Omicidio mediatico e nuovo regime in Italia (2)

Analogie della Legge Acerbo con l’attuale legge elettorale, la mitica "porcata" di Calderoli

Dedicherò questa seconda puntata alla genialata mussoliniana della Legge Acerbo.

Il principale obiettivo di Mussolini negli anni fra il 1922 e il 1924 fu quello di rafforzare il suo partito al potere, avendo cura, però, di non affrettare tanto i tempi da spaventare i suoi nemici fino al punto d’indurli a tentare di fermarlo. Era quindi essenziale che il passo più rivoluzionario di tutti, che fu l’approvazione della Legge Acerbo, alla fine del 1923, non fosse compiuto per decreto, ma in base ad un regolare voto del Parlamento. Questa legge stabiliva che il partito, o la coalizione di partiti che ottenesse il maggior numero di voti, purché non inferiore al 25% dei voti espressi, avrebbe ottenuto automaticamente alla Camera la maggioranza dei due terzi dei seggi (ndr. Berlusconi governa avendo ottenuto soltanto il 20% dei voti sul totale dei votanti italiani).

Denis Mack Smith

A seguito dei risultati elettorali Mussolini dichiarò  che il suo governo sarebbe durato per lo meno cinque anni, ma poi si corresse e disse: "O piuttosto dodici volte cinque". Insomma una dittatura! (ndr. a me ricorda qualcuno, a voi?)

Il colpo di genio di Mussolini consistette nell’ottenere la disintegrazione dei popolari, gruppo parlamentare numeroso che avrebbe potuto dargli noia, e per farlo cercò alleanze nel Vaticano.

Ma vediamo in dettaglio cosa accadde cronologicamente. Tra il 12/13 Aprile 1923, il congresso del Partito popolare ,nonostante le pressioni vaticane che vorrebbero l’accordo con il regime, vota l’autonomia del partito e contemporaneamente rinnova la collaborazione di governo con i fascisti. Il 23 dello stesso mese il partito popolare lascia ufficialmente il governo. Nei giorni successivi squadracce fasciste imperversano contro le organizzazioni cattoliche. Il 24, il partito si spacca e la destra forma il Partito popolare nazionale il cui segretario Egilberto Martire si fa subito ricevere da Mussolini. Il 15 maggio il Consiglio nazionale dei popolari conferma la segreteria Sturzo che si professa contro l’annunciata riforma elettorale maggioritaria. Il 9 giugno viene presentata alla Camera la riforma elettorale di Giacomo Acerbo che prevede un premio di maggioranza dei 2/3 alla lista che otterrà in collegio unico nazionale. Il restante dei seggi sarà distribuito con la proporzionale agli altri partiti. Il 10 luglio Don Sturzo, su pressione del Vaticano lascia la segreteria del Partito Popolare a un triunvirato e lo stesso giorno comincia la discussione sulla Legge Acerbo. Tra i favorevoli: Giolitti, Orlando e Salandra.
Il 21 luglio la legge Acerbo è approvata con 223 voti favorevoli e 123 contrari… è il preludio della dittatura.

Chi crede nella democrazia dovrebbe diffidare di tutti i sistemi elettorali maggioritari o con premi di maggioranza perché consegnano il potere in poche mani e spesso chi ha il potere illimitato, ne approfitta per portare a termine i propri piani criminali. Meglio, molto meglio l’ingovernabilità piuttosto che la dittatura. Molto meglio un governo che deve fare i conti con il pluralismo delle voci che compongono un paese piuttosto che un governo arrogante che si fa beffe delle minoranze.

Meditate gente, meditate… e sperate che questo percorso intrapreso dal governo Berlusconi venga interrotto al più presto dalle propulsive forze democratiche, prima che sia troppo tardi… prima di rinnovare l’incubo!

25 commenti su “Omicidio mediatico e nuovo regime in Italia (2)

  1. Galdo

    questi post sul parallelo tra i regimi sono molto interessanti. mi permetto di darti un'idea magari per una prossima serie, cioè la similitudine tra il piano di licio gelli e quello del nano. a me sembra la fotocopia.

  2. ermahico

    Che succede se Berlusca manda i nostri ragazzi a fare i pattugliamenti congiunti in Libia? Cioè proprio a riva, in terra straniera? La chiamerà missione di "pace eterna"?

  3. ROCKPOETA

    La preoccupazione esiste anche perché oltre a questo sta smembrando e togliendo potere alla Corte dei Conti, vuole togliere al PM la possiblità di gestire la polizia insomma di fatto vuole esautorare tutti gli altri poteri che garantiscono una sana democrazia.

    Daniele il Rockpoeta

  4. utente anonimo

    EVIDENTEMENTE AVEVATE NOSTALGIA DEI FASCI, E ALLORA VI INVENTATE, COME FANNO I VOSTRI RIFERIMENTI GIORNALISTICI, REGIMI CHE NON CI SONO.
    PECCATO CHE LA VOSTRA SAPIENTE ANALISI NON TIENE CONTO CHE SONO PASSATI 90 ANNI, CHE C'E' STATO DI MEZZO IL FASCISMO E LA GUERRA, CHE LA GENTE, DI CUI VOI NON FATE PARTE,NON E' IGNORANTE E INFATTI
    SPOSTA I VOTI, BENE O MALE OGNI 5 ANNI, CHE HA BOCCIATO UNA BUONA RIFORMA ISTITUZIONALE PERCHE' I TAMBURI MEDIATICI, IN GRAN PARTE IN MANO AI POTERI FORTI, DE BENEDETTI, AGNELLI
    ECC ECC, SI SONO MESSI N MEZZO. E COSI' VIA.
    QUINDI VEDIAMO DI SMETTERE DI INVENTARE FAVOLE, PIUTTOSTO RACCOGLIETE VOTI INVECE CHE PERDERLI, PERCHE' NON SAPETE FARE POLITICHE SERIE DI OPPOSIZIONE E VI FATE BAGNARE IL NASO DA QUELLA BRAVA PERSONA DI DI PIETRO, CHE NON E' DEGNO, CULTURALMENTE PARLANDO, NEANCHE DI PULIRVI LE SCARPE, MA CHE COME INTELLIGENZA PRATICA VI DA LA BIRRA.
    E INVECE APPUNTO DI CONTARE BALLE, GUARDATE CIO' CHE IL GOVERNO HA MESSO IN PIEDI IN 1 ANNO E CON CHE VELOCITA', ANCHE SE, ESSENDO DEMOCRATICI, VI CONCEDIAMO DI NON GRADIRE, ANCHE PER MOTIVI VALIDI, ALCUNI PROVVEDIMENTI POCO TRASPARENTI. MA DA CHE PULPITO VIENE LA PREDICA…..

  5. utente anonimo

    Negli USA, da sempre, vota meno del 50% degli aventi diritto, quindi, seguendo questo ragionamento, gli USA, da sempre, sono una dittatura, perchè il Presidente, normalmente, ha circa il 25% dei voti di tutti gli Americani.
    Lo stesso discorso, identico, può essere fatto per il Regno Unito, dove vige un sistema maggioritario perfetto, per cui il Partoto che governa raramente supera il 22-23% degli aventi diritto al voto.
    D'altro canto, se Berlusconi, secondo voi, governa illegittimamente, con una percentuale bassissima di voti a favore, chi avrebbe dovuto governare, al suo posto, visto che tutti gli altri hanno preso meno voti di lui?

  6. utente anonimo

    Con lo stesso ragionamento, sia gli USa che il Regno Unito sono governati, da centinaia di anni, da dittatori che hanno preso meno del 25% degli aventi diritto al voto.
    D'altra parte, se Berlusconi governa con pochissimi voti, chi avrebbe dovuto governare al suo posto, visto che tutti gli altri hanno preso meno voti?
    Segnalo, comunque, che alle ultime europee, il Partito di Berlusconi ha preso piu' di dieci milioni di voti, mentre quello di Sarkozy ne ha preso meno della metà.
    Tuttavia, hanno mandato al Parlamento Europeo lo stesso numero di deputati.
    Che anche Sarkozy sia un dittatore?

  7. utente anonimo

    mi sa che qui veramente si sta sfiorando la pazzia…con tutto il dovuto rispetto ma come si fa a pensare di poter continuare con l'ingovernabilita' al posto di un governo stabile e con cui eventualmente prendersela…?? a mio avviso e' stata proprio questa ingovernabilita', perpetrata da oramai tanti anni nei nostri confronti da una classe politica inetta, a farci credere che una maggioranza parlamentare si possa trasformare in un regime o pseudo dittatura….svegliatevi….

  8. utente anonimo

    Non a caso sono e rimarrò proporzionalista convintissimo.

    Anche perchè in Italia il maggioritario non può rappresentare una "democratica alternanza", ma sfocia inevitabilmente in una qualche mania di grandezza di un solo individuo, acclamato peraltro dalla folla.
    Siamo fatti così, ci piace tifare.
    Il vincitore.

    Il popolo italiano, semplicemente, è Acerbo.

    Dopo questa delizia me ne vado rafforzato nel mio ego e pronto a candidarmi alla presidenza del consiglio.
    http://riciardengo.blogspot.com/2009/09/per-questo-video-non-sono-stati.html

  9. Tisbe

    @Aribandus, se me lo avesse detto Margherita Hack me la sarei presa, ma detto da te… francamente assume il valore di un complimento

    @Riciard, il prezzo che pagheranno gli italiani sarà molto più alto di quello pagato per il ventennio, purtroppo siamo un popolo che non impara dalla propria storia. Ma come si fa a tornare indietro? Come si fa a volere una legge elettorale che è servita a legittimare una dittatura! E' assurdo, è grottesco, è folle!

  10. utente anonimo

    AVEVO SCRITTO UN COMMENTO CHE POI E' STATO RIBADITO DA ALTRI. FATEVI VOTARE, SE CI RIUSCITE E L'ALTERNANZA C'E' STATA ANCHE CON LA PRECEDENTE LEGGE ELETTORALE CHE MAGGIORITARIA NON ERA. QUINDI PARLATE SOLO PERCHE' AVETE LA BOCCA, MA SOPRA NIENTE.
    MA VEDO CHE TISBE ENTRA A PIEDI UNITI E ALLORA IL COMMENTO CHE VOLEVO FARE SULLA SUA CONOSCENZA CON MARCO TRAVAGLIO, MI SPIEGA IL PERCHE' IL SUO INTERVENTO SIA DA ESPULSIONE (CALCISTICAMENTE PARLANDO NATURALMENTE) PER QUANTO E' VIOLENTO E NON MOTIVATO, BASATO SOLO SULLO STUPORE PER QUANTO SIANO STUPIDI GLI ALTRI.

  11. utente anonimo

    Bene, bene, così aveta riesumato il vecchio Mussolini per dire che il governo attuale e una dittatura e che è meglio un governo che non governa piuttosto di questo. Ma dove avete la testa, il bene del Paese a voi non interessa. Ma vergognatevi, voi volete solo andare al potere, di tutto il resto per voi non ve ne importa nulla.

  12. Tisbe

    #14, purtroppo l'ignoranza è una brutta bestia, e Berlusconi conta su quella degli italiani per questo sta continuando l'operazione di distruzione della scuola pubblica. Bravo!

  13. utente anonimo

    Il guaio maggiore è quello che nel centro-sinistra invece di combattere Berlusconi lo imitano e lo imitano anche male, facendo il suo gioco piduista. A parte una minima parte,son diventati tutti cagnetti da salotto che abbaiano e non fanno paura nemmeno ai gatti…..aloha

  14. ermahico

    ma perchè scrivono tutti a stampatello per difendere Berluska?
    comuqnue è difficile farsi votare quando l'avversario ha 5 televisioni e 10 giornali dalla sua parte.
    é poco sportivo non trovate?

  15. Tisbe

    @ermahico, è tipico delle menzogne dover esser urlate per trovare legittimazione

    @aloha, purtroppo hai ragione, ed è difficile trovare una soluzione a questa situazione

  16. Antonio28

    xTisbe, molto interessante questo confronto con il fascismo.
    antonio
    p.s. nell'altro commento avevo dimenticato di farti i complimenti per il blog e per le tue foto… 😉

    xaribandus, 'mi fai schifo' è un reato? ah pensa che stavo per dire che mi fai schifo e che sei un coglione, ma non te lo dico 😉

    x8, quelli che hai votato parlavano di brogli… prima di parlare e soprattutto di votare ti conviene leggere un po' e smettere di farti le se… guardando il grande fratello 😉

  17. Tisbe

    @aribandus, almeno io non me ne vado in giro ad insultare altri gestori dei blog, e non è una differenza da poco

    @Antonio, grazie! Credo che sia arrivato il momento di denunciare le manovre dei governanti attuali. Dobbiamo stare attenti e pronti a resistere perché la situazione è molto più drammatica di quanto non si pensi… i danni fatti dall'attuale regime mediatico sono molto gravi e ci vorranno intere generazioni per smaltire, ammesso che sia possibile farlo. Si tratta di danni sociali, ambientali ecc.

  18. Tisbe

    @aribandus, non passo certo la mia vita a pubblicare i commenti ai miei post, perciò calma e pazienza. Prima di parlare di censura pensaci mille volte, prima di accusare aspetta!
    Ti ho concesso il diritto di replica, dopo di che se non la smettete entrambi chiudo la possibilità di commento a questo post… e chi ci rimette in questi casi sono io e il mio blog. E' chiaro.
    Non mi pare che io venga a spammare oppure ad insultarti sul tuo blog, comportati di conseguenza invece di vedere il male ovunque.

  19. Tisbe

    @aribandus, filoterroristi? Anche Hegel a suo modo lo era, a patto che vincessero… parliamoci chiaro, probabilmente Hegel aveva capito molto dell'essere umano: qua l'Etica la fa e la disfa semplicemente chi vince, chi è più forte e chi ha più mezzi… con buona pace della Giustizia!

    Puoi pensare quello che vuoi Aribandus, ma tu non puoi stabilire chi è il vero terrorista! Se non ho i titoli per stabilirlo io, non li hai nemmeno tu!

  20. ermahico

    A qualcuno và una birretta? l'ho aperta adesso….
    Tranquillo Antonio, qua siamo abituati alle critiche e ai (agli?) sproloqui.
    Nun ce pensà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *