Un impegno concreto: impronte per tutti

18 commenti su “Un impegno concreto: impronte per tutti

  1. lisicere

    ciao:)
    anche io oggi ho fatto un post a riguardo perchè in rete ho trovato delle immagini simpatiche e anche un banner che non ho potuto non mettere subito nel template! Hai proprio ragione comunque i bambini sono quelli che subiscono sempre dagli adulti. Siano essi degli sfruttatori, siano essi dei politici…
    La scuola, secondo me, è l'unico sistema possibile per contarli.

    (A)

  2. Tisbe

    @lisicere, passerò da te
    @lecosedasalvare, diffondere è la parola d'ordine
    @Franca, senza parole
    @KingPattume, pagano sempre gli innocenti…
    @Artemisia, i tuoi banner sono davvero belli. Mi sono piaciuti appena li ho visti: brava!

  3. Jinzo

    Io sostengo attivamente la proposta. Ho vissuto nell'orrore di un campo rom a 200 metri da casa per 7 anni. Razzista è lo stato nei confronti dei proprietari, violentati dalla tolleranza nei confronti delle ingiustizie perpetrate dai rom.

  4. Jinzo

    Grazie mille. Però non credo sia questione di idee. Provaci tu a vivere con i rom per 7 anni accanto casa… Sono loro che non si vogliono integrare. Abbiamo pagato persino le docce per i rom. Non c'è stato nulla da fare: le hanno sfasciate. Non hanno interesse nel lavorare, nel lavarsi, nel vivere civilmente.

  5. Tisbe

    @Jinzo, io ho un'altra esperienza. Anche nel paese limitrofo al mio (di soli 4mila abitanti) c'è una comunità Rom che si è perfettamente integrata. Il sindaco di allora fece una scelta impopolare e gli diede la cittadinanza ed aiuti e sussidi per essere integrati. Il progetto è riuscito perfettamente, e a distanza di anni i risultati sono davvero lodevoli. Nella cronaca recente sono riusciti anche a sgominare una banda di ladri nelle ville perché ingiustamente erano stati accusati loro.
    Dipende tutto da come si approccia. Se li si guarda con odio e con superiorità, da loro si otterrà solo odio e impossibilità ad integrarsi.
    Perché in una piccola realtà contadina ci sono riusciti? Perché? questa è la domanda.

  6. WebLogin

    E' davvero vergognoso questo provvedimento, mi vergogno sempre di più di essere italiano 🙁

    PS: Molto bello il banner di Artemisia, ma anche quello di HAVEADREAM 😉

    Giuseppe

  7. Tisbe

    @lisicere, davvero molto bello

    @giuseppe, la gente ha dimenticato che questo genere di misure cautelative portò all’orrore dell’Olocausto. Corsi e ricorsi storici

  8. utente anonimo

    Mi e’ capitato tempo anni fa di andare a fare volontariato in un orfanatrofio in Romania. Un giorno durante una passeggiata con loro in citta’ abbiamo incrociato una famiglia Rom e il commento del bimbo che tenevo per mano e’ stato: quelli Rom, gente cattiva.

    Non credo che quel bimbo fosse razzista e a me personalmente i Rom non hanno mai fatto niente.

    Credo che la verita’ sta nel mezzo!

    Credo che il “censimento dei bimbi rom” sia uno strumento per aiutare quelli “buoni ed onesti” a distinguersi dagli altri. Per contro questo strumento usato male potrebbe portare alla creazione di nuovi ghetti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *