In bocca al lupo agli irpini del Formicoso

caposselaAvrei voluto esserci anche io oggi sul Formicoso, ma per questioni di salute ho dovuto rinunciarci.
Sono tanto arrabbiata ed anche in ansia. Mi sento impotente di fronte all’aggressività di un governo di ciarlatani.

Quello che posso fare qui, dalla mia casa è segnalare una serie li link per divulgare la questione opportunamente nascosta dal potere.

  1. AVELLINO – «Una decisione sciagurata, c’è il rischio di trasformare questa terra in uno degli immondezzai d’Europa ». Il canto si trasforma in denuncia. Ma sempre d’autore. Vinicio Capossela si spende in prima persona per scongiurare il pericolo di una megadiscarica in Alta Irpinia. Sente questa terra molto «sua». La madre è originaria di Andretta, piccolo centro sull’altipiano del Formicoso.(…) Vinicio segna un’inversione di tendenza: è il primo artista da classifica – cioè noto a livello nazionale – che scende in campo per dire no alla realizzazione di una discarica in uno dei tanti territori «preda» dell’implacabile crisi rifiuti.
  2. LIVORNO. “Ovunque proteggi” è il titolo di una canzone di Vinicio Capossela e una raccomandazione che il cantautore ha deciso questa sera – con un concerto organizzato ad Andretta – di mettere in pratica nei confronti del territorio irpino individuato come uno dei siti di discarica per la Campania. Ad Andretta, altipiano dell’Alta Irpinia, dove Capossela ha le origini paterne e materne, verrà infatti realizzata una delle discariche individuate dal decreto legge per l’emergenza Campania, già nella lista nella precedente fase di gestione dell’emergenza da parte di Bertolaso. Il “grande buco” lo chiamano, perché è previsto che dovrà accogliere 2 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani provenienti da diverse parti della Campania.
  3. I sindaci dell´intera area del Formicoso – zona di fieno doc destinato alle bufale della regione, di vini premiati nel mondo e di agricoltura biologica – hanno firmato un manifesto dai toni duri, in cui si avverte, tra l´altro, che «il rifiuto del dialogo da parte dei rappresentanti dello Stato finirebbe per acuire la frattura con i cittadini, ponendo seri problemi di tenuta democratica del Paese»; che si sta «valutando la possibilità di separazione» dalla Regione Campania. I sindaci aggiungono che «intraprenderanno tutte le iniziative legali a tutela della integrità del territorio irpino, a costo di mettere a rischio la propria vita: perché le proprie aspettative future non siano calpestate dalla discarica nel polmone verde della Campania».

    Una rabbia che da ieri sta anche dentro la "voce" del Formicoso, Capossela. «Non si spiega come una landa di terreno come l´alta Irpinia che è in linea con i parametri della differenziata a livello europeo, invece di essere premiata, sia punita – dice lui – . Bisogna valorizzare chi fa bene. E ridurre a monte la produzione dei rifiuti. Sono allucinato che un presidente del Consiglio, comunicatore imbattibile, affidi la sua politica sul tema a qualcosa che è un simbolismo littorio, lo spazzolone».

  4. Riparte in Campania il fronte “anti-discarica”, e questa volta la rivolta parte dall’Alta Irpinia, ad Andretta, l’altopiano del Formicoso, di circa 1000 metri sul livello del mare, dove il governo Berlusconi ha deciso di costruire una discarica per rifiuti solidi urbani e una piattaforma per rifiuti tossici.

11 commenti su “In bocca al lupo agli irpini del Formicoso

  1. utente anonimo

    Gli irpini che hanno votato per Berlusconi dovrebbero guardarsi allo specchio e sputarsi in faccia soprattutto quelli di Ariano Irpino che adesso non hanno speso una sola parola per difendere il Formicoso e hanno rotto i marroni con Difesa Grande
    Marcello da Avellino

  2. Tisbe

    @Franca, siamo pochi. Furbescamente hanno scelto di fare scempio di una zona a scarsa densità abitativa, al fine di evitare rivolte popolari.

  3. utente anonimo

    Tenete duro amici irpini, non lasciate vincere il nanerottolo pelato o meglio testa d'asfalto.

  4. utente anonimo

    Ma brunetta perchè non va a vedere cosa fanno i dirigenti negli enti pubblici?
    se la va a prendere sempre con i più disgraziati.
    E non è che il centro sinistra faceva diversamente.

  5. animasalva

    Eravamo migliaia su quell'altipiano: uno scenario fantastico. Non ci saranno rivolte, ma un'opposizione così forte e determinata che Bertolaso, Bassolino e Berlusconi dovranno preferire Arcore per i 3mln di tonnellate di rifiuti.

  6. Tisbe

    @vivendolestelle, grazie di cuore
    @hirpus, come darti torto (ma parli di te ;-)?
    @animasalva, le tre B, non me ne ero accorta 😀
    Sì, ho visto gli speciali su Irpinia Tv Deve essere stato un momento davvero magico

  7. utente anonimo

    il commento di marcello è una tipica espressione di ignoranza e superficialita' dinanzi a un dramma che ha coinvolto gli arianesi per piu' di un decennio,soprattutto a causa di una classe politica espressione della sua avellino,ormai ridotta a cloaca esalante presunzione e narcisismo.la lotta delle popolazioni dell'alta irpinia è,comunque,assolutamente giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *