Ancora oggi in Irpinia le donne mestruate sono considerate immonde

Sono stata folgorata sulla strada di Damasco da uno splendido post di Artemisia. Avrei voluto parlarne, ma non ho mai avuto il coraggio.
Artemisia scrive così:

[Immondizia] Da oggi comincerò a pubblicare tutte le nefandezze maschiliste contenute in un certo libro caro a Ruini. Cominciamo con il parlare di mestruazioni. Lv 15, 1-18

Artemisia ha postato il post su OkNotizie titolandolo a ragione: Secondo la Bibbia le mestruazioni sono immonde. Ne è scaturito un lungo dibattito dove la cecità maschile ancora tenta di giustificare le idiozie contenute nella Bibbia.
Mi ha colpito, tra gli altri, il commento di Mstatus:
Non è passato per la testa a nessuno che la Bibbia (in questo caso il VT) era solo il codice civile, penale e sanitario dell’epoca? E che quindi nelle condizioni sanitarie dell’epoca immondo assumeva probabilmente un altro senso (non so se usavano già il Tampax)? Oppure pensate che tutta la storia di Onan (figlio di Giuda) che sposò Tamar, ad esempio, fosse qualcosa di diverso da una questione di puri interessi ereditari nel tentativo di aggirare la legge sul Levirato? A proposito all’epoca lo stato era di fatto governato dalla religione…

Ad esempio perchè un Mussulmano non può mangiare carne di porco?

Un caro saluto!
Potrei essere d’accordo con lui, ma non lo sono perché anche se le condizioni sanitarie sono cambiate, con esse non è cambiato l’atteggiamento misogino della Chiesa che ama perseguitare le donne ed influenza negativamente gli atteggiamenti sociali verso di loro.
A tal proposito porto ad esempio la condizione femminile nella mia Irpinia. Nel terso millennio, nelle zone rurali dell’Irpinia, le donne mestruate sono considerate IMMONDE. Infatti è proibito loro di fare il passato di pomodoro da conservare per tutto l’anno perché altrimenti andrebbe tutto a male. Alle donne irpine mestruate è anche proibito di preparare gli insaccati, perché anche questi andrebbero a male. Addirittura la donna mestruata non può annaffiare i fiori e le piante perché seccherebbero… devo continuare?
Siamo nel terzo millennio, le scuse igieniche non reggono più, allora perché questi retaggi resistono ancora nella cultura popolare? Quanto peso ha avuto la Chiesa con la sua Bibbia nella discriminazione di genere.
Ma davvero i cattolici sono così migliori dei talebani?
Forse i cattolici hanno smesso di lapidare le loro donne (grazie all’illuminismo) ma non hanno smesso di dare della "puttana" a chiunque non si comporti secondo i comandamenti di Santa Romana Chiesa.

14 commenti su “Ancora oggi in Irpinia le donne mestruate sono considerate immonde

  1. FataAlchechengi

    Bellissimo il tuo blog e molto interessante questo post.

    In parte il commentatore che citi ha ragione, molto di quanto contenuto nei teati sacri delle varie religioni rivelate non era che un precetto igienico-sanitario… Peccato che poi le sfere ecclesiastiche delle medesime religioni li abbiano ritorti per migliaia di anni contro le donne per sotometterle in ogni modo possibile!!!

  2. Lisa72

    Un 'amica oggi mi scritto su messanger che "donna tu partorirai con dolore" forse per le donne implica molte altre cose negative… e forse ha ragione lei!
    un abbraccio, Lisa

  3. mstatus

    Come ho scritto nel commento la parte riportata dalla Bibbia nel post aveva un senso se parametrata alle condizioni di vita dell'epoca! Poi che la Chiesa di Roma, ed altri abbiamo strumentalizzato una norma sanitaria è altra cosa e come ha scritto qualcuno in un commento più su è cosa immonda.
    Del resto il mio commento su OKNo è stato approvato anche dai cattolici, anche se ho indicato un approccio diverso dal loro per le sacre scritture…
    Per quanto riguarda l'Irpinia, o altri posti (è trasversale tale pensiero…) e le cose da te indicate, più che altro sarebbe necessario sottoporre ad un corso di aggiornamento chi pratica tali comportamenti legati alla superstizione popolare…dato che oggi le condizioni igieniche e sanitarie sono molto diverse…per cui le cose che un tempo potevano avere un senso ora insomma risultano anacronistiche…
    Non va dimenticato che una buona parte degli aderenti alla Associazione Religiosa Cattolica denominata Chiesa di Roma lo è per tradizione, comodità, superstizione e facciata, piuttosto che per convinzione, per cui tende ad usare le scritture a proprio uso e consumo nel misero tentativo di offuscare le menti alle masse…
    Un altro esempio di uso e consumo maschile è il Malleus Maleficarum predisposto dai Domenicani, sorvolo e riporto un piccolo fatto, ad esempio se un marito voleva liberarsi della moglie era sufficinte che si recasse dall'inquisitore e riferisse di aver visto la propria moglie copulare con qualcuno che sembrava ad un primo tempo un uomo, ma che all'atto di acchiapparlo spariva (certo quello scappava pe rnon buscarle dal marito) e che quindi era di fatto un Incubo ovvero una creatura satanica…in tal caso la moglie veniva processata per aver copulato col demonio, ed il marito poteva liberarsi comodamente e soprattutto legalmente di lei…

    Un caro saluto!

  4. Crocco1830

    Sapete dal punto di vista religioso cosa più mi fa pensare? L'attribuzione alla donna delle cause del peccato originale. E' la donna che ha colto la mela, l'uomo si è fatto "solo" indurre in tentazione.

  5. Tisbe

    @filomeno, probabilmente non ti è mai stato detto perché non sei donna, non dovevano tenerti lontana dalle cose che avresti potuto danneggiare 😉
    Chiedi a tua madre, ma esattamente quello che ho scritto io…

  6. WebLogin

    Non conoscevo queste "tradizioni" ma cmq anche la questione sull'aborto è un chiaro esempio di come la Chiesa non rispetti la donna. Molto interessante il tuo post: il post di Artemisia, la tua risposta e anche il commento che hai riportato.

    Ciao mitica, un caro abbraccio rosso 🙂

    Giuseppe

  7. utente anonimo

    la legge ebraica considerava il flusso mestruale "impuro" non immondo. questo per ragioni di igiene ma anche perche' comunque si vieniva a contatto con il sangue. gli ebrei erano molto accurati sulla pulizia personale in quanto l'antico testamento ne dava nozioni molto dettagliate .dopo il 1800,in europa,negli ospedali costatarono che lavandosi, le mani, molto spesso diminuivano le infezioni.l'ordine divino era perfetto. poi come sempre l'uomo soverchia tutto,e ne esce un profilo come da te descritto ! e che sinceramente è roba da matti! w le donne…senza di noi il mondo si sarebbe fermato con adamo….ciao

  8. antares666

    Non sono affatto convinto che le tradizioni irpine di cui parli abbiano origine nella Chiesa di Roma. Con ogni probabilità sono invece da considerarsi relitti del precedente paganesimo italico. Tra i Kalash del Kafiristan, che sono ancora politeisti, vigono costumi identici: la donna mestruata non può pestare l'uva per produrre il vino e non può manipolare alimenti.
    In ogni caso non si può estendere all'intero Occidente la situazione dell'Irpinia. Sarebbe come dire che la Samogizia era rappresentativa dell'Europa del XVI secolo.
    L'orrore per il mestruo accomuna moltissime culture di tutto il globo terracqueo. Presso i Lakota, la donna mestruata non può partecipare alle cerimonie religiose perché il suo odore offenderebbe il Grande Spirito. Forse non lo sai, ma uno dei mezzi più convincenti usati a Guantanamo per far parlare i prigionieri è stata la minaccia di inzuppare la loro faccia nel mestruo.
    Checché tu ne dica, l'attuale Europa è di certo il luogo più tollerante, basti pensare al Principe Carlo e al suo desiderio di affogare in un tampax di Camilla.
    Un caro saluto

  9. utente anonimo

    Sto sbirciando il tuo bellissimo blog mentre ascolto la tua musica 😉

    Avevo letto questo tuo post qualche giorno fa… mi sembra difficile da credere che succedano queste cose, ma da poco <a rel="nofollow" href="http://oknotizie.alice.it/go.php?us=118018f186a6c9fa&quot; rel="nofollow">ho letto che in Inghilterra l'ultima condanna per stregoneria risale al 1944 o_O E poi noi abbiamo una proposta di Moratoria che se non ci definisce streghe ci definisce assassine 🙁

    Ciao. Giusy

  10. Tisbe

    @Antares, io non metto in dubbio che altrove le donne se la passino peggio, ma questa non è un ascusa valida per chi si vanta di esportare DIRITTI 😉
    Riguardo l'origine delle idiozie irpini non saprei, ma di certo il cattolicesimo è molto imbevuto di magia nera: molti chiedono le grazie alla madonna che poi sarebbe fare del amle agli altri… con una sorta di rito magico

  11. Tisbe

    @Giusy, anche gli istituti Magdalene sono piuttosto recenti… le credenze fanno molti danni, bisogna liberarsene.
    Grazie per i complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *