Annozero, come ho aperto gli occhi su l’affaire Alitalia

Giovedì sera mi sono dedicata ad Annozero. La puntata è stata interamente dedicata alla vicenda Alitalia. Molte cose si sono chiarite nella mia mente.

  1. In Italia vige il sistema della disinformazione e della menzogna pubblica atta a creare false credenze nelle masse. Prima delle elezioni lo stato generale mediatico di Berlusconi creò il mito delle tasse di Prodi, intanto nonostante il governo del Pdl, si fa sempre più fatica ad arrivare a fine mese. Alemanno ha creato la falsa questione sicurezza a Roma pur di essere eletto sindaco. Intanto, dalle cronache si capisce che Roma è sempre più invivibile nonostante la destra di Alemanno e nonostante il dispiegamento delle forze armate. Sulla questione Alitalia Berlusconi e la sua scuderia hanno dirottato l’attenzione della massa sui privilegi dei piloti. Bene, vogliamo parlare dei privilegi di Berlusconi? Dei privilegi dei parlamentari? Vogliamo dire che Scajola sta tuttora sfruttando Alitalia con un aeroporto privato a spese dei contribuenti? Vogliamo dire quanto costa al giorno questo aeroporto per voli privati da Albenga a Roma? Vogliamo anche dire che il governo Prodi, durante il suo mandato, lo sospese?
  2. Il contratto proposto dalla Cai rappresenta un precedente pericoloso per tutti i lavoratori in chiaro contrasto con i dettami costituzionali.
  3. Berlusconi ha danneggiato gli italiani condannandoli al pagamento dei debiti di Alitalia cosa che non sarebbe accaduta se fosse andato a buon esito l’accordo con Air France. Allora il premier fece leva sui sentimenti di orgoglio nazionalistico degli italiani imbrogliandoli sfacciatamente. Intanto Air France e Lufthansa, se sono usciti dalla porta delle trattative, entrano dalla finestra, comprando di fatto le azioni di Alitalia e diventandone proprietari, pagando solo il cosiddetto "piatto di lenticchie" senza accollarsi i debiti della compagnia aerea, che andranno a pesare sui fessacchiotti italioti beoti.
  4. Tra i valutatori di Alitalia ci sono anche  i suoi compratori. Un classico esempio di conflitto di interessi taciuto alla massa. Questo significa che i potenti di turno si stanno spartendo le vesti di Alitalia pesando sul bilancio dello stato che dovrà coprire i debiti tagliando il welfare ed aumentando la pressione fiscale sempre sui soliti lavoratori dipendenti (è chiaro che il governo Berlusconi fomenta ed istiga l’evasione fiscale).
  5. Un pilota per diventare tale deve avere delle caratteristiche fisiche non comuni. Le selezioni sono molto dure e anche gli studi. Da un calcolo approssimativo fatto da un pilota ci vogliono circa 140milioni delle vecchie lire per diventare piloti senza avere la certezza di trovare lavoro.
  6. L’accordo è stato fatto… comunque siano andate le cose… la tragedia è stata consumata. Berlusconi se la ride perchè grazie alla Lodo Alfano il processo contro di lui è stato bloccato e gli italiani, per l’ennesima volta, hanno consegnato l’Italia in mano agli stranieri ed ai dittatori.

25 commenti su “Annozero, come ho aperto gli occhi su l’affaire Alitalia

  1. utente anonimo

    1-personalmente ho detto tutto. però diciamo anche che roma è invivibile grazie agli ultimi 15 anni di riforme a rilento, e quindi grazie a rutelli e veltroni, l'amico dei palazzinari(io ci vivo a roma, e viene stuprata dal cementeo, una cosa indegna, oltre che riempita da centri commerciali).
    2-si, è un precedente grave a quanto pare, stanno smantellando le tutele e i diritti sul lavoro, così tenteranno di fare in futuro, tanto dis cuse pronte ne avranno. c'è solo una soluzione: REDISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA. nel nord europa la differenza tra i ricchi e meno ricchi non è altissima come media, da noi è enorme.
    3-si, come al solito prende in giro tutti grazie al suo potere mediatico e un informazione asservita ai poteri forti(tra cui lo stesso berluska)…VOGLIAMO ALLORA SUPPORTARE NOI BLOGGER LA PROPOSTA DI AZIONARIATO POPOLARE DI ITALIA DEI VALORI? la ritengo una buona soluzione
    4-anche con gli inceneritori(vedere brescia) fanno la stessa cosa, così possono dire che non fanno male
    5-i piloti sono sottopagati e lavorano già molto. vogliono sfruttarli coem tutti i dipendenti, e il rischio incidente sarebbe alto
    6-l accordo non è ancora completo, per questo dico di sostenere la cordata alternativa di di pietro.

    Rigitans'

  2. utente anonimo

    Io sono favorevole alla cordata alternativa di Di Pietro.
    Ot, qualcuno sa se si stanno raccogliendo firme per un referendum per abrogare il Lodo Alfano?
    Grazie
    Vito

  3. moody83

    La sensazione che ho io è che la gente sotto sotto non voglia davvero sapere tutti questi particolari: i debiti di Alitalia, i privilegi e i soprusi (ne fanno, ne fanno) dei politici… Forse forse ad una parte di Italiani nemmeno interessa la faccenda delle tasse, perchè bene o male può riuscire a pagarne meno.
    In una parola: allo sbando. Io per me, Dio per tutti. Senza capire che la strada giusta per uscire da questo pantano è soltanto quella della responsabilità civile, che consiste nello scegliere i mezzi di informazione più validi (e se non ci sono richiederli a gran voce), marcare stretto i rappresentanti nei palazzi del potere, fare il proprio dovere nei confronti della comunità. Tutte queste cose sono tuttora appannaggio di una sparuta minoranza di persone.

    Referendum abrogativo per il lodo Alfano? E il resto? Come raccogliere petrolio che esce da una petroliera squarciata con un mestolo da cucina.

    Ciao.

    P.S. Chiedo scusa per la rassegnazione.

  4. utente anonimo

    Ma quale sistema?
    in passato molti Paesi non hanno saputo o "potuto" divenire avanzati,
    molti territori furono ignorati ed esclusi ad ogni processo di evoluzione e di sviluppo. Malgrado che L'Italia fosse dotata di classe dirigente seria e responsabile nell'interesse del bene comune se pur cresciuti nelle diverse scuole di pensiero edificarono nello spirito della Carta Costituzionale una nazione forte e coesa. Oggi putroppo molti fattori intragiscono in sintonia al fine di cancellare tutto prfino la memoria, e la colpa non s puo' attribuirla solo a Berlusconi, e le tv. Un analisi ben approfondita ci rivela che in quest'ultimi lustri ognuno ha invaso il proprio campo. la confindustria, la politica, i sindacati, ciascuno non fa piu' il proprio mestiere, un esempio terra terra che ciazzecca l'atleta vincitrice alle Olimpiadi con Santoro alla trasmissione Anno zero?

  5. utente anonimo

    se anno zero ti ha aperto gli occhi su alitalia te li ha chiusi sulla vita. alitalia deve essere lasciata al fallimento è doveva essere fatto 20 anni fa lasciando libere le rotte a compagnie più efficenti potendo volare a prezzi di mercato e non a prezzi esorbitanti per pagare la casta dei piloti la casta del personale di terra e d'aria. scajola ha il privilegio del volo ma i propietari dell'areoporto ci guadagnano e quel volo non lo cancelerebbero mai (contributi a go go dallo stato e regione) prodi lo sospese per fare un dispetto ma prodi ed compagni svendendo alitalia ad air france le loro tasche ci guadagnavano (la storia insegna insegna IRI). purtroppo sono tutti uguali solo se la nuova generazione di politici scardinara il sistema dall'interno l'Italia sarà salva

  6. utente anonimo

    e' proprio vero che le professioni legate all'informazione..non sono piu' credibili..l'arte di comunicare il vero non conta piu'.Sono saltati tutti quei propositi che davano lo stesso risultato…Mi chiedo perche' li seguiamo ancora.Ogni giornale e ogni rete televisiva dice la propria verita'…come se il lettore fosse senza nessuna possibilita' di verifica e di confronto con la realta ' ,quella 'vera' non impostata da loro… il 'caso' alitalia poi e' di esempio..sul carro dei vincitori ..hanno preteso di entrare tutti…perfino l'airfrance..che candidamente protetta dal buongoverno precedente era arrivata a cancellare definitivamente la fastidiosa malpensa e porsi di traverso tra i nostri interessi nazionali …ci avrebbero penalizzato sicuramente sul turismo…i nostri mari e monti li abbrebbero tenuti dietro ai loro..

  7. ermahico

    noto con piacere che il parolone " casta dei piloti" è entrato per benino nelle deboli menti faxiste.
    vi siete mai trovato col motore in stallo e col vento contrario? solitamente si fanno due o tre gocce di pipì nei calzoni sperando che il vento cambi cabrando.
    chissà i piloti cosa penseranno in quei momenti sapendo di trasportare dei veri Str0nzi che li giudicanno dei capricciosi nullafacenti.
    fossi in loro , bersagliati da ingiurie degne del peggiore bar, mi porterei il paracadute per godermi lo spettacolo mentre certa MarMaglia và in picchiata pensando a quant'è bello il Silvione che per festeggiare lo scippo se n'è andato a farsi l'ennessimo lifting.
    ricordo ai nemici della nuova casta dei piloti che hanno votato un governo che ha messo una tirapomp1n1 da 30000 euro a scatto a fare la ministra.
    la casta delle entrenois la premiate dandogli il destino di un paese?
    ipocriti e faxisti, spero che nella rivoluzione prossima ventura avremo quei piloti dalla nostra parte, ci serviranno a stanarvi in blocco facendovi la doccia al Napalm.

    Salutos.
    Spero si sia notata la mia calma e la mia pacatezza.

  8. utente anonimo

    Per me è una vera truffa agli italiani, che pagheranno i debiti per fare arricchire le persone di questa cordata.

    Buona domenica

    Ps Complimenti per il sito. Ho segnalato il tuo articolo su Oknotizie.

    Dartagnan

  9. Nonostantetutto

    Andrebbe sviluppato un punto sul fatto che la trattativa è stata di fatto realizzata privatamente solo con CAI, che poi sarebbe Roberto Colaninno, il ragioniere che con la sua opa ostile di fatto ha generato i debiti della Telecom, rovinata poi, completamente e definitivamente, da Marco Tronchetti Provera. Anche lui nella cordata dei 18 salvatori della patria.

    Peccato che tra qualche anno, come dici giustamente tu, Alitalia passerà sicuramente in altre mani, straniere, come è già accaduto e sta continuando ad accadere alla Telecom. Solo che nessuno lo sa perchè di Telecom nessuno parla.

    Ma oltre a scrivere nei blog non pensi che dovremmo fare anche qualcos'altro?

    Un caro saluto.

    Rob.

  10. utente anonimo

    La democrazia in Italia è in pericolo , l'ultimo baluardo è la corte costituzionale.
    Il ministro alfano dovrebbe dimettersi per avere proposto una norma che viola i principi della nostra cosituzione

  11. DiisenchanteD

    Salve! 🙂
    Grazie mille della visita e del gentilissimo commento! In effetti è così, è il percorso che bisogna considerare e non la meta! Sono ancora giovane e anche la mia conoscenza filosofica è, purtroppo, molto limitata. Nonostante conosca in generale il pensiero dei maggiori esponenti della filosofia mondiale ancora non riesco a comprenderne in pieno la magnificità! La ringrazio anche del suo libro donatomi tramite Dafne! Lo sto leggendo con molto interesse e mi complimento vivamente per il suo talento! Mi sta davvero appassionando!

    In bocca al lupo di cuore per tutto!

    Cristina Cipriano

  12. WebLogin

    Ho visto la trasmissione e ha confermato quello che già pensavo di questa storia… Noi pagheremo i debiti e altri si sono presi la parte buona di Alitalia che magari tra un po' venderanno.

    Ciao carissima, buona serata

    Giuseppe

  13. moody83

    Scrivere nei blog non è poco. Stiamo discutendo della latitanza dei mezzi di informazione, della gente che rinuncia a discutere e a farsi un'opinione…
    Mi pare che qui stiamo facendo tutto il contrario. E non è poco.

    Non è così?

    Bye

  14. Tisbe

    @Cristina, per favore dammi del tu, in fondo anche io mi sento un'adolescente 😉
    Sono io a ringraziarti per il tuo sostegno a Dafne in questo momento delicato. Grazie
    @moody83, hai ragione facciamo troppo poco, ma cosa possiamo fare di più… si accettano idee
    @Giuseppe, la tua ipotesi è possibile

  15. utente anonimo

    Tisbe seguimi solo un attimo…

    Conflitto d'interesse… ecco la parola chiave che nessuno osa piu' tirare in ballo.

    Mi spiego… e termino velocissimo… se uno e' tesserato alla P2 ..come puo' ritrovarsi a fare il premier ..impunemente !!

    Tutto il resto della degenerazione.. politica e legale deriva dal quel nodo. Ho detto nodo ..e non lodo ..Alfano e' solo uno stipendiato d'oro …un semplice cameriere !!

    Ciao Tisbe

    Cari saluti
    e buona vita
    da 1manifesto

  16. utente anonimo

    Purtroppo non ho visto la puntata…ma recupererò 😉
    "…gli italiani, per l'ennesima volta, hanno consegnato l'Italia in mano agli stranieri ed ai dittatori"
    Quanto hai ragione cara Tisbe.
    Un abbraccio,
    chemako

  17. DiisenchanteD

    Fai bene a sentirti ancora adolescente! 🙂 dopotutto l'età non conta per sentirsi giovani (io personalmente non mi sento una sedicenne!). Non c'è assolutamente bisogno di ringraziarmi per il sostegno a Dafne, è davvero il minimo che possa fare e lo faccio volentieri! Nessun ringraziamento davvero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *