Non può essere straniero

Se il tuo Cristo è ebreo,
se la tua democrazia è greca,
se la tua scrittura è latina,
se i tuoi numeri sono arabi,
se la tua auto è giapponese,
se il tuo caffé è brasiliano,
se la tua maglietta è cinese,
se le tue vacanze sono slave.
Cittadino del mondo,
non rimproverare al tuo vicino
di essere straniero.

11 commenti su “Non può essere straniero

  1. Artemisia3000

    ma tu guarda, ho appena scritto un post sul lupo cattivo…straniero.

    grazie per il tuo commento! Mi sento meglio ma la sensazione di essere una extraterrestre ormai è sempre più radicata in me, ma pazienza.
    Bacio!

  2. Tisbe

    @artemisia, è un argomento che mi preoccupa molto. Ho paura di dover assistere a scenari estremi

    @vistodalsud, purtroppo non so chi sia l’autore. L’ho tyrovata casualmente su una rivista ed è stato COLPO DI FULMINE

  3. WebLogin

    Molto bella, purtroppo l’uomo ancora non ha capito che siamo tutti cittadini del Mondo.

    “[…] Spero che ti unirai anche tu un giorno e che il mondo sarà come uno solo… […]” (Imagine, John Lennon)

    PS: Ho fatto una ricerca sulla citazione che hai riportato e alcuni dicono che è una “citazione tratta da un graffito su un muro della metropolitana di Berlino”, mentre altri dicono che è di Swami Roberto (il vero nome è Roberto Casarin ed è il fondatore di un nuovo movimento religioso che prende il nome di “Anima Universale”). Nell’incertezza delle due versioni preferisco la prima ;-P

    Ciao carissima, Buon 1 Maggio! :-*

    Giuseppe

  4. Guinness

    La versione berlinese, originaria, è un po' diversa nella forma. Non vi sono i vari "se" ad inizio frase, ed al posto degli ultimi tre versi – manca anche quello sulle vacanze slave – ce n'è uno solo:
    "solo il tuo vicino è straniero".

  5. Tisbe

    @franca, d’accordo al 100%

    @filomenoviscido, molto, ma purtroppo ignorata!

    @Giuseppe, anche io preferisco Berlino

    @Guinnes, grazie per le delucidazioni 😉

  6. Saamaya

    bellissima!

    hai presente il banner di RadioPopolare che dice NEL MIO PAESE NESSUNO è STRANIERO

    😀

    C'è poi una filastrocca per l'educazione nell'infanzia che mi piace spesso ricordare, te la copio qua:

    Uomo di colore

    Io, uomo nero, quando sono nato ero Nero

    Tu, uomo bianco, quando sei nato, eri Rosa

    Io, ora che sono cresciuto, sono sempre Nero

    Tu , ora che sei cresciuto sei Bianco

    Io, quando prendo il sole sono Nero

    Tu, quando prendi il sole sei Rosso

    Io, quando ho freddo sono Nero

    Tu, quando hai freddo sei Blù

    Io, quando sarò morto sarò Nero

    Tu quando sarai morto sarai Grigio

    E tu mi chiami uomo di colore!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *