Berlusconi invita all’omertà sulla mafia… domani smentirà: i giornalisti sono degli asini che non sanno comprendere

Possibile che non passi giorno senza che Berlusconi aggiunga una perla alla sua collezione di idiozie?

Mi ha colpito molto la sua frase pronunciata ad un convegno Enac all’aeroporto di Olbia:

«Se trovo chi ha fatto le nove serie de La Piovra e chi scrive libri sulla mafia che ci fanno fare una bella figura lo strozzo».

E bravo il cavaliere! Di mafia non si parla, meglio l’omertà! Ma il silenzio non è forse un comportamento incentivato dalla mafia? Anzi non è un comportamento indicativo di certa appartenenza all’organizzazione mafiosa?

Sono certa che ho compreso male… forse non so comprendere bene il senso delle parole… eppure domani mi aspetto, puntuale come la morte, la smentita di Baerlusconi.

10 commenti su “Berlusconi invita all’omertà sulla mafia… domani smentirà: i giornalisti sono degli asini che non sanno comprendere

  1. WebLogin

    Beh, "Con la mafia bisogna convivere" …lo diceva uno dei ministri di Berlusconi… mentre Berlusconi dfiniva eroe un mafioso… Mmm, penso che questa volta non arriverà alcuna smentita 😉 …il problema è che continuano a votarlo! 🙁

  2. utente anonimo

    WebLogin

    più che "conviverci" bisogna viverci!

    Speriamo che i "nodi vengano al pettine"e sopratutto che non esplodano!

    lele

  3. utente anonimo

    Io penso che noi Italiani siamo dei pecoroni, non riesco a definirci diversi, altrimenti dopo tutto quello che ha fatto e detto non lo potremmo avere votato un altra volta, parlo al plurale, ma io non l'ho votato ne mai lo voterò

  4. utente anonimo

    Sappiamo tutti benissimo,e lui più di tutti,che  non c'é serie televisva capace di descrivere  ciò che la mafia é realmente,di quali orrori é capace e quali siano i suoi legami con certa politica.Altro che brutte figure,semmai queste fiction danno una visione molto meno grave della realtà mafiosa,ma comunque ben vengano, di mafia non si parla mai abbastanza,il silenzio su certe verità fa bene solo ai mafiosi.L'uscita di berlusconi non mi sorprende.

  5. GODO

    25 MOTIVI PER ESSERE ANTICOMUNISTI CONVINTI?
    1) Falso complesso di superiorità morale.
    2) Falso pacifismo.
    3) Sindacati che scioperano ad orologeria.
    4) Mandanti politici degli assassinii di Biagi e D’Antona, pur riempiendosi la bocca con la lotta democratica e versando lacrime da coccodrillo ai funerali.
    5) Sostenitori di infami regimi liberticidi.
    6) Sostenitori di terroristi come Hamas.
    7) Odiano il Cristianesimo, pur dichiarandosi portatori dei valori dei frati trappisti.
    8) Dicono di essere il partito dei lavoratori ma proteggono i fancazzisti.
    9) Dicono di aver liberato l’Italia dal Fascismo, in realtà lo hanno fatto gli anglo-americani, che loro odiano visceralmente.
    10) Si sono impadroniti della Resistenza, a cui avevano partecipato anche cattolici e liberali…molti dei quali sterminati perchè non condividevano l’abbraccio mortale con l’URSS. Porzus docet.
    11) Parlano ed abusano del termine società, e dei suoi aggettivi derivativi come sociale, mentre cercano in ogni modo di sferrare colpi mortali contro la cellula della società che è la famiglia.
    12) Dicono di stare con i lavoratori, ma tutti i loro propagandisti sono la gauche-caviar del mondo dello spettacolo: giornalisti, presentatori, cantanti, comici, nani, ballerine.
    13) Invidia rosicante contro chi è riuscito nella vita a fare qualcosa di buono per sè e per gli altri.
    14) Pochezza o mediocrità culturale associata da abnorme ipertrofia dell’io condita con schizoide autoreferenzialità.
    15) Poco gusto nel vestire e nel presentarsi, spesso con barbe incolte, untuosi e maleodoranti.
    16) Arrivano su ogni cosa con 50 o più anni di ritardo: evidentemente son ritardati.
    17) Dicono di odiare il nazismo, sconfitto anche dalla loro amata URSS, ma sono alleati dei regimi arabi che nella II guerra mondiale appoggiarono Hitler.
    18) Parlano di conflitto d’interesse, ma non vedono quello più grande: il sistema delle cooperative rosse.
    19) Parlano di ritorno al fascismo ad ogni stormir di foglia e si sono alleati con un reazionario questurino di Montenero di Bisaccia.
    20) Spiccata propensione all’insulto ed all’arroganza.
    21) Fautori del consumo di droga, corruttrice della gioventù.
    22) Falso femminismo: in realtà a favore di uno squallido maschilismo d’antan(es: posizioni contro la Carfagna) e silenzio assoluto contro i regimi arabi che infibulano le donne o le lapidano in piazza per adulterio o le mascherano con il burqua.
    24) Politiche energetiche antinucleari in occidente, ma sostegno al nucleare per regimi arabi o antidemocratici.
    25) Falsi paladini della questione morale, scivolati su Primo Greganti, Del Turco e Mautone.

    CONVINCERSENE E’ UN DOVERE MORALE E DEMOCRATICO.
    VIA GLI ASSASSINI DELLA PATRIA DALLA NOSTRA PATRIA

  6. utente anonimo

    I mafiosi meglio dei comunisti?

    Se per comunisti intendiamo l'nferno dei gulag, delle foibe e dei laugai: molto meglio certamente sono.

    Detto ciò, qualche domanda: chi dobbiamo ringraziare se i mafiosi e i camorristi hanno avuto vita facile dal 1945 ad oggi?

    La DESTRA (quella di Almirante) o tutta la bella compagnia ciellenistica?

    L'altra DESTRA (quella di Maroni) o tutta l'altra bella compagnia ciellenistica (ex democristiani ed ex comunisti) che ora si coprono con il mantello PD?

    Almirante forse no: perché li avrebbe messi al muro senza perdere tempo in chiacchiere di psicologie e di sociologie.

    E Maroni?

    Si risponda: sì o no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *