Lotta all’evasione – come lavora la propaganda berlusconiana

I toni trionfalistici del Tg5 (che ho visto per puro caso) su un presunto aumento del gettito anti-evasione mi è sembrato un tantino sospetto e quindi, come è mia abitudine ho ragionato, confrontato dati e tirato le somme.
Io non sono un’esperta di economia ma credo di essere sufficientemente intelligente per capire alcune manovre propagandistiche.
Se
un miliardo e mezzo di queste entrate provengono dagli strumenti deflattivi delle liti e oltre 800 milioni derivano dai ruoli vorrei sapere quale sarebbe il merito del governo attuale insediatosi solo nel mese di aprile 2008. Sappiamo tutti che le cartelle iscritte in ruolo impiegano mesi se non addirittura anni prima di dare i propri frutti. Risulta, quindi, evidente che l’aumento del gettito fiscale sia avvenuto grazie alle manovre anti -evasione portate avanti dal precedente governo Prodi.
Parliamoci chiaro… il governo Berlusconi istiga all’evasione (per non parlare dei leghisti) infatti

  1. Il governo Berlusconi ha cancellato tout court l’obbligo, per imprenditori e professionisti che effettuano cessioni di beni o prestazioni di servizi in Italia, di predisporre l’elenco dei soggetti nei cui confronti, nel corso dell’anno, avevano emesso fatture e quello dei titolari di partita Iva da cui avevano effettuato acquisti rilevanti ai fini dell’applicazione dell’imposta sul valore aggiunto.
  2. I professionisti non saranno più obbligati a tenere un conto corrente “dedicato”, anche se non in via esclusiva, all’attività dello studio, e potranno incassare le loro parcelle anche in contanti e non più solo tramite bonifico o strumenti elettronici.
  3. é stato elevato da 5.000 a 12.500 euro il tetto per i trasferimenti di contante, di libretti di deposito bancari o postali o di titoli al portatore cioè senza intestazione personale.
  4. Si elimina la possibilità di invio telematico dei corrispettivi e di controlli a distanza.
  5. é stata eliminata la responsabilità solidale tra appaltatore e subappaltatore e committente per quanto riguarda il versamento delle ritenute fiscali; resta la responsabilità solidale per tutti e tre i soggetti per i soli obblighi contributivi e previdenziali.

Grazie (s)governo Berlusconi… gli evasori ringraziano 😉

14 commenti su “Lotta all’evasione – come lavora la propaganda berlusconiana

  1. utente anonimo

    6-E’ stata depotenziata la detrazione irpef del 55% (governo Prodi) per lavori di qualificazione energetica.

    Funzionava così:

    -si facevano i lavori

    -l’impresa emetteva regolare fattura con percentuale manod’opera sul lavoro svolto

    -il committente pagava tramite speciale bonifico bancario.

    Saluti e Buon Anno Tisbe

    Stefano

  2. utente anonimo

    E’ impressionante la faziosità dei tuoi commenti.

    Per le stesse arrgomentazioni ( che condivido) il tanto sbandierato aumento delle entrate fiscali da parte del governicchio-prodi non è stato dovuto a meriti dei falliti del governo di sinistra, ma ai precedenti provvedimenti di Tremonti.

    Per cui rilassati, ed invece di commentare inutilmente ed a senso unico, fatti una tisana…

  3. utente anonimo

    credo aba ragione in quano è vero che l’unica cosa reale che questo governo insie agli industrili fà è l’illegalita e la corruzione con le quali porta avanti

    la sua politica (vedi casi alitalia e non solo.partiti e magistrati comprati ecc)e porterà l’italia alla guerra civile contro una dittatura votata alla corruzione che gia vedremo a partire da meta 2009 con le prime guerre fra poveri grazie italiani x aver votato una cupola mafiosa di governo! bravi..adesso prendetevelo in qel posto e auguri vist che vi piace tanto!

  4. utente anonimo

    Credo che siano in molti ad aver fatto lo stesso tuo ragionamento.
    Ma sono in molti a pensare, secondo me a ragione, che escludendo gli evasori totali, ma lasciando coloro che non evadono per avidità e provano a campare decentemente (può essere anche un lavoro extra al nero per dipendenti) come sono tanti, veramente tanti ed anche coloro che stanno un po' meglio, ma tutti subendo un terrorismo fiscale con imposte, tasse e balzelli d'ogni forma, misura e direzione (erario, enti ecc) che meriterebbero un più appropriato termine come "usura" quando si è fatto il conto dall'iva che cucca il consumatore finale all'anticipo di tasse varie calcolate nemmen su un reddito, ma su un reddito presunto, beh, prima di affrontare una capillare lotta antievasione torturando tanti piccoli contribuenti, sarebbe meglio:
    1 -evitare che quelle basi contributive, costrette "in bianco" integralmente e che evadono una parte, non siano costrette a chiudere: alla fine è un danno perchè chiudono baracca e burattini e non contribuiscono più, aumentando schiere di disoccupati o indigenti o precari ecc.
    2- rendere più appetitosa e credibile l'offerta fiscale per allargare la base contributiva: è la politica aggressiva delle nuove entrate in Europa, di realtà economiche nel mercato globale, anche di vecchie realtà Eu però, come la GB che risulta attrattiva fiscale per tipetti come Briatore (non è il solo), dovremmo aver presente che nella stessa Eu abbiamo clamorosi competitors a sottrarci basi contributive.
    – l'abbassamento del carico fiscale movimenta la dinamicità e l'inventiva produttiva, smuove il consumo ecc: mai come adesso è utile e d'altra parte credo che questo governo abbia avuto consenso anche per questo tema (l'altro è la sicurezza) e fino ad adesso, mi pare che abbia tutto sommato fatto pochino pochino.
    La coperta da tirare è però quella che è, c'è la questione del welfare, l'allargamento della fascia più bassa fuori dall'area fiscale ecc. e un Tremonti che prevedendo meglio di altri il quadro clinico della nostra realtà e la crisi attuale, ha in sostanza bloccato per un triennio i margini di manovra.
    Ma davvero credo sian pochi coloro, a destra e sinistra che posson rimpiangere Prodi o quel governo. A me l'unica cosa decente rimasta impressa è la moratoria contro la pena di morte.. e per quanto riguarda le balle, beh, non credo sia utile affrontare un parallelo in difesa della precedente amministrazione, che davvero ha fatto incazzare un po' tutti, trasversalmente..
    poi beh, insomma, credo che se oggi Prodi e Berlusconi dovessero esser scelti dal popolo italiano, oppure anche un cdx ed un csx credo… e un motivo ci sarà pure, perchè non è che quel popolo possa dirsi coglione solo quando vota l'altro (nè che lo dica Berlusconi, nè che lo dica qualcuno a sinistra) oppure lo è sempre e tira a caso sulla scheda?

    Alieno

  5. Goodidea

    Tisbe, hai notato che il #6 ha detto che per diminuire gli avasori occorre abbassare le tasse?

    Si ride o si piange?

    PS. Togli la neve che mi blocca Firefox, grazie. 😉

  6. utente anonimo

    Ahiahi, Goodidea, eccone un altro di scollati dalla realtà e dalla gente..
    uno tipo quelli che non hanno riso alle ultime elezioni nazionali, mi pare, con la gente dall'altra parte…
    Auguri comunque 🙂
    Alieno

  7. utente anonimo

    mah nn ci capisco niente sò solo che nn vedo un futuro per tanti… solo privileggi e ricchezze sempre per pochi

  8. ermahico

    @alieno
    anche i rapinatori di banche non pagano le tasse, però con i ricavi loro comprano pistole, coca, auto e villini, fanno girare l'economia, penso sia ingiusto condannarli e chiudere le loro attività (o rinchiuderli direttamente)

    sei un liberista.

  9. utente anonimo

    vorrei rispondere al commento sulle entrate del governo berlusconi e in poche parole dico:com'è che il suddetto utente si è preso la briga di studiare per poter addebitare tale meritoal precedente governo prodi e si è dimenticato a suo tempo di studiare che fine abbiano fatto tutti i tesoretti sfruttati e fatti sparire dal governo prodi e non si sia affatto chiesto chi li aveva prodotti.E' proprio vero la gente vuole vivere con il paraocchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *