La violenza di stampo nazifascista cavalca l’onda di facebook

Giorni fa mi sono iscritta ad una Causa su facebook:

no agli arresti domiciliari per gli stupratori!!!

Ho invitato anche tanti amici a farlo perché al momento si parlava dello stupratore di capodanno. Purtroppo bisogna fare molta attenzione sia ai gruppi, sia alle cause che vengono proposte senza attenzione come una sorta di catena di Sant’Antonio.
E’ successo che tra gli iscritto sono comparsi i soliti razzisti attratti dal titolo hanno pensato che si trattasse di invocare pene severe solo per i rumeni e non per gli stupratori italiani. E fin qui ho sopportato, ma non ce l’ho fatta più quando un utente di estrema destra ha allegato questa foto.
Credo che ogni commento sia superfluo.
A questo punto ho scritto alla fondatrice della Causa e ho segnalato la foto volantino agli amministratori.
Qualora non venisse rimossa, io abbandono il gruppo ed invito tutti i miei amici a fare altrettanto.  Sicuramente non hanno monitorato le attività degli iscritti. Io non posso e non voglio mischiarmi a gente che inneggia al fascismo e al nazismo.

25 commenti su “La violenza di stampo nazifascista cavalca l’onda di facebook

  1. WebLogin

    Infatti, purtroppo non ho monitorato le attività degli iscritti, questo è uno dei rischi che c'è nell'iscriversi a tanti gruppi 🙁 Grazie della segnalazione, puoi contare anche su di me.

    Giuseppe

  2. Alberto46

    Questo Facebook sta diventando un gran casino. Muoversi coi piedi di piombo. Io rifiuto l'iscrizione a tanti gruppi che mi propongono, anche perché non ho il tempo di seguirli, e se non li seguo cosa mi iscrivo a fare? A fare numero?

  3. Tisbe

    @ermahico, gentile come al solito 😉 Io non odio i nazifascisti, ma pare che loro odino tutto il mondo che non è a loro immagine e somiglianza!

  4. ermahico

    i faxisti hanno tante categorie, sono molto eterogenei, anche se non lo sembra.
    la prima che è la maggioranza è quella che: "non sono razzista, ma Mussolini faceva bene" parlano forse dei treni dei deportati giudei? boh! forse della tragicomica guerra ? double boh! della bonifica delle paludi? Prodi allora è un grande visto che ne ha fatte di più (veneto e lombardia), no?
    altra sub-categria, di sub-umani appunto, è quella "ognuno a casa sua, solo se è invitato entrato" che lascia suppore che un trans di qualunque nazionalità non sarà mai respinto in italia, visto la fila di clienti con famiglia e alta rettitudine morale ogni sera accoglie.
    un'ultima ma significativa minoranza sono quelli che generalmente confondono la merda col cioccolato: "il comunismo è cattivo, il fascimo no, lo dimostra la storia" cioè si dimostra come bonarimaente si mandavano i ragazzini-bimbi di 10 anni nelle miniere di Carbonia (sardegna,ahiò!) anzichè a scuola, come facevano nello stesso periodo i sovietici russi, levandoli dalle grinfie del capitalista buono che gli fa venire la osteoporosi a 20 anni.
    insomma, non tutti i fasci sono uguali, ci sono i bastardi e più umanamente i fiji di troia, ma anche dei veri dementi.
    come dimostra ampiamente la locandina in cui un partigiano impiccato che poteva essere mio nonno.
    si dovevano ammazzare tutti ,figli compresi.

  5. utente anonimo

    Per sintesi, riprovo. Dicendo che il tuo post, Ermahico, si presta fin troppo bene ad una lettura più ampia. Cioè sostituendo termine "fascista" quello comunista. Viene benissimo perchè il comunismo ha superato ogni record per varietà-qualità e per quantità: oltre 100milioni di morti per il comunismo. E poi ci sono le altre cose, non bastassero: la morte della libertà, della dignità dell'uomo, la violenza inaudita.
    Che io credo trovino spiegazione, in quegli orrendi culti ideologici (neri o rossi che siano) proprio nel tentativo riuscito di de-personificare gli altri, cominciando a definirli, per es., come fai tu:
    sub-umani.
    Da quel momento, che si sia scelto un colore o un altro, aldilà del vessillo che più piace alla tifoseria ultras, si ottiene regolarmente lo stesso risultato: la disumanità. L'orrore. L'odio. Odio legittimato perfino considerato dovuto e diffondibile come culto universale.
    Anche fare un commento del genere "SOLO" mettendo comunista, sarebbe un errore, quando invece gli errori disumani vanno compresi tutti, aldilà del colore ideologico o di pelle.
    Se si aspira ad essere più umani, naturalmente, altrimenti non interessa.
    Alieno

  6. ermahico

    il mio post genera disumanità ,orrore, odio….
    fiko! non potevo sperare di meglio! spero lo leggerano tanti fascisti carogne.
    che il diavolo se li porti all'inferno tutti quanti, non meritano neanche di respirare la mia stessa aria.
    e non sparare cifre a ca##o luca, sei molto più informato! 100M significa che una persona su 25 sulla terra in quel periodo ha avuto i kamher rossi sotto casa. capirai che è statisticamente impossibile, ma ti vojo dare una mano, sai quanti colored sono morti con lo schiavismo USA? 28M, tutti registrati poichè erano MERCE e quindi contabilizzata con tutte le perdite, sai quanti pellerossa? TUTTI,50M poichè quelli presi a calci in culo nelle riserve si sentivano peggio che morti.
    Mi dispiace che nessuno dica che le Foibe sono state la risposta di un popolo bello incazzato contro i fascisti italiani che prima del crollo avevano graziosissime abitudini quali : Stupro, Rapina, umiliazione in pubblico loco, pedofilia, e ovviamente tante fucilazioni fatte con allegria e spensieratezza della beata gioventù, fascista ovviamente, chiedi a Bassano che facevano i fasci nelle case, sarà un millessimo di quello che subiavano gli stranieri invasi dalle camicie nere.
    Ribadisco che ci voleva una piscina di benzina e non un'amnistia per i responsabili di questa spirale di odio.

    spero si sia notata la mia pacatezza e moderatezza

  7. utente anonimo

    Ermahico: certamente apprezzo la pacatezza e moderatezza dove questa è la capacità di non rinunciare all'espressione della propria identità e della propria voce e però facendolo in tal modo.
    Dove la pacatezza-moderatezza è rinuncia identitaria od alla propria ragione, temo che non sia da me apprezzabile.
    Nel tuo caso, però, il problema non sembra porsi: tu saresti stato.. moderato? :-))))))
    Diciamo che quella tua pacatezza è nei termini più relativi che.. oggettivi, ehehe.
    Dunque tu sei un "negazionista" dei crimini del comunismo?
    E dunque tu giustifichi le foibe in quel legittimo odio che ti ricordo, finì per uccidere non solo fascisti, ma neutrali e perfino comunisti italiani!!!!
    Capito ciò che dicevo?
    Si rischia, in quell'odio disumano e disumanizzante, di diventare indistinguibili da quelli che si condanna. Condanna anche a morte.Si fatica a vedere persone, si vedono cose e si uccidono allegramente, per dire comunisti per mano di comunisti.
    E fu così anche nell'Urss. L'odio trasforma uomini in cose perchè raccomanda ed invita a disumanizzare in quell'odio. Donne che non son donne perchè geometricamente collocate altrove, sono sub-donne e uomini che diventano sub-uomini, per colore di pelle o per colore ideologico.
    Ma nella sostanza è difficile far differenze. E dai frutti si capisce la natura dell'albero che li produce.
    Per questo ti invitavo ad orizzonti più larghi, meno codificati, meno…bigotti, se mi si permette restando "pacato" e "moderato", ehehe.
    Ogni bene.
    Alieno

  8. ermahico

    Alieno scrive: Dunque tu sei un "negazionista" dei crimini del comunismo?
    Non proprio, però non voglio che si esageri nelle documentazioni e che non si dica il falso riguardo le cause.
    il faxismo ha portato la guerra la guerra porta odio e vendetta.
    senza fascio, niente guerra ,niente nonno imprigionato tre gg in caserma, niente zii prigionieri pronti per la fucilazione e niente foibe, facile no?

  9. utente anonimo

    E' interessante quella coerente consequenzialità logica, per cui niente fascismo, niente foibe.
    Quello che non capisco è perchè si abbracci quella logica e poi si interrompa quando diventa scomoda:
    niente foibe, niente esecuzioni anche a guerra finita, su civili, antifascisti e perfino comunisti stessi, niente anti-comunismo.
    Nel senso che una legittimità che voi date alle foibe, l'avrà pure proposta il fascismo per affermarsi e operare. Tutti ne hanno una propria di legittimità, a ben vedere. Ma siccome il fascimo ha compiuto cose esecrabili, il comunismo pure, si continua: niente comunismo-foibe, per dire, niente democrazia anticomunista oggi, fai conto,
    per coerenza dico..
    Certo, si può "salvare" parti del comunismo. Però non se ne esce: così si legittima anche il salvataggio di parte del fascismo ecc.
    Altrimenti, quel "bravo" che leggo, non avrà mai un'estesa possibilità di condivisione, apparirà un bravo davvero troppo relativo e ben poco oggettivo. Per non dire "fazioso".
    Alieno

  10. ermahico

    Alien…. ti arrabbi se dico che del tuo ultimo commento non ci ho capito una mnkia?
    🙂
    come mai dopo aver tu stesso ammesso la mer@a che era il fascismo aggiungi sempre un "ma anche il comunismo", oppure, "come il comunismo" o meglio ancora "uguale al comunismo"
    ma lo sai che diventi noioso e palloso?
    che c'è? torniamo ai bei vecchi tempi in cui facevi papiri contro Prodi e contro tutta la sinistra?
    scrivendo solo banalità da bar ovviamente……
    quella merd4 che è il fascio l'ho subìto sulla mia famiglia e lo rivedo ancora oggi, e non me ne frega una sega se i Ceceni venivano bombardati con le bombe soniche sovietiche che sfondano i rifugi , a me il Comunismo ha fatto solo bene, ha ridato dignità all'Italia, grazie ai lavoratori che ha fatto scendere in piazza per il sacrosanto diritto a una vita serena.
    A morte il fascismo ora e sempre, e se in altri paesi la mia fede politica ha fatto male…. azzi loro, che si ribellino se hanno le palle.

  11. ermahico

    ehm…scusate l'incazzamento di prima… piena solidarietà ai civili Ceceni, sperando che si tolgano dalla testa l'indipendenza che farebbe nascere un nuovo afghanistan pieno di carinissimi fondamentalisti islamici.
    comunque … prima devo aiutare il mio paese a togliersi il mafioso al governo, poi, se avrò tempo ed energie, magari una mano a loro gliela dò pure……
    magra figura? così sia…. il Comunismo non si tocca. Ha sacrificato 18M di soldati russi per sconfiggere il na§ismo , altri 18.000 contro i talebani, che non vi basta????? volete la moltiplicazione die pani e dei pesci?? spiacente, c'è il brevetto in copyright per i miracoli…..

  12. utente anonimo

    No, non mi arrabbio. :-))
    Spero nemmeno tu, anche se capita, nelle "passioni" di arrabbiarsi.
    Certo che sono noioso in quelle continue ripetizioni. Che faccio perchè ritengo ci sia bisogno di farne. In tutto e per tutto, uguale a te o altri, per esempio, che tirate in ballo sempre il fascismo: ritieni che sia utile, ci sia bisogno, capisco benissimo. Anche per me è utile, essendo antifascista, ma vedo l'errore, l'incoerenza di riproporre ciò che del fascismo condanniamo: progetto antidemocratico (dittatura che sia di proletariato o d'altro o ideologica o teologica.. non mi entusiasmano comunque), la legittimazione della violenza (ognuno legittima quella della "propria" parte dando colpa all'altro, colpa che effettivamente c'è, ma non c'entra con quello che dico), soprattutto mi ripeto contro le incoerenze. Non possiamo legittimare la violenza solo per gli "amici", siano essi camerati o compagni: se si fa con uno, automaticamente si concede la possibilità di fare altrettanto all'altra parte. Nel legittimare se stessi, non ci si rende ben conto che si legittima quelli che si condanna.
    E' un concetto semplice che trova qui puntuale applicazione: non si legittima l'odio, il razzismo, perchè a monte c'è una colpa, un torto di extracomunitari. Ed io concordo. Però bisogna esser coerenti ed allora nemmeno le foibe, i triangoli rossi tra toscana ed emilia..
    Io quotidianamente mi impegno come posso contro il razzismo, contrasto massimalizzazioni comode, strumentali, semplicistiche e però non nascondo una realtà, finirei per applicare un pregiudizio inverso e non sarei credibile, non costruirei nulla di così buono. Dire che immigrati sono "solo" il 6% della popolazione italiana è la realtà come onestà prendere atto che quel solo 6% è titolare del 40% degli stupri: è un'enormità che si deve vedere se si vuol risolvere nel modo migliore (che non è il razzismo). Dire che tra gli immigrati, i clandestini hanno il 62% di stupri compiuti, è una realtà che bisogna conoscere perchè è l'unico modo che unisce tutti, extracomunitari immigrati e cittadini italiani in un impegno buono e concreto per cui attuare strategie. Altrimenti avremo sempre una scomoda realtà e divisione con legittimati tanto razzisti che antirazzisti militani in eterno scontro/predita di tempo dinanzi ai problemi e dunque contribuendo al permanere o al diffondersi di ingiustizia: o verso bravi immigrati o bravi cittadini che diventano loro autentiche vittime.
    Il comunismo ha sacrificato come il nazismo, il fascismo, gli alleati anglo-americani. Però il nazismo, il fascismo, il comunismo sono quelli che sono: non progetto democratico, non c'è la costruzione di più ampia libertà e se si può salvare fascisti o comunisti (nazisti "fatico" a farlo) in buona fede, ingannati o illusi, non salvo il fascismo o il comunismo (certo non il nazismo). Si salvano peccatori, non peccati.
    Spero di aver spiegato meglio quanto io in fondo non sia così diverso da te, tu con la noiosa ripetizione antifascista, io con quella anticomunista (e non per questo avendo intenzione di legittimare un fascismo), evidentemente ritenendo sia utile messaggio da proporre (o valore, anche).
    Ciao.
    Alieno

  13. ermahico

    eh no, le cifre dette alla cassius kan non le puoi mica pubblicare.
    il 90% delle violenze domestiche è fatto da italiani e non denunciato, le vittime sono molgi o altri familiari e in italia stè cose si aggiustano (si fa per dire ) in famiglia.
    quindi il restante 10% è un brutto fifty fifty tra stranieri e italiani
    wikipedia: I dati che seguono sono tratti da un'indagine condotta da ISTAT nel 2004.[46] Tale indagine distingue tra violenze sessuali (non meglio definite) e molestie sessuali; entro queste ultime – oltre a molestie verbali, telefonate oscene, esibizionismo e pedinamenti – sono tuttavia classificati anche atti di natura prettamente fisica (donne avvicinate, toccate o baciate contro la loro volontà).

    Le donne tra i 14 e i 59 anni che dichiarano di aver subito nel corso della loro vita almeno una violenza tentata o consumata sono, al 2002, 520 mila. Sono invece 9.860.000, entro la medesima fascia di età, le donne che dichiarano di aver subito nel corso della loro vita almeno una molestia a sfondo sessuale; nel 4,5% dei casi si tratta di molestie sessuali di natura fisica.
    La maggior parte delle violenze sessuali avviene ad opera conoscenti: il 23,5% da parte di amici, il 15,3% da parte di colleghi o datori di lavoro. Le violenze sessuali subite da parte di coniugi, ex coniugi o conviventi rappresentano il 5,3% del totale; quelle da parte di estranei sono il 18,3%; quelle da parte di conoscenti occasionali il 14,2%.
    Soltanto il 7,4% delle donne che dichiara di aver subito una violenza tentata o consumata nel corso della vita afferma di aver denunciato il fatto. Le ragioni dell'omessa denuncia sono legate principalmente alla paura di essere giudicate male, al timore di non essere credute, al senso di vergogna o di colpa.

    repubblica: Secondo l'Istat, che oggi ha aperto, nella sua sede centrale a Roma, il Global Forum sulle statistiche di genere, solo il 6% degli stupri in Italia è commesso da persone estranee alla vittima: "Se anche considerassimo che di questi autori estranei la metà sono immigrati – ha spiegato Linda Laura Sabbadini, direttore centrale dell'istituto di statistica – si arriverebbe al 3% degli stupri; se ci aggiungessimo il 50% dei conoscenti, al massimo si arriverebbe al 10% del totale degli stupri a opera di stranieri".

    Scrivi le tue cifre sballate da un'altra parte.

  14. Tisbe

    Dire che immigrati sono "solo" il 6% della popolazione italiana è la realtà come onestà prendere atto che quel solo 6% è titolare del 40% degli stupri: è un'enormità che si deve vedere se si vuol risolvere nel modo migliore (che non è il razzismo). Dire che tra gli immigrati, i clandestini hanno il 62% di stupri compiuti, è una realtà che bisogna conoscere perchè è l'unico modo che unisce tutti, extracomunitari immigrati e cittadini italiani in un impegno buono e concreto per cui attuare strategie. Stai mentendo sapendo di mentire non sono questi i dati. La maggioranza degli stupri è commessa dagli italiani in percentuale allucinante da persone conosciute dalla vittima. E tanto per cambiare 80mila italiani praticano il turismo sessuale pedopornografico… Fai un po' tu…

  15. utente anonimo

    Tisbe: mi spiace di esser accusato ingiustamente, facendo finta di non capire dati scomodi.
    Ci riprovo a spiegare, perchè non è questione di collocazioni politiche.
    Se aiuta uso Repubblica che non è certo collocabile in un cdx. Ed un Bargagli, sociologo che non risulta essere di cdx.
    Cito la fonte, dispiaciutissimo dell'accusa che dimostra un pregiudizio che non merito (non solo mento, ma sapendo di mentire? Ci vai pesante davvero, mi rattrista molto..).

    http://www.repubblica.it/2008/04/

    sezioni/cronaca/

    violentata-studentessa/dossier-stupri/

    dossier-stupri.html

    Nel fondo dell'art, si troveranno dati di cui, spero, si voglia tener conto non per motivi partitici o politici, da tifoseria di stadio… ma per più rispetto, amore per le vittime, anche potenziali. Che poi lo sai, sono privilegiate vittime, quando donne. nel 2004, sono ben il 35% le violenze sessuali fatte da immigrati (elevatissima percentuale rispetto alla rappresentazione degli immigrati italiani).

    Nel 2005 aumentano al 38%.

    Nel 2006, il rapporto per denunce di stupro è 1 immigrato ogni 3 denunce (sproporzione allucinante con la presenza di immigrati che non sono certo 1:3).

    Nel 2007? Denunciati o arrestati in aumento del 15%.

    Per questo, ci spiega, è qualcosa di più che luogo comune quel rapporto di stupro e violenza ed immigrazione.

    Poi ci sono altri reati.

    La maggior parte sono irregolari, nel caso di spaccio, i clandestini sono il 90%, come negli stupri il 62%.

    E' ovvio che ci sia nel numero totale, la prevalenza di reati compiuti da italiani. Ma perchè questi rappresentano la maggior parte della torta. Emerge dunque una differenza "culturale" allarmante: perchè così pochi immigrati e soprattutto clandestini, hanno una sproporzione enorme nel fare tutti quei reati? E' una cultura che le donne, per sintesi, le tratta ancora peggio, lo dico in breve. Si vuole bene alle donne o no? Non vanno ignorati i dati, nemmeno quelli scomodi. Quando il governo introduce l'aggravante se si è familiari a far violenza, prende atto di una realtà dove italiani fanno violenza domestica. Quando si introduce lo stalking, pure, perchè è più propria a cittadini quella forma persecutoria e violenta. E però non si deve scegliere tra italiani ed immigrati, si deve scegliere la tutela delle donne, il contrasto alla violenza e dunque leggere la realtà, anche se è scomoda.
    Spero di aver spiegato cosa intendo (non è un massimalismo o un razzismo per cui gli immigrati sono TUTTI delinquenti, ma nemmeno il razzismo rovescio in cui lo sono TUTTI gli italiani, che io non detesto come alcuni fanno anche esplicitamente qui, spesso, perchè dovrei? Non sono razzista davvero!).
    L'incapacità di prendere atto della realtà, sta conducendo la sinistra alla scomparsa e ti assicuro che non è mio desiderio, l'idea non mi piace affatto, mi toglie la possibilità di una scelta più sana in eventuale alternanza democratica, è un disastro per me, ma così continuando, non c'è rimedio dannazione. Meglio allora mettere un po' da parte le geometrie, stare con la gente, con la realtà, accorciare quelle distanze abissali che vediamo a sinistra e non perchè il popolo sia idiota (o lo è sempre o non lo è mai, non che si possa farlo come di comodo, secondo chi vota eh! Un po' di autocritica no?).
    Ciao.
    Alieno

  16. utente anonimo

    Dimenticavo: questo governo introduce aggravio di pene anche per il turismo pedopornografico, parrebbe. Forse bisogna un po' smettere di essere sempre comunque "contro" ed essere qualche volta "per".
    Per le donne, per i bambini, per le vittime, per dire: che c'entrano le geometrie per quelle vittime?
    E' solo per loro che dobbiamo fare tifo da stadio.
    Ciao.
    Alieno

  17. Tisbe

    @Alieno, parrebbe? Ma per piacere sii per una volta tanto onesto intellettualmente! Questo governo ha presentato un decreto legge in tempi record per leccare bene il fondoschiena del Vaticano e poi rimanda per la seconda volta la legge sulle Class Action… ma cosa credi che siamo tutti ciechi? Le uniche leggi che fa questo governo sono quelle ad personam o contro categorie di persone… per il resto… non fa il suo lavoro! Riguardo i numeri, poi ti faccio notare che gli uomini si dividono in 2 categorie: quelli che hanno i soldi e si comprano il sesso e il viagra e quelli che non hanno i soldi e di conseguenza VIOLENTANO. E tutte e due le categorie mi fanno molto schifo! Sia ben chiaro

  18. utente anonimo

    Concordo sulla divisione in categorie tra uomini, che essendo uomini, son quello che sono, nel peggio e nel meglio.
    Dunque ci sono uomini che hanno soldi per far meglio come gli pare.
    Ma perchè limitarsi a quest'analisi?
    A volte non occorre aver soldi, quanto potere, in senso ampio, no?
    Soldi son potere. Ma quel potere può essere anche altro. Potere politico. Potere fisico. Potere psicologico. Come quello che esercitano uomini nei confronti di certe donne mai sazie delle botte che ricevono per poter dire, per esempio: "non ti amo più" o anche, almeno un "non ha importanza se ti amo: sparisci!".
    Cose così..
    Poi è questione di gusti: per me il fatto che un decreto sia leccando il culo al Vaticano o al popolusmo, che sia sincero, strumentale o un po' tutto, importa pochissimo perchè nella sostanza, per me e molti altri, è importante che si faccia qualcosa e non ci si limiti alle chiacchere, magari raccontandosi quanto si è buoni, senza poi produrre quella bontà concretamente…
    Storie che spiegano certe sconfitte di consenso, credo…
    Per me è onesto intellettualmente, ammettere che se qualcosa è buono e giusto, lo è aldilà di chi la compie e perfino, spesso, in assenza di sincerità d'intenti.
    Io per esempio, per onestà e mia coerenza, plaudii l'esser promotori di moratoria contro la pena di morte.
    Era cosa di sinistra, sicuramente c'era una strumentalità nel proporla, ma chi se ne frega.
    Io per esempio, ero contro l'indulto: lo voleva tanto Giovanni Paolo II, fu fatta grazie a sinistra e cdx trasversalmente e coi radicali. Ma chi se ne frega del Vaticano o del cdx, era sbagliata comunque, si è visto, oltre che strumentale (un palliativo per risolver male emergenza carceraria).
    Ecco, definiamoli questi concetti di onestà intellettuale, perchè pare che non ci intendiamo sempre.
    Ciao.
    Alieno

  19. utente anonimo

    Non avevo ben letto e mi era sfuggita quella parola: Viagra.
    Direi che mi pare eccessivo relazionare il viagra allo stupro o al sesso mercenario. Non vorrei proporre un massimalismo un po' "razzista" verso chi compra il viagra, ecco, suggerirei più prudenza: che c'entra il viagra?
    E non mi piace nemmeno l'associazione tra chi non ha soldi che conseguentemente violenta. Lo dico per rispetto per coloro che soldi non ne hanno e mai farebbero cosa simile. Che introdurrebbe un principio razzista di categoria. E mi pare che certe categorizzazioni in relazione alla criminalità si voglian eliminare, specie dalla tua parte.
    Dunque io correggerei quel "e di conseguenza VIOLENTANO", perchè chi violenta non è povero: è barbaro, incivile, non ha rispetto degli altri, delle donne (o l'eventualità l'accantona, se mai gli deve venire).
    Insomma, invito ad una più umile prudenza, aldilà della diversità di idee. Poi sul fatto che fanno schifo, beh, concordiamo certamente. Non per viagra o povertà e nemmeno per la ricchezza, se si tiene al centro l'interesse d'una donna più autentico, non inquinandolo con altre preferenze tematiche..
    Alieno

  20. Tisbe

    C' anche chi si accontenta dell'amore solitario, ma a quanto pare i maschi sono schiavi dei loro ormoni ed è una cosa che non mi piace… anche comprare è una forma di violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *