  10. hneeta

    C'è di che vergognarsi..purtroppo li abbiamo di fronte in ogni angolo, lo trovo anche molto stupido, un gesto anzi peggio, patologico, come si può non rendersi conto che il mondo dove viviamo va oltre le mura dei nostri salotti e dei nostri giardini ben curati..
    sono gesti irrazionali che non comprendo..ma mi vergogno.

    A te, un saluto bello.

    Cris

  11. utente anonimo

    Premessa: a causa di moderatori maleducati, questo commento viene salvato prima

    dell'invio. Nel caso sparisse, verrà data maggiore evidenza ad esso su altro sito web.

    1) Il qualunquismo del potere
    In tutte le ere il ruolo principale dell'intellettuale è stato quello di servire il

    potere. Gli intellettuali sono geneticamente condizionati ad agire in questo modo.

    (Parlo della genesi dell'intellettuale, non della genetica come disciplina).

    2) In questo senso l'articolo difende il potere amplificando la maleducazione della

    gente comune. E' un argomento trito e ritrito, ma funziona sempre. L'analogo

    calcistico è il dare sempre la colpa al portiere.

    3) In un mondo etico al potere corrispondono responsabilità, e tali responsabilità

    sono tanto più grandi quanto maggiore è il potere. Nella saggezza popolare ciò è

    espresso in modo rozzo dal detto "piove, governo ladro".

    4) Sugli arricchimenti della classe politica provocati ad arte dal business dei

    rifiuti credo si possa trovare molto in Gomorra di Saviano.

    5) Comunque il succo del metodo è sempre quello: creare una situazione di emergenza in

    base alla quale si possa invocare la necessità di un commissario straordinario sciolto

    da ogni regola. In molte varianti questo è il metodo del potere politico italiano.

    6) Fornendo qualche numero, dice Beppe Grillo che il 10% dei parlamentari è condannato

    o inquisito per reati penali. Le percentuali tra la gente comune sono infinitamente

    minori.
    Il pesce puzza sempre dalla testa.

    con disgusto

    Truman Burbank

  12. utente anonimo

    Cara Tisbe, hai perfettamente ragione.
    Hai citato Avellino, ma credo che sia tutto il sud Italia ad essere così incivile. L'anno scorso, di questa stagione, feci anch'io un post dedicato all'argomento.
    un caro saluto,
    claudio

  13. WebLogin

    @Truman Burbank,

    "Premessa: a causa di moderatori maleducati, questo commento viene salvato prima
    dell'invio. Nel caso sparisse, verrà data maggiore evidenza ad esso su altro sito web."

    Trovo almeno molto strana la premessa e mi auguro che sia frutto di un generico copiaincolla, perchè non è certo il caso di Tisbe.

    "2) In questo senso l'articolo difende il potere amplificando la maleducazione della
    gente comune. E' un argomento trito e ritrito, ma funziona sempre. L'analogo
    calcistico è il dare sempre la colpa al portiere."

    Intendi questo post? O_O

    con disgusto? Mah…

    @Tisbe, buona giornata 🙂

    Giuseppe

  14. Tisbe

    @Truman, le minacce non mi fanno né caldo, né freddo: io non ho paura! Ad ogni modo, non devo aggiungere nulla da quanto da te scritto: il tuo commento si commenta da solo.
    Provo pena per le persone incivili siano esse semplici cittadini o dirigenti
    @Giuseppe, buona giornata anche a te
    @sevensisters, è un'idea però potremo provare a cambiare 😉
    @ Luposordo2, non c'è un briciolo di rispetto per il mondo e i piromani non hanno scuse…
    @ Cris, il mondo dove viviamo va oltre le mura dei nostri salotti e dei nostri giardini ben curati GRANDE
    @Rhadamanth, grazie
    @Franca, se non sappiamo buttare i rifiuti nei cestini figurarsi che possibilità abbiamo di scegliere bene la classe dirigente
    @stix77, già, però i graffiti piacciono tanto anche a me 😉
    @finazio, 🙂

  15. utente anonimo

    Mah…io trovo che un fondo di verità ce l'hanno tutti i commenti che ho letto finora.
    C'è chi denuncia, chi ci gioca sulla denuncia, chi approva incodizionatamente per un puro spirito di lecchianggio virtuale, c'è chi critica la denuncia e chi come me denuncia e critica sia la denuncia che la critica. Insomma abbiamo ragione tutti non vi pare?

    AREM

  16. utente anonimo

    stranamente, dico stranamente, qua si parla di responsabilità senza citare il '68 , cioè la grande deresponsabilzzazione nazionale…
    fate attenzione.
    costringendo a tenere le strade pulite, ci si prepara a ripulirle dall'immondizia umana, vedi criminalità autoctona e immigrata.
    è proprio questo che volete?
    eurotecnica

  17. Tisbe

    @Arem, lecchinaggio? a chi? a una come me che non è nessuno e non conta nulla?
    @eurotecnica, risponderti è uno spreco di energie. I miei neurono si rifiutano di farlo. Mi hanno appena detto che preferiscono comunicare con le falene: le trovano più spiritose 😉
    @pensatoio, attento, rischi di passare per lecchino di Tisbe 😉

  18. utente anonimo

    la cosa molto umoristica è che se pensate questo di voi stessi, come fate a non approvare quello che dice la lega lombarda?
    loro non dicono cose peggiori…
    eurotecnica

  19. Tisbe

    @eurotecnica, voi chi?

    per caso mi stai affibbiando il plurale maestatis? Grazie 🙂

    la prossima volta mando qualcuno a buttare le immondizie nel salottino di casa tua senza dimenticare di sfasciare qualcosa
    forse questo sarebbe un linguaggio consono a chi non vuole intendere e rema contro per il solo gusto di sembrare originale

    Le persone originali non hanno bisogno di questi mezzucci da strapazo per mostrare la propria unicità

  20. utente anonimo

    lungi da me darti qualche tipo di autorità. voi per dire te e quelli che ti danno ragione.
    la cose che mi fanno ridere del discorso sono molte.
    ma non perdo tempo a elencarle, semplicemente perchè non riusciresti a rispondere e le taglieresti come hai sempre fatto.
    eurotecnica

  21. Tisbe

    @eurotecnica, ah, meno male mi sento sollevata 😉
    diventare autorevole per una persona che non ritengo degna della mia attenzione sarebbe un grosso problema per me
    beh, sempre meglio strappare un sorriso piuttosto che far scorrere fiumi di lacrime, no?

  22. utente anonimo

    Lavorando sull'immaginario.
    La mentalità femminile è più adeguata a capire quello che è il punto di vista prevalente nel gruppo sociale di appartenenza. Credo sia un fatto costituzionale. Per questo le donne riescono ad intepretare meglio le linee di tendenza del potere.

    Nella situazione attuale in cui i partiti che una volta rappresentavano le masse di sinistra hanno deciso di tradire definitivamente la propria base, mentre incalzano le proteste contro la casta politica, il ministero ombra della cultura popolare ha deciso quale deve essere il tormentone della campagna per il pd.

    In varie forme esso è sempre: "Questa casta politica non è gran che, ma essa rispecchia un popolo incivile come quello italiano. Se non ci fossero le elite, questi sporcaccioni che insozzano le strade sarebbero nei posti di comando e farebbero sfaceli. Date fiducia alla casta, perchè bisogna scegliere il male minore".

    Bisogna aggiungere l'amore per il potere. La sindrome di Stoccolma non è un caso particolare, ma la normalità nelle situazioni di prigionia (http://it.wikipedia.org/wiki/Sindrome_di_Stoccolma) chi è prigioniero del potere tende a giustificarlo.

    Un filosofo diceva più o meno: "Tendiamo a giustificare gli insulti ricevuti che non riusciamo a vendicare".

    E' così che chi ha sensibilità riesce a capire cosa si vuole dall'alto ed a ripetere con le proprie parole il tormentone dell'autunno, la giustificazione della casta contro il popolo suddito, la razionalizzazione che il popolo bove ha sempre ciò che si merita.

    Come giustamente notava un altro blogger, sono pronti i tormentoni successivi:
    1) Addosso allo zingaro
    2) Dagli addosso al marocchino.

    … e così via.

  23. Tisbe

    @comedonchisciotte, certo i rifiuti assomigliano molto ai lavavetri… forse abbiamo perso la capacità di discriminare.
    A me pareva che fosse un dato acquisito distinguere gli oggetti dalle persone.

  24. omselvarec

    dal blog di beppe grillo….
    Artur Lleshi, albanese, condanna per dieci anni per tentato omicidio, uscito grazie all’indulto, espulso, ma solo sulla carta, dall’Italia.
    Naim Stafa, albanese, precedenti per rapina, droga, armi, soggetto indesiderato sul territorio di Schengen.
    Clemente Mastella, italiano, ministro di Grazia e Giustizia, responsabile dell’indulto.

    L’indulto gli italiani non lo volevano. E’ servito a evitare il carcere a chi, spesso molto vicino ai partiti, aveva commesso reati contro la pubblica amministrazione, reati finanziari, reati societari, reati fiscali. Il resto sono balle.
    Mastella è stato messo lì per questo. E’ un inciucione bipartisan. Garantisce tutti, tranne i cittadini.
    Gli effetti dell’indulto si sono visti in questi mesi. Adesso un Governo di impuniti, senza fare ammenda, senza alcuna autocritica, ci dice che vuole impedire le scarcerazioni facili. Che vuole combattere la microcriminalità.

    Il procuratore della Repubblica di Treviso Antonio Fojadelli ha detto: “Certo, se l’indulto non fosse stato fino a tre anni e se non avesse compreso anche reati come omicidio e rapina…”. E ha aggiunto: “Io stesso se mi guardo intorno, lo Stato non lo vedo”.
    Il primo gesto che dovrebbe fare il Consiglio dei ministri è di sfiduciare Clemente Mastella. La popolarità del Governo sarebbe enorme.
    Io metto a disposizione dei familiari dei coniugi uccisi a Gorgo al Monticano i miei legali per fare causa al ministero della Giustizia. Ognuno in questo Paese deve cominciare a prendersi le sue responsabilità, a partire dai nostri dipendenti. (I dipendenti sono i politicanti.)

  25. bloggerman

    Ho trascorso alcuni giorni in Calabria in una paese scalea … frequentato da napoletani durante le vacanze .. Ho visto di tutto per cio' che riguarda i rifiuti .. cassonetti sventrati del coperchio per gettare la spazzatura dalle auto … cassonetti vuoti con ammassati fuori sacchetti della spazzatura … insomma prima di lamentarsi di chi ci governa sarebbe necessario comportarsi correttamente e civilmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *