Dopo voto, se l’Italia è un paese invivibile, l’Irpinia ancora peggio

E’ in questi momenti che sono arrabbiata maggiormente con mia madre. Sono nata in Germania, ci sono vissuta per un po’ ma ho frequentato scuole italiane. A causa di mia madre che voleva a tutti i costi tornare nella matrigna terra irpina per me si sono aperte le porte dell’insoddisfazione, della sofferenza, e del dolore continuo. In questi momenti il dolore diventa più acuto. E invidio chi è riuscito ad uscire dall’Irpinia prima e dall’Italia dopo… In momenti come questo vorrei vivere altrove ed avere lo stesso distacco che ha mio fratello: io non ci vivo in Italia! Se mia madre non ci avesse trascinato qui, in questo inferno di miseria, sono certa che sarei stata una donna molto più serena e soddisfatta.
L’Irpinia è anomala da vergognarsi. Basta guardare ad alcuni risultati che sono davvero raccapriccianti. Ad Avellino l’Udc è al 15%… bigotti e cattolici, vanno a messa per chiedere a dio la grazia di fulminare il loro vicino di casa o perché sua moglie sia più racchia!
Ad Ariano Irpino il Pdl supera il 50%! Ed è proprio qui che io mi preparo a farmi delle grasse risate. Sono convinti che il governo leghista li liberi per sempre dai rifiuti, ma se ne accorgeranno fra poco, quando la polizia protetta dalla destra, notoriamente schierata con le forze dell’ordine, non sarà più impensierita dalle critiche della sinistra e caricherà senza pietà alle proteste dei poveri illusi. Voglio vederli gli arianesi berlusconiani se avranno più la forza di pubblicare i video su you tube per screditare il governo… Li aspetto al varco gli arianesi di destra e sono pronta a farmi delle grasse risate.
L’Irpinia è una terra che non mi merità. Sì, sono volutamente poco modesta, ma non ho nulla da spartire con chi prega dio per nuocere al prossimo e con chi vota per un signore che vorrebbe fare la perizia psichiatrica ai giudici, risolvere il precariato con i matrimoni d’interesse ed imbracciare i fucili…
Gli italiani in generale e gli irpini in particolare devono essersi bevuto il cervello…

Io non mi sento rappresentata da nessuno in Parlamento. Questa la chiamate democrazia? Qui non si tratta di vincere o perdere la carica GOVERNATIVA, qui c’è qualcosa di pericoloso e fortemente antidemocratico: una buona fetta di italiani non è rappresentata in Parlamento, è una vergogna per un paese democratico… una vergogna senza precedenti!
Sono sconcertata da questi risultati che trovo davvero rivoltanti.
Al danno, per noi, si unita la beffa, non solo ci siamo sacrificati, ma il nostro sacrificio non è servito a nulla. Già, perché gli italiani preferiscono eleggere chi spara più cavolate al giorno.

11 commenti su “Dopo voto, se l’Italia è un paese invivibile, l’Irpinia ancora peggio

  1. Guinness

    Il sistema maggioritario già di per sé prevede che una grande fetta di cittadini non venga rappresentata in Parlamento. Il sistema italiano ha portato all'eccesso questa situazione.

    La campagna per il voto "utile-a-loro" dei due Veltrusconi ha convinto i meno attenti tra i cittadini che votare secondo coscienza era un errore e che bisognava invece votare solo chi era certo di andare in Parlamento.

    Il risultato? Il Pd ha conquistato più o meno un punto percentuale. La Sinistra italiana non è in Parlamento. E pure gli estremisti sono a casa. Complimenti a Wa(l)ter Veltroni.

  2. Neo75

    Quello che sconvolge ancora di più è la mancanza di autocritica di certe persone.
    Sentire che questo risultato è "colpa" della S.A. o dei "compagni che sbagliano" (tradotto, "quelli che non hanno votato PD"…cazzo, una volta la frase era diretta alle BR) mi preoccupa più di tutto il resto.

    Come diceva qualcuno, non comprendere le ragioni di una sconfitta è peggio della sconfitta stessa.

    Baci

  3. utente anonimo

    Credo che la tua chiusa sia significativa ma ti sfugga la più naturale considerazione. Scrivi: "Già, perché gli italiani preferiscono eleggere …"
    Se preferiscono eleggere e possono farlo liberamente – e pare che liberamente l'han fatto in molti – direi che la democrazia non è in pericolo e certi allarmismi forse non son così giustificati. Siccome poi lo stesso Veltroni dice qualcosa di simile, gli italiani che così la pensano pare che siano davvero tanti tanti. E liberi. In democrazia tutto sommato. C'è di peggio.
    Alieno

  4. Tisbe

    @alieno, hai una visione troppo canonica e limitata della libertà.
    Dubito che gli elettori siano persone veramanete e profondamente libere… ne dubito fortemente e questo non lo passo!

  5. utente anonimo

    non ti sta bene star qua?
    stare con questi schifosi italiani?
    emigra mia cara.
    nessuno ti trattiene.
    caposkaw

  6. utente anonimo

    " sono certa che sarei stata "
    conta solo quello che sei , bisogna vivere il tempo che ci è stato dato,
    good nite and good luck ( mi viene in mente il film dell'ultimo divo di hollywood che la signora Maiolo ci assicura passato armi e baglia alla casa delle liberta' )
    povera signora Maiolo ogni mattina doversi vedere allo specchio . . . .
    buona fortuna
    Rocco_s_Simone

  7. filomenoviscido

    urka!!

    una donna (tua madre) è passata dalla rozza irpinia di qualche decennio fa alla Germania ed è ritornata ?

    masochista tua madre(detto sempre con molto rispetto Tis)

    ciao 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *