Un po’ di ironia sugli stranieri

Gli stranieri italiani decidono in gruppo di abbandonare l’Italia. Preoccupati i militanti di F.N. li supplicano di rimanere: «Per favore restate in Italia, dove li andiamo a trovare dei nemici "migliori" di voi!». Ma gli stranieri sono irremovibili e lasciano il paese tra lo sgomento collettivo perché oramai non si sa più a chi attribuire crimini e misfatti.

Un italiano coraggioso, con ancora il tricolore stampato sul viso, insiste e chiede del perché di questo esodo massiccio, e così un Rom gli risponde: «Oggi non conviene più essere straniero in Italia». Allibito l’italiano insiste: «Ma perché?». «Sai, – gli risponde serio il Rom – se sei straniero in Italia ti aumentano la pena… conviene andare in Germania perché te la diminuiscono. Meglio, molto meglio per noi il razzismo tedesco. Conviene di più».

Il militante di F.N., avvolto nel tricolore sbiadito, se ne torna a casa a sfogliare l’album di figurine per rispolverare nostalgicamente qualche vecchio "nemico".

16 commenti su “Un po’ di ironia sugli stranieri

  1. straygor

    Ad avvalorare la tua tesi:

    (ansa)
    Il pm minorile ha chiesto la convalida del fermo per il 17enne accusato di aver ucciso il piccolo Renzo a Bormio. Richiesta anche la convalida della misura cautelare in carcere o di permanenza in casa del minore accusato di
    omicidio volontario e omissione di soccorso per la morte del bimbo, travolto e ucciso da una moto sulla pista ciclabile.

    Mentre per il rom del precedente post è stata chiesto (ed inflitta la pena) l'omicidio colposo.

    🙂 menomale che chiedevi se era Italiano cosa succedeva.. ecco se non fosse minorenne dai 15 anni all'ergastolo! Una diferenza non male sui 6anni e mezzo inflitti ad un Rom in un paese di razzisti xenofobi!

  2. Tisbe

    @straygor, conosco un caso analogo, e ti assicuro che non si è fatto nemmeno un giorno di carcere, solo qualche mese di lavori socialmente utili, ma questo non vuol dire che io non sia d'accordo

  3. Masaghepensu

    Per capire quanto noi italiani si sia ingiusti bisognerebbe provare a essere Stranieri in Terra straniera. Ciò che succede nel Bel Paese non è giustificabile in nessun modo. Ciao Tisbe, un abbraccione da…………..
    Masaghepensu
    (Ma se ci penso)

  4. hneeta

    Eh, già chi meglio di loro può servire da capro espiatorio, ce ne vuole sempre uno su cui dirottare lo sdegno e lo sguardo da ben altre "cose".

    Buon fine settimana.

    Cri

  5. utente anonimo

    La tua ironia mi piace proprio perché affronta –in maniera a volte agghiacciante e per questo efficace- i casi e le situazioni che esamini. Meno d’accordo con alcuni commenti. Il fatto dell’irrogazione della pena, almeno ancora nella maggior parte dei nostri tribunali, non attiene alla nazionalità, ma alla norma. Terribile è invece la risonanza mediatica per fatti commessi da stranieri (ma si sa che terrorizzando si è dominanti); ignobile invece la proposta del dottor (NON)Sottile di dare a sindaci e prefetti poteri che pensavamo morti quel 25 aprile del 1944. Vincenzo

  6. Tisbe

    @straygor, pare che abbiano festeggiato in occasione della liberazione. Una scelta macabra e infelice considerando il dolore dei genitori del piccolo
    Tengo a precisare che io non sono forcaiola, né con gli italiani, né con gli stranieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *