Una tranquilla giornata di cronaca

Oggi il paniere è pieno di news socculente, e per ognuno non ho potuto fare a meno di meditare profondamente nonostante uno stato di raffreddamento e influenzale che mi offusca la mente (neuroni e sinapsi annessi).

  1. Di solito l’apertura di un Tg o di un quotidiano si fa con la notizia ritenuta più imporante del settore cronaca o politica, io, invece vado a casaccio, perché trovo ordine soltanto nel mio fuso e confuso disordine…Innanzitutto sono stanchissima della pubblicità sull’abbonamento alla Rai, e non perché la stessa mi sia antipatica, ma perché l’abbonamento per definizione non può essere obbligatorio, dovrebbe essere sempre facoltativo! Ebbene, gli spot televisivi parlano impropriamente di abbonamento, in quanto, se malauguratamente provi a non pagare il canone… zac, lo stato ti spiega che non è un abbonamento al servizio pubblico, ma è una tassa sul possesso del televisore… Insomma, lo stato perde il pelo ma non il vizio, questo giochetto lo fece tempo addietro trasformando la tassa di circolazione per autoveicoli in tassa di possesso. Morale: ogni popolo si merita il proprio governo.

  2. Intanto due bambine sono morte nel crollo di una palazzina a Favara, in Sicilia. Prontamente sono arrivati gli ipocriti (e lo sottolineo ipocriti) messaggi di cordoglio da parte del mondo politico. Lo stesso mondo che tra una cazzata e l’altra, tra un broglio e l’altro, tra un lusso e l’altro, se ne sbatte altamente della miseria degli italiani e degli stranieri. In questo paese bisogna morire perché qualcuno si interroghi sulla povertà di alcune famiglie? E fintanto che non ci scappa il morto, quale atteggiamento consuma la politica ed il popolino volgare nei confronti degli ultimi e dei diseredati? Non se ne parla come di gente incapace, fallita; non se ne parla, forse, come scarto della società? Come si agisce nei confronti di un probabile vicino che non riesce a trovare i denari per pagarsi il fitto di un alloggio decente per sé e per la propria famiglia? Lo si tratta da fallito, mantenendo, quando va bene… le dovute distanze. Perché questo, signori miei, questo ennesimo crollo, questo ennesimo dolore al petto, altro non è che il fallimento della politica, dello stato e di ogni singolo cittadino capitalista e liberale. Perché chiunque accetta questo sistema di cose è COLPEVOLE! E’ colpevole! La ricchezza ottenuta con sistemi capitalisti e liberali è una vergogna, è un abominio per l’umanità intera. E tutti i politici che si sono precipitati a porgere messaggi di cordoglio sono dei farisei e dei sepolcri imbiancati, soprattutto quelli che invocano il crocefisso appesso sulla parete… perché hanno calpestato radicalmente il senso profondo dell’umanità.

  3. Cuffaro è stato condannato… col beneficio del dubbio lui va in televisione a professarsi innocente. Ed io mio chiedo, quante persone che hanno rubato perché costretti dalla fame e dalla miseria possono ricevere il suo stesso privilegio? Ed andare in Tv a proclamare di fronte a milioni di telespettatori la propria innocenza? E’ forse la ricchezza e la forza la prova inconfutabile dell’innocenza?

  4. Un avviso a Berlusconi nell’indagine su Mediatrade, ovviamente, in questo paese, non mette sotto accusa il premier… certo che no! Sotto accusa ci finiscono i giudici, è chiaro… perché, per l’ennesima volta la ricchezza è segno tangibile di innocenza. E’ naturale! Uno ricco, mica ha bisogno di rubare? Sono i poveri a rubare… sono i poveri la vera feccia della società. Sono loro che devono finire in galera, mica il premier! E già, perché, parafrasando Don Milani, Dio ha nascere i ladri e gli assassini nelle case dei poveri 😉

  5. Eppure eppure, ascoltando i Tg di oggi si capiva che chi delinque, oltre ad essere povero, preferibilmente nero… potrebbe anche essere di sinistra, meglio se comunista. I comunisti sono sicuramente colpevoli… e così, per chi non lo avesse capito, il "cinzia-gate" ha un colpevole: il sindaco di Bologna! Si sa, i giudici sono toghe rosse solo quando perseguitano Berlusconi …

  6. eppoi… eppoi… finalmente la ministra Gelmini si è sposata! Speriamo che gli impegni familiari la tengano il più lontano possibile dal ministero… forse la scuola ha ancora qualche esigua speranza di sopravvivenza… Buon fine settimana carissimi amici lettori

15 commenti su “Una tranquilla giornata di cronaca

  1. Tisbe

    @LeFava, per questo a volte sono tentata di non ascoltare più! Di spegnere tutto e… dedicarmi solo alla mia vita e al giardinaggio…

  2. utente anonimo

    Riccordatevi sempre CHE QUALSIASI COSA loro FACIANO, la fano PER IL CITTADINO per il  POPOLO. Fra le tante DEMENZIALITA e BUGGIE che ci dicono ogni giorno QUESTA è QUELLA CHE NON SOPPORTO PIU.

  3. utente anonimo

    il popolo è sempre stato pilotato fin dai tempi antichi da chi lo governava…..chissa' quanti secoli dovranno passare ancora  affinche' si piloti da solo…?? mah! mi sa tanto che nessuno mai riuscira' a vivere in quei lontanissimi giorni……auguri a tutti e buona fortuna…!!!(sich..!!)

  4. WebLogin

    Ottimo post 😉

    Oh, Cuffaro ha detto pure che continuerà il suo progetto politico …e mica dal carcere?! Assurdo, possono fare e dire di tutto, ma restano sempre lì inchiodati alla loro poltrona. Povera Italia!

  5. utente anonimo

    Cari comunisti,

    il capitalismo è un male: sono d'accordo perché sono fascista.

    Ma siete d'accordo se vi dico: lo portarono i vostri alleati?

    Se sì: perché non tacete una volta per sempre?

  6. utente anonimo

    fascista ignorante, il colonialismo monarchico o repubblicano c'era da sempre in europa , e anche la legge della giungla basata sul profitto.

    torna a giocare con i lego.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *