L’ultimo messaggio di un intellettuale

Rubrica il Fischietto di Stagno


Le idee muovono la storia: Un uomo di pensiero che liberamente si esprime, spesso, si trova in contrasto con il Potere.

Ho scritto un nuovo libro traducendo in parole la mia vena di canto.
La poesia non è libero volo come quello delle allodole che cercano il sole? Nella mia patria mi odiano: mi chiamano traditore. Mi porteranno in carcere, mi imporranno un nuovo linguaggio.
Ma io non posso rinnegare quanto ho scritto e sono disposto a morire.
E se glia ltri hanno ragione? E se l’uomo deve essere governato dalla forza? E sa la dittatura è il miglior sistema di governo perché mantiene in ordine lo Stato?
Se tutto questo fosse vero, sarebbe un male la libertà? Un male cantare come detta il cuore? Un male accogliere i lamenti degli innocenti, le lacrime, tutte le lacrime umane?
Avrei dovuto sentire la voce della tirannide, la voce della menzogna?
No! No! Io ho scritto la verità e per questa verità affronto anche la morte
Se gli altri hanno ragione, tu che leggerai questo mio ultimo messaggio non mi chiamare più uomo, ma uno spettro che parla un linguaggio sconosciuto, oggi, sconosciuto.

3 commenti su “L’ultimo messaggio di un intellettuale

  1. utente anonimo

    volevo complimentarmi:tu e il tuo compagno formate una bellissima coppia.Siete una “specie” rara….

  2. utente anonimo

    Molte volte non ci si accorge che la tirannide è la creazione della nostra mancanza di libertà, del nostro non parlare col cuore, del nostro disinteressamento per gli altri e non di un piccolo gruppo di meschini che raccoglie consenso esaudendo la nostra tirannide.
    Molto bella l'ultima frase, spesso infatti chi dice la verità si sente solo, nell'epoca in cui la racconta, sentendosi al di fuori del contesto in cui vive, una specie di spettro.
    Paoloblogger

    ps. grazie di essere passata nel mio blog, ho visto il messaggio solo ora e ti ho risposto 🙂 ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *